La sindrome di Peter Pan: tempo per crescere

Sindrome di Peter Pan

Nel 1980, psicologo Dan Kiley ha notato che alcuni dei suoi pazienti ha rifiutato di accettare la responsabilità implicita all'età adulta comportamenti che hanno presentato sotto il nome di 'Sindrome di Peter Pan' di raggruppamento.
Da allora, la sindrome di Peter Pan è definita come l'insieme di caratteristiche che una persona che non sa o non vuole accettare gli obblighi dell'età adulta e non possa sviluppare i ruoli (padre, partner, ecc.) previsto secondo il loro ciclo di vita o le circostanze personali.
La sindrome di Peter Pan è più comune nei maschi e solitamente è associata con problemi per fornire protezione ad un'altra persona, poiché essi stessi sono quelli che hanno bisogno di sentirsi protetti da altri. Questo fatto li inabile notevolmente, dal momento che soffoca il loro sviluppo personale e ostacola i loro rapporti sociali, la partnership con intense sensazioni di solitudine e sensazione di dipendenza.

Conseguenze della sindrome di Peter Pan

Anche se Peter Pan potrebbe vivere in un mondo di fantasia, persone che imitano e non. La sindrome di Peter Pan porta con sé significativi cambiamenti emotivi e comportamentali. Sul piano emozionale sono tristezza e alti livelli di ansia frequenti e può adottare quest'ultima forma di depressione, quando non sono trattati. Allo stesso tempo, si sente la persona poco fatto della sua vita, poiché non assumendosi responsabilità rende anche non godono di sfide, che indubbiamente ha un impatto sui loro livelli di autostima.
Infine, nei casi più estremi e stravaganti, potrebbe comparire disturbi del pensiero come delirio, anche se in questi casi, molto probabilmente c'è un disturbo psichiatrico che lo giustifichi.

Cause della sindrome di Peter Pan

La sindrome di Peter Pan può essere causata da diversi fattori (tratti di personalità, stile di coping con problemi, ecc). Di questi, il più importante ha a che fare con i bambini; infanzia felice eccessivamente il paziente può idealizzare, neanche, un'infanzia infelice completamente, privo di affetto. Nel primo caso, sindrome cerca di immortalare quei momenti, vive in un'infanzia costante, mentre la seconda funzione della sindrome è perso tempo.
D'altra parte, la maggior parte degli studi affermano che questa sindrome è comune nei casi in cui non c'è stato un contributo stabile affettivo, educazione è stata troppo permissiva o deficit di scuola ha esistito.
Infine, ci sono tratti di personalità come la tendenza all'evitamento o dipendenza emotiva che sono strettamente collegate con questa sindrome, non tanto nella sua origine, come se nella sua manutenzione.

La prevenzione di sindrome di Peter Pan

Per fare un bambino felice, così come un adulto, si dovrebbe vedere risolvere i problemi. Affrontando le sfide
Poiché il primo caso di bugie di sindrome di Peter Pan in stile educativo a bambini, adulti che circondano il bambino, soprattutto genitori, sono i principali agenti di prevenzione di questo problema.
In questo senso, l'impostazione di Neverlandnon dovrebbe essere della vita reale di un bambino. I bambini devono imparare anche ad assumersi le responsabilità adeguate alla loro età. Molti genitori evitare questo pensando che suo figlio sarà più felice se la vita è più comoda. Per fare un bambino felice, così come un adulto, si dovrebbe vedere risolvere i problemi. Affrontando le sfide.
D'altra parte, un carenze affettive stile educativo ostile, rigida e importante anche potrebbero predisporre a affetti dalla sindrome. Pertanto, il successo della prevenzione sta nell'educare i figli in modo che l'amore incondizionato è combinato con i modelli di comportamento fermo e ben consolidata che permettono l'accettazione delle responsabilità dell'età della crescita del bambino.

Diagnosi e paziente con il profilo di sindrome di Peter Pan

La sindrome di Peter Pan non ha nessuna entità diagnostica nei principali manuali diagnostici, tuttavia, questo fatto non vuol dire che c'e non avere implicazioni cliniche. Per questo motivo, anche se senza parlare dei criteri diagnostici, se possiamo parlare di una serie di comportamenti che, in caso di arise, suggeriscono l'esistenza di questa sindrome:
  • Intenso desiderio e necessità di essere curato da altre persone che considera "più forte".
  • Incapacità di impegnarsi e di mantenere le promesse.
  • Incapacità di assumersi le proprie responsabilità. Si preferiscono gli altri a farlo. Perché è alla ricerca di un'altra persona che ha il ruolo di suo "padre" / "madre".
  • Lamentele e critiche costanti, a sua volta accompagnato dalla incapacità di fornire affetto agli altri.
  • Tendenza all'egoismo; si sente che tutto dovrebbe ruotano intorno ad esso e ottenere offeso quando questo non accade.
  • Dipendenza soprattutto emotiva, anche se è anche comune che non esiste una dipendenza economica.
  • Loro comportamento è oppositivo o ribellarsi.
  • Mancanza di empatia: questo fatto lo ostacola le relazioni sociali e può portare a isolarsi socialmente, che contrasta con un'alta paura a stare da solo.
  • Bassa autostima causando una molto bassa tolleranza alla frustrazione.
  • Tratti di personalità narcisistico.
  • Spesso si sentono insoddisfatti i suoi successi, ma non fanno nulla per migliorare la loro situazione.
  • Essi verbalizzare che non vogliono invecchiare, riuscire a idealizzare la sua giovinezza.

Il trattamento di sindrome di Peter Pan

Allo stesso modo che noi non possiamo volare come Peter Pan, non possiamo vivere senza le responsabilità. Assumere che questo fatto è il primo passo per l'inizio della terapia. Successivamente, la persona deve imparare a far fronte alle loro responsabilità quotidiana e a vivere come un adulto. Per fare questo, sarà necessario imparare strategie che dovrebbero sono stati formati in precedenza per tutta la vita, come è il caso del processo del processo decisionale e problem solving.
Allo stesso tempo, sarà necessario insegnare al paziente a gestire i loro pensieri, facendone cambiare il suo modo di interpretare la realtà, soprattutto per quanto riguarda se stesso, poiché in molti casi questo tipo di pazienti sono considerati «vittime della situazione», ricreando le emozioni invece di risolvere i problemi che causano disagio. Per esempio, alle espressioni del tipo "io sono mortale perché devo trovare un nuovo appartamento; Io non riesco a gestire la situazione; "che cosa io sono inquieto e nervoso, non voglio farlo solo" ecc, la persona deve imparare a sostituirli con un'operativa più parla di sé, come, ad esempio: "mentre si sente qualche incertezza di dover trovare un nuovo appartamento, comincerò ad apprezzare le alternative ho e oggi inizierà a visitare alcuni".
Questo tipo di formazione, sarà aiutare il paziente ad assumere che è responsabile per le proprie emozioni, aumentare la loro tolleranza alla frustrazione e aumentare progressivamente il livello di autostima.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere