Passa ai contenuti principali

Incubo in sala operatoria

Anche se molto raro - sono tra 1 e 3 casi per ogni 1.000 pazienti - è possibile che una persona riacquistare coscienza durante chirurgia nonostante avendo stato anestetizzato e si può trovare anche paralizzata e incapace di articolare parola se inoltre sono stati amministrati si rilassanti neuromuscolari, di quello che potrebbe anche avvertire medici della situazione. Questa sorta di incubo in sala operatoria è quello che è conosciuto come risveglio intraoperatorio consapevolezza sotto anestesia.
L' anestesia generale, come ha spiegato il dottor Fernando Gilsanz, capo del dipartimento di anestesia di Ospedale Universitario la Paz, Madrid, è un farmaco con "vari componenti per produrre uno stato di incoscienza e amnesia - il paziente dovrebbero essere ignaro di nulla e non ricorda nulla — oltre l'analgesia per prevenire il dolore." Alcuni interventi - continua lo specialista-richiede l'uso di rilassanti neuromuscolari. Se un paziente è cosciente e si sente il dolore che fa la sua mossa, tuttavia, il pericolo dell'uso di rilassamento neuromuscolare è che se sono paralizzato e non hanno una profondità di monitor di anestesia - BIS-, ci può essere un risveglio intraoperatorio."
Dopo un caso di recupero della coscienza durante un'operazione, anche se la persona non ha sentito dolore perché l'analgesia era efficace e rimase paralizzato perché essi avevano indotto lui anche un blocco neuromuscolare, il paziente solitamente preoccupazioni memorie uditive, sensazione di soffocamento, paura, ansia o attacchi di panico e nei casi più gravi possono raggiungere soffre di disturbi psichiatrici come sindrome da stress post-traumatico.
Come il capo di anestesia del servizio pace, "frequenza di risveglio intraoperatorio è molto basso – circa - 0,13% e ci sono diversi modi di viverla", cioè quando si verifica di solito è che il paziente può ricordare le cose, ma senza aver non sentito nessun dolore, mentre il grado più estremo - e insolito - sta avendo dolore intraoperatorio.

Come prevenire e rilevare il risveglio intraoperatorio

Per impedire il risveglio intraoperatorio è necessario in primo luogo una precedente valutazione che identifica i possibili fattori di rischio che favoriscono la comparsa del fenomeno. Alcuni pazienti, spiega il dottor Gilsanz, sono più probabilità di soffrire di questi eventi, perché a causa della loro condizione fisica, non è possibile somministrare una dose corretta di farmaci. Questo è ciò che accade, dice l'esperto, con persone con una prenotazione miocardica limitata, con cui hanno buone condizioni emodinamiche, i pazienti ipovolemico, settico, traumatico...
Altri fattori di rischio associati con le caratteristiche del paziente, aggiunge questo specialista, cronico alcolismo , dipendenza da oppiacei o cocainae induzione enzimatica epatica, una condizione che provoca quel farmaci sono rapidamente distrutti dal fegato, evitando un'anestesia adeguata sono raggiunti livelli.
L'incidenza di risveglio intraoperatorio è anche superiore a certi tipi di chirurgia, come l'ostetrico, trauma, o il cuore, a causa di un insufficiente dosaggio dell'anestesia. Ci sono casi di intraoperative risveglio, ad esempio, se l'anestesia generale è somministrato ad una donna incinta che ha dovuto fare un' emergenza cesareo in una situazione di sofferenza fetale.
Per rilevare un possibile stato di allerta durante la chirurgia e di intervenire per risolvere il problema, ci sono sistemi di monitoraggio profondità anestetica che, come il nome suggerisce, valutando la profondità dell'anestesia e sono in grado di diagnosticare il risveglio intra-operatoria. Il BIS o il bispectral index monitoraggio, spiega il dottor Gilsanz, permette di osservare l'effetto delle droghe sulla coscienza e offre valore compreso tra 40 e 65 indica che il paziente non ha alcuna coscienza; Se tu fossi sveglio avrebbe superato il 65, e allora sarebbe necessario dare ulteriori dosi di farmaco anestetico.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…