Passa ai contenuti principali

Gli Alemanni e Alamans | Sua Origine e storia.

Definizione: Alemanni

di Joshua J. Mark
clip_image001
Gli Alemanni (noto anche come gli Alemanni e Alamans, significato "Tutti gli uomini" o "Uomini Uniti") erano una Confederazione di lingua germanica chi ha occuparono le regioni a sud della principale e ad est i fiumi Rhine in Germania. Molti storici sostengono che gli Alemanni prima inserire il record storico in 213 CE quando Cassius Dio registra le campagne di Caracalla e la suo doppiezza nei rapporti con gli Alemanni. È vero che il nome "Alemanni" apparizione nelle Cassius Dio ma, se si ammette che gli Alemanni e i Suebi (o Suebi, che appaiono nel record precedente) erano gli stessi (come non tutti fanno), poi loro prima menzione arriva in 98 CE in tacito Germania. Essi erano una minaccia costante per l'impero romano da 213 CE fino a quando furono sconfitti da Julian al Battaglia di Strasburgo nel 357 CE e poi nuovamente da Valentiniano I nel 367 CE. Dopo la battaglia di Strasburgo, Julian ha stipulato trattati con i Franchi della Gallia, che erano poi lasciato solo da Roma. Essi erano in grado di stabilizzare la loro comunità e crescere in potenza fino a quando, nel 496 CE, re dei franchi Clodoveo conquistò le tribù Alemanni e li ha assorbito nel suo regno. Dopo questo, il loro nome viveva nel linguaggio della regione avevano una volta abitato e nel nome dato alla Germania, Allemagne, in francese ed altre lingue.
Gli Alemanni erano ancora una formidabile forza quando si unì alle forze di Attila l'Unno e combattuto i Romani nel 451 CE.

Aspetto & religione

Il senatore romano e Tacito (56-117 D.C.) scrisse dei Suebi nel 1 ° secolo D.C., sostenendo che controllavano la parte migliore della regione conosciuta come Germania. Egli collega Alemanni con Hermunduri, un'altra tribù germanica, ma questa affermazione è stata contestata dagli studiosi moderni. Suevi Tacitus raffigura il suono molto simile più tardi Alemanni, in quanto erano una Confederazione di tribù differenti, che possono persino hanno incluso i Cherusci (famoso per la distruzione del loro Arminio di tre legioni di Varo nella Teutoburger Wald 9 CE). Tacito è il primo scrittore a notare i Suevi distintivo capelli stili e pratiche religiose. Egli scrive:
Ora dobbiamo parlare dei Suebi; Chi non comporre un unico stato, come i Catti o i Tencteri, ma occupano la maggior parte della Germania e sono ancora distribuita in diversi nomi e nazioni, anche se tutti sentendo l'appellativo comune di Suebi. È caratteristica di questo popolo per trasformare i capelli lateralmente e legatelo sotto il sondaggio in un nodo.
Da questo marchio i Suebi si distinguono dal resto dei tedeschi; e gli uomini liberi dei Suebi da schiavi. Tra le altre nazioni, questa modalità, sia a causa di qualche relazione con i Suebi, o dalla solita propensione all'imitazione, a volte è adottata; ma raramente e solo durante il periodo della giovinezza.
I Suebi, persino finchè sono Canuti, continuano ad avere i capelli cresce di rigidamente all'indietro, e spesso si è fissata sulla corona della testa stessa. I capi si vestono con ancora maggior cura e a questo proposito studiano ornamento, anche se di tipo undebasing. Per il loro design è di non fare l'amore, o ispirare essi stessi decorare in questo modo, come si procede alla guerra, al fine di sembrare più alta e più terribile; Abito da e per gli occhi dei loro nemici (Germania, 38).
Per quanto riguarda la religione, Tacito scrive che i Suebi erano pagani e sembrano avere praticato una forma di druidismo. Loro capi sono stati disegnati da una tribù della Confederazione nota come Semnoni che serviva anche come sommi sacerdoti:
I Senoni affermano se stessi per essere la più antica e nobile dei Suebi; e le loro pretese sono confermati dalla religione. A un tempo indicato, tutte le persone della stessa stirpe assemblare da loro delegati in un legno, consacrato dall'auguri dei loro antenati e terrore antico e ci da macello pubblico di una vittima umana celebrare l'orrido origine dei loro riti barbarici. Un altro genere di riverenza è pagato al boschetto. Nessuna persona si entra senza essere legata con una catena, come un riconoscimento della sua natura inferiore e il potere della divinità che risiedono là. Se accidentalmente cade, non è lecito per lui essere sollevato o a salire; essi stessi stendere lungo la terra. Tutta la loro superstizione ha questa importazione: che da questo punto la nazione deriva la sua origine; che qui è la residenza della divinità, il governatore di tutti e che tutto il resto è soggetta e subordinata a lui. Queste opinioni ricevano ulteriori autorità dal potere dei Senoni, che abitano un centinaio di cantoni, e, dal grande corpo essi compongono, si considerano come la testa di Suebi (Germania, 39).
Le pratiche religiose, centrate sulla divinità ctonie locales, poi, dove una divinità centrale ha tenuto l'ondeggiamento. Fiumi, ruscelli, radure e vallate erano spesso scelta come terra sacra per le energie che si sono manifestati in questi locali. Come con molte altre antiche civiltà, i Suebi credevano che l'anima doveva attraversare uno specchio d'acqua per raggiungere l'aldilà e che l'anima ha vissuto dopo la morte. Suevi/Alemanni tomba scavi hanno rivelato che sono stati sepolti completamente vestiti e con personale gli elementi che avrebbero bisogno del prossimo mondo. Queste pratiche di sepoltura continuarono dopo convertito al cristianesimo nel periodo tra il sesto e il VIII secolo CE anche se, ovviamente, le loro pratiche religiose cambiato drammaticamente.

il Alemanni e Roma

Sebbene i Suebi sono stati identificati con gli Alemanni più tardi, gli storici cautela contro equiparando i due senza riconoscere le loro differenze nel corso dei secoli che separano il conto di Tacito (98 CE) da Cassius Dio (c. 229 CE). Scrive lo studioso Guy Halsall, "è improbabile che la situazione che si riferiscono nella metà secolo era del tutto pertinente al periodo tardo romano. Germania di Tacito è un campo minato probabilmente meglio evitato [in proposito] "(121). Lo studioso Peter Heather commenti su questo anche, affermando come unificato Alemanni appaiono nell'opera di Ammianus Marcellinus (c. 325-391 CE) mentre, "uno dei punti centrali portati casa da anche la lettura più veloce di Tacito Germania è appena come frammentato, in termini politici, il mondo germanico era a quella data" (36). È per questo motivo che gli storici solitamente citano il conto di Cassius Dio come la prima menzione degli Alemanni e ignorano tacito prima descrizione dei Suebi.
Al momento del conto di Dio, gli Alemanni erano in gran parte romanizzati dalla loro lunga conoscenza con i romani. Halsall scrive come, nella regione di confine del Danubio e l'impero romano,
alcuni degli Alemanni, che è stato suggerito furono costituiti almeno parzialmente dai romani stessi da abitanti dell'agri decumates [un termine significato forse 10 regioni agricole] e autorizzato coloni barbari, occupato siti ex villa romana, come a Wurmlingen nel Baden Wurttemberg (128).
Gli Alemanni in questo momento indossavano abbigliamento romano ed emulato romana costumi sociali. Anche così, non fossero 'Romani' nel senso di quella parola accettato e mantenuto la propria lingua e la cultura. Pertanto, quando chiesero all'imperatore Caracalla aiuto contro una tribù vicina nel 213 CE, non vide alcun motivo perché lui dovrebbe non conquistarli invece. Cassius Dio scrive:
Antonino [Caracalla] ha fatto una campagna contro gli Alemanni e ogni volta che vedeva un posto adatto per abitazione, egli sarebbe ordinare, "ci lascia un forte essere eretto. Ci lascia una città essere costruito." E lui ha dato questi nomi di luoghi relativi a se stesso, anche se non sono state modificate le denominazioni locali; per alcune persone erano a conoscenza dei nomi nuovi e altri suppone che egli era scherzo. Di conseguenza egli è venuto a sentire disprezzo per queste persone e non risparmierebbe anche loro, ma accordato il trattamento si addicono i nemici più amaro per la gente che sosteneva di venire ad aiutare. Per convocò i loro uomini in età militare, fingendo che dovevano servire come mercenari e poi a un determinato segnale — sollevando alto il proprio scudo — li fece tutti di essere circondato e abbattuto, e inviò cavalieri tutt'attorno e arrestati tutti gli altri (78.13.4).
Non è noto se gli Alemanni erano particolarmente ostili a Roma prima di questo, ma sono diventati uno dei più acerrimi nemici di Roma dopo.

Impegni contro Roma

  • 256 CE: Gregorio di Tours (c. 538-594 CE) notoriamente ha scritto dell'invasione della Gallia Alemanni nel 256 CE sotto il loro re Chrocus. Chrocus condusse il suo esercito attraverso la terra, distruggendo la città, chiese, città e la macellazione gli abitanti, finché non fu sconfitto a Arles e giustiziato. Membri superstiti del suo esercito furono poi uccisi o assorbiti dalla truppa di romano come mercenari.
  • 259 CE: gli Alemanni invasero l'Italia, devastando la fertile pianura Padana, fino a quando furono sconfitti nella battaglia di Mediolanum da una forza romana guidata dall'imperatore Gallieno.
  • 268 CE: 268/269 fu combattuta la battaglia di Benacus CE tra l'imperatore Claudio II (sostenuta dal successivo imperatore Aureliano) e gli Alemanni. Gli Alemanni, che si alleò con gli Iutungi, invasero l'Italia settentrionale e sono state soddisfatte al Benacus dalle forze romane. I romani ancora decisamente sconfissero gli Alemanni, uccidendo la maggior parte di loro e spargendo il resto.
  • 271 CE: l'Alemanni e Iutungi nuovamente invase l'Italia, mentre l'imperatore Aureliano era occupato respingendo Vandali sulla frontiera del Danubio. Marciò verso le sue forze per affrontare la minaccia di Alemanni, ma era un'imboscata e sconfisse nella battaglia di Placentia. Questa sconfitta ha provocato panico diffuso in tutta Roma, come gli Iutungi marciarono verso la città che non aveva nessuna forza considerevole per proteggerlo. Aureliano si raggrupparono, tuttavia e inseguito gli Iutungi, infine li incontro presso la battaglia di Fano, dove egli li sconfisse completamente, li guida nel fiume Metauro, dove molti di loro annegò. Gli Iutungi superstiti citò per una pace che Aureliano respinti. Ha perseguito i loro e i loro alleati Alemanni e distrutto la maggior parte della forza nella battaglia di Pavia. Quei Alemanni che sopravvissero furono braccati e uccisi in fuga verso casa attraverso la provincia di Raetia. Anche se aveva fermato l'invasione e distrutto il nemico, Aureliano riconosciuta la necessità di meglio difese per Roma e così ordinato un nuovo e più forte muro costruito intorno alla città.
  • 298 CE: l'imperatore Costanzo sconfigge gli Alemanni due volte presso la battaglia dei Lingoni e poi nuovamente alla battaglia di Vindonissa.
  • 356 CE: Julian, comandando la forza sua prime militare (prima di diventare Imperatore), è stato sorpreso e sconfitto dagli Alemanni al Battaglia di Reims.
  • 357 CE: Julian sconfisse gli Alemanni presso la battaglia di Strasburgo, travolgente completamente le loro forze e catturando uno dei loro capi più importanti, Cnodomario (noto anche come Chnodomarius), che aveva mobilitato gli Alemanni per battaglia e li portò dalla parte anteriore. Anche se la vittoria di Julian sottomise gli Alemanni e gli permise di marzo in Germania, ri-costruire e presidiare le fortezze romane e imporre tributi dalle tribù, non distruggere gli Alemanni o disperderli. Peter Heather scrive:
La sconfitta di Chnodomarius non significa la distruzione totale dell'Alleanza a cui testa egli aveva levato in piedi, come le sconfitte delle sue controparti di primo secolo come Arminius e Maroboduus avevano fatto tre secoli prima. Non solo molti dei re minore Alemanni che avevano partecipato alla battaglia sono stati lasciati sul posto dalla diplomazia di Julian, ma, nel giro di un decennio della battaglia, un nuovo capo preminente, Vadomarius, era preoccupante romani. Fu abilmente rimosso di assassinio, ma poi un terzo è apparso al suo posto: Macrino. Ammiano separato record tre tentativi da uno dei successori di Julian, Valentiniano I, per eliminare Macrino di cattura e/o assassinio, ma alla fine, pressato da eventi ulteriore est, l'imperatore ha dato. Romano e Alamann incontrato nel mezzo del Reno per un vertice acquosa, dove l'imperatore ha riconosciuto la preminenza di Macrino tra gli Alemanni. A differenza di nel primo secolo, anche grave sconfitta militare non era sufficiente a distruggere la più grande confederazione Alemanni (40-41).
Il "grande sconfitta militare" Heather si riferisce a è non solo la battaglia di Strasburgo, ma la successiva battaglia di Solicinium nel 367 D.C., in cui Valentiniano I sconfisse gli Alemanni nella regione sud-occidentale della Germania. Anche se uscì vittorioso, Alemanni erano affatto rotti ed erano ancora una formidabile forza alcuni 80 anni più tardi quando si unì alle forze di Attila l'Unno e prese parte alla battaglia delle pianure Catalaunici contro i Romani sotto Flavius Aetius 451 CE. Anche così, la battaglia di Strasburgo ha fortemente limitato le proprie capacità per minacciare Roma per anni dopo. Scrive lo storico Roger Collins,
Questa battaglia singola davvero trasformata la marea per quanto riguarda la penetrazione Alaman di Gallia era preoccupata. Si è rotto l'Alemanni Confederazione delle tribù che in gran parte costruito e tenuto insieme dalla credibilità militare di Cnodomario, e per la prima volta attivato i Romani a prendere l'iniziativa...Minacciato con un'invasione romana del loro territorio, il Alamans cercarono una tregua (35).
Ancora una volta, tuttavia, deve essere notato che la Confederazione non era sciolto, né fatto Alemanni sembrano si considerano un popolo conquistato.

LA CONQUISTA DEI FRANCHI, DEGLI ALEMANNI

Julian primo e poi di Valentiniano I, stipulato trattati con la Confederazione delle persone conosciute come i franchi ("popolo feroce"). Nel tentativo di mantenere appena restaurato della città romana di Colonia, Julian bloccarono il territorio dei franchi, privandoli della beni di commercio tanto necessaria, fino a quando hanno deciso di suoi termini. Commenti Collins su questo, scrivendo:
È notevole che Julian fece alcun tentativo di penetrare le terre paludose a nord della Mosa che avevano occupato i franchi, e loro perdurante occupazione di questa zona è stato tacitamente accettato dai Romani. Da questo piccolo inizio si svilupperebbe la successiva occupazione dei franchi di tutta la Gallia. Questo, si potrebbe dire, fu 'la nascita della Francia'. Nel 357/8, tuttavia, ciò che è stato realizzato era un trattato della Federazione: occupazione dei franchi del territorio romano è stato accettato in cambio del loro aiuto per difendere la regione (35).
Questa disposizione era buono per i franchi, che ha cominciato a fiorire costantemente, ma non come benefico per gli Alemanni. Al momento gli Alemanni combatterono a fianco di Unni nel 451 D.C. al Catalaunici pianure, i Franchi erano diventato abbastanza potenti da essere contato come alleati dei Romani sotto Flavio Ezio. I franchi furono Uniti sotto il Regno del loro primo re, Clodoveo I (466-511 CE), che poi ha ampliato i confini della Gallia alla conquista dell'Europa occidentale. Alemanni ha continuato ad abitare la regione della Germania, fino a quando furono sconfitti da Clodoveo I alla battaglia di Tolbiac nel 496 CE e vennero soggiogati dai franchi. In seguito, alcuni sono stati assimilati nella cultura dei franchi e preso la residenza in Gallia, mentre altri hanno continuato a vivere nella loro ex regione sotto il dominio dei franchi. Il loro nome è ricordato oggi il dialetto tedesco alemanno, e la parola per 'Germania' (Allemagne, Alemania) in molte lingue di moderno-giorno.

Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 10 settembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Cassio Dione - storia romana
  • Tacito - Germania
  • http://www.Northvegr.org/Histories%20and%20chronicles/Tacitus%20german...
  • Collins, r. primo Europa medievale, 300-1000. Palgrave Macmillan, 2010.
  • Goffart, w. A. barbari e romani, A.D. 418-584. Princeton University Press, 1987.
  • Halsall, g. migrazioni barbariche e l'Occidente romano, 376-568. Cambridge University Press, 2008.
  • Heather, p. imperi e barbari. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
  • Giordane. Storia gotica di Giordane. Evoluzione Publishing, 2006.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…