Passa ai contenuti principali

Definizione e significato di Dieci Comandamenti | Concetto e Che cos'è.

Quali sono i Dieci Comandamenti?


I dieci comandamenti è il nome dato ai precetti o la legge che Moses ha ricevuto in cima al Monte Sinai. È il dieci leggi che sono state consegnate da Dio stesso per ricordare gli obblighi al loro popolo, che dopo il peccato originale, era stata gravemente trascurata.

La storia, riflette nel libro dell'Esodo, che Moses ha registrato questi dieci precetti su due tavole di pietra, che permette di pensare, a causa del momento storico in cui questo è successo, era argilla, materiale tabelle utilizzate per la scrittura cuneiforme del periodo.

Per leggere i dieci comandamenti, è facile notare che più che le leggi di determinate religioni, è principi umanitari fondamentali che permettono la coesistenza armoniosa tra tutte le persone, in altre parole, è una legge naturale che si applica a tutti gli esseri razionali. Infatti, è possibile trovare le leggi o precetti abbastanza simile prima trasportato da Dio a Moses al Sinai, compresi i mandati per entrare nel tempio della dea Osiris, molto simile ai comandamenti come di non uccidere, rubare o comportarsi ingiustamente.

Anche se nella Bibbia si possono trovare due versioni dei dieci comandamenti, (20, 1-17) Esodo e Deuteronomio (5, 6-12), entrambi sono abbastanza simile e i precetti che conosciamo oggi fanno parte dell'integrazione di entrambi. Inoltre, ci sono diverse traduzioni, ma il più ampiamente accettata formalmente, per quanto riguarda le traduzioni in spagnolo, è la versione che è conosciuta come "Regina Valera" (traduttore principale era Casiodoro de Reina e revisore Cipriano de Valera, da qui il nome), NLT, cui soprannomi sono "Bibbia dell'orso" o "coccio". In questa traduzione, considerata come la versione universale, la rimozione del testo con un elenco dei dieci comandamenti è:

1 non avrai altri dèi davanti a me.
2. non non è l'immagine, o qualsiasi somiglianza di ciò che è alto nel cielo, giù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non prostrerai davanti a loro o loro culto; perché io sono il Signore tuo Dio, geloso, visita l'iniquità dei padri sui figlioli fino alla terza e quarta generazione di coloro che mi odiano, e fare misericordia a migliaia, che ama me e i miei comandamenti.
3. non prendere il nome del Signore tuo Dio invano; perché non lo farà di innocenti Signore prende il suo nome in vano.
4 Ricordati del giorno di Sabbath per mantenere Santo esso. Sei giorni di lavoro e fare tutto il lavoro; ma il settimo giorno è un Sabbath al Signore vostro Dio; non fare qualsiasi lavoro, voi, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo servo, tua cameriera, tua bestia o tuo sconosciuto che è all'interno dei vostri cancelli in esso. Per sei giorni il Signore fece i cieli e la terra, il mare e tutte le cose che in essi è e si riposò il settimo giorno; Quindi Signore Benedetto il giorno di sabato e lo santificò.
5 Onora tuo padre e tua madre, che le giornate si allungano nella terra che il Signore tuo Dio ti dà.
6. non uccidere.
7. non commettere adulterio.
8. non rubare.
8. non parli contro la falsa testimonianza del prossimo.
10. non desiderare la casa del tuo prossimo, non desiderare la moglie del tuo prossimo, né suo servo, o sua cameriera-servo, né suo bue, né suo asino, né alcuna cosa del tuo prossimo.

Mentre il riassunto qui sopra è tecnicamente quali sono i dieci comandamenti, versioni popolari o interpretazioni del testo designato possono essere trovati in alcune pubblicazioni. Poi uno di questi semplificato versioni:

1 amare Dio sopra tutte le cose.
2. non prendere il nome di Dio invano.
3 parti santificante.
4 di onorare padre e madre.
5. non uccidere.
6. non non commit atti impuri.
7. non rubare.
8. non dire falsa testimonianza o mentire.
9. non consentire impuri desideri o pensieri.
10. non desiderare i beni.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…