Copan | Origine e storia.

Definizione: Copan

da Mark Cartwright
clip_image001
Copán (in Honduras moderne) si trova sulla pianura alluvionale del fiume dello stesso nome. Era il più meridionale dei centri Maya classico e, ad un'altitudine di 600 metri, il più alto. Copán raggiunse l'apice della sua potenza nel VIII secolo D.C. quando vantava di 20.000 abitanti. Una piattaforma artificiale, costruita ad un'altezza di oltre 30 metri, forma un'acropoli principale 5 ettari con piattaforme minore diffusione fuori per formare una massa imponente di recinti di tribunali monumentale e piramidi. Un'area residenziale d'Elita e abitazioni più modeste circondato il centro sacro affinché Copán una volta coperto circa 250 acri.

Panoramica storica

Un insediamento agricolo da già nel 1000 A.C., Copán è emerso come un importante centro nel primo periodo classico (250-550 D.C.), quasi certamente con influenza da Teotihuacan. I governanti di Copán stessi rivendicato la propria dinastia fu fondata nel 331 D.C., ma non c'è i nomi di questi primi regnanti. Il tradizionale denominato fondatore di Copán fu effettivamente K'inich Yax k Mo' (' grande sole Quetzal-Ara '), che regnò dal 426 CE CE c. 437 e che probabilmente non era lo stesso da Copán, ma un'altra città Maya, forse Tikal. K'inich Yax k Mo' fu il primo di una linea di 16 governanti, e a lui è attribuita rendendo Copán un importante centro, la cui ricchezza era basata sulla conquista regionale e controllo del lucrativo commercio locale di ossidiana e jade.
Tradizionale fondatore del Maya di Copán fu K'inich Yax k Mo'.
Re fumo Imix (il dodicesimo sovrano, Regno 628-695 CE) è stato un altro sovrano di Copán che ha sorvegliato un periodo di grande prosperità nel VII secolo CE. Il righello conosciuto come re 18 coniglio o Waxaklahun Ubah K'awiil (CE Regno 695-738) abbassarli nuovamente Copán nel VIII secolo CE. L'ultimo sovrano ben documentato fu di Yax Pasaj Chan Yopaat, la cui madre era da Palenque e il cui Regno terminò nel 820 CE. Anche se Copán declinò successivamente, ci sono grandi segni di distruzione e non c'è che alcune prove (anche se controverso) che i governanti d'eliti di Copán sopravvissero generale crollo Maya, che si è verificato tra c. 760 e CE c. 910 e continua la loro regola fino 1000 CE.
Copán in competizione con la rivale locale Quirigua nel corso dei secoli. Anche se Copán fondata Quirigua, Re 18 coniglio notoriamente fu catturato e decapitato da Chan Yopaat di Quirigua nel 738 CE, possibilmente mentre una campagna per vittime sacrificali. Copán recuperato da questo colpo e persino ampliato l'Acropoli, ma nel più a lungo termine Quirigua maturata in risalto e Copán godrebbe mai più il potere e la prosperità goduto durante il Yax k Mo' dinastie.
clip_image002
Piano del sito di Copan

Architettura

Insolitamente pochi edifici a Copán, costruito in tufo locale, andesite e blocchi di calcare cementato con fango e ricoperte di stucco, includono diverse strutture piramidali, un campo da pallone e la Scalinata geroglifica, tutto disposto lungo un asse nord-sud. Molte delle strutture sono stati deliberatamente collocati per approfittare di viste specifiche delle valli circostanti, in particolare la Corte di palla con i suoi marcatori Ara pietra. Il fiume Copán ha lavato una fetta consistente del lato est del sito principale, soprattutto la grande scalinata, ma abbastanza resti del sito per indicare la sua una volta grande prosperità.
La Scalinata geroglifica è una vasta serie di 63 gradini che danno accesso alla corte principale e cuore di Copán cerimoniale che risale al sesto secolo CE. La scalinata fu costruita nella prima metà del VIII secolo D.C. ed è ricca in rilievo e di scultura completamente rotondo, una caratteristica di Copán. Il suo nome deriva da 2.500 glifi che adornano. Queste narrano la storia della dinastia tardo classica, e costituisce uno dei testi Maya più lunga sopravvivenza. I passaggi sono interrotti da cinque governatori di Copán e prigionieri, mentre nella parte superiore della scalinata c'era il Santuario di Yax k Mo'.
L'ottavo secolo D.C. re di Copán costruito tombe riccamente decorato da stucchi che furono poi deliberatamente coperto nella loro interezza da piramidi meno ornati, a volte parecchie volte. Un esempio è l'edificio più grande e più antico monumento funebre di struttura 16, una piramide di livello nove all'interno della quale sono due edifici di tomba conosciute come Rosalila e Margarita. Tempio 16 fu ulteriormente scavata nel 1996-7 CE e all'interno è stato scoperto la prima struttura nella piramide, un tempio di piccola piattaforma in stile Teotihuacan, all'interno della quale era una tomba di un maschio di oltre 50 anni di età. Come è ormai noto che il tempio 16 fosse dedicato al culto di Yax K'uk 'Mo', i resti sono considerati di grande sovrano stesso. L'analisi isotopica dei denti suggerisce che l'uomo è venuto da vicino a Tikal. La vicina tomba di Margarita, la più ricca a Copán, è ora considerata che della vedova di Yax K'uk 'Mo'.
Un altro importante edificio a Copán è il tempio rettangolare 22 con il suo ingresso ha fatto un passo breve. Ha facciate maschera su tutti e quattro i lati e risale a prima di 780 CE. Il portale è incorniciato da una serpente gigante-maschera affinché il portale sembra aprire bocca della creatura con zanne sui lati e davanzale. Questa è una tecnica comune di Maya per riprodurre gli ingressi di grotte sacre e in particolare può rappresentare l'ingresso di montagna sacra agli inferi Maya mitologia Xibalba di Maya. Cornicioni erano inoltre decorati con mais dèi. Un altro importante edificio è struttura 22a, che fu costruita come una popol na o casa Consiglio, dove nobili consigliò il re e che ha un pesce sulla sua facciata, forse il simbolo di un'importante famiglia nobile.
clip_image003
Stela doppie a Copan di Catherwood

Arte & ceramica

Arte di Copán è ben rappresentato da 14 altari, alcuni che commemorano le unità del calendario Maya, e oltre 60 elaboratamente scolpiti stele raffiguranti i sovrani di Copán (soprattutto Re 18 coniglio). Molte delle stele poi stare sopra un piccolo caveau cruciforme che conteneva le offerte votive e alcune stele sono stati collocati per creare linee di vista collegato al solare date importanti durante l'anno agricolo. Altri esempi di scultura tridimensionale di Copán artisti includono un Dio scriba di scimmia alta mezzo metro e un busto in pietra del giovane Dio mais dal tempio 22.
Da c. 800 CE Copán produsse anche un proprio stile distintivo di ceramica che è stato esportato e persino imitato, in particolare nel western El Salvador. Lo stile, conosciuto come ceramica di Copador, è distinto per la sua superficie lucida (dalla presenza di ematite in pigmenti) e umani stilizzati e figure di uccelli. Altri reperti includono il Dazzler, una scatola con coperchio a tre zampe che raffigura un righello di Copán e Tempio. La nave è vivacemente colorata, e l'argilla è venuto dal lontano Messico centrale. Altare Q ha figure di rilievo di 16 governanti di Copán, compreso Yax k Mo' (indossando gli occhiali di un Dio della guerra Teotihuacan) consegna lo scettro del potere a Yax Pasaj Chan Yopaat, che ha commissionato l'altare nel 776 CE. Infine, ci sono vari oggetti riguardanti la ballgame di Mesoamerican indicando un'influenza da Veracruz.

Scritto da Mark Cartwright, pubblicato il 23 gennaio 2015 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • COE, M.D. Maya. Thames & Hudson, 2011.
  • Kubler, g. l'arte e l'architettura dell'antica America, terza edizione. Yale University Press, 1984.
  • Miller, M.E. arte della Mesoamerica. Thames & Hudson, 2012.
  • Nichols, D.L. manuale Oxford di archeologia mesoamericana. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
  • Phillips, c. l'enciclopedia illustrata di Aztechi, Maya & America centrale - tra cui gli Aztechi.... Lorenz Books, 2007.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.