Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Paura | Psicologia

Paura è una sensazione reale e può essere un amico o un nemico dell'uomo. È normale che, a fronte di reali pericoli dell'esistenza, la prima reazione è paura, perché in apparenza normale, sano, egli conserva i pericoli, ci avverte alle minacce e, in questo senso, si può agire o fuggire. A seconda del contesto, sia come un'altra può essere positiva, tutto dipende da tutti i confini.

Faccia tutti teme le più disparate in determinati momenti della vita – dalla morte, violenza, incidente, malattia, vecchiaia, tra gli altri. A volte appare dal nulla, altre volte una forma di mezzaluna, nella mente delle persone, e può stimolare entrambi azioni costruttive come diventare un'ombra minacciosa, quando assume l'aspetto di panico, tenendo conto della coscienza e impedendo qualsiasi azione o reazione, paralizzando la gente. In questi casi, è necessario cercare un trattamento, al fine di essere in grado di battere questo mostro divoratore, prima di essere completamente dominato da lui, specialmente nella sfera dei pensieri, perché nella sua estremità impedisce il funzionamento della ragione.

Le paure vengono solitamente da fattori noti, così la maggior parte delle persone sanno che cosa temono. A volte, però, sono apparentemente irreali, che è, nessuno sa da dove vengono e perché è questo sentimento – è come una premonizione, quando sai che c'è qualcosa o succederà, ma non è possibile definire. Essendo consapevole di ciò che spaventa noi, che la paura scompare, perché normalmente abbiamo paura dell'ignoto. Così, quando il bambino crede davvero che c'è un mostro sotto il suo letto, sente la paura che cresce dentro di te. Ma, quando si dimostrare a lei che non c'è niente lì, lei si libera di questa emozione.

Per superare le paure eccessive, dobbiamo ricorrere a meccanismi del nostro inconscio, credere nel suo potere e si sforzano di trasmutare il condizionato patterns che risiedono, al fine di realizzare i nostri desideri più profondi, fra loro, a liberarsi della paura, il distruttivo figura loro fonti. Questa paura che sfugge il motivo deve essere affrontata, perché egli proviene dal collegamento che esegue la nostra mente con le esperienze frustranti, quando diventa chiaro che l'inconscio è in grado di discernere l'illusione della realtà, così non può dire ciò che è accaduto in passato che il futuro si verificherà e ciò che accade nel presente. Così, se la persona tenere immaginando che le esperienze negative si ripresentano, davvero riusciranno nuovamente.

Nella nostra società, sottoposta a una crescente violenza, condizioni di vita stressanti, traumi successivi, non è difficile a persona tuffarsi in disturbi correlati a paura, come il disturbo di panico, ma è anche possibile reagire e ottenere una migliore qualità della vita, trasformando così questo sentimento in qualcosa che favorisce un'azione costruttiva al fine di convertire la paura in qualcosa di normale e sana, protettore e conservante, spogliati di questo aspetto patologico di chi egli è oggi.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…