Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Masturbazione | Psicologia

La masturbazione è un atto che permette al corpo umano di sperimentare il piacere, individualmente o come un'attività in un rapporto sessuale tra partner. Questa espressione ha la sua origine nel sessuale psicologo Havelock Ellis, che esegue un'Unione tra due termini latini-'manus', che significa 'mani' e 'turbari', con la connotazione di 'macchia'. Esprime, pertanto, l'azione per eccitare i genitali, manualmente o tramite l'utilizzo di oggetti, con lo scopo di ottenere il piacere sessuale, accompagnata da orgasmo o no.

Questa attività può essere trovata in molti mammiferi, soprattutto nei primati superiori e nell'umanità, sia tra uomini e donne e può iniziare durante l'infanzia stessa, non come un'azione deliberatamente erotica, ma spesso come gratificazione orale, quando il bambino mette qualcosa in bocca, un oggetto o elementi del tuo corpo. È un modo lei può indagare le loro sensazioni e scoprire rinnovate fonti di piacere. Masturbazione nell'infanzia si svolge più o meno fra tre e sei anni.

Nell'adolescenza, oltre ai bisogni biologici e disobbedienza, ormonali persone ricorrere alla masturbazione come un percorso alternativo a trasbordare i desideri sessuali della vita quotidiana e utilizzarlo anche come conservante naturale, perché evita una gravidanza iniziale. Alcuni studiosi ritengono che questo comportamento è importante lavorare fuori pratica sessuale futura dell'adulto. Questo di solito mantiene l'abitudine della masturbazione o come accessorio della vita sessuale per due, o come opzione per la sicurezza della partner, alleviando la carenza di sesso senza correre il rischio di acquisire malattie di natura sessuale o evitare un concepimento indesiderato.

Tra i membri della terza età, è necessario affrontare l'assenza di un partner, perché purtroppo in crescita nella nostra società una convinzione errata che uomini e donne in questo gruppo di età non coltivare più sessualità a due. Si può anche continuare a funzionare come un meccanismo complementare di soddisfazione sessuale tra le coppie.

Sebbene in Grecia antica libertà morale permette di persone che praticano la masturbazione come qualcosa di naturale, nel Christian West quell'atto relativi colpa e fantasie derivanti da esso è universale, come molte religioni e culture condannano il loro raggiungimento. Alcuni considerano dottrine compreso come un peccato che deve essere evitato a tutti i costi, almeno nelle apparenze. St Thomas Aquinas, ad esempio, ha avuto a causa di un crimine contro la natura, peggio di incesto. Per qualche tempo, la scienza stessa il condannato, poiché si credeva che ogni spermatozoo era un feto in miniatura, quindi spese li a no DISP è stato un terribile crimine, una malattia. Queste concezioni, aggiunto diverse storie progettate per vietare questa pratica, incoraggiata il senso di colpa complesso che indugiano fino a nostri giorni.

Oggi, tuttavia, gli esperti raccomandano che i genitori lasciare loro figli impegnarsi in masturbazione come qualcosa di sano e privato, offrendo loro la necessaria privacy e semplice risoluzione delle vostre domande. Questi studiosi considerano questo atto, quindi, come un passo sano della vita sessuale umana. Quando, tuttavia, la masturbazione diventa un veicolo di fuga dalla realtà, un atto obbligatorio, deve cercare un orientamento psicologico.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…