Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Libido | Psicologia

La libido di parola è di origine latina e significa desiderio o desiderio. La libido è caratterizzata come un energia utilizzabile per l'istinto di vita. Secondo gli studi di Freud l'essere umano ha una fonte di alimentazione separata per ognuno degli istinti generali. Per Freud, la produzione, l'aumento, diminuzione, la distribuzione o l'offset della libido fornisce la possibilità di spiegare i fenomeni psicossexuais.

La mobilità è una caratteristica importante della libido, interpretata come la facilità di alternanza di un'area di attenzione per l'altro. Nella zona del desiderio sessuale della libido associa gli aspetti emotivi e psicologici.

Studiando il desiderio umano il filosofo Sant'Agostino ha descritto la libido in tre distinte categorie: libido sciendi, desiderio di conoscenza, libido, desiderio, sentiendi sensuale e dominendi della libido, il desiderio di dominare.

L'energia su istinti di aggressività o di morte non hanno un nome specifico come libido (istinto di vita). Questa energia ha presumibilmente gli stessi attributi di libido, anche se Freud non ha fatto chiarire questa domanda.

Per studiare e definire il concetto di libido Freud ha anche definito il cathexis. Secondo lui il cathexis è il processo attraverso il quale l'energia libidica contenuta nella psiche è legata o applicato nella rappresentazione mentale di una persona, cosa o idea. Un catexizada della libido perde l'originale mobilità e più muoversi verso nuovi oggetti, una volta che diventa radicata nella psiche che ha attratto e lo tenne.

Come un esempio del rapporto tra libido e cathexis potrebbe dire: essendo la libido di un importo in denaro, il cathexis è atto di investire quei soldi. Se una parte del denaro (libido) è stato investito (catexizada) e rimase in questa ipotetica applicazione, ottenendo una minore quantità dell'importo originale che può essere investito altrove. Un altro esempio può essere trovato in psicoanalitico studi circa il lutto dal distacco lutto persona interpretano nelle loro normali occupazioni e la preoccupazione principale con i morti recenti. Questo può essere interpretato come un ritiro della libido di relazioni abituali e un'estrema cathexis sulla persona perduta, così la teoria psicanalitica di comprendere come la libido è stata impropriamente catexizada.

Freud ha sostenuto che la libido era maturata attraverso lo scambio dell'oggetto o dell'obiettivo, sostenendo che gli uomini sono "polimorficamente perversi", significa che vi è una grande varietà di oggetti che possono diventare una fonte di piacere. Allo stesso tempo che le persone sviluppano, che fissarsi troppo su oggetti differenti, secondo la fase di sviluppo: la fase orale (piacere di infanti in lattazione); la fase anale (piacere bambini nel controllo della defecazione); e la fase fallica (piacere genitale). Nella concezione freudiana, ogni stadio è una progressione alla maturità sessuale, caratterizzata da una forte io e la capacità di rallentare il desiderio di ricompense.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…