Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Frustrazione | Psicologia

Questa espressione deriva dal latino frustratio origine frustra l'avverbio - invano, invano. Questa sensazione è definito come una sensazione nato ostacoli interni e / o esterni che ostacolano il raggiungimento degli obiettivi. Essa si verifica quando si cerca di realizzare atteggiamenti idealizzate e cari dentro di noi, e davanti a noi ostacoli praticamente insormontabili.

Psicoanalitica si intende una deficienza fisica o mentale vissuto come ingiusto. Questa emozione tende ad essere superiore al valore della persona è l'obiettivo da raggiungere, essendo compreso rispetto alla rabbia. Come altri hanno già detto, la frustrazione può essere l'ordine interno - quando vi è la privazione di fiducia o la paura di affrontare certi contesti sociali che consenta all'individuo di raggiungere i loro obiettivi -; o esterno - il verificarsi di eventi che sfuggono al controllo della persona, come un volo cancellato, il mancato raggiungimento di una struttura, problemi finanziari, tra gli altri.

Alcune persone a fronte di frustrazione, tendono ad assumere comportamenti negativi con le situazioni affrontate scegliendo di sentirsi insignificante, in grado di svolgere le loro opere, sempre incolpare gli altri per gli atteggiamenti che sono in realtà le iniziative stesse. Così si stabiliscono e creare intorno a sé una facciata illusoria, e in realtà arrivano a credere che gli altri stanno richiedendo anche loro.

Le frustrazioni si riferiscono a tutti i tipi di ostacoli a cui l'uomo è sottoposto nel loro cammino, ma si può dire che, in fondo si riducono a uno scontro tra il desiderio espresso e una realtà che non cambia. Dal benessere dall'infanzia affronta questo conflitto, essenziale per la loro crescita - la perdita del grembo materno, la necessità di dare un po 'dei suoi piaceri a rispettare determinati obblighi, tra molti altri divieti.

Quando il soggetto diventa adulto, questo sentimento diventa colorazioni più emozionali, con una valanga di delusioni, perdite, separazioni, interruzioni in gruppi sociali esclusioni, la mancanza di popolarità, tra gli altri. Ma ci sono anche il contenuto materiale di ostacoli, come la disoccupazione, la mancanza di prospettive di lavoro, i colleghi non etiche sul posto di lavoro, etc.

In momenti come questo, si può anche diventare triste, depresso, come il giovane fresco di università, rendendosi conto di quanto instabile il mercato del lavoro nel loro campo. Questo comportamento è parte di quello che viene chiamato 'fine della sindrome corso'. Non necessariamente può essere classificato come un individuo depressivo, perché al momento vede una luce alla fine del tunnel, o quando si ottiene la possibilità di praticare la loro vocazione, questa sensazione sparirà. Pertanto, è importante distinguere la frustrazione di una depressione.

I due dipinti psichici sono molto simili, soprattutto a causa di una riacutizzazione di frustrazione può anche portare alla depressione. La cosa più importante non è quello di etichettare tutti gli squilibri emotivi come depressione, è necessario investire nella qualità della vita, sia come esperienziale sociale, così la gente meglio superare queste crisi. Pertanto, periodi di depressione, soprattutto quando il soggetto è sottoposto agli frustrazioni, è normale oggi. Cura deve essere, quindi per l'intensità e la frequenza di questi episodi, per meglio distinguere tra queste diverse emozioni. E non bisogna dimenticare che la frustrazione può essere vista anche come una sfida, qualcosa che stimola l'immaginazione, capacità umane, e diventano così in un apprendistato, o progetti edificanti e nobili.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…