Concetto e che cosa è Evoluzione dell'antropologia | Psicologia

L'antropologia è la scienza che studia l'uomo, la sua evoluzione biologica o fisico, cultura e sociale. Anche se si è consolidata come una disciplina scientifica solo nel XIX secolo, le sue radici sono alcuni secoli prima, con la "scoperta" di altri popoli dagli esploratori e scopritori. Così, possiamo condividere l'antropologia storia o evoluzione, secondo i seguenti periodi:

* XVI-XIX secolo ha dato il "periodo di letteratura etnografica" quando predominavano rapporti sui viaggi dove hanno indicato le caratteristiche delle persone "scoperto" come una descrizione della loro lingua, razza, religione. Le descrizioni sono state fatte solitamente dai missionari, esploratori, viaggiatori, ecc. Le caratteristiche fisiche e sociali dei diversi popoli sono state trattate congiuntamente nelle teorie sulle "razze";

* Alla fine del XIX secolo l'evoluzione"sociale" chiamato anche "razzismo scientifico" (inserendo il concetto di razza superiore o inferiore) o "Darwinismo sociale". È sviluppato il concetto che la società evolvere a uno stato più "primitivo" ad altre più "civile", ma è durante questo periodo che lascia fuori il concetto di "razza" sostituito da "cultura";

* Ancora nel XIX secolo la "scuola sociologica francese" dove vengono definite le regole del metodo sociologico (Émile Durkheim) e concetti come la ricerca di "Fatto sociale totale", rappresentazioni collettive, ecc.;

* All'inizio del XX secolo lo studio delle caratteristiche sociali e culturali del popolo ha guadagnato il nome di "Antropologia sociale" in Inghilterra, "Antropologia culturale" negli Stati Uniti e "Etnologia" in Francia, raggiungendo il livello di disciplina scientifica autonoma.

* A 20, è il turno della corrente teorica "funzionalismo" secondo il quale devono essere inteso i valori sociali e culturali. È in questa fase che l'accento predominante sul campo del lavoro;

* Nei 30 predomina la "North American culturalismo" dove c'è l'accento sull'identificazione della cultura di modelli culturali (stili);

* 40 anni, arriva il "strutturalismo" (che era parte di Lévi-Strauss) con la distinzione tra natura e cultura, principi di organizzazione della mente, ecc.;

* Negli anni 60, abbiamo "Antropologia interpretativa" con ermeneutica di profonda ispirazione e sviluppo dell'interpretazione antropologica;

* E, infine, negli anni 80, il postmoderno "antropologia" o "critiche" con la "politicizzazione" del rapporto "osservatore-osservato" e la critica dei paradigmi teorici.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza