Passa ai contenuti principali

Concetto e che cosa è Ego | Psicologia

L'ego è l'istanza psichica identificato da Sigmund Freud, nel 1923, corrispondente al principio di realtà. Oltre a questo livello, la mente ha anche l'id, legata al principio di piacere e con uno spietato censore, superego. Questo centro di fondo ancora coscienza, che si oppose al nucleo della coscienza superiore, lo sé, ha come sua principale funzione di mantenere l'equilibrio mentale.

Di conseguenza, l'ego è il funambolo della psiche, esso deve soddisfare almeno alcuni dei desideri dell'id, senza violare gli ordini del superego, attento anche per la disobbedienza dal mondo esterno. Niente di meglio che questa visione delle funzioni del ego per capire perché egli è collegato al reale. Egli è l'elemento minimo della mente e profondo trasmutato in coscienza, costruisce il concetto di realtà, accetta solo quando passa attraverso l'accurata selezione e la parzialità del loro monitoraggio dei desideri e capricci di istinto e impulsi umani.

Per capire l'importanza dell'ego, è necessario considerare che, se egli cede troppo molto a Wiles, id diventa debosciati e dissoluti; per inviare richieste di superego, corre il rischio di perdere; Quando si accende l'universo esterno, questo distrugge. Così, l'ego è l'ultimo regolatore della mente. Secondo Jung, lo sé è legato al concetto di 'complesso', composto da una consapevolezza del proprio corpo ed esistenziale, integrata da mnemonica di dati. Per Freud l'ego mantiene nel suo invaso i nostri ricordi, esperienze, pensieri, idee, sentimenti, sensazioni. Inoltre, è responsabile per la conquista del sistema motorio, il collegamento con il mondo esterno, tra molte altre funzioni che si adattano.

L'ego ha come obbligo generare ancora mezzi di difesa, in qualche modo inconsapevole, per preservare l'apparato psichico, tra cui proiezioni, le razionalizzazioni, regressioni, negazioni, tra gli altri. Seguaci di Freud, soprattutto quelli che sono diventati discepoli di Anna Freud, sua figlia, hanno aggiunto solo poche modifiche alla tua teoria, espandendo su alcuni punti. Il cambiamento principale è quella che riguarda una prospettiva allargata su questa istanza mentale.

Il annafreudianos o Ego psicologi considerano l'ego più rilascio di identificazione, così come più di quanto è stato considerato da Freud. Inoltre, non attribuire tale importanza alla sessualità nell'infanzia o il tema chiave del padre della psicanalisi, il complesso di Edipo. Secondo questa scuola, la maturazione della personalità è più legata a fattori psicosociali di implicazioni sessuali.

Anche se Freud era il fondatore di espressione di Ego, riferendosi a lui come una somma di fattori psichici che integrano il subconscio, punto centrale da cui provenga i disturbi emotivi e mentali, violenze e traumi umane, questa istanza mentale è sempre esistito, che costituiscono, come tutto ciò che esiste nell'universo, una forma di energia psichica. Grazie alla sua vibrazione ridotta, previene l'essenza umana se espressa, in questa fase dell'evoluzione dell'uomo, nella sfera della coscienza. Lui gruppo nostre imperfezioni, il nostro 'ombre', come Jung, impedendo così il lustro per riflettere il nostro io cosciente. Così, più liberato degli impulsi egóicos, migliori e più degno che diventiamo. Filosofia moderna adotta questa vista, per contrastare il Seidade e di egoismo, di essenza e di Ego, che in qualche modo rispecchia il punto di vista orientale, tra Atman – essenza umana – l'Aham – il nostro ego.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…