Passa ai contenuti principali

Come si trasmette il virus Ebola?

Ebola

Ebola è una malattia infettiva virale acuta che causa febbre emorragica nell'uomo e primati (scimmie, gorilla e scimpanzé), causate dal virus di Ebola, che in primo luogo è stata descritta nel 1976 dal Dottor David Finkes, quando diversi casi di febbre emorragica in Zaire e Sudan. Il nome del virus è il fiume Ebola, geograficamente situato nello Zaire.
Il virus Ebola è uno dei due membri di una famiglia di virus a RNA (acido ribonucleico) chiamato Filoviridae. Ci sono cinque sierotipi del virus dell'Ebola: Ebola Zaire, Ebola-Sudan, Ebola-Costa d'Avorio ed Ebola-Bundibugyo. Il quinto sierotipo, Ebola-Reston, ha causato la malattia nei primati, ma non nell'uomo. È un'infezione che è caratterizzata da un alto tasso di mortalità, compresa tra 50% e il 95% delle persone colpite. A causa della sua natura letale, questo virus è considerato un' arma biologica.
La prevalenza di ebola è difficile da determinare, perché si presenta solitamente sotto forma di focolai o epidemica, tuttavia, in paesi come gli Stati Uniti questa infezione di virus è non endemica, anche se ci sono testimonianze di diverse persone che lavorano in contatto diretto con i primati e che hanno acquisito l'infezione di tipo Ebola Reston; Fortunatamente, questo tipo di virus non ha dimostrato effetti patogenetici in esseri umani. Altre persone a rischio di potenziale includono gli operatori di laboratorio che lavorano con gli animali infetti o con il virus in colture di tessuto.
Attualmente, si ritiene che le persone a rischio di contrarre la febbre emorragica di Ebola virus sono quelli con una storia di viaggi in Africa sub-sahariana Africa, persone che si occupano di pazienti infetti, così come gli operai che sono a contatto con i primati africani infetti.
Paesi come il Sudan e Zaire sono registrati focolai nel 1976, con 151 morti e 284 casi e 318 casi 280 morti rispettivamente, Inghilterra nello stesso anno per registrare un singolo caso senza morti; nell'anno 1979 viene prodotto un nuovo un altro focolaio in Sudan con 22 morti e 34 casi. Verso gli anni ' 90 i casi sono presentati nelle Filippine (3), Virginia e Texas (4), allo stesso modo durante gli anni 1994-2000 che Gabon ha registrato il maggior numero di casi, con più di 350 persone infettate e circa 280 morti. Nell'anno 2007 Uganda registra un nuovo focolaio di febbre emorragica di Ebola con 149 morti infetto e 37. Questo stesso paese decretata all'inizio di ottobre, 2012 la fine del focolaio della febbre emorragica di Ebola che ha causato la morte di 17 persone, secondo che dati. Nel marzo 2014, c'è stato l'ultimo focolaio in Guinea Conakry, dove il numero di persone colpite supera il centinaio e sembra estendersi dalla Liberia, Sierra Leone e Mali.

Come si trasmette il virus Ebola?

Il virus Ebola è considerato estremamente inefficace, a causa del suo alto tasso di mortalità, la velocità con cui provoca morte e aree remote dove si verificano infezioni. Essa è trasmessa all'uomo attraverso il contatto con un animale ospite infetto e si diffonde da persona a persona di contatto con sangue e fluidi corporei del soggetto infetto e contatto con attrezzature mediche contaminate come aghi.
Infezioni da virus di Ebola sono acuti, e non non c'è nessun stato di 'portatore'. Poiché il serbatoio naturale del virus è sconosciuto, il modo in cui il virus appare per la prima in un essere umano all'inizio di un'epidemia non è stato determinato ancora.
Trasmissione nosocomiale si intende la diffusione della malattia all'interno di un ospedale, questo tipo di trasmissione si verifica frequentemente durante le epidemie del virus Ebola. Nei centri sanitari in Africa la maggior parte dei pazienti sono visti senza maschera, guanti o camici. Inoltre, quando aghi o siringhe utilizzati non possono essere sostituibili, se essi sono contaminati con il virus e poi diventare per utilizzare, molte persone possono essere infettati.

Sintomi dell'infezione del virus di Ebola

Il periodo di incubazione di questa malattia varia tra due e 21 giorni, dopo di che succede l'insorgenza dei sintomi dell'ebola:
  • Febbre alta.
  • Mal di testa.
  • Fastidio alle articolazioni e dolori muscolari.
  • Mal di gola e debolezza generale.
  • Diarrea, vomito e mal di stomaco.
  • Comparsa di un'eruzione cutanea rossastra sulla pelle.
  • Congestione congiuntivale (occhi rossi).
  • In alcuni interessati potete vedere emorragie interne ed esterne.
Il motivo perchè alcune persone sono in grado di recuperare da ebola e gli altri non rimane un mistero per gli scienziati. Tuttavia, è noto che i pazienti che muoiono, di solito non hanno sviluppato una significativa risposta immunitaria al virus al momento della morte.

Diagnosi di infezione con il virus di Ebola

I sintomi del paziente e un interrogatorio approfondito che include domande su recenti viaggi in aree endemiche del virus Ebola, malaria e l'influenza sono di vitale importanza per chiarire la diagnosi di infezione con il virus di Ebola.
Ci sono test di laboratorio specifico che può rilevare la presenza del virus Ebola nel sangue o nel siero, soprattutto nella fase acuta, come la determinazione del genoma RNA o subgenómico; Tuttavia, la tecnica più comune per determinare l'infezione da questo virus anticorpi IgM e IgG rilevazione di cattura o panino metodo ELISA, è questa tecnica è un test immunologico, che si basa sulla cattura di anticorpi presenti nel siero del paziente quando reagiscono con una proteina del virus collegato a un pozzetto di una piastra rettangolare di polistireneun particolare tipo di plastica
Altri test di laboratorio quali emocromo può fornire dati indicativi di infezione, come i globuli bianchi che tendono ad essere diminuita (leucopenia). Allo stesso modo, si può vedere elevazione della figura di ematocrito, che è una misura indiretta dello stato di disidratazione del paziente e piastrine coinvolte nella coagulazione, che sono diminuiti (che cosa è conosciuto come trombocitopenia). Più della metà dei pazienti affetti sviluppano qualche grado di sanguinamento.

Trattamento di Ebola

Attualmente non esiste alcun farmaco per combattere il virus Ebola, quindi può essere solo misure di trattamento sintomatico di supporto. Fra loro sono: febbre, somministrare paracetamolo, mai prendere aspirina (acido acetilsalicilico) a causa del rischio che c'è nelle manifestazioni emorragiche; Devono anche bere molti liquidi per prevenire la disidratazione e mantenere il riposo a letto.
Se il paziente ha emorragico manifestazioni amministrazione richiederà liquidi endovenosi, così come il concentrato di piastrine, trasfusioni di sangue o di fattori di coagulazione, se ci sono perdite importanti.
Analogamente, nel trattamento di ebola, è necessario tenere traccia rigorosa di organi vitali come frequenza cardiaca, polso e pressione sanguigna per determinare eventuali segni indicativi di scossa.

Prognosi di Ebola

La prognosi della febbre emorragica di Ebola virus è già abbastanza grave, in quanto è considerata una malattia pericolosa. Il periodo di tempo tra l'inizio dei sintomi fino a quando la morte è compreso tra 2 e 21 giorni. Si stima che la mortalità dovuta a insufficienza di più organi e shock ipovolemico successive va da 50 al 90%, variano a seconda del tipo di Ebola virus che causa l'infezione.

Prevenzione dell'infezione con il virus di Ebola

Secondo le raccomandazioni dell'organizzazione mondiale della sanità (OMS) il controllo e la prevenzione del virus Ebola si basa su tre pilastri fondamentali:
  • Controllo dell'infezione negli animali: non ci sono attualmente vaccini, volti a prevenire l'infezione con il virus di Ebola Reston negli animali, così che dovrebbero essere applicati metodi di disinfezione chimica con ipoclorito di sodio e altri detergenti regolarmente negli allevamenti di animali come scimmie e maiali. Qualsiasi focolaio di animali sospetti dovrebbe essere messi in quarantena o potrebbe anche sacrificarsi per prevenire la trasmissione agli esseri umani.
  • Ridurre il rischio di infezione umana: in assenza di un vaccino per l'uomo né un trattamento specifico contro l'infezione con il virus di Ebola, l'educazione della popolazione a rischio è un'arma fondamentale. Campagne di sensibilizzazione su diversi fattori di rischio e misure di protezione nei loro confronti devono essere attuati. In certi paesi africani, al verificarsi di un focolaio di ebola meccanismi di informazione e diffusione di messaggi vengono attivati per ridurre i rischi di trasmissione, che dovrebbe concentrarsi sui seguenti aspetti:
    • Ridurre il contatto con animali selvatici che potrebbero essere infetti come scimmie, scimmie e alcuni tipi di pipistrelli. Evitare il consumo di carne cruda.
    • Uso di guanti e indumenti di protezione per gestire gli animali.
    • Indossare guanti, maschere e abiti speciali per diminuire il rischio di trasmissione da persona a persona a seguito di uno stretto contatto con persone infettata, specialmente con i loro fluidi corporei.
    • Lavarsi le mani frequentemente, specialmente dopo la visita parenti malati in ospedale, anche dopo la cura dei pazienti a casa.
    • Diffondere messaggi di informazioni alla popolazione sulle caratteristiche della malattia e misure di controllo del focolaio, tra cui la sepoltura dei cadaveri.
  • Prevenire l'infezione nei centri di salute: si riferisce all'uso delle misure di isolamento e di uso delle attrezzature necessarie (guanti, mascherine, camici) per ridurre il rischio di trasmissione da pazienti per operatori sanitari, medici, infermieri, così come i tecnici di laboratorio che maneggiano sangue e altri fluidi corporei dei pazienti infettati con il virus.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…