Chi erano: Gli slavi | Sua Origine e storia.

Definizione: Slavi

di Cristian Violatti
clip_image001
Il termine "Slavi" designa un gruppo etnico di persone che condividono una continuità culturale a lungo termine e che parlano di un set di lingue conosciute come le lingue slave (che appartengono alla famiglia delle lingue indoeuropee). Piccolo è conosciuto circa gli slavi prima sono menzionati nei record bizantino del sesto secolo D.C., e la maggior parte di ciò che sappiamo su di loro prima di questo tempo è principalmente derivate da studi archeologici e linguistici. Gli autori bizantini consultare gli slavi come "Sclaveni".

L'ORIGINE DEGLI SLAVI

Gli slavi sono il gruppo meno documentato tra i cosiddetti nemici "barbaro" di Roma durante la tarda antichità, quindi non non c'è nessun consenso da studioso per quanto riguarda la loro origine. Gli autori che hanno scritto circa gli slavi non sono d'accordo: alcuni dicono che gli slavi erano nomadi e altri sostengono che essi vivevano in insediamenti permanenti situati nelle foreste e paludi; alcuni resoconti dicono che vivevano sotto il dominio di un re, mentre altri che hanno abbracciato una forma di democrazia. Oltre a queste discrepanze, dobbiamo tenere a mente che la maggior parte di questi conti sono riempita con il bias dei Romani, che ha visto tutti i popoli barbari primitivi, incivile e violento.
Basato sull'evidenza archeologica, sappiamo che la gente di Proto-Slavic erano già attivi di 1.500 A.C. da Polonia e Bielorussia.
Alcuni autori hanno rintracciato l'origine degli slavi a tribù indigene di età di ferro vivono nelle valli dei fiumi Oder e Vistola (nell'odierna Polonia e Repubblica Ceca) intorno al 1 ° secolo D.C.. Questo è, tuttavia, ancora materia di dibattito. Basato sull'evidenza archeologica, sappiamo che persone di Proto-Slavic erano già attive da 1.500 A.C. all'interno di un'area che si estendeva all'incirca dal Polonia occidentale del fiume di Dnieper in Bielorussia. Piuttosto che un centro di origine della cultura slava, sembra più ragionevole considerare un territorio ampio in cui un tratto cultura comune è stata condivisa dai suoi abitanti.
Linguistica prova suggerisce che ad un certo momento durante i primi tempi, il territorio degli slavi raggiunto nella regione occidentale della Russia e steppe russe meridionali, dove sono venuti a contatto con gruppi di lingua iraniane. Questo è basato su lingue slave condividendo un sorprendente numero di parole con le lingue iraniane, che possono essere spiegate solo attraverso diffusione da iraniano in slavo. Successivamente, si mossero verso ovest, entrò in contatto con le tribù germaniche e nuovamente in prestito termini aggiuntivi diversi dalle lingue germaniche. Interessante, un pensatore polacco denominato Józef Rostafiński aveva notato che in tutte le lingue slave le parole per faggio, larice e tasso sono presi in prestito da lingue straniere, il che implica che durante i primi tempi questi tipo di alberi erano sconosciuti a slavi, un suggerimento che potrebbe essere usato come un indizio per determinare dove ha avuto origine la cultura slava.

MITOLOGIA SLAVA

Abbiamo molto poco materiale mitologico slavo; scrittura non è stato introdotto nella cultura slava fino al IX e x secolo D.C., durante il processo di cristianizzazione.
Un Dio importante degli slavi era Perun, che era imparentato con il Dio del Baltico Perkuno. Come il dio norreno Thor, Perun era un Dio del tuono, considerato un Dio supremo da alcuni slavi, proprio come Thor era considerato il Dio più importante di alcuni popoli germanici. Il dio maschio della gioventù e primavera, denominato Jarilo (o Iarilo) e la sua controparte femminile, Lada, la dea dell'amore, sono stati classificati anche altamente nel pantheon slavo. Sia Jarilo Lada erano dèi morto e sono stati resuscitati ogni anno e Jarilo in particolare potrebbe avere avuto una connessione con motivi di fertilità. Durante l'ascesa del cristianesimo, Jarilo ha giocato un ruolo importante, come aveva alcuni attributi in comune con Gesù Cristo.
Diverse teste multiple dii erano anche incluso nella mitologia slava, come Svantovit (o Svantevit), il Dio della guerra, che aveva quattro testine, due di loro, i maschi e le altre due femmine; Porevit, con cinque teste, che rappresentano l'estate; Rujevit, con sette facce, l'incarnazione dell'autunno; e cercando di Triglav, che visualizzate tre teste ed era contemporaneamente in cielo, terra e inferi.

GLI slavi durante l'impero romano

Al centro del v secolo D.C., un vuoto politico interessato l'intera regione dei Balcani a seguito della caduta dell'Impero degli Unni. Campagne di Attila lasciò grandi aree a sud del Danubio inadatto per la vita e quindi svuotare. I confini dell'Impero romano, confinante con i Balcani sono stati tenuti con difficoltà, come nuovi gruppi si muovevano all'interno della regione devastata. Tra questi nuovi gruppi erano slavi.
Tra 531 e 534 CE forze romane impegnate in una serie di campagne militari contro gli slavi e altri gruppi. Durante la CE 550s slavi avanzarono verso Tessalonica, inserendo la regione del fiume Hebrus e costa Tracia, distruggendo diversi insediamenti fortificati e (secondo fonti romane) trasformando le donne e i bambini schiavi e uccidendo i maschi adulti. Tuttavia, potrebbe non raggiungere il loro obiettivo: Tessalonica fu salvato dal disastro a causa della presenza di un esercito romano sotto il comando di germano. Più tardi, durante i primi CE 580s, slavi combinato con gli Avari a sopraffare la Grecia, Tracia e Tessaglia.
I romani ne fecero un patto con gli Avari, che ha ricevuto un pagamento annuo di 100.000 solidi per oro in cambio lasciando intatto il romano frontiere. Gli slavi, d'altra parte, non hanno preso parte all'accordo, e hanno marciato a Costantinopoli nel 585 CE ma sono stati scacciati dal difesa romana. Gli slavi hanno continuato attaccando altri insediamenti, e infine stabilirono i primi insediamenti permanenti Slavic in Grecia.
All'inizio del CE 600s, Roma ha organizzato una campagna contro gli slavi con nessun risultato positivo. Gli slavi e gli Avari riuniti ancora una volta, formando una massiccia forza nel 626 CE e, aiutata dai bulgari, posati l'assedio a Costantinopoli. La coalizione di barbaro quasi compiuto il suo obiettivo, ma i Romani riuscirono a respingere l'attacco. Dopo questo evento, l'alleanza di Avar-slava ebbe fine. L'occupazione slava della Grecia durò fino al IX secolo D.C., quando i bizantini finalmente li espulse. A quel tempo, gli slavi avevano una solida presenza nei Balcani e altre regioni nell'Europa centrale e dell'Europa orientale.

DIVERGENZA CULTURA DEGLI SLAVI

All'inizio del Medioevo, gli slavi occuparono una grande regione, che ha incoraggiato l'emergere di vari Stati indipendenti slava. Dal x secolo CE, gli slavi hanno subito un processo di graduale divergenza cultura che ha prodotto un set di lingue strettamente legate ma reciprocamente unintelligible classificati come parte del ramo della famiglia indoeuropea di lingua slavo.
Oggi, un gran numero di lingue di Slavic è ancora parlato compreso bulgaro, ceco, croato, polacco, serbo, slovacco, russo e molti altri, che si estende dall'Europa centrale e orientale, giù in Russia.

Scritto da Cristian Violatti, pubblicato il 10 settembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Bahn, p. il pinguino nuovo dizionario di archeologia. Pinguino, 2014.
  • Cunliffe, b. storia dell'Europa preistorica illustrata Oxford. Oxford University Press, 2001.
  • Curta, F. la realizzazione degli slavi. Cambridge University Press, 2007.
  • Darvill, T. Concise Oxford Dictionary of Archaeology. Oxford University Press, 2009.
  • Durant, w. età di fede. Simon & Schuster, 1980.
  • Fortson, b. cultura e lingua indoeuropea. Wiley-Blackwell, 2009.
  • Leeming, d., Oxford Companion to mitologia del mondo. Oxford University Press, 2009.
  • Mitchell, S. una storia del tardo impero romano, annuncio 284-641. Wiley-Blackwell, 2006.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.