Che cosa è il latino?

Il latino è una lingua antica che è configurata come base per molti altri, come lo spagnolo, italiano, francese e portoghese, tra gli altri. Questa lingua trova la sua origine in prossimità del fiume Tevere, più specificamente, a pochi chilometri dalla sua foce. Questa regione, scarsamente abitata durante la preistoria, corrisponde alla regione di Roma, dove cominciò ad essere popolata durante l'età del bronzo. Molto tempo dopo, il 21 aprile dell'anno 753 avanti Cristo fu fondata la città di Roma, situato nella regione conosciuta come "Lazio", abitata da "latini", che parlavano in un linguaggio chiamato "latinum", latino.

Questa lingua è diventato molto importante per essere la lingua ufficiale dell'ex Repubblica di Roma, tuttavia, con il passare degli anni divenne una lingua morta, cioè non è già utilizzata come lingua nativa di qualsiasi popolo. Tuttavia, la forza del latino ha dato modo a quello lingue chiamato romanticismo, che comprendeva l'italiano, il francese, lo spagnolo, portoghese, catalano, galiziano e Romeno sono nati a seguito di esso.

Pur essendo una lingua morta, la chiesa continuò ad usarlo come lingua liturgica fino al 1960, quando si tenne il Concilio Vaticano II. Oggi sono considerato, insieme con l'italiano, come lingua co-ufficiale della città del Vaticano. D'altra parte, è il linguaggio utilizzato oggi per il sistema binario di classificazione scientifica.

Oggi poche persone che usano il latino, tuttavia, ci sono molti che studiano, poiché è considerato come uno strumento molto utile per stimolare e facilitare l'apprendimento delle lingue romanze. Ciò ha permesso che anche insegnare le basi del latino in certe scuole nel mondo, al fine di promuovere l'apprendimento e l'uso delle lingue di origine latina.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano