Passa ai contenuti principali

Athena Parthenos di Fidia

da Mark Cartwright Il magnifico tempio sull'Acropoli di Atene, noto come il Partenone, fu costruito tra il 447 ed il 432 A.C., nell'età dell'oro di Pericle, e fu dedicato alla divinità protettrice della città Athena. Il tempio è stato costruito a casa la nuova statua di oro e avorio di culto della dea del maestro scultore Fidia e a proclamare al mondo il successo di Atene come leader della coalizione del greco forze nelle guerre persiane. La statua di culto, iniziata nel 447 A.C. e dedicata nel 438 A.C., rimarrebbe il grande simbolo della città per un migliaio di anni fino a quando, nella tarda antichità, è sparito dal record storico, possibilmente preso a Costantinopoli e lì poi distrutta. Fortunatamente, copie e rappresentazioni, la più completa è il secondo secolo D.C. 'Statuetta Varvakeion', la statua e alcuni dettagli scultorei, insieme a descrizioni di Plutarco e Pausania, ci permettono di ricostruire abbastanza accuratamente il suo aspetto originale.
clip_image001
Athena Parthenos

Materiali & dimensioni

Il nome del Partenone deriva da uno di Atena di molti epiteti: Athena Parthenos, Vergine di significato. Partenone significa 'casa di Parthenos', che era il nome dato nel v secolo A.C. alla camera (cella) all'interno del tempio che ospitava la statua di culto, e dal IV secolo A.C. l'intero edificio ha acquisito il nome del Partenone.
Anche se riccamente decorate all'esterno con magnifica scultura decorativa, la scultura più importante era sempre destinata ad essere la gigantesca statua di Atena all'interno di esso. Infatti, vi è evidenza che il tempio fu costruito a misura per ospitare il crisoelefantina (oro e avorio) la statua di Atena di Fidia. Lo scultore era già famoso per la sua colossale statua in bronzo di Athena Promachos che sorgeva sull'Acropoli ed era secondo come riferito visibile da Capo Sounion, e gli fu commissionata da Pericle per creare una statua degna della più grande città in Grecia e la sua divinità protettrice.
L'Athena Parthenos fu, quindi, una statua gigantesca che, secondo Plinio, era alto circa 11,5 metri (26 cubiti) ed era fatto di avorio intagliato per pezzi di carne e oro (1140 chili o 44 talenti di esso) per tutto il resto, tutto avvolto intorno ad un nucleo di legno. Le parti d'oro potrebbero anche essere facilmente rimosso se necessario nei momenti di necessità finanziaria. Abbellimenti extra sono stati resi utilizzando vetro, rame, argento e gioielli. Si stima che la statua costo città intorno 5.000 talenti, una somma veramente enorme di denaro che la rendeva più costosi rispetto ai costi di costruzione del Partenone stesso.
clip_image002
L'Athena del Varvakeion
La statua sorgeva su un piedistallo di 8,04 4.09 metri di misura, di fronte alla porta est e fu circondata da colonne doriche di un peristilio impostato all'interno della cella. Davanti alla statua, affondata nella pavimentazione, era un carro grande ma poco profondo dell'acqua. Questo aveva il duplice beneficio di riflettere la luce nella camera e mantenendo un'atmosfera umida per conservare meglio l'avorio. Il taglio nel pavimento tempio in cui è stata posta la colonna di sostegno centrale della statua è visibile ancora oggi.

Decorazione scultorea

La statua rappresentava Athena in piedi majestic, completamente armato e tenendo una 4 cubito alti statua di Nike nella mano destra. Athena indossava un peplo che era nascosto in una cintura. Ha tenuto un grande scudo circolare nella mano sinistra, che poggia sul pavimento. Ha anche una lancia sul suo lato sinistro, e un grande serpente arrotolato sacro risiedeva tra i suoi piedi e lo scudo. Sul suo casco triple-crestato sorgeva una sfinge e due grifoni con le ali di Pegaso entrambi i lati; grifoni decorate anche il guancia-pezzi. Sul petto della dea era l'egida tasselled serpente dato da Zeus con la testa di una Gorgone Medusa in avorio. I lati di sandali di Athena sono stati decorati con la mitica battaglia tra Centauri e Lapiti. La base della statua raffigurato scene della nascita di Pandora, vegliato da dèi più importanti del Monte Olimpo.
clip_image003
Athena
Lo scudo della statua era una meraviglia in sé e molto copiata nella tarda antichità. Secondo Plinio, raffigurato scene di battaglie di Teseo e le Amazzoni sul viso e la battaglia dei giganti all'interno. Le figure 30 o così all'esterno probabilmente sono stati fatti da argento o bronzo. Il centro è stato dominato ancora una volta dalla testa di Medusa, il gorgoneion, circondata da singoli duelli di greci e Amazzoni, colpendo pone drammatici contro uno sfondo di paesaggio caratteristiche e fortificazioni. Come con la scultura all'esterno del Partenone, queste immagini di greci vittoriosi contro le creature straniere del Centauro e Amazon erano una potente metafora visiva per il greca vittoria sui Persiani e una celebrazione della difesa di successo della loro indipendenza e stile di vita.

Eredità

La statua doveva essere niente di meno di stupore-ispiratore e la ricchezza di esso - sia artisticamente che letteralmente - ha inviato un messaggio molto chiaro della ricchezza e del potere della città che potrebbe produrre tali un omaggio al loro dio protettore e del potere della dea stessa. Testimonianza duratura eredità artistica della statua è la lunga fila di copie contemporanee e successive in ellenistico e tempi romani, non solo della statua completa, ma anche di dettagli come la testa e le scene dell'Amazzonomachia.
clip_image004
Guerriero & Amazon
Come già accennato il meglio conservato e più completa rappresentazione del capolavoro perduto di Fidia è il ' statuetta Varvakeion' 1,05 metri alto copia romana in marmo del II secolo CE, e che ora risiede in Museo Archeologico Nazionale di Atene. Altre figure completo, anche se con qualche danno, includono il 'Lenormant statuetta', un'altra copia romana, 2 ° o 3 ° secolo D.C., 42 cm di altezza (anche ad Atene); 86 cm altezza 'Patrasso statuetta' (a Patrasso); una figura di 1,54 m di altezza ora a Boston e una versione ellenistica dal Pergamo che è alto 3,1 metri e conserva alcune figure parziale sulla base (Berlino). Dettagliate raffigurazioni della testa appaiono su un medaglione di IV secolo A.C. oro a San Pietroburgo e un intaglio di diaspro rosso dai secolo A.C. ora in Palazzo Massimo alle Terme, Roma. La statua di Nike nella mano di Athena è stato anche molto copiato, in particolare in una full-size copia di Cirene ora a Philadelphia. Copie dello scudo includono il 'scudo di Strangford', una versione del III secolo ora nel British Museum, Londra, e scene delle Amazzoni sono sorprendentemente sollievo CE romano del II secolo raffigurato su lastre da un relitto del Pireo che sono ora esposti nel Museo archeologico del Pireo.

Inserito da Mark Cartwright, pubblicato il 25 gennaio 2015 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Boardman, J. scultura greca. Thames & Hudson, 1995.
  • Carpentiere, T.H. arte e mito nella Grecia antica. Thames & Hudson, 1991.
  • Verde, p. il Partenone. Divisione del libro di Newsweek, 1973.
  • Hornblower, S. dizionario Oxford classica. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
  • Servi, K. l'Acropoli. Ekdotike Athenon, 2011.
  • Vlassopoulou, c. Acropoli & Museo. Ministero della cultura ellenica, 2009.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…