Passa ai contenuti principali

Adunanza di Servizio: Settimana del 9 febbraio

Adunanza di servizio: informazioni per studio personale

15 min: “Perché essere zelanti nelle opere eccellenti?”

Trattazione. Includere commenti tratti dalla Torre di Guardia del 1° giugno 2002, pagina 23, paragrafi 17-19.

Perché essere zelanti nelle opere eccellenti?

Siete zelanti nelle opere eccellenti? Essendo proclamatori del Regno, abbiamo ogni motivo per esserlo. Perché? Consideriamo ciò che si legge in Tito 2:11-14:
• Versetto 11: Cos’è “l’immeritata benignità di Dio”, e in che modo ne abbiamo tratto beneficio personalmente? (Rom. 3:23, 24).
• Versetto 12: Cosa ci ha insegnato l’immeritata benignità di Dio?
• Versetti 13 e 14: Ora che siamo stati purificati, quale speranza abbiamo? E per quale scopo più nobile siamo stati purificati dal comportamento empio del mondo?
• In che modo questi versetti ci incoraggiano a essere zelanti nelle opere eccellenti?

(Tito 2:11-14) Poiché è stata manifestata l’immeritata benignità di Dio che porta la salvezza a ogni sorta di uomini, 12 insegnandoci a ripudiare l’empietà e i desideri mondani e a vivere con sanità di mente e giustizia e santa devozione in questo presente sistema di cose, 13 mentre aspettiamo la felice speranza e la gloriosa manifestazione del grande Dio e del Salvatore nostro Cristo Gesù, 14 che diede se stesso per noi, per liberarci da ogni sorta d’illegalità e purificare per sé un popolo particolarmente suo, zelante nelle opere eccellenti.
(Tito 2:11) Poiché è stata manifestata l’immeritata benignità di Dio che porta la salvezza a ogni sorta di uomini,
(Rom. 3:23, 24) Poiché tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, 24 ed è come gratuito dono che son dichiarati giusti per sua immeritata benignità tramite la liberazione mediante il riscatto [pagato] da Cristo Gesù.
(Tito 2:12) insegnandoci a ripudiare l’empietà e i desideri mondani e a vivere con sanità di mente e giustizia e santa devozione in questo presente sistema di cose,
(Tito 2:13, 14) mentre aspettiamo la felice speranza e la gloriosa manifestazione del grande Dio e del Salvatore nostro Cristo Gesù, 14 che diede se stesso per noi, per liberarci da ogni sorta d’illegalità e purificare per sé un popolo particolarmente suo, zelante nelle opere eccellenti.

***w02 1/6 p. 23 Un popolo purificato per le opere eccellenti***

Purificati per le opere eccellenti

17. Perché Geova ha portato il suo popolo in una condizione pura?
17 È senz’altro una benedizione e una protezione avere, con l’aiuto di Geova, una condizione pura dinanzi a lui. (2 Corinti 6:14-18) Tuttavia comprendiamo pure che Egli ha portato il suo popolo in una condizione pura per uno scopo preciso. Paolo disse a Tito che Cristo Gesù “diede se stesso per noi, per liberarci da ogni sorta d’illegalità e purificare per sé un popolo particolarmente suo, zelante nelle opere eccellenti”. (Tito 2:14) Facendo parte di un popolo purificato, in quali opere dovremmo essere zelanti?
18. Come possiamo dimostrare che siamo zelanti nelle opere eccellenti?
18 Prima di tutto dovremmo sforzarci di dichiarare pubblicamente la buona notizia del Regno di Dio. (Matteo 24:14) Così facendo offriamo alle persone in ogni luogo la speranza di vivere per sempre su una terra che sarà libera da ogni specie di inquinamento. (2 Pietro 3:13) Le opere eccellenti includono anche il manifestare nella vita quotidiana il frutto dello spirito di Dio in modo da glorificare il nostro Padre celeste. (Galati 5:22, 23; 1 Pietro 2:12) E non dimentichiamo quelli che non sono nella verità i quali forse sono colpiti da gravi disastri naturali o da tragedie personali. Ricordiamo l’esortazione di Paolo: “Realmente, dunque, finché ne abbiamo il tempo favorevole, operiamo ciò che è bene verso tutti, ma specialmente verso quelli che hanno relazione con noi nella fede”. (Galati 6:10) Tutte queste forme di servizio, rese con cuore puro e con un motivo puro, sono bene accette a Dio. — 1 Timoteo 1:5.
19. Quali benedizioni potremo avere se continueremo a mantenere un’alta norma di purezza fisica, morale e spirituale?
19 Come servitori dell’Altissimo diamo ascolto alle parole di Paolo: “Quindi vi supplico per le compassioni di Dio, fratelli, di presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, accettevole a Dio, sacro servizio con la vostra facoltà di ragionare”. (Romani 12:1) Continuiamo dunque ad apprezzare il privilegio di essere purificati da Geova e a fare tutto il possibile per mantenere un’alta norma di purezza fisica, morale e spirituale. Così facendo non solo saremo soddisfatti e avremo rispetto di noi stessi ora, ma avremo anche la prospettiva di non vedere più “le cose precedenti” — l’attuale sistema malvagio e contaminato — quando Dio ‘farà ogni cosa nuova’. — Rivelazione (Apocalisse) 21:4, 5.

par. 17 (2 Cor. 6:14-18) Non siate inegualmente aggiogati con gli increduli. Poiché quale associazione hanno la giustizia e l’illegalità? O quale partecipazione ha la luce con le tenebre? 15 Inoltre, quale armonia c’è fra Cristo e Belial? O quale parte ha il fedele con l’incredulo?16 E quale accordo c’è fra il tempio di Dio e gli idoli? Poiché noi siamo il tempio dell’Iddio vivente; come Dio disse: “Io risiederò fra loro e camminerò fra [loro], e sarò il loro Dio ed essi saranno il mio popolo”. 17 “‘Perciò uscite di mezzo a loro e separatevi’, dice Geova, ‘e cessate di toccare la cosa impura’”; “‘e io vi accoglierò’”. 18 “‘E io vi sarò padre e voi mi sarete figli e figlie’, dice Geova l’Onnipotente”.
par. 17 (Tito 2:14) che diede se stesso per noi, per liberarci da ogni sorta d’illegalità e purificare per sé un popolo particolarmente suo, zelante nelle opere eccellenti.
par. 18 (Matt. 24:14) E questa buona notizia del regno sarà predicata in tutta la terra abitata, in testimonianza a tutte le nazioni; e allora verrà la fine.
par. 18 (2 Piet. 3:13) Ma secondo la sua promessa noi aspettiamo nuovi cieli e nuova terra, e in questi dimorerà la giustizia.
par. 18 (Gal. 5:22, 23) D’altra parte, il frutto dello spirito è amore, gioia, pace, longanimità, benignità, bontà, fede,23 mitezza, padronanza di sé. Contro tali cose non c’è legge.
par. 18 (1 Piet. 2:12) Mantenete la vostra condotta eccellente fra le nazioni, affinché, in ciò di cui parlano contro di voi come malfattori, in seguito alle vostre opere eccellenti delle quali sono testimoni oculari glorifichino Dio nel giorno della [sua] ispezione.
par. 18 (Gal. 6:10) Realmente, dunque, finché ne abbiamo il tempo favorevole, operiamo ciò che è bene verso tutti, ma specialmente verso quelli che hanno relazione con [noi] nella fede.
par. 18 (1 Tim. 1:5) Realmente l’obiettivo di questo mandato è l’amore da un cuore puro e da una buona coscienza e dalla fede senza ipocrisia.
par. 19 (Rom. 12:1) Quindi vi supplico per le compassioni di Dio, fratelli, di presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, accettevole a Dio, sacro servizio con la vostra facoltà di ragionare.
par. 19 (Riv. 21:4, 5) Ed egli asciugherà ogni lacrima dai loro occhi, e la morte non ci sarà più, né ci sarà più cordoglio né grido né dolore. Le cose precedenti sono passate”. 5 E Colui che sedeva sul trono disse: “Ecco, faccio ogni cosa nuova”. E dice: “Scrivi, perché queste parole sono fedeli e veraci”.

Scarica informazioni complete in file digitale per Computer, Tablet computer, Smartphone


Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

Scarica le informazioni per Studio personale per Computer, Tablet computer, Smartphone

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…