Passa ai contenuti principali

Studio della “Torre di Guardia” ‒ Settimana del 12 gennaio

ADSBYGOOGLE

Dobbiamo essere ‘santi in tutta la nostra condotta’: informazioni per studio personale

STUDIO DELLA “TORRE DI GUARDIA” ‒ SETTIMANA DEL 12 GENNAIO

(SOLO TESTI BIBLICI)

LA TORRE DI GUARDIA (EDIZIONE PER LO STUDIO) NOVEMBRE 2014

DOBBIAMO ESSERE ‘SANTI IN TUTTA LA NOSTRA CONDOTTA’

“Divenite anche voi santi in tutta la vostra condotta” (1 PIET. 1:15)

COME RISPONDERESTE?

• Perché per i veri cristiani è importante evitare di scendere a compromessi?
• Che nesso c’è tra la sovranità di Geova e la neutralità cristiana?
• Alla luce di Ebrei 5:7, 11-14, come dovremmo considerare lo studio della Parola di Dio?

(1 Pietro 1:14-16) Come figli ubbidienti, cessate di conformarvi ai desideri che aveste un tempo nella vostra ignoranza, 15 ma, secondo il Santo che vi ha chiamati, divenite anche voi santi in tutta la [vostra] condotta, 16 perché è scritto: “Dovete essere santi, perché io sono santo”.
(Giovanni 10:16) “E ho altre pecore, che non sono di questo ovile; anche quelle devo condurre, ed esse ascolteranno la mia voce, e diverranno un solo gregge, un solo pastore.
- 3 -
(Levitico 19:18) “‘Non devi far vendetta né nutrire rancore contro i figli del tuo popolo; e devi amare il tuo prossimo come te stesso. Io sono Geova.
- 4 -
(Romani 12:19) Non vi vendicate, diletti, ma fate posto all’ira; poiché è scritto: “La vendetta è mia; io ricompenserò, dice Geova”.
(2 Corinti 4:1) 4 Perciò, siccome abbiamo questo ministero secondo la misericordia che ci è stata mostrata, non veniamo meno;
(2 Corinti 4:7) Comunque, abbiamo questo tesoro in vasi di terra, affinché la potenza oltre ciò che è normale sia di Dio e non da noi.
- 5 -
(Levitico 10:1-11) 10 Poi Nadab e Abiu figli di Aaronne presero e portarono ciascuno il suo portafuoco e vi misero del fuoco e vi posero sopra dell’incenso, e offrivano dinanzi a Geova fuoco illegittimo, che egli non aveva loro prescritto. A ciò un fuoco uscì d’innanzi a Geova e li consumò, così che morirono dinanzi a Geova. 3 Quindi Mosè disse ad Aaronne: “Questo ha proferito Geova, dicendo: ‘Lasciate che mi santifichi fra quelli a me vicini, e lasciate che mi glorifichi davanti alla faccia di tutto il popolo’”. E Aaronne taceva. 4 Mosè chiamò dunque Misael ed Elzafan, i figli di Uzziel, zio di Aaronne, e disse loro: “Avvicinatevi, portate i vostri fratelli d’innanzi al luogo santo fuori del campo”. 5 Pertanto si avvicinarono e li portarono nelle loro lunghe vesti fuori del campo, proprio come Mosè aveva parlato. 6 In seguito Mosè disse ad Aaronne e a Eleazaro e Itamar suoi [altri] figli: “Non andate con le teste scompigliate, e non dovete strappare le vostre vesti, affinché non moriate e affinché egli non si indigni contro tutta l’assemblea; ma i vostri fratelli dell’intera casa d’Israele piangeranno l’incendio che Geova ha fatto ardere. 7 E dall’ingresso della tenda di adunanza non dovete uscire affinché non moriate, perché l’olio d’unzione di Geova è su di voi”. Essi fecero dunque secondo la parola di Mosè. 8 E Geova parlava ad Aaronne, dicendo: 9 “Non bere vino né bevanda inebriante, tu e i tuoi figli con te, quando entrate nella tenda di adunanza, affinché non moriate. È uno statuto a tempo indefinito per le vostre generazioni, 10 sia per fare una distinzione fra la cosa santa e la profana e fra la cosa impura e la pura, 11 sia per insegnare ai figli d’Israele tutti i regolamenti che Geova ha proferito loro per mezzo di Mosè”.
(1 Corinti 5:11) Ma ora vi scrivo di cessar di mischiarvi in compagnia di qualcuno chiamato fratello che è fornicatore o avido o idolatra o oltraggiatore o ubriacone o rapace, non mangiando nemmeno con un tal uomo.

MOSTRA TUTTE LE INFORMAZIONI NEL FILE PDF


Scarica il file in PDF con informazioni per studio personale

Scarica File in PDF per Laptop, Tablet e Mobile

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…