Scrittura del Giorno - Settimana del 26 gennaio

Esaminiamo le Scritture ogni giorno 2015 con testi biblici

Lunedì 26 gennaio

Divenite imitatori di Dio, come figli diletti (Efes. 5:1)

Geova possiede tante qualità stupende. Infatti un elenco potrebbe includerne più di 40. Che incredibile tesoro di informazioni sulla personalità di Geova attende di essere scoperto tramite lo studio personale o familiare! Quali benefìci ne traiamo? Tale studio renderà più profondo l’apprezzamento che proviamo per il nostro Padre celeste; e di pari passo crescerà anche il nostro desiderio di avvicinarci a lui e di imitarlo (Gios. 23:8; Sal. 73:28). Il nostro apprezzamento può crescere col tempo. È come quando scopriamo una nuova pietanza: all’inizio ci stuzzica il profumo, poi ci conquista il suo sapore, e infine la apprezziamo ancora di più quando la prepariamo con le nostre mani. In maniera analoga, il nostro apprezzamento per le qualità di Geova aumenta man mano che lo conosciamo meglio, che riflettiamo sulla sua personalità e che lo imitiamo. w1315/6 1:1, 2

(Efes. 5:1) Divenite perciò imitatori di Dio, come figli diletti,
(Gios. 23:8) Ma dovete tenervi stretti a Geova vostro Dio, proprio come avete fatto fino a questo giorno.
(Sal. 73:28) Ma in quanto a me, avvicinarmi a Dio è bene per me. Nel Sovrano Signore Geova ho posto il mio rifugio, Per dichiarare tutte le tue opere.

Martedì 27 gennaio

Fa l’opera di evangelizzatore (2 Tim. 4:5)

Un evangelizzatore è, letteralmente, una persona che porta buone notizie. Il primo e il più grande Evangelizzatore è Geova Dio. Immediatamente dopo la ribellione dei nostri primogenitori, egli annunciò la buona notizia secondo cui il serpente, cioè Satana il Diavolo, sarebbe stato distrutto (Gen. 3:15). Nel corso dei secoli, poi, ha ispirato uomini fedeli a mettere per iscritto particolari su come il suo nome sarebbe stato liberato dal biasimo, su come sarebbero stati annullati i danni causati da Satana e su come gli esseri umani avrebbero potuto riottenere ciò che Adamo ed Eva avevano perso. Anche gli angeli sono evangelizzatori: portano loro stessi buone notizie, e assistono coloro che diffondono la buona notizia (Luca 1:19; 2:10; Atti 8:26, 27, 35; Riv. 14:6). Lo stesso si può dire dell’arcangelo Michele. Quando visse sulla terra con il nome di Gesù, fornì agli evangelizzatori umani l’esempio da seguire imperniando la sua vita sulla predicazione della buona notizia (Luca 4:16-21). Gesù inoltre comandò ai suoi discepoli di essere evangelizzatori (Matt. 28:19, 20; Atti 1:8). w13 15/5 1:1-3

(2 Tim. 4:5) Tu, comunque, sii sobrio in ogni cosa, soffri il male, fa [l’]opera di evangelizzatore, compi pienamente il tuo ministero.
(Gen. 3:15) E io porrò inimicizia fra te e la donna e fra il tuo seme e il seme di lei. Egli ti schiaccerà la testa e tu gli schiaccerai il calcagno”.
(Luca 1:19) Rispondendo, l’angelo gli disse: “Io sono Gabriele, che sto dinanzi a Dio, e sono stato mandato a parlarti e a dichiararti la buona notizia di queste cose.
(Luca 2:10) Ma l’angelo disse loro: “Non abbiate timore, poiché, ecco, vi dichiaro la buona notizia di una grande gioia che tutto il popolo avrà,
(Atti 8:26, 27) Comunque, l’angelo di Geova parlò a Filippo, dicendo: “Alzati e va verso il meridione, sulla strada che scende da Gerusalemme a Gaza”. (Questa è una strada nel deserto).27 Allora egli si alzò e andò, ed ecco, un eunuco etiope, uomo al potere sotto Candace regina degli etiopi, e che era preposto a tutto il tesoro di lei. Egli era venuto a Gerusalemme ad adorare,
(Atti 8:35) Filippo aprì la bocca e, cominciando da questa Scrittura, gli dichiarò la buona notizia riguardo a Gesù.
(Riv. 14:6) E vidi un altro angelo volare in mezzo al cielo, e aveva un’eterna buona notizia da dichiarare come lieta novella a quelli che dimorano sulla terra, e ad ogni nazione e tribù e lingua e popolo,
(Luca 4:16-21) E venne a Nazaret, dov’era stato allevato; e, secondo la sua abitudine, entrò in giorno di sabato nella sinagoga, e si alzò per leggere. 17 E gli fu consegnato il rotolo del profeta Isaia, ed egli, aperto il rotolo, trovò il luogo dov’era scritto: 18 “Lo spirito di Geova è su di me, perché egli mi ha unto per dichiarare la buona notizia ai poveri, mi ha mandato per predicare la liberazione ai prigionieri e il ricupero della vista ai ciechi, per mettere in libertà gli oppressi, 19 per predicare l’anno accettevole di Geova”. 20 Quindi avvolse il rotolo, lo riconsegnò al servitore e si mise a sedere; e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi su di lui. 21 Quindi cominciò a dir loro: “Oggi questa scrittura che avete appena udito si è adempiuta”.
(Matt. 28:19, 20) Andate dunque e fate discepoli di persone di tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello spirito santo, 20 insegnando loro ad osservare tutte le cose che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni fino al termine del sistema di cose”.
(Atti 1:8) ma riceverete potenza quando lo spirito santo sarà arrivato su di voi, e mi sarete testimoni in Gerusalemme e in tutta la Giudea e la Samaria e fino alla più distante parte della terra”.

Scarica informazioni complete in file digitale per PC, Laptop e Dispositivi Mobili


Scarica informazioni per lo Studio personale per PC, laptop e dispositivi mobili

Scarica informazioni per lo Studio personale per PC, laptop e dispositivi mobili