Passa ai contenuti principali

Samo Re degli slavi | Origine e storia.


Chi era: Samo Re degli slavi

di Cristian Violatti
clip_image001
Samo (regnò 623/624-658 CE) fu un re degli slavi, che era responsabile della Fondazione dell'entità politica registrati prima del popolo slavo, solitamente indicato come Impero di Samo. Poiché la scrittura non è stata introdotta nella cultura slava fino ai secoli IX e x, CE, non ci sono nessun account contemporaneo su Samo scritto dagli slavi. La fonte primaria su Samo è un documento Frankish di paternità incerta, conosciuto come l' in Cronaca di Fredegario, scritto originariamente nel VII secolo D.C.. Anche se molti studiosi hanno dibattuto la paternità e l'affidabilità del conto di Fredegario, è generalmente accettato oggi come una fonte attendibile, scritta da un singolo autore. Mentre nessun storico o erudito accetta la pretesa che Fredegario fu testimone oculare degli eventi, egli registra, si è creduto che aveva accesso a documenti o testimoni, relative a quegli eventi.

Origine & ascesa al potere

Secondo la Cronaca di Fredegario, Samo era originariamente un commerciante Frankish che potrebbe essere stato una sorta di trafficante di armi che hanno fornito gli slavi con le armi. Fa la sua prima apparizione nella storia ad un certo punto nel 623/624 CE, "nel quarantesimo anno di Regno di Clotario". C'erano molte tribù slave a quel tempo, ma una tribù, in particolare, eletto Venedi, Samo come loro leader e re. La posizione esatta del Regno di Samo è ancora una questione dibattuta, e diverse località nei dintorni di Slovacchia, Slovenia e Austria orientale sono stati proposti come i centri del Regno di Samo. Venedi erano una Confederazione slava, non una tribù omogenea che, dal v secolo D.C., occupata un'area tra il fiume Oder, a est e i fiumi Elba e Saale verso ovest, confinanti con i confini occidentali del territorio occupato dai franchi. Durante il sesto secolo, i franchi e altri gruppi germanici alternano periodi di pace e di guerra con i Venedi. Primo fra questi avversari/alleati erano Avari sotto Bayan io (562/565-602 CE), che usato Venedi come prima line shock truppe in battaglia. Lo storico Florin Curta cita Fredegario in sostenendo che i Venedi erano totalmente conforme gli Avari sotto Bayan. Nel seguente passaggio dal lavoro di Curta, Fredegario usa il parola "Unni" per "Avari" come era la sua pratica comune:
Ogni anno, gli Unni svernarono con gli slavi, dormendo con le loro mogli e figlie, e inoltre gli slavi ha reso omaggio e subito molti altri oneri. I figli nati da Unni gli slavi mogli e figlie alla fine trovano questa vergognosa oppressione intollerabile; e così, come ho detto, hanno rifiutato di obbedire loro signori e iniziato a salire nella ribellione (slavi in Fredegario, 148-149).
Samo organizzato un esercito contro gli Avari e ha dimostrato di essere un comandante. Sconfisse gli Avari in numerose occasioni, e liberò gli slavi dall'oppressione Avar.
Bayan è morto nel 602 CE e l'impero di Avar iniziò a sfaldarsi subito dopo. Bayan avevo condusse il suo esercito contro le forze dell'Impero romano d'Oriente ripetutamente dal c. 568 CE e, ancora prima della sua morte, l'impero aveva cominciato a mobilitarsi per spingere gli Avari indietro verso la Pannonia. Dopo la morte di Bayan I tuttavia, l'impero ha aumentato gli sforzi.
L'Impero d'Oriente ha guidato i suoi eserciti contro gli Avari e, a circa lo stesso tempo, Samo ha preso l'iniziativa per il suo popolo. Sappiamo dagli antichi conti che Samo organizzato un esercito contro gli Avari e dimostrato di essere un comandante. Sconfisse gli Avari in numerose occasioni, e liberò gli slavi da loro sottomissione all'oppressione Avar. Non è chiaro se questo conflitto ha avvenuto dopo o prima dell'assedio di Costantinopoli nel 626 CE. Se prendiamo i documenti antichi al valore nominale, quindi Samo guidò una ribellione veneda contro gli Avari nel 624 D.C., prima dell'assedio di Costantinopoli. Tuttavia, gli studiosi hanno notato regolarmente preoccupazioni circa l'affidabilità della cronologia presentata nella Cronaca di Fredegario e suggeriscono che campagne militari di Samo contro gli Avari realmente hanno avvenuto dopo l'assedio di Costantinopoli, il che significherebbero che Samo ha approfittato della sconfitta di liberare la regola slavi di Avar Avar. Questo scenario sembra avere più senso, in quanto gli Avari erano in un seguito di posizione vulnerabile che loro sconfitta a Costantinopoli e un abile leader lo avrebbe riconosciuto come il momento di colpire. La data di 624 rende CE che meno senso in quanto è noto che gli slavi hanno preso parte all'assedio di Costantinopoli, qualcosa che molto probabilmente sarebbe non hanno fatto aveva hanno recentemente gettato fuori regola Avar.
Qualunque sia il caso, Samo ha guadagnato il favore degli slavi dopo dimostrando la sua leadership e coraggio sconfiggendo gli Avari. All'inizio del ' 600 CE, dopo aver subito molteplici incursioni Avar/slavo, Romani ha organizzato una campagna contro di loro con nessun risultato positivo. Una forza di slavi e Avari unite insieme, con il sostegno di altri gruppi come i bulgari e pose l'assedio a Costantinopoli nel 626 CE. I Romani respinsero l'attacco, e i barbari lasciato a mani vuote. Un'opera di Giorgio di Pisidia (VII secolo CE) suggerisce conflitti tra gli Avari e slavi scoppiarono dopo la loro sconfitta nel 626 CE, ma le tensioni tra le due persone sono registrate in precedenza da Fredegario, e i conflitti tra gli slavi e Avari erano quasi certamente il risultato di oppressione pluridecennale dell'ex di quest'ultimo. Che cosa stavano difettando di slavi fu un leader forte, e che il leader era di Samo.

Espansione del Regno di Samo

Samo anche costruito una solida leadership politica di alleanze con diverse famiglie veneda: egli è segnalato per avere sposato almeno dodici donne veneda, che gli diede 22 figli e le figlie di 15. Suo coinvolgimento nel commercio di Long-Distance assicurato lui notevole ricchezza e status elevato. Questa condizione, tuttavia, non assicurato suo nuovo regno contro i franchi potenti sul suo bordo. I Franchi erano cristiani, mentre gli slavi sotto Samo erano pagani; Questa situazione sembrava giustificare, ai franchi, loro ripetute invasione degli slavi terre sotto la pretesa di conversione. Samo negoziò un trattato con Dagoberto I, re dei franchi, ma la pace non sarebbe durato a lungo.
CE c. 630, Dagoberto chiesto che Samo mandargli quegli slavi che avevano "ucciso e derubato di un gran numero di mercanti dei Franchi". Samo convenuto che tali criminali dovrebbero essere puniti ma solo dopo il processo dovuto aveva determinato chi erano e perché - o se - avevano commesso tali crimini. Samo "semplicemente dichiarato la sua intenzione di tenere un'indagine, in modo che potrebbe essere fatta giustizia in questa disputa, così come in altri che era sorti tra di loro nel frattempo (Fredegario, IV, 68). Pertanto si rifiutò di inviare uomini accusati al re dei franchi. Dagoberto colto questo rifiuto come una violazione del trattato e guidò una grande spedizione contro gli slavi.
Già un uomo potente, posizione di Samo è diventato ancora più forte nel 631 CE quando sconfisse i franchi nella battaglia di Wogastisburg. Dagobert che i guidò una forza di tre armate contro gli slavi che, comandata da Samo, sconfisse gli invasori Frankish, decimando le loro forze e i sopravvissuti di guida dal campo. A seguito della sconfitta dei franchi, diversi gruppi di slavi che erano subordinati ai franchi sono stati liberati dalla loro servitù e un capo locale chiamato Dervan (noto anche come Dervanus) dichiarò la sua fedeltà e sottomissione e quella del suo popolo, a Samo. Così, Dervan aderito Samo e lo sostenne nelle sue successive campagne militari. Dopo la vittoria contro i franchi, Samo invase e saccheggiò la frontiera orientale del Regno Frankish parecchie volte.
Preoccupato per le incursioni di Slavic, le autorità Frankish nominato Radulf, il duca di Turingia, con il compito di proteggere il confine dei franchi contro la minaccia di Samo. Radulf era inizialmente riuscito a difendere i confini dei franchi contro Samo ma, intorno al 640 CE, una lotta politica Frankish interna costretto Radulf a combattere contro altri gruppi dei franchi. La cronaca di Fredegario afferma che Radulf allora cercò di rafforzare la sua posizione formando un'alleanza con Samo, che significa potere quello di Samo e prestigio a quel tempo era ancora significativo. Nessuna forza Frankish poteva stare contro di lui, e ha assicurato il suo regno contro tutti i tentativi futuri di fuori controllo o invasione per i prossimi 18 anni.

MORTE DI SAMO

Samo è morto nel 658 CE e il Regno che aveva costruito è morto con lui. Nonostante la sua influenza, potere e ricchezza, nessuno dei suoi 22 figli gli successe come re. Questo può suggerire che, all'interno della struttura politica degli slavi, regola non era ereditato ma concesso basata su meriti personali (come è stato conosciuto per essere il caso con gli Avari prima Bayan I regola). Figli di Samo sembrano avere mancavano le competenze del loro padre, e nessun successore al Regno che ha fondato è registrato. Gli Avari rapidamente entrato il territorio occupato dagli slavi dopo Samo morì e ristabilito il loro predominio precedente sul popolo fino alla loro sconfitta da parte dei franchi sotto Carlo Magno nel 796 CE. La posizione potente degli slavi nella regione durante il tempo di Samo diminuito rapidamente dopo la sua morte quando essi divennero sudditi di, in primo luogo, gli Avari e poi dei franchi. Come con molti grandi leader, il carattere individuale di Samo ha tenuto il suo popolo insieme e la sua abilità di leadership e battaglia permise loro di prosperare, ma queste virtù non sono state passate sopra ai suoi successori. Oggi è ricordato come un grande re e leader carismatico che ha unito il suo popolo nella loro lotta per la libertà e riuscito, anche se solo per un tempo limitato.

Scritto da Cristian Violatti, pubblicato il 30 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Avari di Joshua J. Mark
  • Slavi - definizione di enciclopedia di storia antica
  • Gli slavi in Fredegario e Paul il Deacon: gens medievale o 'flagello di Dio'? di Florin Curta
  • Curta, F. la realizzazione degli slavi. Pressa dell'Università di Cambridge, 2014.
  • Durant, w. età di fede. Bene Communications, 1964.
  • Wallace-Hadrill, J.M. il quarto libro della cronaca di Fredegario. Praeger, 1981.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…