Qual è la storia dei libri?

I libri sono costituiti da un insieme di fogli di carta, organizzato e vincolati che compongono un volume o di lavoro. Questo lavoro può essere letterario, scientifico o tecnico e filosofico, tra molti altri argomenti.

Libri, come si intendono classicamente, è quel volume, scritti su fogli di carta. Quello che, successivamente da finalizzare, va in vendita attraverso librerie. I libri possono discutere le questioni più, della vita dell'essere umano. Ci sono cucina, auto, cane, fantascienza, drammatico, thriller, spaventosi e magici mondi di fantasia.

Ora, per quanto riguarda che cosa è la storia di libri, questo inizia con fogli di argilla. Ferro, che è stato scritto da un punteruolo, che stava sviluppando, soprattutto i disegni che esprimono l'idea generale, che ha disegnato. È così precaria, all'inizio della storia dei libri. Storia che, è stato forgiato in modo abbastanza lento e piacevole.

Successivamente, la storia del libro, prende un cambiamento radicale, dalla mano di papiri. Rotolo di carta, che è stato usato dai Romani, gli egiziani e i greci. Questo tipo di carta, che è stata estratta dal canneto che esisteva sulle rive del fiume Nilo, erano arrotolate attraverso una barra di carta. La maggior parte dei papiri, libri dell'antichità, erano abbastanza a lungo. Ma nella maggior parte dei casi, è stata ridotta la dimensione loro ed essi ha scritto attraverso molti di questi, che sono stati tenuti in forma di volumi reali.

Per ottenere una copia dei papiri, dato che la storia non aveva ancora consegnato all'umanità, la stampa, hanno dovuto pagare un prezzo molto alto. Già copia di questi, fu eseguita per mano di scribi differenti. Che è in ritardo, piuttosto, sulla copia della maggior parte dei papiri. Pertanto, essendo così faticoso lavoro, è che essi erano ricarica così costoso.

Via del ritorno, nella storia dei libri, pergamena, appare nel II secolo a.c. Essa ha la sua base di produzione, nella pelle degli animali del tempo. La grazia di rotoli, è che potrebbe durare parecchi anni di più, di papiri. Che è desasían abbastanza rapidamente, per preservare il suo contenuto, a meno che le copie di loro, in modo continuativo sono separate.

Successivamente, nella storia dei libri, sono codici, nel IV secolo. O libri, in latino. Che erano diversi fogli, sotto forma di un opuscolo, che erano fatte di legno e ricoperta di cera. Pertanto, con qualcosa di tagliente, potrei scrivere su di loro, e se è stato richiesto, essa potrebbe cancellare. Allo stesso modo, in questi libri, a volte fogli di pergamena, viene alternato che moda, era ancora più facile da scrivere. Con il passare del tempo, i fogli di legno, stavano cambiando di cuoio.

Nel Medioevo, i libri sono stati scritti principalmente da vari monaci il monastero esisteva in Europa. Hanno ancora loro scritto a mano. Molti di loro erano copie di classici della Grecia e di Roma. La maggior parte di questi libri, posseduti Intarsi preziosi, oro e altri ottimi materiali. Pertanto, in questa parte della storia, che si svolge nell'età dell'Unione di fede con la ragione, i libri erano molto costosi. Pertanto, solo alcuni monarchi, potrebbe essere dato il lusso di acquistarli.

Che sì, al Rinascimento europeo, nel 1456, il tedesco Johann Gutenberg, crea la prima stampa occidentale basata sul tipo di metallo mobile. La prima impressione è stata la "Bibbia di Gutenberg".

Uno dei fattori che contribuiscono a questo fatto storico, che segna un prima e un dopo, nella storia dei libri, è che c'è la carta. Quello che è stato imparato dagli europei, musulmani.

Dopo questo fatto, nella storia del libro, praticamente, nulla è cambiato. L'unica cosa che è stata raggiunta, è ulteriormente meccanizzare il processo, lo rendono più rapidamente, dalla rivoluzione industriale. La stessa cosa è successo, con la maggior parte della produzione mondiale di beni finali. Anche oggi ci sono libri elettronici o ebooks, che esploreremo in un altro articolo.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano