Passa ai contenuti principali

Provincia di Persis ed Unito di Persis | Origine e storia.

di Antoine Simonin clip_image001
Persis (in greco, preleva dal persiano pars) è l'antico nome della zona approssimativa del Fars moderno nell'Iran centrale, così come uno stato dei periodi ellenistici e imperiali in questa stessa provincia. Il suo nome deriva dai persiani che si stabilirono nella zona nel VII secolo A.C., il luogo chiamato Anšan prima.

Provincia di Persis

Persis era la patria persiana, terra di bacini fluviali e altipiani che stese dai monti Zagros. Suo cuore corrispondeva all'incirca al Fars moderno, costituito da pianure prosciugato fiume tra due creste dei monti Zagros, in esecuzione orizzontale da est a ovest. Questa terra, composta da bacini e valli, era fertile; agricoltura viene sostenuta da una complessa rete di canali di irrigazione.
Le pianure del nord-ovest sono state caratterizzate da colline più e valli a un'altitudine superiore e così ha ricevuto più pioggia rispetto alla loro controparte sud-orientale. In alta quota, potrebbero essere trovate foreste temperate, tra cui querce, palme da datteri e melograni.
Qui giaceva Pasargade, il capitale iniziale del re dei re persiani, così come l'altrettanto celebre città di Persepoli. Più vicino i laghi salati nel nord giaceva Anšan, antica sede del potere persiano e originale casa di ciro il grande, fondatore dell'impero persiano. Il fiume Mand separati Anšan da altre città nell'est.
clip_image002

Regno di Persis

Persis è anche il nome dato oggi a un piccolo regno della zona omonima che durò all'incirca dal 300 A.C. al 211/212 CE.
La storia del Regno di Persis è circondata da ombre e ipotesi contraddittorie ma, secondo le più recenti analisi, questo stato è apparso sotto Regno I Seleucos (305-281 A.C.), quando Persis e tutto il Medio Oriente erano sotto il controllo seleucide. Seleucos sembra hanno formato un'alleanza con una dinastia locale persiana, che ha guadagnato potere sostanziale in Persis. Persis governanti prese il titolo di frataraka, "custode del fuoco," equivalente a un titolo sub-satrapo. Loro potere in Persis è stato completato dalla presenza di un satrapo seleucide di Persis, portando ad un rapporto di convivenza, ma i dettagli precisi di questa situazione non sono completamente chiari nel giorno moderno.
I quattro primi governanti erano Artaxares ho (persiano Ardaxshir), Oborzes (persiano Wahabarz), Autofradate I (persiano Vadfradad) e Bagadates (persiano Bagdan). Hanno mantenuto il titolo di frataraka e coniate monete, probabilmente mantenendo buone relazioni con i seleucidi. L'eccezione è il Regno di Oborzes (c. 270-240 A.C.?), chi ha ucciso 3000 coloni greci secondo Polyaeneus (7.40). Ulteriore prova di regni turbolenti reperibile in moneta affollamenti, mostrando che i governanti Autofradate io e Bagadates non erano in buoni rapporti con l'altro.
Quando il seleucide Antiochos III salì al potere, ha messo Alexander, un greco, a capo della satrapia di Persis, insieme al fratello di Alexander Molon in Media. Disprezzare il re a causa della sua giovinezza, Alexander ha aiutato suo fratello Molone a rivoltarsi contro Antiochos III in 220-222 A.C., insieme con le satrapie superiori (Polibio V.40.6 - V.53.12). Sconfitto, Molone ed Alessandro si suicidarono (Polibio V.53.9), poi Antiochos III inviò Tychon, il segretario capo del suo esercito, "prendere il comando della provincia del Golfo Persico".
A seguito di questa rivolta, che dovrebbe avere coinvolto il frataraka, la dinastia Persis scomparve dalla vista fino a Autofradate II (persiano Vadfradad). Da questo sovrano fino all'ultimo, re orso tutto il titolo (malakh) invece di frataraka.
Persis re sembravano essere fedele ai Seleucidi fino alla loro sconfitta dai parti aumentanti nel 141 A.C.. I parti e poi li tenevano come vassalli, come hanno fatto più tardi con parecchi piccoli regni in Mesopotamia. Uno dei re di Persis, Ardashir, Giuseppe di Spartaco, rivoltato contro re Artabanos VI in 211/2 D.C. e frantumazione di lui, fondò l'Impero sasanide, praticamente termina il Regno di Persis fondendo con l'ex impero di Parthian sotto il suo governo.
Molto poco si sa degli aspetti culturali del Regno di Persis. Essi governarono da Istakhr, dove si trovano Tombe achemenidi. La dinastia illustrato diverse indicazioni di ellenizzazione sulle loro monete e la scarsa rappresentanza che ci ha lasciato, accanto a immagini che ricordano da arte achemenide.
Aspetti di amministrazione erano probabilmente simili a quelli utilizzati dai Sasanidi precoce, con un re dando ordini a diversi kyrios (signori). In definitiva, l'eredità del Regno di Persis divenne visibile attraverso elementi culturali Sasanidi anche se molti aspetti importanti rimangono sconosciuti.

Scritto da Antoine Simonin, pubblicato il 14 novembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Planhol, x. d, "Fars. I.Geography", Enciclopedia Iranica, edizione online, 2009
  • Wiesehöfer, J., "Persis; Re di", Enciclopedia Iranica, edizione online, 2009
  • Engels, d. "una nuova Frataraka cronologia." LATOMUS. Revue doppie ' études latines vol.72, 2013. p. 28-82.
  • Sarkosh Curtis, V. "le monete Frataraka di Persis: colmare il divario tra achemenide e Sasanian Persia." Il mondo di Persia achemenide: storia, arte e società in Iran e del vicino Oriente antico Bruxelles 2010. p. 379-396.
  • Susan Sherwin-White. Da Samarkhand a sardi. Pressa dell'Università della California, 1993. Pagina (e) p. 76-77.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…