Passa ai contenuti principali

Nero hennè, conoscere i rischi

In estate è molto frequente che viene offerto alla realizzazione del non-permanenti, tatuaggi con hennè - un pigmento ottenuto dalla essiccazione e schiacciare le foglie e fiori di un arbusto, il Lawxonia inermis-in luoghi come spiagge e le sue passerelle, feste e mostre nei villaggi, mercati o qualsiasi evento all'aperto. Questo tipo di tatuaggi sono popolari, proprio perché essi vengono cancellati dopo pochi giorni, e come non è necessario forare la pelle, questa è una pratica indolore.
La natura apparentemente innocua di questi tatuaggi attira adulti - che non decidono di segnare la pelle per sempre - e bambini - che troviamo difficile ottenere il permesso dei loro genitori, che vedono come una sorta di divertente trucco e senza conseguenze; Tuttavia, l'agenzia spagnola dei medicinali e prodotti sanitari, già emesso una nota nel luglio 2008 avvertimento dei rischi del tatuaggio con henné nero.
Hennè è un prodotto naturale che viene utilizzato per colorare i capelli o fare tatuaggi non permanenti sulla pelle, ma il suo colore è marrone verdastro (marrone rosso sulla pelle) e scurirlo e ottenere una brillante tonalità di nera e accelerare contemporaneamente il suo attaccamento alla pelle, sono utilizzati per coloranti come il P-fenilendiamina (PPD), che può causare gravi reazioni allergiche della pelle e sensibilizzare permanentemente interessatiin modo che se successivamente viene a contatto con questi coloranti (per esempio attraverso i vestiti) soffrirebbe reazioni che potrebbero diventare gravi.
La concentrazione di hennè nero PPD tende a raggiungere il 15%, mentre il massimo consentito per applicazione cutanea è 2% e 6% quando si tratta di tinture per capelli. E, inoltre, non può essere applicato direttamente sulla pelle, sopracciglia e ciglia.
I segni principali che indicano che si è affetti da una reazione allergica nella zona dove hanno fatto un tatuaggio con l'henné nero, secondo l'agenzia del farmaco, sono: prurito, arrossamento, gonfiore, macchie o scolorimento e persino vesciche o cicatrici. Se si visualizza uno qualsiasi di questi sintomi, si dovrebbe consultare immediatamente un medico.
Sensibilizzazione a lungo termine di PPD può provocare una grave reazione allergica a produrre una reazione incrociata con alcuni farmaci, come sulfamidici, antistaminici ed alcuni anestetici.

Come differenziare l'hennè naturale da hennè nero

Se volete fare un tatuaggio del hennè naturale, si dovrebbe innanzitutto verificare che esso non è adulterato con altri coloranti, e che non è hennè nero. Così, si eviteranno problemi della pelle, o rischio diventare sensibilizzati permanentemente e per subire una grave reazione allergica, se poi si entra in contatto con questo tipo di coloranti. Così si può guardare:
P-fenilendiammina (PPD) è un colorante che viene aggiunto per l'hennè naturale per scurirlo e può grilletto gravi reazioni allergiche in persone che eseguono un tatuaggio
• Il colore della polvere. Hennè naturale ha un colore marrone verdastro, e se è scuro, o nero, si avrà aggiunto coloranti.
• Il colore del tatuaggio. Hennè naturale macchie della pelle da un tono bruno-rosso, mentre il colore sarà nero nel caso usando l'hennè nero.
• Il tempo necessario per correggere un tatuaggio. Con hennè naturale, il processo è lento, e fino a quattro ore può essere necessario lasciare il tatuaggio a secco sulla pelle. Pertanto, se ci viene detto che possiamo rimuovere la pasta appena un ora dopo l'applicazione, sarà perché è hennè nero.
• La durata del tatuaggio sulla pelle. Con disegno di hennè naturale solitamente durerà tre o quattro giorni. Tuttavia, tatuaggi all'hennè neri sono più di una settimana.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…