Passa ai contenuti principali

La vita di Aristippo in Diogene Laerzio | Origine e storia.

di Joshua J. Mark Aristippo di Cirene (c. 435-356 A.C.) fu un filosofo greco edonistico che ha insegnato che il senso della vita era piacere e che la ricerca del piacere, dunque, era il più nobile sentiero uno potrebbe perseguire. Platone, Senofonte, Antistene ed altri, fu uno dei seguaci di Socrate. Egli fu anche il primo degli studenti Socrates a pagare una tassa per l'insegnamento della filosofia e, in parte per questo motivo, egli si tenne nel disprezzo di Platone e Senofonte, i quali criticano Aristippo nelle loro opere relative a Socrate. È difficile da capire, in un primo momento, come Aristippo avrebbe potuto essere un allievo di Socrate perché loro filosofie e stili di vita sembrano diametralmente opposte; Tuttavia, "motto" 'Aristippus, "posseggo, non sono posseduto", è abbastanza in linea con la visione di Socrates proprio della vita come presentato da Platone e Senofonte, le due principali fonti di informazioni sulla vita e filosofia di Socrates.
clip_image001
Diogene Laerzio: Vita e opinioni di eminenti filosofi
Un'altra fonte su Socrate e, in effetti, molti dei più grandi filosofi greci, è un lavoro noto come le vite e le opinioni di eminenti filosofi di Diogene Laerzio (III secolo D.C.). Laerzio, anche se criticata da molti studiosi nel moderno-giorno, per non citare le sue fonti, fornisce molti aneddoti interessanti sulla vita dei filosofi greci antichi più importanti (come il pensiero di lui). I passaggi seguenti da La vita di Aristippo sono presi dal lavoro 'Laertius e ritraggono il filosofo come un uomo complicato che, tuttavia, sempre riuscito a mantenere il suo equilibrio e la libertà personale. La traduzione è di C.D. Yonge:
I. ARISTIPPO era di nascita un Cireneo. ma egli giunse ad Atene, come dice Eschine, avendo stato attratto di là dalla fama di Socrate.
II. egli aver professato egli stesso un sofista, come Fanias, di Eresus, il peripatetico, ci informa, fu il primo degli allievi di Socrate, che esigeva denaro dai suoi allievi, e chi ha inviato il denaro al suo padrone. E una volta lo inviò venti dracme, ma li aveva rimandato ancora una volta, come Socrates ha detto che suo demone non gli permettesse di accettarle; per, in realtà, era indignato li avendo offerto a lui. E Senofonte utilizzato per odiarlo; su quale conto scrisse il suo libro contro il piacere come un attacco al Aristippo e assegnate il principale argomento a Socrate. Theodorus anche, nel suo trattato sui sette, ha attaccato lui gravemente, e ha così Platone nel suo libro sull'anima, come abbiamo accennato in un altro posto.
III. ma era un uomo molto rapido ad adattare se stesso a ogni tipo di luogo, tempo e persona, e sostenne facilmente ogni cambiamento della fortuna. Per quale motivo che era a favore di una maggiore con Dionysius rispetto a tutti gli altri, come ha sempre fatto meglio delle circostanze esistenti. Ha goduto di quello che era prima di lui piacevolmente, e lui non ha fatto fatica per procurare a se stesso il godimento di ciò che non era presente. Su quale account Diogenes utilizzato a chiamarlo cane del re. E Timon utilizzato per ringhio a lui come troppo di lusso, parlando un po ' in questo modo:
Come la mente effeminata di Aristippo,
Che, come ha detto, dal tocco poteva giudicare della menzogna.
Dicono che una volta ordinato una pernice per essere comprato per lui al prezzo di cinquanta dracme; e quando una ha accusato lui, "e non si sarebbe," disse lui, "hanno comprato se esso era costato un obolo?" E quando ha detto lui, «Bene» rispose Aristippo, "cinquanta dracme sono non più a me." Dionigi lo offrì una volta selezionare che ha il piacere di tre belle cortigiane; e ha portato via tutti e tre, dicendo che anche Parigi non hanno ottenuto nulla di buono da preferendo una bellezza il resto. Tuttavia, essi dicono, che quando lui li aveva portato fino al vestibolo, ha respinto era così facilmente incline a selezionare o a ignorare le cose. Su quale conto di Strato, o, come gli altri lo hanno, Platone, gli disse, "Tu sei l'unico uomo a cui è dato da indossare sia un intero mantello e stracci". Una volta quando Dionigi sputano su di lui, ha messo su con esso; e quando qualche colpa trovato uno con lui, ha detto, «uomini sopportare essendo bagnata dal mare per raggiungere una tinca, e intendo non che sopportare essere cosparsa di vino per la cattura di uno storione?»
IV. una volta Diogene, che stava lavando la verdura, lo ha ridicolizzato come si passavano e disse: "Se lei aveva imparato a mangiare queste verdure, lei non sarebbe stato uno schiavo nel Palazzo di un tiranno." Ma Aristippo rispose, "e tu, se avessi saputo come comportarsi tra gli uomini, vuoi non hanno stato lavaggio verdure". Essendo una volta chiesto quale vantaggio aveva derivato dalla filosofia, ha detto, "Il potere di associare con certezza con ogni corpo". Quando egli fu rimproverato per che vive stravagante, egli rispose: "Se la stravaganza era stato un guasto, esso non avrebbe un posto nelle feste degli dèi." Un'altra volta gli fu chiesto che cosa avevano filosofi vantaggio sugli altri uomini; ed egli rispose: "Se tutte le leggi dovrebbero essere abrogate, dovremmo ancora viviamo nello stesso modo come facciamo ora." Una volta quando Dionigi gli ha chiesto perché i filosofi infestano le porte dei ricchi, ma i ricchi non frequenti quelli dei filosofi, ha detto, "perché il primo sanno quello che vogliono, ma il secondo non lo fanno."
In una occasione egli fu rimproverato da Platone per vivere in un modo costoso; ed egli rispose: "Non Dionysius sembra di essere un brav'uomo?" E come ha detto che ha fatto; "E ancora," ha detto, "lui vive in un modo più costoso di faccio, così che non non c'è nessuna impossibilità in una persona di vivere sia costoso e bene allo stesso tempo". Gli fu chiesto una volta in cosa istruiti gli uomini sono superiori agli uomini ignoranti; e risposto, "proprio come"cavalli rotti sono superiori a quelli che sono ininterrotta. In un'altra occasione che stava in casa di una cortigiana, e quando uno dei giovani che erano con lui arrossì, ha detto, "Non è l'andare in una casa che è male, ma il non poter uscire." Una volta che un uomo ha proposto un indovinello a lui e disse: "Risolverlo". "Perché, si collega sciocco," ha detto Aristippo, "ti piacerebbe me perdere ciò che ci dà problemi, anche mentre è in obbligazioni?" Un detto della sua era, "che era meglio essere un mendicante che una persona ignorante; per un mendicante vuole solo i soldi che una persona ignorante vuole l'umanità. " Una volta quando egli è stato abusato, stava andando via, e come il suo avversario lo inseguì e disse: "perché stai andando via?" "Perché", egli disse, "hai una licenza per parlare male; ma ho un altro per rifiutarsi di sentire male." Quando qualcuno ha detto che ha sempre visto i filosofi alle porte dei ricchi uomini ha detto, "e i medici sono sempre visto anche alle porte dei loro pazienti; ma ancora nessuno avrebbe scelto per questo motivo essere un invalido, piuttosto che un medico".
Una volta che è successo, che quando lui stava navigando a Corinto, è stato superato da una violenta tempesta; e quando qualcuno ha detto, "Siamo individui comuni non hanno paura, ma voi filosofi si comportano come dei codardi;" disse, "molto probabilmente, per non noi due abbiamo lo stesso tipo di anime in gioco." Vedendo un uomo che prided se stesso alla varietà del suo apprendimento e realizzazioni, ha detto, "quelli che mangiano la maggior parte, e chi prende la maggior parte esercizio, non sono in migliore salute rispetto a coloro che mangiano solo tanto quanto è buono per loro; e allo stesso modo non è chi conosce un grande molte cose, ma coloro che conosco che cosa è utile che sono uomini preziosi." Un oratore aveva supplicato una causa per lui e lo ha guadagnato e in seguito ha chiesto, "ora, cosa buona hai mai ottenere da Socrate?" «Questo buono», egli disse, "che tutto quello che hai detto in mio favore è vero". Egli diede consigli ammirevole alla figlia, Arete, insegnandole a disprezzare superfluità. E viene chiesto di qualcuno in che rispetto il suo figlio sarebbe meglio se ha ricevuto un'educazione attenta, egli rispose: "Se egli non ottiene nessun altro bene, in ogni caso, quando lui è al teatro, egli non sarà una sola seduta di pietra su altra." Una volta quando qualcuno ha portato suo figlio per introdurre a lui, egli ha chiesto Cinquecento dracme; e quando il padre ha detto, "perché, per un prezzo così come che posso comprare uno schiavo." "Poi comprare lui," rispose, "e si avrà una coppia".
Era un modo di dire della sua che ha preso soldi da suoi conoscenti non al fine di utilizzarlo se stesso, ma per renderli consapevoli di ciò dobbiamo spendere i loro soldi. In un'occasione, essendo rimproverata per aver impiegato un avvocato assunto in una causa che aveva a seconda: "Perché no", disse lui; "Quando ho una cena, noleggiare un cuoco." Una volta fu costretto da Dionigi a ripetere qualche sentimento filosofico; "È un'assurdità," disse, "per imparare di me, come parlare, e ancora a insegnarmi Quando dovrei parlare:" e come Dionigi era offeso a questo, egli lo mise alla fine più bassa della tabella; su cui Aristippo ha detto, "Si desidera rendere questo posto più rispettabile". Un uomo è stato un giorno che vanta della sua abilità come un subacqueo; "Ti non vergogni," ha detto Aristippo, "per orgoglio voi stessi sulla vostra prestazione del dovere di un delfino?" In un'occasione gli è stato chiesto in che rispetto un uomo saggio è superiore a chi non è saggio; e la sua risposta è stata, "Inviarli entrambi nudi tra estranei, e si scopriranno." Un uomo è stato dotato di poter bere molto senza essere ubriaco; e ha detto, "un mulo può fare la stessa cosa." Quando un uomo ha rimproverato lui per vivere con un'amante, ha detto, "Fa alcuna differenza se uno prende una casa in cui molti altri hanno vissuto prima di uno, o uno dove nessuno ha mai vissuto?" e il suo reprover ha detto, "no". "Beh, fa alcuna differenza se si naviga in una nave in cui decine di migliaia di persone hanno navigato prima di uno, o se uno naviga in uno in cui nessuno ha mai intrapreso?" "Con nessun mezzo," disse l'altro. "Basta allo stesso modo," ha detto, "non fa alcuna differenza, se uno vive con una donna con cui hanno vissuto i numeri, o con uno con cui nessuno ha vissuto". Quando una persona una volta ha accusato lui per prendere i soldi dai suoi allievi, dopo essere stato egli stesso allievo di Socrate: "per essere sicuri che faccio", egli rispose: "per Socrates troppo, quando alcuni amici inviato loro grano e il vino, poco accettato e inviato il resto indietro; perché aveva gli uomini capo degli Ateniesi per i suoi fornitori. Ma ho solo Eutychides, quale ho comprato con i soldi." E ha usato vivere con Lais la cortigiana, come Sotion ci dice nel secondo libro delle sue successioni. Di conseguenza, quando qualcuno lo rimproverò sul suo conto, fece risposta «io possederla, ma io non sono posseduto da lei; dal momento che la cosa migliore è possedere piaceri senza essere loro schiavo, non deve essere priva di piaceri". Quando alcuni uno lui la colpa per la spesa che egli stava presso il suo cibo, ha detto, "sarebbe se non acquistati quelle cose se male costano tre obols?" E quando l'altro ammesso che egli sarebbe, "allora," disse, "non è che io sono appassionato di piacere, ma che siete appassionati di soldi." In un'occasione, quando Simus, l'intendente di Dionigi, lui stava mostrando una magnifica casa, lastricata di marmo (ma Simus era un frigio e un grande beone), egli colportée una quantità di saliva e sputo in faccia; e quando Simus era indignato a questo, ha detto, "non ho trovato un luogo più adatto per sputare."
Charondas, o come alcuni dicono, Fedone, gli ha chiesto una volta, "chi sono le persone che usano profumi?" "Sì," disse, "uomo infelice che io sono, e il re dei persiani è ancora più infelice di me; ma, ricordo, che come nessun animale è peggio per avere un profumo piacevole, così nessuno è un uomo; ma peste prendere quei miserabili che abusano la nostra belle unguenti». In un'altra occasione, gli fu chiesto come Socrate è morto; e ha fatto la risposta, "Come dovrei Vorrei morire a me stesso." Quando Polyxenus, il sofista, è venuto a casa sua e vidi la sua donna e la preparazione costosa che è stato fatto per la cena e poi lui la colpa per tutto questo lusso, Aristippo dopo un po' disse: "Puoi restare con me per un giorno?" e quando Polyxenus acconsentito, "Perché allora," disse, "hai biasimarmi? sembra che tu colpa non il lusso, ma la spesa di esso". Quando il suo servo stava trasportando una volta alcuni soldi lungo la strada e fu oppresso dal peso di esso (come Bion si riferisce nella sua tesi di laurea), egli disse, "cadere ciò che è oltre la tua forza e portare solo ciò che si può." Egli era una volta in mare, e vedendo una nave pirata a distanza, ha iniziato a contare i suoi soldi; e poi lasciarlo cadere in mare, come se involontariamente e cominciò a piangere la sua perdita; ma altri dicono che ha detto oltre, che era meglio per i soldi per essere perduto per amore di Aristippo, che Aristippo per amore dei suoi soldi. In un'occasione, quando Dionigi gli chiese perché era venuto, ha detto, per dare agli altri una parte di ciò che aveva e a ricevere una quota di quello che aveva non; ma alcuni segnalano che la risposta era, "quando volevo saggezza, sono andato a Socrate; ma ora che voglio soldi, sono venuto a voi." Ha trovato guasto con gli uomini, perché quando sono a vendite, esaminano gli articoli offerti con molta attenzione, ma ancora approvare della vita degli uomini senza alcun esame. Anche se alcuni attribuiscono questo discorso a Diogene. Dicono che una volta ad un banchetto, Dionysius desiderato tutti gli ospiti a ballare nelle vesti di porpora; ma Platone rifiutò, dicendo:
"Non potrei indossare vestaglia della donna, quando mi
È nato un uomo e di una virile razza. "
Ma Aristippo ha preso l'indumento, e quando stava per ballare, molto argutamente ha detto:
"Lei chi è casto, volontà non danneggiato essere
Di festini baccanale."
Era una volta un amico chiedendo un favore di Dionigi, e quando egli non poteva prevalere, cadde ai suoi piedi; e quando qualcuno lo rimproverò per tale condotta, ha detto, "non è io che sono da biasimare, ma Dionigi che ha le orecchie in piedi." Quando egli si trovava in Asia e fu fatto prigioniero da Artaferne il satrapo, qualcuno ha detto a lui, "sei ancora allegro e ottimista?" "Quando si collega sciocco," egli rispose: "posso avere più motivo di essere allegro che ora quando sono sul punto di conversare con Artaferne?" Ha usato essere un detto del suo, che quelli che avevano goduto l'enciclica in corso di formazione, ma che aveva omesso di filosofia, erano come i pretendenti di Penelope; per che hanno guadagnato oltre Melanto e Polidora e l'altro cameriera-servi e trovato più facile da fare che che to sposare l'amante. E Ariston ha detto in modo simile, che Ulisse, quando si era recato per la tonalità sottostante, visto e conversato con quasi tutti i morti in quelle regioni, ma non ha potuto ottenere una vista della regina stessa.
In un'altra occasione, Aristippo viene chiesto quali erano le cose più necessarie per ragazzi ben nati imparare, ha detto, "Quelle cose che mettono in pratica quando diventano uomini". E quando qualcuno lo rimproverò per avere venire da Socrate a Dionigi, sua risposta era: "sono andato a Socrate perché volevo istruzioni (paideias), e sono venuto a Dionisio, perché voglio diversione (paidias). Come aveva fatto soldi avendo le pupille, Socrates ha detto una volta a lui, "dove hai preso così tanto?" ed egli rispose, "dove hai preso un po'." Quando la sua amante gli disse, "Sono in modo familiare da voi", ha detto, "si può più dire che, che si potrebbe dire, dopo che era andato attraverso un boschetto, quale spina aveva graffiato si." E quando qualcuno incolpato lui ripudiare suo figlio, come se non fosse davvero sua, ha detto, "io so che flemma e so che i pidocchi, procedere da noi, ma ancora abbiamo ripudiato li come inutile."
Un giorno, quando aveva ricevuto dei soldi da Dionisio e Platone aveva ricevuto un libro, ha detto ad un uomo che deriso lui, "il fatto è, il denaro è quello che voglio e libri che Platone vuole." Quando è stato chiesto cosa fosse per cui egli fu rimproverato da Dionigi, "La stessa cosa," disse, "per cui altri rimproverarmi." Un giorno egli chiese Dionigi per qualche soldo, che ha detto, "ma lei mi ha detto che un uomo saggio non sarebbe mai in vogliono," "Dammi alcuni" Aristippo rispose, "e poi discuteremo quel punto;" Dionigi gli diedero alcuni, "allora," disse lui, "si vede che non voglio soldi". Quando Dionigi gli disse:
"Per lui che frequentano la Corte di un tiranno,
Diventa suo schiavo, anche se libero quando in primo luogo è venuto"
Ha preso lui, alto e ha risposto:
"Che l'uomo è ma uno schiavo che viene più libero".
Questa storia è raccontata da Diocle, nel suo libro sulla vita dei filosofi; ma gli altri attribuiscono la controreplica a Platone. Una volta litigò con Eschine e attualmente in seguito disse a lui, "saremo noi non rendono fino di nostra iniziativa e cessare questa follia; ma sarà aspettare qualche mentecatto ci riconcilia sul nostro tazze?" "Con tutto il mio cuore," ha detto Eschine. "Ricordo, allora," disse Aristippo, "che io, che sono più vecchi di voi, ho fatto le prime anticipazioni. E Aschines rispose: "dici bene, da Juno, dato che sei molto meglio di me; per ho cominciato il litigio, ma iniziare l'amicizia." E questi sono gli aneddoti che sono ha detto di lui.
V. ora c'erano quattro persone del nome di Aristippo; uno, l'uomo di cui stiamo parlando ora; il secondo, l'uomo che ha scritto la storia dell'Arcadia; il terzo era uno che, poiché egli era stato allevato dalla madre, aveva il nome di mêtrodidantos dato a lui; e lui era il nipote del primo, essendo figlio di sua figlia; il quarto è stato un filosofo della nuova Accademia.
VI. ci sono tre libri extant, scritto dal filosofo cirenaico, che sono, una storia dell'Africa, e che sono stati inviati da lui a Dionisio; e c'è un altro libro che contiene venticinque dialoghi, alcuni scritti in soffitta e alcuni in dialetto dorico. E questi sono i titoli di dialoghi - Artabazus; per i marinai naufragati; per gli esuli; a un mendicante; a Lais; a poro; a Lais sulla sua Looking-glass; Mercurio; il sogno; al Presidente della festa; Philomelus; ai suoi domestici; a coloro che lo rimproverò per possesso di vecchio vino e amanti; a coloro che lo rimproverò per spendere molto denaro sul suo mangiare; una lettera di Arete sua figlia; una lettera di un uomo che si stava allenando per i giochi olimpici; un libro di domande; un altro libro di domande; una dissertazione indirizzata a Dionigi; un saggio su una statua; un saggio sulla figlia di Dionigi; un libro rivolto a chi si considerava trascurato; un altro a chi ha tentato di dargli consigli. Alcuni dicono, anche, che ha scritto sei libri di dissertazioni; ma gli altri, il capo dei quali è Sosicrates di Rodi, affermare che non ha mai scritto una sola cosa. Secondo le affermazioni di Sotion in suo secondo libro; e di Panoetius, al contrario, ha composto i seguenti libri, - una materia di istruzione; unica virtù riguardanti; uno chiamato An esortazione; Artabazo; i naufraghi; gli esuli; sei libri di dissertazioni; tre libri di apoftegmi; un saggio indirizzato a Lais; uno a poro; uno a Socrate; uno sulla fortuna. E ha usato per definire il capo buono come un dolce movimento tendente a sensazione.
Un giorno, quando aveva ricevuto dei soldi da Dionisio e Platone aveva ricevuto un libro, ha detto ad un uomo che deriso lui, "il fatto è, il denaro è quello che voglio e libri che Platone vuole."
Quando Polyxenus, il sofista, è venuto a casa sua e vidi la sua donna e la preparazione costosa che è stato fatto per la cena e poi lui la colpa per tutto questo lusso, Aristippo dopo un po' disse: "Puoi restare con me per un giorno?" e quando Polyxenus acconsentito, "Perché allora," disse, "hai biasimarmi? sembra che tu colpa non il lusso, ma la spesa di esso". Quando il suo servo stava trasportando una volta alcuni soldi lungo la strada e fu oppresso dal peso di esso (come Bion si riferisce nella sua tesi di laurea), egli disse, "cadere ciò che è oltre la tua forza e portare solo ciò che si può."
In un'altra occasione, gli fu chiesto come Socrate è morto; e ha fatto la risposta, "Come dovrei Vorrei morire a me stesso."
Nota dell'autore: riconoscimento grato al sito Web di Peitho per il loro generoso traduzione di Diogene Laerzio: http://classicpersuasion.org/pw/diogenes/

Inserito da Joshua J. Mark, pubblicato il 26 agosto 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Diogene Laerzio: La vita di Aristippo
  • Baird, F.E. filosofici classici, Volume ho brossura filosofia antica. Pearson, 2010.
  • Platone. Grandi dialoghi di Platone. Signet Classics, 2008.
  • Senofonte. Opere di Senofonte. Pressa dell'Università di Harvard, 1923.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…