Passa ai contenuti principali

Il sistema stradale Inca | Origine e storia.

da Mark Cartwright
Il sistema stradale Inca formato una rete conosciuta come l'autostrada royal o qhapaq ñan, che divenne parte dell'Impero Inca, non solo facilitando il movimento di eserciti, persone e merci, ma anche fornendo un importante simbolo fisico del controllo imperiale inestimabile. Attraverso pianure, deserti e montagne, la rete collegata di insediamenti e centri amministrativi. Ben costruito e duratura, molte strade inclusi ponti, strade rialzate, scalinate e aveva anche le piccole stazioni (chaskiwasi) e a volte più grande, più lussuosi complessi (tambos) costellano ogni 20 km o così, dove i viaggiatori potrebbero passare la notte e rinfreschi.
clip_image001
Sistema stradale inca
La rete stradale di In1ca
Strade Inca coperto oltre 40.000 km (25.000 miglia), principalmente in due principali autostrade, funzionando a nord a sud attraverso l'impero Inca, che alla fine si sviluppa su antico Perù, Ecuador, Cile, Bolivia e Argentina. Una autostrada corse giù per la costa e l'altra ferita attraverso le highlands. Un'altra importante strada correva est da Quito (Ecuador) attraverso a Mendoza (Argentina), e c'era anche un importante itinerario lungo le pianure della costa settentrionale. Incrociando queste strade principali erano alcuni altri 20 percorsi secondari e molti più piccoli sentieri oltre. Strade sono state costruite anche che è andato oltre gli insediamenti Inca-controllato e guidato al territorio esterno, forse per facilitare il commercio con, o le operazioni militari contro, vicini popoli. Lungo alcune delle più importanti autostrade, pietre miliari segnate ogni unità Inca di distanza, il topo, equivalente a 7 km.
Anche se alcune strade Inca utilizzato vecchi percorsi come quelli costruiti dai precedenti Wari, Tiwanaku, e culture Chimú, Incas erano anche creative nel loro posizionamento delle rotte e non avevano paura di attraversare terreni nuovi e disabitato. Ingegneri Inca erano anche imperterriti da difficoltà geografiche e costruirono strade attraverso gole, fiumi, deserti, e passi di montagna fino a 5.000 metri di altezza.
clip_image002
Strada inca & Bridge

Materiali & metodi di ingegneria

Strade Inca sono stati costruiti senza il beneficio di indagine sofisticate apparecchiature utilizzando solo strumenti in legno, pietra e bronzo. Come sono stati costruiti in diverse zone geografiche utilizzando delle popolazioni locali, le strade sono, di conseguenza, non uniforme nel disegno della costruzione o dei materiali. La larghezza della maggior parte delle strade varia da uno a quattro metri, anche se alcuni potrebbero essere molto più grande, come l'autostrada larga 15 metri nella provincia della Pampa di Huánuco. A volte ci sono anche due o tre strade costruite in parallelo, soprattutto vicino ai centri urbani più grandi. Appiattito strada letti - spesso generati - solitamente sono stati realizzati utilizzando imballato terra, sabbia o erba. Le strade più importanti sono state rifinite con precisamente organizzati selciati o ciottoli. Strade in genere erano bordati e protetto con pareti in pietra, pietra marcatori, in legno o canna messaggi, o mucchi di pietre. Drenaggio fu fornito da frequenti scoli, canali sotteranei, che trassero fuori l'acqua piovana dalla superficie stradale, canalizzazione e lungo o sotto la strada. Nell'attraversamento di zone umide, strade erano spesso sostenute da mura contrafforte o costruiti su strade rialzate. Ponti di pietra o canne furono anche costruite per coprire distanze in un percorso più diretto come erano grandi, pietre, lama-friendly scale in terreno montagnoso. C'era anche un funzionario nominato, il Chaka Suyuyuq, responsabili dell'ispezione ponti dell'Impero.
In generale e nonostante la loro reputazione per romano-come strade lungo rettilineo, strade Inca tendevano a seguire i contorni naturali come i tratti di strada diritti sono raramente più di pochi chilometri di lunghezza. È inoltre considerevole che strade Inca sono spesso molto più elaborato e ben costruito, che era effettivamente necessario. Questa attenzione al dettaglio era quasi certamente al fine di impressionare i viaggiatori e gente conquistata della superiorità della cultura Inca come feltro dai signori del Cuzco.
Sicuramente uno dei luoghi più suggestivi e vetrine per ingegneria Inca deve essere stato i molti ponti sospesi di corda che attraversava gole pericolose. Questi sono stati costruiti utilizzando trecce di corda reed o erba con legno e pavimenti in fibra. Forse il più famoso attraversò il fiume Apurimac nei pressi di Cuzco e misurato a 45 metri di lunghezza. Ponti sospesi sono stati costruiti spesso in coppia magari con un ponte per popolani e uno per nobili. Un'alternativa a tali ponti era la oroya, un cesto sospeso che trasportato due o tre persone alla volta su una distanza maggiore rispetto potrebbe essere raggiunto con un ponte di corda. Popolazioni locali erano data la responsabilità di mantenere queste strutture deperibili ogni anno come parte del loro tributo imperiale.
clip_image003
Stazione di riposo strada Inca

Utenti della strada

L'ampia portata della rete stradale ha permesso Incas meglio spostare eserciti attraverso i loro territori al fine di ulteriormente espandere l'impero o mantenere l'ordine all'interno di esso. Beni commerciali e tributo da gente conquistata - merci e persone - potrebbe anche essere facilmente trasportati da e verso i maggiori centri di Inca, tipicamente utilizzando carovane di lama e facchini (non c'erano nessun veicoli a motore). Funzionari amministrativi Inca anche viaggiarono lungo le strade al fine di dispensare giustizia o mantenere record come produzione agricola locale, quote di tributo e censimenti. Le persone comuni non potevano utilizzare le strade per scopi privati, a meno che non avevano il permesso ufficiale. Anche a volte hanno dovuto pagare il pedaggio per il privilegio, soprattutto di ponti.
Un'altra caratteristica interessante di strade Inca era l'uso di corridori (chaski o Chasqui). Muoversi velocemente come potevano, che hanno operato in relè, passaggio di informazioni a un corridore fresco stanza ogni sei-nove chilometri. Tuttavia, non era solo i messaggi che sono stati trasportati tra centri abitati, ma anche elementi deperibili come il pesce fresco e frutti di mare per le tabelle di nobili Inca. Con questo sistema, informazioni (e pesce) poteva viaggiare fino a 240 km in un solo giorno. I messaggi trasportati per lunghe distanze avrebbe coinvolto centinaia di scambi orali, e per mantenere il corretto significato del messaggio originale, quipu - un montaggio codificato di corde e nodi - erano probabilmente utilizzati per aiutare la memoria dei corridori.

Eredità

Molte sezioni della rete stradale Inca sopravvivono oggi e sono ancora utilizzati dai pedoni, soprattutto nei pressi di siti come Machu Picchu, dove grandi scalinate di pietra e ponti danno accesso al sito per turisti moderni. Inoltre, alcuni degli itinerari originali Inca hanno avuto strade moderne costruite direttamente sopra loro, illustrando le competenze e la visione per l'attraversamento di terreni e distanze possedevano da strada e Inca ingegneri costruttori.

Inserito da Mark Cartwright, pubblicato il 8 settembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Alden Mason, J., le antiche civiltà del Perù. Penguin Books, 1988.
  • Baudin, L. vita quotidiana degli Incas. Dover Publications, 2011.
  • D'Altroy, T. Incas. Wiley-Blackwell, 2014.
  • Jones, D.M. la completa storia illustrata dell'Impero Inca. Libri del Lorenz, 2012.
  • Mann, C.C. 1491. Annata, 2006.
  • Moseley, M.E. Incas e dei loro antenati. Thames & Hudson, 2001.
  • Pietra, R.R. arte della Andesín a Inca. Thames & Hudson, 2012.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…