Ginecomastia, crescita del seno maschile

Ginecomastia

Ginecomastia è un aumento della dimensione del seno negli uomini, prodotto da una proliferazione benigna del tessuto ghiandolare mammario. Loro causa è uno squilibrio tra gli effetti stimolanti degli estrogeni (ormoni sessuali femminili) e gli effetti inibitori degli androgeni (ormoni sessuali maschili) nel tessuto del seno, quando il primo aumento, o i secondi verso il basso.
La ghiandola mammaria è regolata dall'azione di vari ormoni, tra cui estrogeni, progesterone e prolattina. Estrogeno e il progesterone stimolano la crescita del seno e lo sviluppo del tessuto ghiandolare mammario. Prima della pubertà, esistono differenze tra le ghiandole mammarie di entrambi i sessi, tuttavia, da questo, i cambiamenti ormonali che si verificano nel corpo favorevole allo sviluppo della ghiandola mammaria nelle donne. Nel maschio sono tenute a basse concentrazioni di estrogeni, dominano l'azione degli androgeni, così seno li non si verifica.
La vera ginecomastia di solito appare come un nodulo o un aumento del volume del seno, che può essere unilaterale (interessare una madre single) o bilaterale (in entrambi), e che può accompagnare il doloreo ipersensibilità al seno . È importante fare una diagnosi differenziale tra ginecomastia vera e altre patologie, principalmente due:
  • Pseudoginecomastia: l'allargamento del seno si verifica da deposizione di tessuto adiposo, senza proliferazione del tessuto ghiandolare. È comune nei maschi obesi.
  • Cancro al seno: tende a manifestarsi come una massa generalmente unilaterale, posizione eccentrica rispetto al capezzolo (nella ginecomastia solitamente concentrico), consistenza ferma o dura al tatto (in ginecomastia è toccare Gummy), indolore, la maggior parte del tempo, e che può essere associata ad altri sintomi quali cambiamenti nella pelle, retrazione del capezzolo, secrezione mammaria, che può essere sanguinante, o nodi palpabili, soprattutto a livello dell'ascella. Cancro al seno maschile è molto comune (è meno dell'1% dei tumori al seno), tuttavia è essenziale conoscere per differenziarla da ginecomastia.

Che possono influenzare la ginecomastia?

Ginecomastia è un problema relativamente comune nella popolazione, e ci sono tre picchi di prevalenza per tutta la vita:
  • Neonati neonato: tra 60 e 90% dei neonati hanno ginecomastia, prodotta dal passaggio di estrogeni materni attraverso la placenta. Si tratta di una ginecomastia transitoria che scompare in 2-3 settimane.
  • Pubertà: ginecomastia in pubertà colpisce principalmente giovani di età compresa tra 10 e 14 anni ed è dovuto all'aumento degli estrogeni che si verifica a questa età fisiologico e transitorio. Come avviene nel neonato, è un fenomeno transitorio, prende per inoltrare tra 18 mesi e 3 anni. È raro che persiste dopo 17 anni di età. Ginecomastia colpisce dal 19 al 69% di bambini e adolescenti tra i 10 e i 14 anni.
  • Anziani: è dovuto ad un aumento del tessuto adiposo con un maggiore aromatizzazione periferica (un processo che si verifica nel tessuto adiposo e che consiste della conversione degli androgeni in estrogeni), ad un declino della produzione di testosterone dai testicoli e l'uso di farmaci. Si stima che tra il 40 e il 65% dei maschi di età compresa tra 50 e 80 anni hai ginecomastia, una percentuale che aumenta in pazienti ospedalizzati.

Cause della ginecomastia

La maggior parte dei casi di ginecomastia sono fisiologico cause (Gyno autovalutazione, pubertal Gynecomastia o ginecomastia senile), o sconosciuto, ma è importante escludere alcune patologie che possono causare ginecomastia patologica e che può essere grave. Il meccanismo di cui al seno si verifica la crescita non è ben noto, anche se si ritiene che la causa principale è uno squilibrio tra l'azione di estrogeni e androgeni nel seno del maschio (e non necessariamente dei livelli di ormoni nel sangue).
Le cause che possono causare una ginecomastia patologica sono molteplici e variegate:
1 eccessiva produzione di estrogeni:
o tumori secretivi di estrogeni o suoi predecessori: dei tumori delle cellule di Sertoli e Leydig (20-30% presente con ginecomastia), tumori testicolari secretori di hCG o gonadotropina corionica umana (2-6% hanno ginecomastia), tumori surrenalici. Altri tumori quali polmone, fegato, cancro gastrico e renale, anche in grado di produrre hCG e quindi disposta con ginecomastia.
o l'aromatizzazione (conversione) aumentato periferica degli androgeni in estrogeni: obesità, malattie croniche del fegato come ipertiroidismo (67% di prevalenza di ginecomastia), cirrosi (10-40% presente con ginecomastia), malnutrizione, insufficienza renale cronica, disordini dell'aromatasi, femminilizzante tumori surrenalici ereditati (sono molto rari, ma quasi il 98% delle persone colpite sviluppano ginecomastia).
2 la produzione di testosterone insufficiente:
o cause congenite (presenti dalla nascita): anorchia congenita (mancanza dei testicoli), la sindrome di Klinefelter, sindromi di resistenza di androgeni (femminilizzazione testicolare, sindrome di Reifenstein, assenza dalla nascita di recettori degli androgeni), malattia di Kennedy, deficit della sintesi di testosterone, ipofisi o malattia ipotalamica.
o acquisito per tutta la vita: orchite, castrazione, traumi testicolari, infezioni virali, chemioterapia o radioterapia, insufficienza renale.
3 farmaci: sono probabilmente la più comune causa di ginecomastia secondaria. Essi includono i seguenti:
o gli ormoni: estrogeni, antiandrogeni (ciproterone acetato, finasteride, ketoconazolo, flutamide e lo spironolattone), steroidi anabolizzanti, testosterone, ormone HCG (gonadotropina corionica umana).
§ 5-alfa-reduttasi (finasteride e dutasteride) inibitori: utilizzato nel trattamento dell'ipertrofia benigna della prostata e prevenzione del cancro della prostata.
§ Bicalutamide e flutamide: utilizzato nella terapia ormonale adiuvante nel cancro della prostata.
§ Spironolattone (usato per trattare, tra l'altro, malattie cardiovascolari): tra 5-10% dei pazienti trattati con spironolattone lasciare il trattamento a causa del verificarsi di ginecomastia.
o Antiulcerosos: soprattutto cimetidina, ma anche ranitidina, omeprazolo e metoclopramide può produrre ginecomastia.
o utilizzato in neurologia e psichiatria farmaci: aloperidolo è stato che ha mostrato la ginecomastia come effetto collaterale significativo, anche se potrebbero produrre altri come diazepam, fenitoina, oppioidi e antidepressivi triciclici.
o altri farmaci (antitumorali, antimicrobici farmaci usati per malattie cardiovascolari, ecc.): metotressato, minoxidil, agenti alchilanti, penicillamina, Digossina, inibitori dell'ACE, amiodarone, metronidazolo, teofillina, isoniazide, antiretrovirali, metildopa, minociclina, anfetamine, reserpina, penicillamina, eroina, metadone...

Sintomi e diagnosi della ginecomastia

Il sintomo principale di ginecomastia è il visibile aumento della ghiandola mammaria. Esso è solitamente asintomatica, anche se nel caso di sviluppo veloce della lesione, può comparire dolore locale.
A seconda della causa che lo produce, ginecomastia deve essere accompagnato da alcuni sintomi o altri. A volte la secrezione di latte può verificarsi attraverso il capezzolo, che può indicare che c'è il hyperprolactinemia. La comparsa di altri sintomi come la retrazione del capezzolo o scariche di sangue attraverso questo deve essere attenti alla possibile esistenza di cancro al seno, quindi se questi sintomi dovrebbero consultare un medico.

Diagnosi di ginecomastia

Nella maggior parte dei casi con storia clinica, esame fisico e un esame del sangue dell'ormone, è sufficiente per raggiungere la diagnosi di ginecomastia e la sua causa. Tuttavia, a volte questo non è sufficiente, e altri test più complessi è richiesto.
  • Storia clinica: è importante, quando si tratta di anamnesi (intervista clinica di un medico al paziente circa il loro background e dei loro sintomi), raccogliere alcuni dati di base sul malato, compresa la loro età, l'evoluzione nel tempo di ginecomastia e quali sono i sintomi associati (dimensione aumentata o massa palpabile, secrezione dal capezzolo)(, retrazione di questo, i cambiamenti nella pelle, dolore o altri sintomi). Inoltre, è obbligatorio chiedere circa il consumo di droghe o altre sostanze che possono avere ha provocato la crescita della ghiandola mammaria. Infine, dovrebbe chiedere al paziente una storia personale di testicolare, fegato o malattie renali, e una storia familiare di ginecomastia.
  • Esame fisico: è importante effettuare un esame fisico come approfondito e dettagliato come possibili tra cui, ovviamente, del seno di scansione. Peso, altezza e massa del paziente indice del corpo, deve essere misurato per escludere che la ginecomastia è dovuta ad obesità. L'esame fisico dovrebbe includere un esame della mammella bilaterale (ispezione e palpazione del seno con il paziente sdraiato, coprendola tra due dita e li avvicina per rilevare la resistenza o la massa palpabile), esplorazione addominale (per valutare la malattia epatica, gastrica, renale o surrenale), palpazione (a escludere masse gozzo o tiroide) tiroide e testicolare (alla ricerca di tumori gonadici). Infine, l'esame fisico dovrebbe servire a confermare o escludere la presenza di linfonodi.
  • Esame del sangue: in pazienti che presentano una ginecomastia fisiologica, asintomatico, o a causa di farmaci, non è necessaria la realizzazione di un sangue prova. Tuttavia, se si tratta di una ginecomastia persistente o la causa non chiarita di anamnesi ed esame fisico, è consigliabile eseguire un'analitica completa che permette di conoscere i livelli nel sangue di vari ormoni (hCG, LH, FSH, prolattina, testosterone ed estradiolo), così come per valutare la funzione epatica, renale e tiroidea. Fondamentalmente gli obiettivi analitici per trovare la causa della ginecomastia, scartando così nel caso di una ginecomastia secondaria. Risultati analitici devono essere interpretati sempre da un medico.
  • Test di imaging: consigliato per differenziare vero massa sospetti per cancro ginecomastia, quando storia ed esame fisico così suggerisce. Questi test non devono essere assunto regolarmente né sostituire l'esame fisico, ma che dovrebbe essere solo quando c'è sospetto clinico di malignità. Test di Imaging più comunemente usati sono mammografia (è un test utile per la rilevazione del cancro al seno, anche se non tanto quanto nella femmina), ultrasuoni e tomografia assiale computerizzata e la scelta di uno o l'altro dipenderà ogni caso in particolare.
  • Prova istologica (permette di rimuovere il tessuto per l'analisi in laboratorio): dovrebbe essere solo quando c'è sospetto di cancro al seno da esame fisico e test di Imaging. Fna (citologia di aspirazione dell'ago), biopsia o mastectomia può essere.

Trattamento della ginecomastia

Trattamento della ginecomastia dipende da molti fattori, che tra i quali sono la sua causa, sua durata, la gravità e la presenza o l'assenza di altri sintomi. Di seguito sono i pilastri principali del trattamento della ginecomastia:
  • Atteggiamento in grande aspettativa: è l'atteggiamento più frequente e consigliato di essere obiettivo quando una vera ginecomastia, tenendo conto che nella maggioranza dei casi è un problema fisiologico, transitorio o secondario ad una causa che può essere trattata o sospensione (farmaci). Noi dobbiamo rassicurare il paziente circa la bontà del problema e controlli ogni 3-6 mesi per vedere l'evoluzione.
  • Farmaci:
    • Tamoxifene: è un recettore per gli estrogeni modulatore selettivo (SERM). È il farmaco più studiato e, per il momento, che mostra i risultati migliori. Esso presenta buoni risultati nella diminuzione delle dimensioni del seno, il miglioramento dei sintomi come il dolore, e anche rinvio viene completata in pochi anni nel 50-80% dei casi. Non sono stati osservati recidive o effetti collaterali importanti. È il trattamento di prima linea.
    • Raloxifene: è anche un modulatore selettivo del recettore degli estrogeni, che blocca gli effetti degli estrogeni nel seno. Anche se sembra avere buoni risultati i suoi effetti a lungo termine sono sconosciuti.
    • Altri:
      • Danazolo: è un androgeno che diminuisce la produzione di FSH, LH ed estrogeni. Ha effetti negativi come il guadagno del peso.
      • Anastrozolo: è un selettivo inibitore dell'aromatasi che diminuisce i livelli di estrogeni e aumenta la concentrazione di testosterone.
  • Intervento chirurgico: è riservato ai casi confermati di cancro al seno, o quando è una vera ginecomastia, che persiste nonostante il trattamento medico o presuppone un grave problema estetico o psicologico per il paziente. Ci sono diverse tecniche, essendo il più usato mastectomia sottocutanea, mammoplastica riduzione o liposuzione. I risultati tendono ad essere abbastanza bene dal punto di vista estetico.
  • Trattamento preventivo di ginecomastia in pazienti che ricevono la terapia ormonale adiuvante per il cancro alla prostata: a causa dell'alta incidenza di ginecomastia in questi pazienti (che può comportare la sospensione del trattamento), sono stati proposti trattamenti preventivi per prevenire la ginecomastia. Le due opzioni più comunemente usate sono radiazioni e tamoxifene.

Trattamenti diversi a seconda del tipo di paziente

In funzione dell'età e altre caratteristiche del paziente, diversi trattamenti sono abituati a trattare con ginecomastia:
  • Adolescenti:
    • La maggior parte dei ragazzi con ginecomastia raccomanda di osservazione e rivalutazione a 3-6 mesi, più lunghi rispetto alla maggior parte del tempo questo si risolve spontaneamente.
    • Nel giovane con manifesto ginecomastia, che trovò che in effetti c'è tessuto ghiandolare nel seno, e che sono consapevole di gravità della ginecomastia, può essere usato per tre mesi un SERM come tamoxifen. Si raccomanda di non utilizzare il raloxifene (mancanza di esperienza con questo farmaco in pazienti giovani).
    • Egli non è raccomandato poiché gli inibitori dell'aromatasi che non sembrano essere efficaci.
  • Adulti:
    • Nella maggior parte degli uomini adulti con ginecomastia è consigliato, inizialmente, osservazione e atteggiamento in grande aspettativa. Ci saranno follow-up a quei pazienti che hanno ginecomastia indotta da farmaci o prodotto da un disordine di fondo trattabile (come ipogonadismo o ipertiroidismo), poiché una volta che il grilletto è stato trattato la ginecomastia scompare.
    • In quegli uomini che non identifica la causa della ginecomastia e questo persiste più di tre mesi, si raccomanda di iniziare il trattamento con un SERM da 3 a 6 mesi, essendo il più diffuso tamoxifene (c'è poca esperienza con raloxifene). Inibitori dell'aromatasi non sono molto efficaci, secondo i risultati di recenti studi.
    • Negli uomini con ginecomastia persistente (più di uno o due anni), in quanto si tratta di uno stigma e un complesso, chirurgia plastica, è raccomandato dal seno tessuto dopo tanto tempo è fibroso e non esisterà la risposta ai farmaci.
  • Pazienti con cancro alla prostata:
    • Prevenire la ginecomastia negli uomini con avanzato cancro alla prostata sottoposti a monoterapia antiandrogen della alto-dose, il trattamento con tamoxifen è consigliato per ridurre il rischio di sviluppare ginecomastia. Radiazione può essere profilattico per prevenire ginecomastia in alcuni casi.
    • L'uso degli inibitori dell'aromatasi per la prevenzione della ginecomastia, non è raccomandato poiché essi sembrano essere efficaci.
    • Negli uomini che hanno già sviluppato il trattamento di ginecomastia con antiandrogeni, è consigliato il trattamento con tamoxifen.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere