Passa ai contenuti principali

Elaborare il lutto, come affrontare una morte vicina

Il processo di dolore

Una delle situazioni più tristi e dolorose che dobbiamo affrontare prima o poi è la morte di una persona cara. Quando perdiamo qualcuno che amiamo normale è di essere triste, con la sensazione che qualcosa di te è cambiato ed è andato per sempre. Questo dolore che, come vedremo più avanti, varia in intensità ed è detto da alcune persone per gli altri, segnala l'avvio di un percorso individualmente e inevitabile accettare che la nostra amata è andato per sempre: il duello.
La parola duello (dal latino di dolus) significa dolore. Secondo il manuale diagnostico dei disturbi mentali, il dolore è un processo di varia durata e intensità che passa un individuo che soffre di una perdita. In sé, il dolore è un processo normale che serve una funzione adattiva: ci aiutano ad assimilare la perdita e per imparare a vivere senza la persona che ha passato. Come è un processo normale, inizialmente non è necessario un intervento specifico, fornito che la persona interessata ha risorse adeguate sia interne che esterne, per affrontare la perdita dell'amata.
Mentre la persona in lutto è disposta a superare il dolore, in questo caso più che mai la fretta non sono buone. Una delle domande posate più frequentemente la sofferenza in queste circostanze è "quanto tempo continuerò sensazione così male?". La risposta non è facile, poiché la durata del processo di lutto è molto variabile e dipende da ogni persona e le loro circostanze. In generale possiamo dire che, come minimo, è necessario passare un anno per la perdita. Tuttavia, studi più recenti sostengono che, dopo una perdita significativa l'attore comincia a recuperare nel secondo anno. Il superamento dell'anniversario della morte di essere voluto, così come passando attraverso le date, è aspetti cruciali per superare il dolore.

Fasi del lutto di una persona cara

Conoscere le fasi del lutto di una persona cara, aiuta il lutto per capire il tuo dolore e adottare le risorse di coping con ciascuno di questi, che sono:
  • Intorpidimento o fase d'urto: eventuali reazioni come stordimento, negazione, rabbia e non accettazione della perdita.
  • Fase di struggimento e ricerca: la persona si sente un desiderio intenso e a cercare la persona deceduta. In questa fase è comune l'irrequietezza fisica e pensieri permanenti sul defunto.
  • Fase di disorganizzazione e disperazione: evidenzia i sintomi, simili alla depressione, come è il caso di apatia, indifferenza, insonnia, perdita di peso e la sensazione che la vita ha perso senso. Tutto questo è accompagnato da ricordi costanti del defunto.
  • Fase di riorganizzazione: cominciano a inviare gli aspetti più dolorosi del duello, e il paziente comincia a sperimentare la sensazione di tornare alla sua vita. In questo momento i ricordi del defunto combinano emozioni come gioia e dolore
È importante notare che queste fasi sono in ogni caso statico. Cioè, mentre i progressi nel processo di dolore, ci possono essere giorni (o anche settimane) in cui la persona si sente male come all'inizio del processo, senza questo significato che ha retroceduto nell'elaborazione del duello.

Lutto complicato

La maggior parte del tempo il processo di lutto per la morte di una persona cara avviene in modo naturale, ma in alcuni casi è alterato, risultando in un 'lutto complicato'. Questo tipo di duello implica processi che non vanno verso l'assimilazione o l'alloggio della perdita, ma, invece, portano a ripetizioni stereotipate o frequenti interruzioni delle cure. Alcuni sintomi di identificare che sta andando attraverso un lutto complicato sono:
  • La persona non può parlare del defunto senza provare dolore intenso, anche se è stato a lungo.
  • Eventi relativamente poco importanti ha attivato un'intensa reazione emotiva.
  • Nel contenuto del suo discorso sono problemi di perdite.
  • Non si vuole sbarazzarsi di cose dal defunto, vuole lasciare lo stesso.
  • Sviluppare sintomi fisici come coloro che hanno sperimentato il defunto.
  • Appaiono radicali cambiamenti nel vostro stile di vita, evitare gli amici, attività connesse con il defunto...
  • Compare una sensazione di persistente senso di colpa, bassa autostima, falsa euforia, ecc.
  • C'è una tendenza a imitare la persona deceduta.
  • Sperimenta una tristezza inspiegabile.
  • Una fobia può apparire la malattia o la morte, spesso legate alla malattia di cui soffriva il defunto.

Come affrontare il dolore per la morte di una persona cara

Per essere in grado di affrontare il dolore per la morte di una persona cara, la prima cosa che dobbiamo fare è che il duello, fa male. Alcune persone insistono a voler togliere il dolore della perdita, patologizando, volendo eliminarla con farmaci miracolosi o falso incoraggiamento. Questo atteggiamento non più che prolungherà il duello, rendendo difficile e farci credere malato. Per questo motivo, accettare il dolore è il primo passo per tenere a mente per affrontare questa dolorosa esperienza. Tuttavia, adottare i seguenti comportamenti possono alleviare il dolore:
  • Lean sulle persone che vi circonda; Essi sono i migliori terapisti. Primo supporto dovrebbe sempre venire da amici e parenti stretti. Se si pensa che si saturare il tuo spazio, non esitate a dirlo.
  • Assimilates la perdita a vostro piacimento: per esempio, se prende in mano le loro cose farlo a vostro piacimento; È importante sapere che devi farlo, ma non subito, ma quando ti ritrovi con forza.
  • Esprimere le vostre emozioni: durante lo sviluppo del duello può sperimentare alcuni sentimenti contraddittori. Gli altri si può sembrare fino a dantesco. È buono esprimere il tuo disagio quando ne avete bisogno e, allo stesso modo, quando non volete parlarne faccia sapere così persone che potrebbero essere insistente nel parlare del problema.
  • Accettato il pensiero della persona assente, e permettetevi di sentire male (piangere, credo che nulla ha senso, ecc). C'è una tendenza errata nella nostra società, che consiste nel non permettendoci di pensare a ciò che ci ferisce. Questo è un errore, poiché questi ricordi in un attimo si produrrà forti emozioni, ma come lei progressi il duello perderà intensità emotiva.
  • Permettetevi di essere felice: non affetti più più piangere. Ci sono anche studi che sostengono che, poiché i primi momenti della perdita il querelante possono sentire emozioni positive.
  • Mai prendere psicofarmaci in proprio o perché gli altri li hanno raccomandato per voi. Questo tipo di farmaci deve essere prescritti da uno specialista.
  • Appreciates la necessità di chiedere per la terapia psicologica se necessario: se il duello continua troppo, dove agitazione non è alleviata con il passare del tempo o diventando sempre più intenso, se non riesci a rifare la tua vita, se avete voglia di andare con il defunto... La terapia può aiutare a controllare i tuoi pensieri, ad affrontare i processi decisionali, per riconquistare la tua vita e di ridurre l'attivazione emotiva.
E ricordate che quando qualcuno muore, mai sarà interamente. C'è sempre qualcosa di quella persona in te; nei tuoi ricordi, le tue abitudini; A volte, anche, nel tuo modo di essere. In qualche modo, fare la reminiscenza della sua vita, qualcosa di straordinario.
Articolo contribuito per scopi didattici
Salute e Benessere

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…