Passa ai contenuti principali

Dieci donne nobili e famigerate dell'antica Grecia | Origine e storia.

di Joshua J. Mark C'erano, senza dubbio, molte donne notevoli nell'antica Grecia, ma libri di storia sono solitamente silenziosi su successi femminili. Secondo lo storico e romanziere Helena P. Schrader, questo è perché, "Erodoto ed altri antichi storici greci sono molto più probabili parlare persiane regine che le mogli dei greci – non perché donne persiane erano più potente rispetto alle loro controparti greche, ma perché i persiani avevano parecchie mogli, e così è stato a volte utile registrare da chi di loro era nata una certa cifra persiana. Dal momento che i greci avevano solo una legittima moglie, non era necessario per tali chiarimenti quando si trattava di eminenti cittadini greci". Ogni tanto, tuttavia, alcune donne eseguito atti che i maschi scrittori della storia semplicemente non potevano ignorare. Donne come la regina Gorgo di Sparta (c. 490 A.C.) e Aspasia di Atene (470-400 A.C.) sono sempre stati ben noto per le proprie realizzazioni e per la loro associazione con uomini famosi come Leonida e Pericle, ma c'erano molti più che ha portato la vita interessante ed eseguito atti eroici e che rimangono meno conosciuti nel giorno moderno.
clip_image001
Aspasia circondato da filosofi greci

Hydna di Scione

Hydna di Scione è stato addestrato a nuotare da suo padre, Scyllis di Scione, un istruttore subacqueo ed esperto nuotatore che ha insegnato l'arte di nuotare per vivere. Egli istruì sua figlia da una giovane età, e lei divenne nota per la sua capacità di immergersi profondamente e nuotate lunghe distanze. Quando i persiani invasero la Grecia nel 480 A.C., hanno saccheggiato Atene e marciò attraverso il continente dopo aver sconfitto i greci alle Termopili. La Marina persiana poi cercò di distruggere il resto della forza greca nella battaglia navale a Salamina. Se i persiani vinse a Salamina, Grecia sarebbe perduto. Hydna e suo padre colomba sotto le navi persiane e tagliare i loro ormeggi, causando queste navi alla deriva e arenata o danneggiare altri vasi. Questa impresa è ancora più impressionante se si considera che, al fine di compierlo, Hydna e Scyllis doveva nuotare dieci miglia in mare nel bel mezzo di una tempesta. Loro storia viene dallo storico greco Pausanius nella sua Descrizione della Grecia, 10.19.1, e ha ulteriormente riferisce che, per il loro eroismo, statue di loro furono erette a Delfi a seguito della sconfitta persiana.

Anyte di Tegea

Anyte di Tegea (III secolo A.C.) era uno dei poets femminili elencati da Antipatro di Tessalonica come uno dei nove terrena Muse (con gli altri come Saffo di Lesbo e Telesilla di Argo). Anyte fu tra i primi poeti della Grecia per enfatizzare il mondo naturale nel suo lavoro (in contrapposizione a soggetti soprannaturali come dèi) e scrivere l'epigramma. Era meglio conosciuto per i suoi epitaffi, specialmente quelli per gli animali. Tuttavia, questi erano non suoi contributi solo artistici, e sua poesia era così impressionante che è stato paragonato nell'antica Grecia per le opere di Omero. Suoi epitaffi per gli animali domestici erano molto popolari, e lei era molto ricercata per scriverle. Un esempio è questo per un cane:
Sei morto, Maira, vicino a casa tua radicata in molti a Locri, più rapidi di segugi amante del rumore;
Una vipera dalla gola macchiata guizzavano suo veleno crudele in vostri arti di luce in movimento.
Un'altra poesia è scritta come un epitaffio per una locusta e una cicala, per il quale una giovane ragazza ha costruito una tomba:
Myro, una ragazza, lasciando cadere le lacrime di un bambino, ha sollevato questa tomba poco per le locuste che cantava in semi-terra e per la cicala rovere-dimora; Ade implacabile tiene loro canzone doppia.
Più delle opere di Anyte sopravvivere al giorno d'oggi rispetto a qualsiasi altro poeta greco femmina e ancora sono ammirati come erano dai suoi contemporanei. Lei pensa che hanno eseguito una scuola per lo studio della poesia nel Peloponneso, anche se la posizione esatta è sconosciuta. Anyte più tardi era attaccato a una leggenda in cui si è detto che una volta aveva un sogno che il Dio della guarigione, Asclepio, detto di consegnare un messaggio a un uomo chiamato Phalysius che stava diventando cieco. Lei si svegliò e trovato una tavoletta sigillata aveva mai visto prima di riposo dal suo letto e, a sue proprie spese, percorsa una distanza significativa per consegnarla al Phalysius. I suoi occhi erano guariti, e quando ha aperto il messaggio, lo istruì dare Anyte 2.000 oro monete, che ha prontamente fatto. Se c'era qualche verità la storia non è importante quanto il messaggio che vuoi avere impartito ai suoi uditori: quando i dèi dire uno per fare qualcosa, si dovrebbe fare.

Telesilla di Argo

Dei poeti nella con Anyte lista di Antipatro delle Muse terrene è Telesilla di Argo (v secolo A.C.) che, anche se è famoso per la sua poesia, è diventato più così per difendere la sua città natale contro gli invasori spartani nel 493/494 A.C.. Dopo Cleomene I di Sparta decimato l'argiva forze a Sepeia e, successivamente, presso il Santuario di Argus, marciò sulla città di Argo. Telesilla tirò giù le armi ornamentali dai templi della città, ha fatto irruzione l'Armeria per tutto ciò che è stato lasciato e dotato di una forza delle donne della città con armi e armature. Ha poi organizzato della città per la difesa e marciò per incontrare gli Spartani, infliggendo pesanti perdite. Cleomene riconosciuto che egli era di fronte a una situazione impossibile: se ha sconfitto lei, egli non avrebbe nessun onore nella macellazione donne, mentre se hanno sconfitto lui, Sparta sarebbe stato picchiato da una banda di ragazze, così egli prudentemente ritirò il suo esercito e Argos è stato salvato. Gli storici moderni ancora dibattito la verità di questo conto, ma è stato ripetuto da molte fonti antiche ed è considerato tutto plausibile da un certo numero di studiosi oggi.

Frine di Thespiae

Frine di Thespiae (c. 370-c. 316 A.C.) fu una famosa cortigiana di Atene, noto per il caso di Corte ha vinto da mettendo a nudo i seni. Il suo vero nome era Mnesarete ("che commemora virtù"), ma è stata denominata Frine ("rospo") a causa della carnagione gialla della sua pelle. Antichi scrittori come Ateneo lodano la sua straordinaria bellezza, ed era il modello per molti artisti e scultori di Atene, tra cui principalmente in posa come Afrodite (la statua esistente, l'Afrodite di Cnido, è pensata per essere modellata su di lei). Il caso di Corte circondato l'accusa di empietà, ed è stato suggerito che, qualunque Frine ha fatto, aveva qualcosa a che fare con i misteri eleusini (riti di iniziazione al culto di Demetra e Persefone). Potrebbe essere, come Alcibiades, che aveva preso la sacra Kykeon (potenzialmente psicoattiva bevanda) una festa privata con gli amici, ma questo è solo congetture (anche se, a quanto pare, non di carattere). Suo amante Iperide, un famoso oratore, lei ha difeso in tribunale e ha parlato con eloquenza, ma sembrava come se i giudici stavano per condannarla. A questo punto Iperide svestito Frine, e i giudici sono stati così colpiti dalla sua bellezza che lei è stato assolto. La verità di questa storia, come quella della difesa di Telesilla di Argo, è stata dibattuta per secoli. Alcuni sostengono che l'account prima della prova non fa menzione di Frine spogliarsi e che era un'invenzione successiva creata per deridere il Tribunale ateniese; alcuni sostengono che fu Frine se stessa, non Iperide, che ha sottratto i suoi vestiti e che lei anche sciolse i capelli per mostrare se stessa a somiglianza di Afrodite. Qualunque cosa sia successa, lei è stato assolto e andò a vivere una vita di lusso come una delle donne più belle e ricercate di Atene. Lei è diventato abbastanza ricco da vivere come lei soddisfatto e anche offerti a ri-costruire le mura di Tebe, in cui Alessandro Magno aveva distrutto, se la gente acconsentirebbe alla sua iscrizione leggendo, "Distrutta da Alessandro, restaurati da Frine la cortigiana", ma i Tebani rifiutarono la sua offerta.
clip_image002
Afrodite di Cnido

Arete di Cirene

Arete di Cirene (IV secolo A.C.) era la figlia del filosofo edonista Aristippo (c. 435-356 A.C.) e crebbe influenzato dai suoi insegnamenti. C'è qualche controversia fra gli storici sul se fosse Aristippo o suo nipote dello stesso nome che ha fondato la scuola di Cyrenaic, ma, poiché le fonti antiche affermano che Arete ha assunto la scuola dopo la morte di Aristippo, sembrerebbe essere l'ex. Come suo padre, disse di aver tenuto alla filosofia del "posseggo, non sono posseduto", di cui lei significava che uno potrebbe avere tanti beni mondani come uno desiderava, finché la vita non è stata controllata da quei possessi. Si potrebbe, ad esempio, avere una casa e molti bellissimi oggetti di arredo e ornamento, ma uno dovrebbe riconoscere tali cose come i possedimenti che, forse, una volta appartenevano a un altro prima e certamente apparterrà a qualcun'altro dopo la propria morte o cambiamento nella circostanza. Uno dovrebbe, pertanto, perseguire il piacere e godere le cose di questo mondo senza permettere quelle cose controllare la propria vita e libertà di movimento. Arete di Cirene si dice abbia scritto più di 40 libri, nessuno dei quali sopravvivere al giorno d'oggi. Lei inoltre sembra essere stata una madre single che ha sollevato Aristippo-il-giovane nella filosofia edonistica e istruito in casa lui. Più tardi egli avrebbe rilevato il funzionamento della scuola Cyrenaic dopo la morte di Arete.

Hipparchia di Marneia

Un altro filosofo femmina era Hipparchia di Marneia, la cui austera vita e gli insegnamenti si trovava in completo contrasto per l'edonismo di Arete di Cirene. Hipparchia venuto ad Atene come un adolescente con la sua famiglia ed è caduto nell'amore con il filosofo cinico casse di Tebe che vivevano lì. Suo fratello, Metrocles, era uno degli studenti casse e introdotto. Hipparchia fu disegnata per la semplicità dello stile di vita cinico, che enfatizzava la completa onestà, indipendenza, rifiuto di lusso e piacere e vivere la vita secondo natura. Hipparchia divenne così profondamente attaccato alla casse di se stesso che ha respinto i Proci suoi genitori ha incoraggiato e ha detto che lei vuoi sposare casse o uccidersi. Casse era, in questo momento, un uomo anziano, e i suoi genitori gli ha chiesto di convincere Hipparchia sposare qualcuno di sua età e vivere una vita più tradizionale. Casse si dice hanno svestito prima Hipparchia e disse a lei, "Ecco lo sposo, e questi sono i suoi possedimenti - scegliere di conseguenza", che ha fatto solo Hipparchia amarlo più. Hanno consumato il matrimonio in pubblico sotto il portico di un edificio nel centro di Atene. Questo era in linea con la filosofia cinico che uno dovrebbe fare spudoratamente in pubblico ciò che si fa in privato, perché, se non c'è niente di sbagliato con quello che sta facendo, non ci dovrebbe essere nessuna vergogna azione davanti agli altri. Lei indossava abiti maschili e viaggiato e insegnato con casse, tenendo lui due figli. Quando è morto, lei può hanno ripreso insegnando i suoi studenti ad Atene e diceva di aver scritto un certo numero di libri che non sono più esistenti. Lei è il filosofo solo femmina incluso a lungo in Diogene Laerzio lavorare le vite e le opinioni di eminenti filosofi (III secolo D.C.) al fianco di uomini come Socrate e Platone.

Timycha di Sparta

Timycha di Sparta (IV secolo A.C.) era ancora un altro filosofo femmina che ha viaggiato con suo marito, Myllias di Crotone e una banda di pitagorici. Lei è diventato un simbolo di coraggio di fronte alle avversità. La filosofia di Pitagora ha sottolineato l'immortalità dell'anima e sacralità della vita e così pitagorici erano vegetariani stretti, ma erano proibiti mangiare fagioli. Non è chiaro il motivo preciso per questo, ma si è pensato che forse hanno creduto che la forma del chicco, soprattutto la fava bean, servito come conduttore per anime di tornare sulla terra. Reincarnazione (conosciuta da loro come la trasmigrazione delle anime) è stata una convinzione fondamentale dei pitagorici, e si pensava che le anime dei viventi sono tornato dagli inferi attraverso la terra e, soprattutto, attraverso campi di fagiolo. Questa conoscenza, come la maggior parte degli insegnamenti di Pitagora, era riservata solo per coloro che sono stati iniziati ai misteri e non doveva essere rivelato a chiunque. Un giorno, Timycha (che era incinta al momento sei mesi) e la sua banda di filosofi sono stati invitati alla Corte di Dionigi il vecchio, per discutere la loro filosofia ma, seguendo i principi della loro fede, hanno rifiutato invito del tiranno perché non credono che egli era vero nelle sue intenzioni. Dionigi, insultato, mandò i suoi soldati per portarli forzatamente alla Corte. Filosofi potrebbero essere sfuggito facilmente attraverso un campo di fagioli vicino ma, a causa delle loro credenze religiose, non potevano fare questo e così furono tutti uccisi resistendo i soldati ad eccezione di Timycha e Myllias. Questi due furono catturati e portati prima Dionysius. Lui era incuriosito quando ha sentito che si sono rifiutati di entrare nel campo di fagiolo di fuggire e interrogato ripetutamente Timycha. Quando lei non dovrebbe rispondere a lui, egli aveva torturato e poi ricondotti a lui dove disse di avere morso la lingua e sputò fuori ai suoi piedi in spregio. Cosa è successo a lei e Myllias dopo quell'incidente non è conosciuto, ma molto probabilmente essi furono giustiziati. Lei è stato riferimento successivamente pitagorici come modello di coraggio e di martire per la causa.

Philaenis di Samo

Philaenis di Samo (IV secolo A.C.) era una cortigiana che divenne famosa per aver scritto un manuale di posizioni sessuali lesbiche e il galateo adeguato per corteggiare un membro dello stesso o di sesso opposto. Il suo lavoro non sopravvive ma è citato da autori successivi. Il termine "lesbica" per indicare una donna omosessuale non esistevano in tempi antichi e solo proviene più tardi quando la gente ha cominciato ad identificare le donne omosessuali con poesie d'amore Saffo dell'isola di Lesbo a causa sua intima donna-orientato (anche se, in realtà, ci sono altre prove che Sappho era omosessuale). In tempo di Philaenis', una donna gay è stata conosciuta come un tribad (dal significato "tribo" parola "per strofinare, riferendosi alle donne di sessuale attività con a vicenda). Il suo lavoro si dice che hanno coperto le migliori posizioni sessuali, profumi, cosmetici, mezzo per indurre aborti, l'arte di baciare e l'arte della seduzione, compreso come fare successo passa. Scritto nello stile di Le storie di Erodoto - una sorta di storia del sesso - il suo libro era molto popolare e largamente lettura anche se le persone sembrano avere pubblicamente condannato esso. Loro disapprovazione aveva meno a che fare con la materia più che una donna sarebbe l'aveva scritta. La scrittrice Vicki Leon, autore di Uppity donne nei tempi antichi, scrive:
Non è sempre il caso - l'annuario con la tua immagine sfigata sopravvive per decenni, ma le lettere d'amore-avere buttato! Nei tempi antichi era lo stesso: abbiamo discarica quantità di materiale opaco da decine di filosofi maschile. Ma per quanto riguarda le opere dello scrittore steamy Philaenis? Un nudo nulla. E un vero peccato, troppo, perché ha acquisito notorietà per aver scritto il primo libro illustrato su lesbica sessuale non conta - in versi meno (185).
clip_image003
Agnodice

Agnodice di Atene

Lavoro 'Philaenis possa essere stato considerato scandalosi al momento ma non quasi come scioccante come la vita di Agnodice (IV secolo A.C.), che fu il primo medico femmina nell'antica Atene e cui sfida alla professione maschile cambiato le leggi per quanto riguarda le donne che praticano la medicina. Donne erano sempre stato permesso di eseguire i servizi di ostetrica e potrebbero anche assistere pazienti, fino a quando si è sostenuto che essi stavano aiutando i loro pazienti femminili procurare aborti. Dopo di che, le donne non erano autorizzate a praticare la medicina e la pena per fare così era la morte. Agnodice tagliò i capelli e lei stessa travestita da uomo per studiare medicina e anche viaggiato in Egitto, dove le donne sono state tenute in maggiore considerazione e potrebbero essere medici, al fine di imparare il suo mestiere. Ancora nella sua veste come un uomo, ritornò ad Atene e ha cominciato a trattare le persone. Lei è diventato così popolare tra i pazienti di sesso femminile (che sapevano che era una donna) che lei è stata accusata da un gruppo di uomini (che pensava che era un uomo) di sedurre loro. Venne processato nel Areopago e, nella stessa difesa contro l'accusa, ha rivelato che era una donna. Gli uomini poi minacciarono lei eseguire per infrangere la legge di praticare la medicina facendo finta di essere un uomo. Lei è stata salvata dai suoi pazienti femminili che vergogna la Corte in assolvendo lei. Sembra che hanno sottolineato come Agnodice aveva correttamente praticato medicina per qualche tempo e che i medici di sesso maschili erano semplicemente gelosi. Dopo la sua prova, le leggi sono state modificate affinché le donne potrebbero praticare medicina ugualmente con gli uomini.

Relative di Mileto

Un'altra donna della nota era la cortigiana relative di Mileto che, secondo Ateneo, era straordinariamente bella, intelligente e affascinante. È stata sposata 14 volte nella sua vita, anche se il motivo e la durata della, questi sindacati non è registrato. Era un greco Pro-persiano in una cultura anti-persiana e, secondo Plutarco, ondeggiava molti uomini influenti per considerare la causa persiana seriamente durante il tempo quando la Persia si muoveva per conquistare la Grecia (480 A.C.). Lei era così seducente che, ancora una volta secondo Plutarco, nessun uomo poteva resisterle e lei era in grado di disegnare da loro informazioni che lei passò quindi ai persiani. Di conseguenza, lei divenne noto come un cospiratore e nemico alla causa della libertà greca, e il suo nome era sinonimo di "traditore" in seguito allo stesso modo che il nome di Benedict Arnold è nel giorno moderno in Stati Uniti d'America. Lei viveva in Tessaglia e aveva molti clienti e, attraverso di loro, ha diffuso l'agenda persiano in tutta la regione. Lei era l'antitesi delle donne come Hydna di Scione o Gorgo di Sparta, che hanno rischiato la vita o hanno perso i loro mariti la causa della libertà greca. Allo stesso tempo, tuttavia, dovrebbe essere notato che c'erano molti greci che favorivano la regola persiana, come sembrava più stabile rispetto al costante litigi e scontri tra le città-stato greche, e così è non stato come se relative era una voce solitaria per la causa di persiana al tempo.
Ci sono molte altre donne impressionante di interesse per gli storici antichi della Grecia che sono menzionate anche dagli scrittori del loro tempo. Alcuni erano in grado di elevarsi di sopra della società restrizioni posizionata su donne (come nel caso di Arete o Telesilla) e altri sono stati in grado di lavorare all'interno del sistema di vivere come volevano (come Frine e relative). Anche se gli storici antichi ha scelto di non soffermarsi sui successi delle donne, queste donne ha avuto un tale impatto sulla loro società che non vi era alcun modo essi potrebbe essere ignorati.

Inserito da Joshua J. Mark, pubblicato il 20 agosto 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Hipparchia: Enciclopedia del Internet di filosofia
  • Le poesie di Anyte
    http://elfinspell.com/ClassicalTexts/Poetry/AnyteOfTegea-Sappho/Alding...
  • Ateneo di Naucrati; Georgius [Georg] Kaibel (Ed.). Deipnosophistai Ateneo. B. G. Teubner, 1887.
  • Diodoro Siculo. Dati storici. Pressa dell'Università di Harvard, 1933.
  • Gaio Giulio Igino. Fabulae Romanae. Gruppo di pubblicazione di Longman, 2014.
  • Leon, V. Uppity donne dei tempi antichi. Bene Communications, 1998.
  • Pausania. Pausania. Pressa dell'Università di Harvard, 1935.
  • Plutarco. Di Plutarco vive Volume 1. Biblioteca moderna, 2001.
  • Plutarco. Vite di Plutarco, Volume 2. Biblioteca moderna, 2001.
  • Snyder, J. M. la donna e la lira. Southern Illinois University Press, 1991.
  • Waterfield, R. Erodoto: le storie. Oxford University Press, 2008.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…