Passa ai contenuti principali

Definizione e significato di Neoliberismo | Concetto e Che cos'è.

Che cosa è il Neoliberismo?


Neoliberismo, noto anche come istituzionalismo o il modello neo-liberale, è un termine che è definito come la teoria politica che mira a raggiungere la massima riduzione dell'intervento dello stato. È associato con il libero mercato e il capitalismo, in termini economici.

Il termine è molto generale e alcuni specifici; È pertanto molto male usati e rare volte capite. In America Latina, per esempio, uso di gruppi il termine come critica del bianco della globalizzazione, il capitalismo e il libero mercato, anche per fini ambientali critiche, ha lasciato senza specificare chiaramente che cosa capiscono dal modello neo-liberale, si vedrà cosa come la vasta gamma di modalità che può essere dato necessario.

Il modello neoliberista è un movimento politico che trova la sua origine nel 1980, a seguito di problemi con altri modelli; economisti come Milton Friedman, Ludwig von Mises e Friedrich Hayek, Carl Menger posto le basi teoriche per l'implementazione della nuova proposta. Tra gli aderenti al nuovo consenso, ci sono differenze nella forma e la profondità che applica il modello, che è che è neo-liberale termine oggi è estremamente ampia. Per esempio è raggruppata una serie di misure adottate durante gli anni novanta gli Stati Uniti li chiamando il "consenso di Washington", che salvò alcuni aspetti del neoliberismo, come la riduzione dell'intervento dello stato in materia economica, ma che continuano a sostenere il funzionamento di uno stato sviluppato in altre zone.

Da un altro punto di vista, può essere inteso come un movimento che si pone come risposta liberale al realismo neo-liberalismo. Anche quando essa si pone come risposta a determinati aspetti opposto al realismo, entrambi i movimenti condividono l'idea che l'atto di diverse nazioni di interesse personale, tuttavia, si oppongono lo sguardo pessimistico che i realisti circa l'impossibilità di reciproca collaborazione tra i diversi paesi del mondo, considerando, per parte sua, che possono partecipare Nazioni Uniti da una stessa causaal fine di ottenere risultati migliori in relazione ai loro obiettivi e interessi.

All'interno le idee base del neo-liberalismo è l'enfasi nello sviluppo economico delle Nazioni, raggiungere una crescita massima produzione nazionale. Tutto questo nasce per realizzare con successo incontrare conflitti sia economici che sociali. Lo sviluppo economico del neoliberismo è raggiunto attraverso un mercato dinamico in cui c'è una forte attività del settore privato e in cui l'attuale governo agisce come un organo sussidiario minimo, e non come un attore che interpretava il ruolo di controllo, in altre parole, sarà efficace un governo che posizione dal fallback minimo.

I sostenitori del movimento neo-liberale ha proposto che la cooperazione internazionale è un modo eccellente per la risoluzione efficace dei conflitti che, inoltre, si può contare sul supporto e assistenza di organizzazioni internazionali come l'ONU. Si ritiene inoltre che attraverso la reciproca cooperazione, lavoro a lungo termine può essere più positivo che concentrarsi sui risultati individuali conseguiti nel breve termine.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…