Definizione e significato di Romanticismo | Concetto e Che cos'è.

Che cos'è il Romanticismo?


Romanticismo è il movimento cultura che rompe con ogni regola stereotipato e che antepone le emozioni e i sentimenti dell'autore nell'esecuzione della sua arte. Ogni regola, soprattutto classica o neoclassica, è stata contestata per permettere che l'autore e lo spettatore fondato le loro emozioni, come se qualcosa ha il romanticismo che l'autore fa arrivare le proprie emozioni, ma non così lo spettatore vederli o testimoniare se non per farli vivere. Questo movimento inizia in Germania e in Inghilterra dove forse suoi espositori massimi sono Goethe e Lord Byron nella letteratura.

Colloquialmente si parla di romanticismo per parlare di tutto a che fare con amore, soprattutto nel suo aspetto emotivo e "Platonico", che deriva in parte delle idee associate con il movimento citato e anche in parte di romanzesco come sinonimo per i romanzi cavallereschi medievali.

Nel caso di Goethe è famoso il suo libro chiamato "Werther" una corrispondenza (un libro di lettere) dove il personaggio ci porta lungo il sentiero di una delusione amorosa, che lo porta a commettere suicidio. Aneddoticamente, vale la pena ricordare che il libro ebbe tanto successo che molti trovano suicida abbracciando il libro perché hanno identificato fino a che punto con il carattere e una nota curiosa, Goethe scrisse il libro per sbarazzarsi dell'idea di suicidarsi perché aveva ricevuto un grande rifiuto amorevole.

In Francia sarà essere conficca fuori tre grandi geni del romanticismo: Victor Hugo, Alexandre Dumas e Alexandre Dumas figlio. I miei preferiti sono il Dumas, soprattutto il padre portando una passione che straripa nei tuoi libri di avventura: "I tre moschettieri", "Il conte di Monte Cristro" e "Vent'anni dopo". È un peccato che è in questione la paternità di molti dei suoi libri, ma era così Dumas padre, utilizzato il lavoro di altri scrittori e amici.

Nella letteratura spagnola mia preferita parlando del romanticismo è Gustavo Adolfo Bécquer, anche se qualcosa alla fine dicono molti, rappresenta un puro romanticismo nel senso di non preoccuparti sia politica, come accade con altri autori come Zorrilla. Il primo dei romantici e l'ultimo dei classici nella musica era che ci porta dai campi di battaglia nella sua Sinfonia "Eroica" (dedicato a Napoleone e che quindi distrugge la lunga dedizione per imparare che il grande generale diventa imperatore di farvi quel titolo semplice) con insolita forza di effettuare un grido di speranza nella sua Nona Sinfonia Beethovenchiamato appunto speranza o il corallo come un coro di voci è usato per esprimere (essendo sordi) che potrebbe fare solo la voce umana.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano