Passa ai contenuti principali

Definizione e significato di Realismo Magico | Concetto e Che cos'è.

Che cosa è il Realismo Magico?


Realismo magico è una corrente artistica che elementi magici o situazioni illogiche, confrontato con altre opere considerate più realistico o normale. Sviluppato nella metà del XX secolo, la sua espressione era soprattutto attraverso la letteratura, anche se comprendeva anche la pittura e le riprese.

Il termine realismo magico è stato usato per la prima volta nel 1925, dal critico tedesco Franz Roh, che si riferiva a un particolare stile di pittura. Successivamente, è stato usato per descrivere lo stile di alcuni pittori americani come Paul Cadmus, Ivan Albright e George Tooker, tra gli altri artisti dei decenni del 1940 e 1950. È importante ricordare che, a differenza dell'uso del termine nella letteratura, quando descrive le arti visive, non si riferisce a quadri con elementi magici e illogico, ma realistici estremo e, a volte, mondana.

Importante sono stati gli scrittori Alejo Carpentier, Borges e Juan Rulfo, che con i suoi primi lavori furono in grado di influenzare il Boom latinoamericano degli anni sessanta. Si dice che il primo lavoro di realismo magico è stato Pedro Páramo de Juan Rulfo. Importante era anche il lavoro di Isabel Allende, "La casa degli spiriti" e Gabriel García Márquez, "cent'anni di solitudine", che sono stati successi per la vendita in tutto il mondo. Infatti, quest'ultimo è spesso considerato il migliore esponente del realismo magico, tra cui anche le sue opere "L'autunno del patriarca" e "Cronache di una morte annunciata". Di fuori dell'America Latina, realismo magico influenzato le opere di autori quali italiana Italo Calvino, ceco Milan Kundera e Salman Rushdie inglese.

Per quanto riguarda le riprese sono alcune storie di Woody Allen, che può essere visto all'interno del realismo magico. Highlights "Zelig", "La rosa viola del Cairo", "Alice", "ombre e nebbia" e "La maledizione dello Scorpione di giada".

Le opere del realismo magico sono caratterizzate da alcuni elementi presenti in essi: ci sono oggetti magici che personaggi considerati normali; gli elementi magici possono intuire ma non spiegato; Esso contiene più narratori che possono essere il primi, secondo e terze persone; il tempo può essere distorta e viene percepito come ciclico e non lineare; tutti i giorni si trasformano in esperienze che possono essere soprannaturale; i personaggi possono rivivere; le scene sono per lo più americane. Quanto sopra sono solo alcuni degli elementi di realismo magico.

Caratteristiche di realismo magico includono quanto segue: questioni, c'è diversità di epoche storiche, un'essenza cultura del meticciato e pre-colombiani elementi ai loro valori mitologici. Per quanto riguarda i personaggi, hanno spesso viaggi che sono non solo fisica, ma anche il cambiamento di spazio-tempo. Per quanto riguarda il tempo, può essere cronologico (con un corso logico), statico (tempo si ferma come se non fosse importante), invertite (notte, giorno è), e ci possono essere anche una rottura degli aerei del tempo (il presente è mescolato con il passato e il futuro).
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…