Passa ai contenuti principali

Definizione e significato di Pianoforte | Concetto e Che cos'è.


Che cosa è il Pianoforte?

Il pianoforte è uno strumento musicale che è considerato come un'evoluzione in quanto sono coinvolti altri strumenti. È classificato come uno strumento a corda percussioni tastiera e più recentemente come una cetra con la scatola di risonanza e tastiera aggiunto che stringhe balleranno. Il nome dello strumento è in realtà un'abbreviazione di "pianoforte", riferendosi alla capacità dello strumento a rendere il suono con diversi livelli di intensità o volume (= pianoforte delicato, forte = forte), a seconda della forza esercitata per il potere delle chiavi, che al momento della sua creazione era un concetto rivoluzionario.

Essendo il risultato di un'evoluzione permanente pianoforte, sua storia dipende gli strumenti che la compongono e la più antica di esse è la cetra. La storia del pianoforte è speculata originata in Africa e Asia sud-orientale nell'età del bronzo, 12. Era un gruppo di stringhe posizionato in altezza su una piccola tavola. Le unghie delle dita o qualche oggetto appuntito sono state utilizzate per renderli suono. Dopo la cetra, strumento seguente sulla strada per il pianoforte è il salterio, che è stato costruito come la cetra, ma con trapezoidale, in modo che tutte le stringhe avevano una lunga differente. Ha consistito di una tavola armonica con ponti tonale. Tali strumenti deriva il clavicembalo, con l'idea che le stringhe non toccano con le dita, ma con un sistema meccanico costituito da un perno di metallo che è stato innescato da una tastiera che ha giocata con le dita. Dal 1695, Bartolomeo Cristófori iniziò a progettare il primo pianoforte, basato sul modello del clavicembalo. Quest'ultimo ha emesso un suono metallico così Cristofori progettato un pezzo di legno come martello con punta in pelle che percudiera le corde; Questo strumento ha dato un suono molto più dolce. Pianoforti più tardi, con molti miglioramenti, sono stati basati sulla Critofori fino a raggiungere il pianoforte pianoforti moderni.

In termini di pianoforti moderni, ci sono due gruppi: i pianoforti a coda e pianoforti in posizione verticale. Il pianoforte verticale è composta da arpa, corde e martelli, tutti perpendicolare al pavimento lasciando lo strumento come una standing Cabinet. Il pianoforte è fatta dall'arpa, corde e martelli, ma parallelo al pavimento, lasciando come armadietto sdraiato a forma di coda sul retro.

I due tipi di pianoforti sono dotati di pedali che causano effetti sul suono dello strumento. Nel caso il pianoforte a coda, ha il pedale sinistro, che serve a fare colpire due stringhe con un martello e fare vibrare una terza corda che provoca un suono più dolce; pedale tonale o centrale che causa la stessa nota o corda è mantenuta per un po' senza essere colpiti da quel tocco vicenda Infine, la risonanza del pedale, causando una nota a seguire il suono ancora rilasciato una chiave e altre corde a vibrare per aumentare il volume del suono. Per quanto riguarda il pianoforte verticale, il pedale sinistro serve per portare i martelli a stringhe in modo per batterli diminuisce il volume del suono; il pedale del centro, chiamato muto, che serve a ridurre il suono che permette di giocare senza disturbare; Infine, la risonanza del pedale, che ha lo stesso funzioni come il pianoforte.

Alcuni dei più importanti pianisti presso tutte le volte sono María Teresa Carreño (Venezuela, 1853-1917), Ignacy Jan Paderewski (Polonia, 1860-1941), Alfred Cortot (Francia, 1877-1962), Arthur Rubinstein (Polonia, 1887-1982), Myra Hess (Gran Bretagna, 1890-1965), Walter Gieseking (Germania, 1895-1956), Wilhelm Kempff (Germania, 1895-1991), Guiomar Novaes (Brasile, 1896-1979), Claudio Arrau (Cile, 1903-1991), Vladimir Horowitz (Russia, 1903-1989), Rudolf Serkin (Austria, 1903-1991), Sviatoslav Richter (Ucraina(, 1915 - 1997), Emil Gilels (Ucraina, 1916-1985), Alicia de Garrocha (Spagna, 1923), Alfred Brendel (Austria, 1931), Glenn Gould (Canada, 1932-1982), Vladimir Ashkenazy (Russia, 1937), Martha Argerich (Argentina, 1941), Daniel Barenboim (Israele, 1942) e Murray Perahia (USA, 1947), tra gli altri straordinari interpreti del pianoforte.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…