Passa ai contenuti principali

Definizione e significato di Haiku | Concetto e Che cos'è.

Che cosa è Haiku?


L'Haiku, la forma poetica, provenienti dal Giappone, è una piccola poesia che in genere consiste di 17 sillabe che sono divisi in 3 versi, il primo di 5 sillabe, il secondo di 7 e l'ultima 5 nuovo; tradizionalmente si parla di natura e i suoi fenomeni, anche se occasionalmente copre altri soggetti della vita.

Nasce dal "Hokku", cioè, della parte introduttiva o prima parte del cosiddetto "Tanka" o più lungo poema che ha origine nell'improvvisazione di un gruppo di poeti.

Il poeta Matsuo Basho, considerato il padre dell'Haiku, esso è definito nel modo seguente, "Haiku è proprio ciò che sta accadendo in questo luogo, in questo momento". In altre parole, l'Haiku è una forma breve poetica che cerca di descrivere una scena o un'immagine, reale o immaginaria.

Nella maggior parte dei casi il contenuto fa riferimento ad alcune delle stagioni dell'anno, ognuno dei quali è associato con gli elementi che sono spesso citati. Nel caso di primavera si riferisce alla fioritura di alcuni alberi come prugne e ciliegi, canto degli uccelli e le 7 caratteristiche di fiori primaverili. L'estate vi ricorderà alcuni insetti, come anche le piogge tempestose e colture. Nel caso di autunno citato rapporto di elementi salvati con coltivazioni di riso e alcuni uccelli come aironi e anatre. Infine, in inverno freddo, neve e nebbia protagonisti diventano questa forma letteraria così concentrata sulla bellezza della natura.

Il carattere semplice e chiaro dell'Haiku è essenziale per comprenderla, è più non possiede né il titolo né le rime e si può fare senza punteggiatura e capitalizzazione. È questa semplicità che ha fatto diventare la forma d'arte che vuoi rappresentare al meglio la filosofia del Buddismo Zen, che è universale in quanto più semplice.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…