Passa ai contenuti principali

Definizione e significato di Flauto | Concetto e Che cos'è.


Che cosa è il Flauto?

Il flauto è uno strumento musicale del vento, pertanto la famiglia aerophones. Mentre è fatto di metallo, è considerato all'interno della famiglia di strumenti a fiato, che in passato era di quel materiale. Esso è sempre stato uno degli strumenti più ammirati.

L'origine del flauto è molto vecchio. La storia del flauto inizia molti secoli prima di Cristo, quando gli strumenti in osso come fischietti, che erano anche se non sembra questo strumento come se fossero suoi predecessori. Civiltà del mondo usato flauti di legno, osso e conchiglie, in riti e cerimonie causa un sono stati associati con la fertilità. Lei mancava per lungo tempo, ma nel x secolo cominciarono nuovamente essere utilizzato. A quel tempo, il flauto era un cilindro largo in legno, con una più chiara e più forte che i suono di flauti dolci. Nel XVI secolo, fu uno dei più popolari strumenti di Italia e presto anche in Inghilterra. Nei secoli successivi, il flauto ha subito molti cambiamenti, come passare da un pezzo a tre, così come l'incorporazione di chiavi per migliorare il tuo suono. Nel 1832, Theobald Boehm creato il flauto che conosciamo oggi.

Il flauto è costituito da 67 cm di lunghezza e 19 mm diametro tubo. Esso è diviso in tre parti: testa, corpo e piè di pagina. Esso è dotato di 13 fori e una chiave per ciascuna. Tredici fori sono fatti per tutte le dita di entrambe le mani, fatta eccezione per il pollice destro. Il più comune materiale di fabbricazione è argento, ma anche ci sono nichel, oro, argento, titanio e platino. Alcune orchestre e solisti sono ancora utilizzati bella traversata di flauti in legno. Il metallo è un materiale che è stato utilizzato di recente. Aiuta a rendere il suono più brillante e potente. Alcuni pensano che il materiale non pregiudica il suono del flauto, ma i flautisti esperti sono in grado di distinguere le differenze e molti spendono mozzafiati somme di denaro in oro e avorio di flauti.

Il flauto è giocato tappando i fori o i tasti con le dita per ottenere le diverse note. Mentre le mani sono il lavoro tecnico e preciso, ancora più importante conoscere bene uso un diaframma così l'aria che viene introdotta a soffiare, vibrare correttamente i componenti del flauto. Il flautista deve imparare a gestire il diaframma per raggiungere eseguire sfumature, toccando forte o pianoforte e crescendo e diminuendo. Il vibrato è anche fatto conoscere uso diaframma, rendendo rock con molta abilità. Si dice tra i flautisti, che il muscolo è ciò che rende il flauto a cantare, e così che può parlare la lingua viene utilizzata. La lingua deve essere anche molto ben addestrata dal momento che con i suoi suoni articolati, cioè, sono separati uno da altro. Quindi, giocare con la traversa di flauto maestro, dita, lingua e diaframma deve essere utilizzato per simultaneamente e con incredibile precisione e velocità.

I più importanti solisti del flauto cominciarono ad apparire dalla seconda metà del XX secolo. Tra loro ci sono Jean Pierre Rampal, James Galway, Philippa Davies, Emmanuel Pahud, Ian Anderson e Herbie Mann.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…