Passa ai contenuti principali

Croco: re degli Alemanni, che invase la Gallia romana | Origine e storia.

di Joshua J. Mark clip_image001
Croco (noto anche come Crocus) fu un re degli Alemanni che invase la Gallia romana in c. 256 CE e distruzione massiccia flagellato, finché non fu sconfitto dalle legioni romane di Arles e poi giustiziato. O era un re degli Alemanni che servito Roma e sostenuto Costantino il grande (regnò dal 306-337 D.C.) nella sua lotta per diventare l'unico imperatore dell'Impero romano. Secondo un'altra versione, egli era un warlord vandalo che, dopo la conquista la Germania, invase la Gallia e distrusse ogni città ha incontrato, fino a quando venne fermato dai Romani Arles e, dopo aver compiuti per Mostra la miseria aveva indotto, è stato ucciso. Ha vissuto a c. 256 CE CE c. 306 o, c. 406 CE, dipendendo dalla fonte uno accetta come valido. Ci sono tre fonti primarie per re Chrocus e il suo coinvolgimento con Roma: La storia dei franchi di Gregorio di Tours (scritto tra il 580-594), La cronaca di Fredegario (scritto CE del VII secolo) e L'Epitome di AB (scritto tardo IV secolo). Tutte e tre le fonti presentano una vista diversa del Chrocus degli Alemanni. Di questi tre, opera di Gregory è solitamente accettato come il più affidabile riguardo a Chrocus, esso è stato osservato che Gregory non stava scrivendo la storia oggettiva; piuttosto, stava usando gli eventi storici di guidare a casa importanti lezioni teologiche. Lo storico e studioso serio Brehaut, nell'introduzione alla sua traduzione di 1916 CE del lavoro di Gregory, scrive:
La storia dei franchi non deve essere considerata come una storia secolare. Il vecchio titolo, Storia ecclesiastica dei franchi, è descrittivamente uno migliore. È scritto non dal punto di vista del Gallo-Romano o il Frank, ma unicamente da quella di uomo di chiesa, quasi che del vescovo. Gregorio non prende un tono di lealtà al re dei franchi, molto meno di inferiorità. Il suo atteggiamento verso di loro è freddo, se non sono zelanti sostenitori della Chiesa e parla con il disgusto massimo delle loro guerre civili che sembrava follia assoluta in vista della grande guerra tra i bene e il male poteri soprannaturali (iii).
Il real Croco, re degli Alemanni, non può mai essere conosciuto. Egli è oggi di interesse perché egli presenta un ottimo esempio di come la storia viene registrato e ciò che rende un evento storico "vero" o "non è vero".
In vista di Gregory, Croco era l'incarnazione delle forze del male. Sua distruzione indiscriminata di Gallia e l'omicidio di cristiani infine fu fermati dai Romani civilizzati ad Arles, dove fu catturato e ha ricevuto la "giusta punizione" per i suoi crimini; fu torturato e poi giustiziato o, come scrive Gregory, "ucciso con la spada". Prima della sua sconfitta presso Arles, tuttavia, Croco saccheggiò numerose città, distrussero chiese e macellati indiscriminatamente gli abitanti della Gallia. Secondo di Fredegario conto, "non una singola città o la fortificazione fu salvato in Gallia", e Gregory scrive che scopo 'Croco era niente meno che "radere al suolo tutti gli edifici costruiti nell'antichità". Molti di questi edifici erano stati templi dei pagani, ma ora erano chiese e, nella sua furia, fece anche martiri di molti vescovi e sacerdoti della Chiesa.

Gregorio di versione Tours di Croco

Gregorio (CE c. 538-594) fu vescovo di Tours e una cristiana molto devota, e sue opere recano il timbro della sua fede. Il suo lavoro si concentra sull'astuzia di re Chrocus e la sua distruzione dei santuari in Gallia, in particolare il Vasso Galate, un ex tempio a mercurio, che a quel tempo era una chiesa importante. Legge il suo passaggio su Chrocus:
Valeriana Galienus ha ricevuto il potere imperiale romano nel ventisettesimo posto e impostare a piedi una crudele persecuzione dei cristiani. A quel tempo Cornelius ha portato fama a Roma da sua morte felice e Cipriano di Cartagine. Nel loro tempo anche Chrocus il famoso re degli Alemanni raccolse un esercito e invase i Galli. Questo Chrocus è detto di essere stato molto arrogante. E quando aveva commesso un grande molti crimini radunò le tribù degli Alemanni, come abbiamo affermato, dal Consiglio, è detto, di sua madre malvagia, invase l'intera Galli e distrussero dalle loro basi tutti i templi che erano stati costruiti in tempi antichi. E venendo a Clermont ha appiccato il fuoco, ha rovesciato e distrutto quel santuario che chiamano Vasso Galatae in lingua gallica. Era stato costruito e reso forte con abilità meravigliosa. E la sua parete era doppia, all'interno che è stato costruito di pietra piccola e all'esterno di blocchi squadrati. Il muro ha uno spessore di trenta piedi. Esso era ornato all'interno con marmi e mosaici. Il pavimento del tempio era anche di marmo e relativo tetto sopra era di piombo (I, 32).
Conto di Gregory posti così l'invasione degli Alemanni sotto Chrocus a un certo punto durante i regni di valeriana e Galienus (253-258 CE) solitamente datata al c. 256 CE. Dopo aver distrutto il magnifico tempio del Vasso Galatae, ha continuato a tagliare una fascia di distruzione attraverso la terra, fino a quando è stato fermato ad Arles, dove le sue forze furono sconfitti dai Romani, e fu catturato e giustiziato. Questa versione di invasione di Chrocus' è considerata il più affidabile, perché, anche se Gregory stava usando la storia per fare punti teologici, egli sembra aver avuto accesso a documenti primari non più esistente e, nell'ambito del suo lavoro, ha fatto bene usarli.
clip_image002
Vasso Galate (tempio a mercurio),

Croco nella cronaca di Fredegario

L'autore di La cronaca di Fredegario è sconosciuta, ma è chiaro ha usato il lavoro di Gregory come base per i suoi passaggi da Chrocus e omesso quei dettagli che egli considerava inutilmente moralistico, confinando o personalmente sgradevole. Se un individuo denominato "Fredegario" realmente esistito è dibattuta ma, basato su riferimenti nel suo lavoro, si è pensato che l'autore (o autori) vivevano nella regione connessa con gli Alemanni. Egli pertanto modificato nazionalità 'Chrocus da quella di Alemanni vandalo al fine di dissociare il Conquistatore e la sua distruzione della Germania e Gallia dal suo popolo. Seguendo la narrazione principale di Gregory, egli si concentra anche sulla invasione distruttiva 'Chrocus e la decimazione delle città:
Lì, con astuzia, ha attraversato un ponticello sopra il Reno a Magonza e primo distrutto quella città e ucciso i suoi abitanti e poi assediò tutte le città in Germania. Quando è arrivato a Metz, come un segno divino il muro di cinta crollato durante la notte e la città fu presa dai Vandali. Tuttavia, il popolo di Treviri fuggito all'arena della città, che essi avevano fortificato e sono state salvate. Dopo che Chrocus tutti della Gallia invase con i Vandali, Suevs e Alani e distrutto un certo numero di città attraverso l'assedio e gli altri attraverso astuzia. Non una singola città o la fortificazione fu salvato in Gallia. Quando egli assediata Arles, Chrocus è stato catturato da un certo soldato di nome Marius e messo in catene. Come punizione, è stato poi condotto attraverso tutte le città che egli aveva distrutto e la sua vita empio fu messo alla fine. Trasamundus gli succedette come sovrano (II, 60, come citato in Goeing, 76-77).
Fredegario fa una serie di interessanti modifiche alla narrazione di Gregorio modo che, nelle parole dello storico Schwelder, egli "sembra avere avuto un Chrocus completamente diverso nella mente di Gregory" (Goeing, 79). In considerazione di Fredegario, Chrocus è un capo vandalo e l'invasione si svolge attorno al 406. Nel 406 CE i Vandali furono scacciati in Gallia dagli Unni invasori e, nel 409 CE, cominciarono a stabilirsi nella penisola iberica. Fredegario sarebbe stato informato con l'invasione vandala e quindi forse confusa la Chrocus degli Alemanni con un successivo capo vandalo o, come precedentemente notato, semplicemente non voleva Chrocus connesso con gli Alemanni. È anche possibile che un'invasione del III secolo D.C. della Gallia dagli Alemanni era completamente sconosciuta a Fredegario, e pensava che Gregory deve significare l'incursione CE 406 dai Vandali. Schwelder scrive, "A Fredegario, il passaggio nel lavoro di Gregory, gli attributi che Chrocus agli anni 253-258, sembrava plausibile poiché non rientrava nel suo schema cronologico di riferimento - in occhi di Fredegario, vescovo di Tours deve avere commesso un errore e lui lo corresse in silenzio" (Goeing, 79). Altri conti dell'invasione vandala citano anche un Chrocus come leader, ma questi vengono dopo Fredegario e senza dubbio invocata lui come fonte. È generalmente accettato che il Chrocus che ha invaso la Gallia era un warlord Alemanni cui persone lo chiamavano il loro re e non era un membro della tribù germanica conosciuta come i Vandali. Ulteriormente è accettato che l'invasione di 'Chrocus ebbe luogo c. 256 CE e non nel 406-409 CE.

L'Epitome di AB e Croco

L'Epitome di AB è stata attribuita allo storico romano Aurelius Victor (c. 320-390 D.C.) ma ora è riconosciuto per essere stato scritto da un autore anonimo che era più probabile pagano (o almeno ha tenuto un giudizio negativo del cristianesimo e i cristiani) nel tardo IV secolo CE. Questo autore pone re Chrocus come il leader di un'unità di Alemanni conosciuto come i Regii ("del re") dell'esercito romano che, nel 306 D.C., supporta l'ascensione di Costantino come imperatore. Schwelder ha osservato che, poiché l'autore dell' Epitome era ostile al cristianesimo, potrebbe avere espressamente usato la figura del Chrocus del passato - un re Alemanni associato a distruzione e crudeltà - per malignare l'imperatore cristiano e che "il passaggio potrebbe essere quindi un fabbricazione successivo" (Goeing, 81). È possibile che questo Chrocus più successivamente era un leader diverso degli Alemanni rispetto la Chrocus che ha invaso la Gallia, ma questo è improbabile. Non c'è nessun altra fonte che fa menzione di un Chrocus degli Alemanni associato a Costantino il grande e, con una figura di tale importanza che incombe come Costantino, ci si potrebbe aspettare ulteriori informazioni su un uomo che ha aiutato nella sua ascesa al potere.
L'Epitome di AB consiste di brevi biografie dei governanti romani, da Augusto a Teodosio I che sottolineano i momenti importanti della loro regni, quindi è possibile che l'anonimo scrittore o scrittori semplicemente non hanno avuto tempo o spazio per approfondire il ruolo Chrocus si dice che hanno giocato in ascensione di Costantino. Anche così, il fatto che nessun altra fonte cita un Chrocus in tale associazione ha portato gli studiosi, Schwelder tra loro, per concludere che il personaggio di Chrocus nella biografia di Costantino è una fiction e molto probabilmente fu aggiunto per screditare la reputazione di Costantino suggerendo fu sostenuto da qualcuno come disdicevole come Chrocus. Come il pubblico alfabetizzato sarebbe stato in gran parte cristiano entro la fine del IV secolo D.C., tuttavia, l'effetto è stato probabilmente mai realizzato. Anche quei cristiani che avrebbero riconosciuto il nome di Chrocus da 200 anni prima difficilmente sarebbe stato sconvolti che il primo imperatore cristiano fu aiutato da un barbaro omicida; Questo sarebbe sono semplicemente stato interpretato come parte del disegno grande di Dio per portare buona da qualunque fonte che egli ritenne opportuno. Fonti successive si basano Epitome di AB per la loro versione del ruolo 'Chrocus in ascensione di Costantino e, nel giorno moderno, Chrocus continua a essere citata come un re Alemanni e comandante dell'esercito romano che ha sostenuto Costantino, anche se non è probabile che nessun tale comandante ha esistito.

Conclusione

Il real Croco, re degli Alemanni, non può mai essere conosciuto. Nel giorno moderno è di interesse non tanto a causa di quello che ha fatto, ma perché egli presenta tali un ottimo esempio di come la storia viene registrato e ciò che rende un evento storico "vero" o "non è vero". Schwelder scrive:
Tenendo conto di tutte le tre versioni di Chrocus, uno può vedere che la Chrocus era una figura adatta, plasmabile, che può essere inserita in una linea di argomentazione per rafforzare i diversi punti di vista. Il Chrocus storico era destinato a essere dimenticato; il Chrocus letterario è stato adattato e incluso per aumentare l'effetto in differenti narrazioni master (Goeing, 81).
Il migliore sembra essere in grado di dire è che una volta c'era un re Alemanni denominato Chrocus che invase la Gallia e gettare rifiuti per la città e le chiese che vi aveva trovato prima incontrò sconfitta e fu giustiziato dai Romani. Sua motivazione per l'invasione è sconosciuto e anche il periodo in cui visse e regnò è dibattuta. Come il sottotitolo delle frasi testo Anja-Sylvia Goeing, storia consiste in ciò che è conservato e ciò che viene scartato e, nel caso di Chrocus re - come, senza dubbio, con molte altre persone ed eventi - quegli eventi che non si adattava vista mondo dello storico e narrativa sono stati scartati; il risultato è storia.

Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 23 settembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Una storia dei franchi tradotto da Earnest Brehaut, 1916
  • Goeing, A. conoscenza del collezionista: che cosa è mantenuta e ciò che viene scartato. Brill Academic Pub, 2013.
  • Gregorio di Tours. Una storia dei franchi. Classici del Penguin, 1976.
  • Stephenson, P. Costantino: invitto imperatore, Christian Victor. Quercus, 2011.
  • Wallace-Hadrill, J. M. il quarto libro della cronaca di Fredegario. Praeger, 1981.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…