Passa ai contenuti principali

Creature della mitologia greca | Origine e storia.

10 creature della mitologia greca

da Mark Cartwright
La mitologia degli antichi greci è positivamente ricco di storie che coinvolgono creature strane e meravigliose. Rappresentato in ceramica, nella scultura e nella tradizione letteraria, in genere creano il caos con i migliori piani di eroi greci ma potrebbe anche rivelarsi utile in determinate situazioni. Ercole, Ulisse, Teseo, Perseo, Bellerofonte e Jason tutti dovevano combattere mostri che sono stati molto spesso un mix di altre creature più familiare o erano solo decisamente bizzarro. Gli eroi di solito ha vinto, naturalmente, e loro battaglie con questi mostri li ha fatti sembrare ancora più eroico. Il fantasioso mix di animali servita anche per rappresentare il disordine dei regni animali e stranieri nella vista greca del mondo e forse anche rappresentato la familiarità della fauna selvatica di terre lontane. Il trionfo di eroi greci sopra queste terribili creature era una divertente metafora per la superiorità percepita del modo greco di vita, la vittoria della luce sul buio, ragione e ordine nel caos.
Potete leggere più straordinari racconti dalla mitologia greca nel nostro articolo qui.

Centauro: Metà uomo metà cavallo

clip_image001
Centauri erano tradizionalmente usati per rappresentare la sregolatezza e ubriachezza. Metope raffiguranti un centauro attaccando un Lapiti. Dal v secolo A.C., il Partenone. British Museum, Londra. Fotografo: Cebolla

Gorgone: Metà donna metà serpente

clip_image003
Il più famoso della Gorgone era Medusa cui sguardo potrebbe trasformare gli spettatori in pietra ma che fu infine ucciso da Perseo. Un elemento decorativo di una nave costruita per Caligula. Palazzo Massimo, Roma. Fotografo: Cebolla

Minotauro: Metà uomo metà toro

clip_image004
Il Minotauro era il guardiano del labirinto a Cnosso, ma fu infine ucciso da Teseo. Minotauro di marmo, Museo archeologico nazionale, Atene. Fotografo: Cebolla

Griffin: Metà leone-metà Aquila

clip_image006
Il grffin aveva le gambe posteriori, la coda e corpo di un leone con le zampe anteriori e la testa di un'aquila. Traditinally considerato un guardiano del tesoro e il re del Regno animale. Una moneta da Abdera raffigurante un grifone. Il Museo di numismatica, Atene. Fotografo: Cebolla

Ciclope: Un gigante con un occhio solo

clip_image007
Il ciclope Polifemo detenuto notoriamente Odisseo e i suoi uomini fino a quando essi lo accecò e fuggì. Polifemo, IV secolo D.C.. Museo Archeologico di Spalato. Fotografo: Carole Raddato.

Idra: Serpente multi-teste

clip_image009
Una raffigurazione di Ercole che uccide l'Idra Lernaian, uno dei suoi dodici lavori. L'eroe avrebbe successivamente utilizzare il sangue velenoso della creatura per sue frecce mortali. Hydria di vi secolo A.C.. Palazzo Massimo, Roma. Fotografo: Carole Raddato

Chimera: Parte Leone, serpente e capra

clip_image011
La Chimera di sputafuoco aveva corpo di Leone, coda di un serpente e testa di capra, un aumento dalla sua schiena. È stato infine ucciso dall'eroe Bellerofonte. Particolare da un'anfora di vi secolo A.C.. Palazzo Massimo di Roma. Fotografo: Carole Raddato

Pegasus: Alato-cavallo

clip_image013
Pegaso il cavallo alato nacque dalla testa mozzata di Medusa e aiutato l'eroe Bellorophon. vi secolo A.C. moneta da Corinto. Collezioni Alfa Bank, Atene. Fotografo: Cebolla

Sfinge: Un leone alato con la testa di una donna

clip_image015
Sfingi erano considerate fastidiose creature dai greci, il più famoso imposta un indovinello per Edipo a risolvere. Monumento funebre del VI secolo A.C.. Museo archeologico nazionale, Atene. Fotografo: Cebolla

Sirena: Metà donna metà uccello

clip_image016
Sirene erano famosi per adescare marinai al disastro usando la loro bella musica. Monumento funebre di marmo, 370 A.C.. Museo archeologico nazionale, Atene. Fotografo: Cebolla 

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…