Passa ai contenuti principali

Civiltà Inca | Origine e storia.

da Mark Cartwright clip_image001
La civiltà Inca fiorì nell'antico Perù tra c. 1400 e 1534 CE e il loro impero alla fine estesa in tutta America sud occidentale da Quito nel nord a Santiago nel sud, che lo rende il più grande impero mai visto nelle Americhe e la più grande del mondo a quel tempo. Imperterrito spesso duro ambiente andino, il popolo conquistato Incas e paesaggi sfruttati in tali impostazioni diverse come pianure, deserti, montagne e giungla tropicale. Famosa per la loro unica arte e architettura, costruito finemente costruita e imponenti edifici ovunque hanno conquistato, e il loro adattamento spettacolare paesaggi naturali con terrazzamenti, autostrade e insediamenti di montagna continua ad impressionare i visitatori moderni presso tali siti famosi del mondo come Machu Picchu.

Panoramica storica

Come con altre culture antiche Americhe, le origini storiche degli Incas sono difficili da districare da essi stessi creati miti fondanti. Secondo la leggenda, all'inizio, il Dio creatore Viracocha è venuto fuori l'Oceano Pacifico, e quando è arrivato al lago Titicaca, ha creato il sole e tutti i gruppi etnici. Queste prime persone furono sepolti dal Dio e solo più tardi ha fatto emergono dalle sorgenti e rocce (sacro pacarina) di nuovo nel mondo. Gli Incas, in particolare, sono stati portati in esistenza a Tiwanaku (Tiahuanaco) dal Dio del sole Inti, quindi, hanno considerare se stessi come pochi eletti, i 'figli del sole', e il sovrano Inca era rappresentante di Inti e l'incarnazione sulla terra. In un'altra versione del mito della creazione, i primi Inca è venuto da una grotta sacra conosciuta come Tampu T'oqo o 'Casa di Windows', che era situato a Pacariqtambo, 'Inn di alba', a sud di Cuzco. La prima coppia di esseri umani era Manco Capac (o Manqo Qhapaq) e sua sorella (anche sua moglie) Oqllu Mama (o Ocllo). Altro fratello-sorella tre fratelli sono nati, e il gruppo partì insieme a fondare la loro civiltà. Sconfiggendo il Chanca persone con l'aiuto dei guerrieri di pietra (pururaucas), i primi Inca si stabilirono definitivamente nella valle di Cuzco e Manco Capac, gettando una verga d'oro nel terreno, stabilito quella che sarebbe diventata la capitale Inca, Cuzco.
40.000 Incas governato un territorio con soggetti 10 milioni parlano oltre 30 lingue diverse.
L'evidenza archeologica più concreto ha rivelato che i primi insediamenti nella valle di Cuzco in realtà risalgono al 4500 A.C. quando il cacciatore-raccogliere comunità occupava l'area. Tuttavia, Cuzco solo divenne un significativo centro qualche volta all'inizio del tardo periodo intermedio (1000-1400 D.C.). Un processo di unificazione regionale ha cominciato dalla fine del XIV secolo CE, e da CE del XV secolo, con l'arrivo del primo grande capo Inca Pachacútec ('invertitore del mondo') e la sconfitta del Chanca nel 1438 CE, Incas ha cominciato a espandersi in cerca di bottino e produzione risorse, prima a sud e poi in tutte le direzioni. Alla fine hanno costruito un impero che si estendeva attraverso le Ande, conquistando tali popoli come le civiltà Lupaka, Colla, Chimor e Wanka lungo la strada. Una volta stabilita, è stato istigato un sistema a livello nazionale di amministrazione fiscale e che consolidò il potere di Cuzco.
L'ascesa dell'Impero Inca era spettacolarmente rapido. Primo, tutti gli oratori del Inca lingua Quechua (o Runasimi) sono stati dati la condizione privilegiata, e questa nobile classe allora dominato tutti i ruoli importanti all'interno dell'Impero. Thupa Inka Yupanki (noto anche come Topa Inca), successore di Pachakuti dal 1471 D.C., è accreditato con avendo ampliato l'impero da un massiccio 4.000 chilometri (2.500 miglia). Incas stessi chiamato loro impero Tawantinsuyo (o Tahuantinsuyu) significa 'Terra dei quattro quarti' o 'The parti quattro insieme'. Cuzco è stata considerata l'ombelico del mondo, e che si irradiano fuori era autostrade e linee di avvistamento sacro (ceques) a ogni trimestre: Chinchaysuyu (Nord), Antisuyu (est), Cuntisuyu (ovest) e Collasuyu (sud). Diffusione in tutta l'antica Ecuador, Perù, nord del Cile, Bolivia, upland Argentina e Colombia meridionale e stretching 5.500 km (3.400 miglia) di nord a sud, 40.000 Incas governato un territorio enorme con alcuni soggetti 10 milioni parlano oltre 30 lingue diverse.
clip_image002
Mappa dell'inca Impero

Governo e amministrazione

Incas conservati gli elenchi dei loro re (Sapa Inca) cosicché sappiamo di nomi come Pachacútec Inca Yupanki (Regno c. 1438-63 D.C.), Thupa Inka Yupanki (Regno c. 1471-93 CE) e Wayna Qhapaq (l'ultimo pre-ispanica sovrano, CE di Regno c. 1493-1525). È possibile che due re governarono contemporaneamente e che regine possono aver avuto alcuni poteri significativi, ma i record spagnoli non sono chiari su entrambi i punti. Il Sapa Inca era un sovrano assoluto, e ha vissuto una vita di grande opulenza. Bere da Coppe d'oro e d'argento, indossando scarpe d'argento e vive in un palazzo, arredato con i migliori tessuti, egli era coccolato all'estremo. È stato anche guardò dopo aver seguito la sua morte, come l'Inca mummificata i loro governanti. Memorizzati nel Tempio Coricancha a Cuzco, le mummie (mallquis) erano, nelle cerimonie elaborate, regolarmente portate fuori indossando i loro migliori regalia, dato offerte di cibo e bevande e 'consultata' per il loro parere su premendo gli affari di stato.
Regola del Inca è stato, tanto come la loro architettura, basato su unità settoriale e ad incastro. All'inizio fu il sovrano e dieci gruppi affini di nobili chiamati panaqa. Poi in linea venne dieci gruppi più affine, più alla lontana legate al re e poi, un terzo gruppo di nobili non di sangue Inca ma fatto Incas come un privilegio. Nella parte inferiore dell'apparato statale sono stati reclutati localmente gli amministratori che ha curato gli insediamenti e la più piccola unità di popolazione andina l' ayllu, che era un insieme di famiglie, in genere di famiglie imparentate che ha lavorato una zona di terra, vivevano insieme e fornito sostegno reciproco nei momenti di bisogno. Ogni ayllu era governata da un piccolo numero di nobili o kuraka, un ruolo che potrebbe includere le donne.
Amministratori locali segnalati per oltre 80 amministratori di livello regionale che, a sua volta, riferito a un governatore responsabile per ciascun trimestre dell'Impero. I quattro governatori segnalato per il supremo sovrano Inca a Cuzco. Per garantire la fedeltà, gli eredi dei governanti locali inoltre sono stati mantenuti come ben tenuti prigionieri presso la capitale Inca. I più importanti ruoli politici, religiosi e militari all'interno dell'Impero erano, quindi, tenuti nelle mani del élite Inca, chiamato dal spagnolo orejones o 'grandi orecchie' perché portavano grandi earspools per indicare il loro status. Per meglio garantire il controllo di questa elite sui loro sudditi, guarnigioni punteggiata l'Impero, e interamente nuovi centri amministrativi sono stati costruiti, in particolare a Tambo Colorado, Huánuco Pampa e Hatun Xauxa.
Per tassa censimenti fini sono stati presi e popolazioni divise in gruppi sulla base di multipli di dieci (matematica Inca era quasi identico al sistema che usiamo oggi). Come non non c'era nessuna moneta del mondo Inca, le tasse erano pagate in natura - di solito alimentari, metalli preziosi, prodotti tessili, piume esotiche, coloranti e conchiglia spondylus - ma in lavoratori che potrebbero essere spostati circa l'impero per essere utilizzato dove erano più necessari, note anche come servizio di Mita . Terreni agricoli e gli allevamenti sono stati divisi in tre parti: produzione per la religione di stato e i dèi, per il sovrano Inca e per il proprio uso di agricoltori. Le comunità locali sono stati previsti anche per costruire e mantenere tali progetti imperiali come il sistema della strada che si estendeva in tutto l'impero. Per tenere traccia di tutte queste statistiche, Inca utilizzato il quipu, un sofisticato assemblaggio di nodi e stringhe che era inoltre altamente trasportabili e poteva registrare i decimali fino a 10.000.
clip_image004
Khipu
Sebbene Incas imposto la loro religione e l'amministrazione sui popoli conquistati, Estratto omaggio, e anche spostati popolazioni fedeli (mitmaqs) per meglio integrare nuovi territori nell'impero Inca anche portato alcuni benefici come la ridistribuzione di cibo in tempi di catastrofe ambientale, meglio impianti di stoccaggio per prodotti alimentari, lavoro tramite progetti dichiarare-patrocinato, sponsorizzato dallo stato feste religiose, strade, assistenza e lusso beni militari, soprattutto oggetti d'arte goduti dal élite locale.
Più splendidi erano i templi costruiti in onore di Inti e Mama Kilya - ex è stato rivestito con 700 kg 2 fogli d'oro battuto.

Cuzco

La capitale Inca di Cuzco (da qosqo, significato 'letto lago rinsecchito' o forse derivato da cozco, un particolare marcatore di pietra della città) era il centro amministrativo e religioso dell'Impero e aveva una popolazione di fino a 150.000 al suo apice. Dominato dal sacro Coricancha rivestite in oro e tempestato di smeraldo complesso (o tempio del sole), i suoi edifici più grandi sono stati accreditati Pachakuti. Più splendidi erano i templi costruiti in onore di Inti e Mama Kilya - ex è stato rivestito con 700 kg 2 fogli d'oro battuto, quest'ultimo con argento. L'intero capitale è stato disposto sotto forma di un puma (anche se alcuni studiosi contestano questo e prendono la descrizione metaforicamente) con la metropoli imperiale di Pumachupan che formano la coda e il complesso del tempio di Sacsahuaman (o Saqsawaman) che formano la testa. Incorporando le vaste piazze, parchi, santuari, fontane e canali, lo splendore del Inca Cuzco ora, purtroppo, sopravvive solo nei conti testimone oculare dei primi europei che meravigliavano della sua architettura e le ricchezze.

Religione inca

L'Inca aveva grande riverenza per due civiltà precedenti che avevano occupato molto lo stesso territorio - il Wari e Tiwanaku. Come abbiamo visto, i siti di Tiwanaku e lago Titicaca giocarono un ruolo importante nei miti di creazione Inca e così erano particolarmente venerati. Sovrani Inca fece pellegrinaggi regolari a Tiwanaku e le isole del lago, dove due santuari sono stati costruiti a Inti, il Dio sole e suprema divinità Inca e la dea Luna Mama Kilya. Anche nel Coricancha complesso a Cuzco, queste divinità erano rappresentate da metallo prezioso grandi opere che hanno partecipati e adorati dai sacerdoti e sacerdotesse guidati da persona secondo più importante dopo il Re: il sommo sacerdote del sole (Willaq Umu). Così, la religione Inca era preoccupata di controllare il mondo naturale ed evitando tali calamità come il terremoto, inondazioni e siccità, che inevitabilmente portò il ciclo naturale di cambiamento, la svolta nel corso del tempo che coinvolge la morte e rinnovamento che l'Inca chiamati pachakuti.
Sono stati stabiliti anche luoghi sacri, spesso approfittando delle caratteristiche naturali importanti come le cime delle montagne, grotte e sorgenti. Questi huacas potrebbe essere utilizzato per fare osservazioni astronomiche in determinati periodi dell'anno. Cerimonie religiose si è svolto secondo il calendario astronomico, soprattutto i movimenti del sole, della luna e Via Lattea (Mayu). Processioni e cerimonie potrebbero essere collegate anche all'agricoltura, soprattutto le stagioni di semina e raccolta. Insieme isola di Titicaca del sole, il più sacro sito Inca era Pachacamac, una città tempio costruito in onore del Dio con lo stesso nome, che ha creato gli esseri umani, piante e fu responsabile di terremoti. Una grande statua in legno del Dio, considerato un oracolo, portati pellegrini da attraverso le Ande di culto a Pachacamac. Gli sciamani erano un'altra importante parte della religione Inca e furono attivi in ogni insediamento. Cuzco aveva 475, il più importante è il yacarca, il consigliere personale del sovrano.
Rituali religiosi Inca coinvolto anche il culto degli antenati, visti attraverso la pratica della mummificazione e fare offerte agli dèi di cibo, bevande e materiali preziosi. Sacrifici - sia animali che umani, bambini compresi - sono stati effettuati anche per pacificare e onorare i dèi e garantire la buona salute del re. Il versamento di libagioni, né acqua né chicha birra, era anche una parte importante delle cerimonie religiose di Inca.
Incas imposto la loro religione sulle popolazioni locali costruendo i propri templi e luoghi sacri, e inoltre requisirono le sacre reliquie da popoli conquistati e li tenne in Cuzco. Archiviato nel Coricancha, forse erano considerati ostaggi che ha accertato la conformità alla vista del mondo Inca.
clip_image005
Machu Picchu

Strade & architettura Inca

Muratori Master stone, Incas costruiti grandi edifici, mura e fortificazioni utilizzando finemente lavorato blocchi - regolari o poligonale - montati insieme proprio mortaio era necessario. Con un'enfasi su linee pulite, forme trapezoidale e incorporando caratteristiche naturali in questi edifici, essi hanno resistito facilmente potenti terremoti che frequentemente hanno colpito la regione. Il distintivo inclinato forma trapezoidale e raffinata muratura di Inca costruzioni erano, oltre alla loro evidente valore estetico, anche usato come un simbolo riconoscibile della dominazione Inca in tutto l'impero.
Uno degli edifici più comuni Inca era il magazzino di stoccaggio onnipresente di una camera qollqa. Costruito in pietra e ben ventilata, essi erano mais rotonde e memorizzati o piazza per patate e tuberi. Il kallanka era una sala molto grande usata per le riunioni della Comunità. Più modesti edifici includono il kancha - un gruppo di edifici rettangolari (wasi e masma) con tetti di paglia costruiti intorno a un cortile racchiuso da un alto muro e piccola camera singola. Il kancha era una caratteristica architettonica tipica delle città Inca, e l'idea è stata esportata in regioni conquistate. Terrazzamenti per massimizzare l'area di terra per l'agricoltura (soprattutto per il mais), è stata un'altra pratica di Inca, che esportavano ovunque andassero. Queste terrazze spesso inclusi canali, come gli Incas erano esperti a deviare l'acqua, portandolo attraverso grandi distanze, e canalizzazione sotterraneo e creazione di fontane e punti spettacolari.
Merci sono stati trasportati in tutto l'impero lungo strade appositamente costruiti utilizzando la lama e facchini (non c'erano nessun veicoli a motore). La rete stradale Inca coperto oltre 40.000 km e oltre a permettere per un facile spostamento di eserciti, amministratori e beni commerciali, era anche un simbolo visivo molto potente dell'autorità Inca sopra il loro impero. Le strade erano stazioni di riposo lungo la strada e c'era anche un sistema di relè di corridori (Chasqui) che hanno portato i messaggi fino a 240 km in un solo giorno da uno stabilimento a altro.

Arte Inca

Anche se influenzato dall'arte e tecniche dei Chimú, Incas ha fatto creare il proprio stile distintivo che era un simbolo immediatamente riconoscibile del dominio imperiale in tutto l'impero. Arte Inca si vede meglio in metallo lucido (in oro - considerato il sudore del sole, argento - considerate le lacrime della luna e rame), ceramiche e tessuti, con l'ultimo essere considerato il più prestigioso dagli stessi Incas. Disegni spesso utilizzano forme geometriche, sono tecnicamente compiuti e standardizzati. La scacchiera si distingue come un disegno molto popolare. Uno dei motivi per disegni ripetuti era che ceramiche e tessuti spesso sono state prodotte per lo stato come una tassa, e così le opere erano rappresentante delle comunità specifiche e il loro patrimonio culturale. Proprio come oggi, monete e francobolli riflettono una storia della nazione, così, troppo, opera d'arte andina offerto motivi riconoscibili che sia rappresentato le specifiche comunità rendendo loro o i disegni imposti della sentenza classe Inca ordinandoli.
clip_image007
Inca Atahualpa righello
Opere utilizzando metalli preziosi come gioielli, dischi, figure e oggetti di uso quotidiano sono stati realizzati in esclusiva per nobili Inca, e anche alcuni tessuti sono stati limitati per il loro uso da solo. Beni realizzati con la lana di vigogna ultramorbidi erano limitati allo stesso modo, e solo il sovrano Inca poteva essere proprietari di mandrie di vicuña. Ceramiche erano per uso più largo e la forma più comune era il urpu, un recipiente globoso con un collo lungo e due piccole maniglie bassi sul piatto che è stato utilizzato per la memorizzazione di mais. È notevole che la decorazione di ceramiche, tessuti e scultura architettonica degli Incas non ha solitamente incluso rappresentazioni di se stessi, loro rituali o tali immagini comuni andina come mostri e figure metà uomo, metà animale.
L'Inca prodotto tessile, ceramica e metallo scultura tecnicamente superiore a qualsiasi precedente cultura andina e questo nonostante la concorrenza agguerrita da maestri del lavoro del metallo come gli esperti artigiani della civiltà Moche. Proprio come l'Inca ha imposto un predominio politico sui loro sudditi conquistate, così, troppo, con l'arte hanno imposto standard Inca forme e disegni, ma ha permesso di tradizioni locali mantenere il loro preferiti colori e proporzioni. Artisti di talento come quelli di Chan Chan o l'area di Titicaca e donne particolarmente abile a tessitura sono stati portati a Cuzco, cosicché essi potrebbero produrre cose belle per i sovrani Inca.

Crollo

L'impero Inca era fondata su e mantenuto da, forza e la sentenza Incas erano spesso molto impopolare con i loro oggetti (soprattutto nei territori del Nord), una situazione che avrebbe preso lo spagnolo conquistadores, guidati da Francisco Pizarro, pieno vantaggio di nei decenni centrali del XVI secolo CE. L'impero Inca, infatti, aveva ancora non raggiunto una fase di maturità consolidata quando doveva affrontare la sua sfida più grande. Le ribellioni sono state diffuse e Incas erano impegnati in una guerra in Ecuador dove una seconda capitale Inca era stato stabilito a Quito. Ancora più grave, gli Incas sono stati colpiti da un'epidemia di malattie europee, come il vaiolo, che era ancora più veloce rispetto agli invasori europei stessi diffuso dall'America centrale, e l'onda ucciso un vacillamento 65-90% della popolazione. Una tale malattia ucciso Wayna Qhapaq nel 1528 CE e due dei suoi figli, Waskar e Atahualpa, combattuto in una guerra civile dannosa per il controllo dell'Impero, proprio quando arrivarono i cacciatori di tesori europei. Era questa combinazione di fattori - una tempesta perfetta di ribellione, malattia e invasione - che ha portato la caduta del potente impero Inca, il più grande e più ricco mai visto nelle Americhe.
Lingua Quechua Inca vive oggi e ancora è parlata da oltre 8 milioni di persone. Ci sono anche un buon numero di edifici, manufatti e resoconti scritti che sono sopravvissute alle devastazioni dei conquistatori, saccheggiatori e tempo. Questi resti sono proporzionalmente pochi per le vaste ricchezze che sono state perse, ma rimangono indiscutibili testimoni della ricchezza, ingegno e alte conquiste culturali di questa civiltà di grande, ma di breve durata.

Scritto da Mark Cartwright, pubblicato il 15 settembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Alden Mason, J., le antiche civiltà del Perù. Penguin Books, 1988.
  • Baudin, L. vita quotidiana degli Incas. Dover Publications, 2011.
  • D'Altroy, T.N. Incas. Wiley-Blackwell, 2014.
  • Jones, D.M. mitologia degli Incas. Southwater, 2007.
  • Jones, D.M. la completa storia illustrata dell'Impero Inca. Libri del Lorenz, 2012.
  • Kubler, g. l'arte e l'architettura dell'antica America, terza edizione. Yale University Press, 1984.
  • Mann, C.C. 1491. Annata, 2006.
  • Moseley, M.E. Incas e dei loro antenati. Thames & Hudson, 2001.
  • Pietra, R.R. arte delle Ande. Thames & Hudson, 2012.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…