Passa ai contenuti principali

Biografia di René Descartes | Chi era?

René Descartes
(31/03/1596-1650/02/11)

René Descartes

Filosofo, scienziato e matematico francese

Era nato il 31 marzo 1596 a La Haye, Touraine (Francia) in una famiglia di funzionari.

Il figlio di un consigliere del Parlamento di Bretagna. Sua madre morì un mese dopo la sua nascita, che ha ereditato una fortuna che gli permise di vivere con indipendenza economica.

Con otto anni è venuto a scuola gesuita di La Flèche, in Angiò, dove lui sarebbe rimasto fino all'età di 16. Insieme con gli studi classici tipici Descartes studiò matematica e scolastica , con lo scopo di guidare la ragione umana a comprendere la dottrina cristiana. Egli fu influenzato dal cattolicesimo. Alla fine dei suoi studi presso la scuola, si iscrive in legge presso l'Università di Poitiers, guadagnandosi il b.a. in 1616. Tuttavia, mai esercitato la professione legale; nel 1618 entrò al servizio del principe Mauritius I di Nassau-Orange con l'intenzione di seguire la carriera militare. Cartesio servito in altri eserciti, ma il suo interesse sempre centrato sui problemi di matematica e filosofia, a cui dedicò il resto della sua vita.

Si trasferisce in Italia, dove rimase dal 1623 al 1624 e si recò in Francia, dove esso sarebbe risiedono tra il 1624 e il 1628. In questo periodo, dedicato interamente alla filosofia e di effettuare esperimenti di ottica. Nel 1628, dopo aver venduto le loro proprietà in Francia, si recò in Olanda, dove visse in diverse città, Amsterdam, Deventer, Utrecht e Leida. Fu allora quando ha scritto saggi filosofici, che venne pubblicata nel 1637. Ciò consiste di quattro parti: un saggio sulla geometria, un altro riguardo all'ottica, un terzo su meteore e l'ultimo, metodo del discorso, che descrive le sue speculazioni filosofiche. Seguirono, tra le altre prove, meditazioni metafisiche (1641; riveduta nel 1642) e principi di filosofia(1644). L'ultimo volume era dedicato alla principessa Elisabetta Stuart di Boemia, che visse nei Paesi Bassi e con il quale mantenne una grande amicizia.

Ha cercato di applicare alla filosofia della scienza induttiva e in particolare matematica procedure razionali. Prima di configurare il metodo, filosofia era stata dominata dal metodo scolastico, che è stato basato interamente sul confronto e contrastanti i pareri delle autorità riconosciuta. Rifiutare questo sistema, stabilito di Descartes: "nella nostra ricerca per il percorso diretto alla verità, non dovrebbe occuparsi di oggetti che non possiamo raggiungere una certezza simile alle dimostrazioni di aritmetica e geometria. Per questo motivo ha dubitato di tutto persino hanno stabilito motivi per credere. Ha lasciato la prima verità o Cogito, ergo sum, "Penso, dunque sono". Partendo dal principio che la coscienza chiara del pensiero dimostra la propria esistenza, mantenne l'esistenza di Dio. Dio, secondo la filosofia di Cartesio, ha creato due classi di sostanze che costituiscono tutta la realtà. Una classe è stata la sostanza di pensiero, o intelligenza e l'altre sostanza estesa, o fisica. La sua filosofia, noto anche come cartesianismo, lo ha portato a sviluppare spiegazioni complesse ed erronee di vari fenomeni fisici. Si avvicinava la teoria di Copernico dell' universo, con la sua idea di un sistema di pianeti rotanti in movimento intorno al sole, rinunciò questa teoria quando esso è stato considerato eretico dalla Chiesa cattolica. Invece egli escogitò una dottrina dei vortici o mulinelli di materia eterea, in cui lo spazio era pieno di materia, nei diversi Stati, girando sopra il sole.

Il suo contributo più importante alla matematica è stato la sistematizzazione della geometria analitica. Egli fu il primo che tentò di classificare le curve secondo il tipo di equazioni che li producono e anche contribuito allo sviluppo della teoria delle equazioni. Cartesio è stato responsabile per l'uso delle ultime lettere dell'alfabeto per designare le prime lettere ai quantitativi noti e sconosciuti. Inventò il metodo degli esponenti (come in X2) per indicare le potenze di numeri. Inoltre, formulò la regola, nota come la legge cartesiana del segnos, decodificare il numero di radici positive e negative di qualsiasi equazione algebrica.

Nel 1649 Cartesio fu invitato alla Corte di Cristina di Svezia a Stoccolma per la regina di seguire corsi di filosofia. Tutto sembrava andare bene se Cristina non aveva insistito per fare insegnare filosofia dalle cinque del mattino in una stanza grande, fredda. Cartesio era troppo ben educato per lamentarsi di questa spiacevole circostanza, anche se ho sempre odiato il freddo e raramente si alzò prima di mezzogiorno. Dopo tre mesi di queste classi terribili prima dell'alba, malato di gravità e morì l'11 febbraio 1650, una malattia respiratoria, che era probabilmente la polmonite. Diciassette anni dopo, il suo corpo tornò a Parigi, dove fu sepolto.
Traduzido per scopi educativi
Biografie di personaggi famosi e storici

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…