Passa ai contenuti principali

Templi siciliani | Origine e storia.

di Fairy Dzhigova
 
clip_image001
Tempio di Segesta

Caratteristiche dei templi arcaici siciliano

Le grandi dimensioni dei componenti, la presenza di un propteron, un adyton e altri elementi specifici del piano ed elevazione parlare per un sviluppo originariamente molto autonomo dell'architettura siciliana. Le grandi quantità di materiali da costruzione disponibili e facile-a-lavoro-con presso i siti di Siracusa, Megara Hyblaea, Selinunte e abilitato l'istituzione della prima generazione di templi di pietra in Sicilia; le metropoleis erano ancora impegnati con il processo di diventare una città (p.olis) e non aveva ancora formato architettura monumentale. Nel VI secolo A.C. le colonie siciliana orientale erano all'avanguardia degli sviluppi strutturali sull'isola e avevano predeterminato le tendenze per il loro successivo sviluppo. Le più vecchie costruzioni di pietra in queste poleis – il tempio di Apollo, che di Zeus Olimpio a Siracusa, alcuni resti di edifici da Megara Hyblaea e i resti del tempio Y a Selinunte erano così inteso fin dall'inizio come monumentale.

La peristasi

Peristasi (gr. Περίστασις) sono un portico quadrangolare o sala delle colonne che circondano la cella. Templi con tali sale delle colonne, chiamate periptero (pl. peripteroi), erano diffusi nel mondo greco occidentale da molto presto. Il peripteroi occidentale erano spesso molto più prezioso e abbondante rispetto a quelli nelle città madre. Molto caratteristico dei primi templi periptero in Sicilia è l'estensione del corridoio sul lato anteriore (propteron), che probabilmente origine nel Dipteroi ionico (templi con doppio colonnato). Probabilmente la peristasi era costruito cronologicamente prima cella, anche se la struttura della cella ha deciso il numero di colonne. L'associazione tardiva della parte anteriore della cella di fronte la peristasi aveva un forte effetto sulle proporzioni complessive dell'edificio.

Il conflitto angolo nell'ordine architettonico dorico

Non meno importante è il rapporto tra il piano e il triglyphon (triglifi e metope come unità). Il regolarmente alternato triglifi e metope nel fregio erano accentate attraverso colori forti e ha giocati un ruolo molto importante, oltre ad altre proporzioni. Il ritmo che deriva dalla sequenza delle colonne e intercolumni si ripete nel fregio affinché uno triglifi sempre si trova sull'asse centrale della colonna e uno nell'intercolumnio. Pertanto, il rapporto tra spessore della colonna e intercolumnio riflette il rapporto tra la larghezza dei triglifi e metope nel fregio. Se l'intercolumnio è uguale alla larghezza di metope alla fine del fregio, un'irregolarità si pone (conflitto angolo): l'ultimo triglifi non era galoppo con colonna corrispondente. Antichi greci erano molto sensibili a questo. Una soluzione armonica di questa irregolarità è stata realizzata tramite la riduzione (contrazione) dell'ultimo intercolumnio sul lato lungo del tempio. Questo tipo di soluzione è stato preferito nel mondo greco orientale e fu tenuto in Italia e in Sicilia, ma piuttosto sfavorevole. Infatti, non troviamo nessun tempio arcaico in Sicilia che ha questa contrazione semplice angolo. La sensibilità per la regolarità e la simmetria in questo primo periodo non è stato ancora sviluppata o questa soluzione non è stata capita dagli architetti siciliani. Le costruzioni successive doriche in Sicilia hanno una doppia contrazione, che mitiga le irregolarità forzate nel fregio cambiando la larghezza, non solo dell'ultimo intercolumnio, ma anche di quello la seguente. Questa soluzione del conflitto dorico è stata implementata in molti modi diversi in luoghi e tempi diversi e su diversi edifici. Alla fine del periodo arcaico, va contro il dovere razionale regolarità della costruzione e intercolumni uguali.

Differenziazione di intercolumni

Nei primi templi siciliani, è evidente che gli spazi tra le colonne sui lati lunghi e stretti hanno tutti dimensioni diverse. Questo vale per il tempio di Apollo e quello di Zeus Olympios a Siracusa come tempio C a Selinunte. Nei templi del tardo periodo arcaico come F e G in Selinunte, questa differenza è già molto più piccoli. È importante notare che questa non è una differenziazione prevista a favore della soluzione del conflitto angolo, ma la mancanza di regolarità che è normale per questo periodo in anticipo.
Altre caratteristiche nel piano delle precedenti templi dorici in Sicilia possono essere trovati nella disposizione della costruzione interna. Cella arcaica è costituito da un pronao (atrio), solitamente in antis e un naos (la struttura interna di un tempio, cella). L'adyton è un piccolo posto sul retro della sala dove la statua di culto per un tempio è stata mantenuta spesso e rimane tipico per la fase iniziale dell'architettura del tempio in Sicilia. La mancanza della sala posteriore e la presenza del propteron sono due elementi che danno la parte anteriore del tempio più peso e staccano l'intera costruzione dell'idea di universalismo e simmetria.
Queste sono solo le linee generali di sviluppo che possono essere osservati in Sicilia durante il periodo arcaico.
Apollonion (Siracusa, 600/575 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 17
Stilobate 21.57 x 55.36 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
LS – 3,33 m
FS – 3,90 m
MI – 4,15 m
Contrazione di angolo nessuno
Propteron 2 interc. profondo;
MI vasta
Larghezza cella x lunghezza 11,77 x 37,2 m
Pronao/Cella anteriore 2 in antis
Disposizione delle colonne interne doppio colonnato
Adyton o Opisthodom Adyton
Altezza colonna 7,98 m
Diametro inferiore 2,05 m
Abbassare l'altezza della colonna di D 1: 3
Altezza architrave 2.15 m
Doppie: Intercolumn. 7: 8
07.10
Proporzione di fregio
Triglifi larghezza: Larghezza Metope
Nessuna considerazione
Conflitto di angolo in fregio Nessuna considerazione
Piede / Ell * 49-50 cm = 1
Olympieion (Siracusa, 560 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 17
Stilobate 22.04 x 62.02 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Quasi uguale
Contrazione di angolo nessuno
Propteron 2 interc. profondo
Normale MI
Larghezza cella x lunghezza -
Pronao/Cella anteriore 2 in antis
Disposizione delle colonne interne nessuno
Adyton o Opisthodom Adyton
Altezza colonna c. 8 m
Diametro inferiore 1,84 m
Abbassare l'altezza della colonna di D 1: 4,3
Altezza architrave -
Doppie: Intercolumn. -
Proporzione di fregio
Triglifi larghezza: Larghezza Metope
Con considerazione
Conflitto di angolo in fregio -
Piede / Ell * -
Tempio C (Selinunte, 560/550 A.C.)
clip_image002
Tempio C, Selinus
Proporzione di colonne 6 x 17
Stilobate 23.93 x 63.76 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
LS – 3.86 m AVG.
FS – AVG. 4,41 m
In gradazione sul parte anteriore orientale
Contrazione di angolo nessuno
Propteron 2 interc. Profondo
Normale MI
Larghezza cella x lunghezza 10,40 x 40,89 m
quasi 1: 4 / 20:80 ell
Pronao/Cella anteriore protendono
Disposizione delle colonne interne nessuno
Adyton o Opisthodom Adyton
Altezza colonna 8,76 m/8,65 m
Diametro inferiore c. 1.9 m
Abbassare l'altezza della colonna di D 1: 4,53
Altezza architrave -
Doppie: Intercolumn. 4 di 4: 3/14
Proporzione di fregio
Triglifi larghezza: Larghezza Metope
09.10
La proporzione di trabeazione regolamentato prima
Conflitto di angolo in fregio Non pertinenti
Piede / Ell * 52 cm = 1

Tempio doppie (Selinunte, c. 550 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 13
Stilobate 23.63 x 55.96 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
LS – 4.51 m AVG.
FS – AVG. 4,37 m
Geringere Jochdiff.
Contrazione di angolo nessuno
Propteron nessuno
Larghezza cella x lunghezza 9.87 x 39.28 m
quasi 1: 4 / 20:80 ell
Pronao/Cella anteriore Tetrastilo
2 col + 2 ¾ col.
Disposizione delle colonne interne nessuno
Adyton o Opisthodom Adyton
Altezza colonna 8,35 m
Diametro inferiore -
Abbassare l'altezza della colonna di D 1: 5
Altezza architrave -
Doppie: Intercolumn. 4 3: 5/5
Proporzione di fregio
Triglifi larghezza: Larghezza Metope
8: 9
Conflitto di angolo in fregio Nessuna considerazione
Piede / Ell * 49,1 cm = 1E
Tempio F (Selinunte, 550 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 14
Stilobate 24.37 x 61.88 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
LS – 4.60 m
FS – 4,47 m
Contrazione di angolo nessuno
Propteron 2 interc. profondo
Larghezza cella x lunghezza c. 9,20 x 40 m
Pronao/Cella anteriore protendono
Disposizione delle colonne interne ? / nessuno
Adyton o Opisthodom Adyton
Altezza colonna 9,11 m
Diametro inferiore 1,79 m
Abbassare l'altezza della colonna di D c. 1:5
Altezza architrave -
Doppie: Intercolumn. 3:6
Proporzione di fregio
Triglifi larghezza: Larghezza Metope
5:6
Conflitto di angolo in fregio Ampliamento delle metope angolo
Piede / Ell * -
Tempio G (Selinunte, 520 A.C.)
Proporzione di colonne 8 x 17
Stilobate m 49,97 x 109.12
+ /-5 cm
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Est: 6,52 m AVG.
Ovest: normale interc. – 6,62 m
angolo interc. – m 6.28
Contrazione di angolo Est - nessuno /West – singolo
Propteron Nessuno / 2 interc. Peristasi profondo
(m. c. 12)
Larghezza cella x lunghezza 22.50 x 69.10 m
Pronao/Cella anteriore 4x2 Prostyle
e protendono
Disposizione delle colonne interne doppio colonnato
Adyton o Opisthodom Opistodomo
Altezza colonna 14,7 m
Diametro inferiore Est – 2,97 m
Ovest – 3,26 m
Abbassare l'altezza della colonna di D Est – 1:5 / ovest – 1: 4 ½
Altezza architrave -
Doppie: Intercolumn. Est: 09.17
Proporzione di fregio
Triglifi larghezza: Larghezza Metope
09.13
Conflitto di angolo in fregio Ampliamento delle metope angolo (?)
Piede / Ell * -

Eracle (Agrigento, 488 A.C.)

clip_image003

Tempio di Ercole, Agrigento

Proporzione di colonne 6 x 15
Stilobate 25.33 x 67 m /
25,28 x 67.04 = 3:8
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
LS – 4.612 m AVG.
Ovest: NS-4,62 m = LS
Intercolumnio unità! (INTERFACCIA UTENTE)
MI – 4,605 m
AI – 4,52 m
Contrazione di angolo singolo, (8 – 12 cm); solo nella parte anteriore
Propteron 2 interc. profondo;
West East end
Larghezza cella x lunghezza 11,85 x 29.64 m
Fuß 36 x 90
Pronao/Cella anteriore 5,55 m di profondità; 2 in antis
Disposizione delle colonne interne nessuno
Opisthodomus 5,38 m profondità in antis
Associazione della Cella Alla colonna 2d su FS e 3 su LS
Altezza colonna -
Diametro inferiore -
Abbassare l'altezza della colonna di D -
Proporzione di fregio
W = larghezza; H = altezza
-
Conflitto di angolo in fregio Nessuna considerazione
Io ' 29,64 cm
F. ion

Olympieion (Agrigento, 488? A.C.)

clip_image004

Modello del tempio di Zeus, Agrigento

Proporzione di colonne 7 x 14 / 1: 2
Stilobate 44.01 x 101.16 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
LS-8,12 m
FS – m 8,08 (NormalI)
No MI
Contrazione di angolo nessuno
Propteron 1 interc. profondo
Larghezza cella x lunghezza 2x11 interc.
Pronao/Cella anteriore 1 Inter profondo
Disposizione delle colonne interne 2 x 12 pilastri
Opisthodomus 1 Inter profondo
Associazione della Cella Per il 3 ° e 5 ° colonna su FS
Altezza colonna 18,20 m (?)
Diametro inferiore 4,50 m/4,42 m?
Abbassare l'altezza della colonna di D C. 1:4
Proporzione di fregio
W = larghezza; H = altezza
TrW: MetW =
4: 5
TrW: TrH = 7:4
Conflitto di angolo in fregio Nessuna considerazione
Io ' 32,6 cm

Grande tempio di Himera (480 466 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 14 3:7
Stilobate 22.46 x 55.91 m
68´ x 170´
quasi 2: 5
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
NI – 4,19 m = MI
LS AI = AI FS – 3,99 m = 12´
Contrazione di angolo doppia
Propteron -
Larghezza cella x lunghezza 11.17 x 39.46 m
34´ x 120´
Pronao/Cella anteriore 2 in antis
Disposizione delle colonne interne nessuno
Opisthodomus
Associazione della Cella nessuno
Altezza colonna -
Diametro inferiore 1,91 m
Abbassare l'altezza della colonna di D -
Proporzione di fregio
W = larghezza; H = altezza
TrW: MetW = 2:3
TrW: TrH = 3:5
Conflitto di angolo in fregio nessuna considerazione
Io ' 32,888 cm
Athenaion (Siracusa, c. 470 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 14 / 3: 7
Stilobate 22.20 x 55.45 m
68´ x 170´
2: 5
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
NI – 4,16 m
MI – 4. 20 m
Contrazione di angolo doppia
Propteron C. 1 ½ interc. profondo
Larghezza cella x lunghezza 42 x 12,50 m
Pronao/Cella anteriore 2 in antis
Disposizione delle colonne interne nessuno
Opisthodomus
Associazione della Cella Alla colonna 2d su FS
Altezza colonna 8,78 m AVG.
Diametro inferiore 1,97 m
Abbassare l'altezza della colonna di D 1: 4 ½
Proporzione di fregio
W = larghezza; H = altezza
TrW: MetW = 2:3
TRW: TrH = 3:5
Conflitto di angolo in fregio Nessuna considerazione
Io ' 32,6206 cm
Heraion (E 3) (Selinunte, 470 A.C.)
clip_image005
Tempio di Hera, Selinunte
Proporzione di colonne 6 x 15 / c. 3:8
Stilobate 25. 30 x 67,74 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
UI-4,70-4.73 m
AI - 4,37 m
Contrazione di angolo singolo
Propteron 1 ½ interc. profondo
Larghezza cella x lunghezza c. 14 x 50 m
7: 2 o 1: 3 ½
Pronao/Cella anteriore 2 in antis
Disposizione delle colonne interne nessuno
Opisthodomus Opisth + Adyton
Associazione della Cella Alla colonna 2d su FS e al centro il 2d interc. su LS
Altezza colonna 10,35 m
Diametro inferiore 2,23 m
Abbassare l'altezza della colonna di D 1:4
Proporzione di fregio
W = larghezza; H = altezza
TrW: MetW = 1: 1,42
TW: TrH = ca. 4:7
Conflitto di angolo in fregio m,19
Io ' -
A tempio (Selinunte, 450 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 14
Stilobate 16,13 x 40.31 m
C. 1:2 ½ / 2: 5
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
NI LS – 2,99 m
AI LS – 2,89 m
MI – 2,98 m
AI FS – 2,85 m
Contrazione di angolo necessari – 0,273 m
Anteriore – 0,169 m doppia
Lato-0,96 m singolo
Cella larghezza x lunghezza -
Pronao/Cella anteriore 2 in antis
Disposizione delle colonne interne scale
Opistodomo 2 in antis
Associazione della Cella classica
Altezza colonna -
Diametro inferiore 1,39 m
Proporzioni in elevazione GebälkH: Joch = 5:7
UD: NormalJ = 1: 2,13/4
OD: UD = 08.11
Abbassare l'altezza della colonna di D -
Fregio proporzioni W = larghezza; H = altezza TrW: MetW – 08.11
TR W: TrH – 3:5
Conflitto di angolo in fregio Anteriore – m 0,104
Lato – 0,177 m
Io ' 32,6 cm (?)
Juno Lacinia-tempio-(Agrigento, c. 450 A.C.)
clip_image006
Tempio di Giunone, Agrigento
Proporzione di colonne 06.13
Stilobate 16.93 x 38.13 m
4: 9
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
Parte anteriore orientale
3.05 – 3,08 – 3.15 – 3,08 – 3,04
Verso ovest parte anteriore
3,00-3.12-3.13-3.13 – 3.01
NI LS – 3,07 m
AI LS – 3,00 m
Contrazione di angolo Parte anteriore orientale – doppio/complicato.
Fronte ovest – singolo
LS – singolo
Cella larghezza x lunghezza 9,51 x 27.8 m
Pronao/Cella anteriore 2 in antis; MI – 3,12 m
Disposizione delle colonne interne Scale
Opistodomo 2 in antis; MI – 2,98 m
Associazione della Cella Non simmetrica
Altezza colonna 6,44 m
Diametro inferiore 1,37 m = 4/9 NI
Proporzioni in elevazione OrderH: StylobateW = 1:2
EntablatureH: NormalI = 07.10
NormalI: OrderH = 04.11
LD: NormalI = 4:9
NI = 10 unità di trabeazione
Abbassare l'altezza della colonna di D 1: 5 ¼
Fregio proporzioni W = larghezza; H = altezza TrW: MetW – 2:3
TrW: TrH – 3:5
ArchW = LD = 4/9 NI
Conflitto di angolo in fregio Soluzione diversa
Io ' 32,885 cm

Tempio della Concordia (Agrigento, c. 425)
clip_image007
Tempio della Concordia, Agrigento
Proporzione di colonne 6 x 13
Stilobate 16.91 x 39.44 m
3: 7
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
Parte anteriore orientale
3,00 – 3.10 – 3.20 – 3.09 – 3.01
Verso ovest parte anteriore
3.01 – 3.11 – 3.20 – 3.09 – 2,98
NI LS – 3,20 m
AI LS – 3,00 m
Contrazione di angolo Contrazione singola unità su ogni lato
Cella larghezza x lunghezza 9,47 x 28.71 x
Pronao/Cella anteriore 2 in antis; MI – m 2,93
Disposizione delle colonne interne scale
Opistodomo 2 in antis; MI – 2,95 m
Associazione della Cella classica
Altezza colonna 6,71 m
Diametro inferiore 1,42 m
Proporzioni in elevazione ColumnH: EntablatureH
= 1:3
EntablatureH: NormalI
= 07.10
LD: NormalI = 4:9
NI = 10 unità di trabeazione
Abbassare l'altezza della colonna di D -
Fregio proporzioni W = larghezza; H = altezza TrW: MetW – 2:3
TrW: TrH – 4:7
ArchW: TrW = 1:2
Conflitto di angolo in fregio -
Io ' 32.885 cm
Unità piano terra = 15´´ = 30,83 cm

Tempio di Dioskuri (Agrigento, dopo 425 A.C.)
clip_image008
Tempio di Dioskouroi, Agrigento
Proporzione di colonne 6 x 13
Stilobate 13.83 x 31,70 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
NI = 2,54 m = 125 ´´
AI = 2,43 m = 119 ´´
Contrazione di angolo Singolo (?)
Cella larghezza x lunghezza -
Pronao/Cella anteriore -
Disposizione delle colonne interne -
Opistodomo -
Associazione della Cella classica (?)
Altezza colonna 5,83 m
Diametro inferiore 1.22 m
Proporzioni in elevazione ColumnH: EntablatureH
= 1: 3,14
EntablatureH: NormalI = 08.11 (quasi 08.12 = 2:3)
LD: NormalI = 1: 2,09
NormalI: ColumnH
= 1: 2,29
OrderH: StylobateW
=? 5: 9
Abbassare l'altezza della colonna di D c. 1: 4 ¾ OD: UD = 4:5
Fregio proporzioni W = larghezza; H = altezza TrW: MetW – 2:3
ArchW: angolo di TrW = 1:2
Conflitto di angolo in fregio 19, 5 cm (30, 6cm necessari)
Io ' 32.789 cm
Unità piano terra = 25´´ = 51,23 cm

Hephaistos (Agrigento, 430/400 A.C.)
Proporzione di colonne 6 x 13
Stilobate 13.39 x 31,00 m
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
Nl = 3,16 m ca.
AI = 3,02 m ca.
Contrazione di angolo singolo
su LS
necessari – 36,1 cm
Cella larghezza x lunghezza ? 1: 3
Pronao/Cella anteriore -
Disposizione delle colonne interne -
Opistodomo 2 in antis (?)
Associazione della Cella classica (?)
Altezza colonna -
Diametro inferiore c. 1,51 m
Proporzioni in elevazione -
Abbassare l'altezza della colonna di D -
Fregio proporzioni W = larghezza; H = altezza -
Conflitto di angolo in fregio -
Io ' -
Grande tempio (Segesta, 417/409 A.C.)
clip_image009
Tempio di Segesta
Proporzione di colonne 6 x 14 (3:7)
Stilobate Styl: 23.17 x 58.07 m
EuthyntW: L = 3:7
AxialW: L = 64´x 170´
Intercolumn.
Lato lungo (LS)
Lato anteriore (FS)
Intercolumn medio.(MI)
Angolo Intercolumn. (AI)
NI LS = 4,35 (13¼´)
IA = 12 ½ ´
MI = ´ 13¼ = NI
Contrazione di angolo contrazione doppia unità su ogni lato
Cella larghezza x lunghezza -
Pronao/Cella anteriore 2 in antis
Disposizione delle colonne interne -
Opistodomo 2 in antis
Associazione della Cella classica
Altezza colonna 9,33 m
Diametro inferiore 1,95 m
Proporzioni in elevazione W assiale: ColumnH
= 4:9
EntablatureH: NormalI
= 2:3
LD: NormalI = 4:9
Abbassare l'altezza della colonna di D ¾ 1: 4
Fregio proporzioni W = larghezza; H = altezza TrW: MetW – 2:3
TrW: TrH – 3:5
Conflitto di angolo in fregio -
Io ' 32,861 cm

Glossario

Adyton - l'adyton (greco: Άδυτον) o adyton (Latino) era un'area riservata all'interno della cella di un tempio greco o romano. L'adyton era frequentemente una piccola area nella parte più lontana della cella dall'ingresso.
Cella - la cella (dal latino "piccola camera") o naos (da ναός greco, "tempio"), è la camera interna di un tempio di architettura classica.
Euthynteria - Euthynteria è un antico termine greco per il corso superiore delle fondazioni dell'edificio, in parte emergenti dalla linea di terra. La sovrastruttura dell'edificio (stilobate, colonne, muri e trabeazione) è stata impostata sull'euthynteria.
Intercolumnio - nell'intercolumnio di architettura è la spaziatura tra le colonne in un colonnato, misurata nella parte inferiore della loro alberi. Intercolumnio unità (NI) è la dimensione uguale ipotetica / iniziale della spaziatura su ciascun lato di un tempio prima l'alterazione della spaziatura. L'intercolumnio normale (NI), tuttavia, è uno che non è stato modificato al fine di ottenere una contrazione. L'intercolumnio centrale (MI) è quella tra la centrale e due colonne all'ingresso di un tempio, solitamente sulla parte anteriore orientale.
Metropolis - In passato, la metropoli erano l'indicazione per una città o uno stato di origine di una colonia.
Opistodomo - un opistodomo (ὀπισθόδομος, 'retrobottega') può riferirsi a camera posteriore di un antico tempio greco o al Santuario interiore.
Peristasi - la peristasi (greco: Περίστασις) era un portico quadrangolare o sala delle colonne che circondano la cella in un tempio periptero greco antico.
Stilobate - questa è la piattaforma gradoni su cui colonnati del tempio sono posti colonne (è il pavimento del tempio). La piattaforma è stata costruita su un corso di livellamento che appiattito fuori terra immediatamente sotto il tempio.
Triglyph e metope - Triglyph è un termine architettonico per le compresse verticalmente canalizzati del fregio dorico. Gli spazi da incasso rettangolari tra i triglifi su un fregio dorico sono chiamati metope.

Questo contenuto è fornito dal progetto Europeana Aquila sotto un accordo di condivisione di contenuti. Articolo originale di Fairy Dzhigova. Inviato da Karen Barrett-Wilt, pubblicato il 12 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

Ci sono riferimenti ancora.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…