Punti notevoli di Giosuè 9-11 - Scuola di Ministero Teocratico

Scuola di Ministero Teocratico: Informazioni per studio personale

Lettura della Bibbia: Giosuè 9-11 (10 min)

(Giosuè 9:2)

si radunavano tutti insieme per fare guerra unanimemente contro Giosuè e Israele.

*** w86 15/12 p. 22 par. 5 “Serviremo Geova nostro Dio” ***
5 Si stava ora profilando una prova di forza decisiva. Era stata tolta di mezzo Gerico, una città di confine, così come la falsa religione verrà devastata all’inizio della “grande tribolazione”. Ai era caduta. Ma ora, “tutti i re che erano dalla parte del Giordano nella regione montagnosa e nella Sefela e lungo l’intera costa del mare Grande e di fronte al Libano, gli Ittiti e gli Amorrei, i Cananei, i Ferezei, gli Ivvei e i Gebusei . . . si radunavano tutti insieme per far guerra unanimemente contro Giosuè e Israele”. (Giosuè 9:1, 2) Nel corrispondente parallelo moderno, notiamo che le nazioni della terra ora si sono riunite insieme formando le cosiddette Nazioni Unite. Cercano di conseguire pace e sicurezza alle proprie condizioni, ma ‘si sono ammassate insieme come un sol uomo contro Geova e contro il suo unto’, il più grande Giosuè. (Salmo 2:1, 2)

(Giosuè 9:7)

A ciò gli uomini d’Israele dissero agli ivvei: “Forse dimorate nelle nostre vicinanze. Come potremmo dunque concludere un patto con voi?”

*** it-2 p. 442 Orei ***
In Giosuè 9:7 la Settanta greca chiama i gabaoniti ‘orei’ anziché “ivvei”, ma pare si tratti di un errore, tenuto conto del fatto che i gabaoniti (a differenza degli orei) appartenevano a una delle sette nazioni cananee votate alla distruzione. Il testo masoretico ha “ivvei”. — Gsè 9:22-27; De 7:1, 2.

(Giosuè 9:9)

A ciò gli dissero: “I tuoi servitori sono venuti da un paese molto lontano per riguardo verso il nome di Geova tuo Dio, perché abbiamo udito della sua fama e di tutto ciò che fece in Egitto,

*** w04 15/10 p. 18 par. 14 “Percorri il paese” ***
14 Quei rappresentanti dissero: “I tuoi servitori sono venuti da un paese molto lontano per riguardo verso il nome di Geova tuo Dio”. (Giosuè 9:3-9) Gli abiti e i viveri che avevano sembravano confermare le loro affermazioni, ma in realtà Gabaon distava circa 30 chilometri da Ghilgal. [19]

*** it-1 p. 978 Gabaon ***
Perciò, dopo la distruzione di Gerico e di Ai, gli uomini di Gabaon, forse in rappresentanza anche delle altre tre città ivvee, Chefira, Beerot e Chiriat-Iearim (Gsè 9:17), inviarono a Ghilgal una delegazione per fare la pace con Giosuè. Gli ambasciatori gabaoniti si presentarono con abiti e sandali logori, otri di vino laceri, sacchi rovinati e pane secco sbriciolato, come se venissero da un paese lontano, che perciò non intralciava le conquiste israelite. Riconobbero la mano di Geova in quello che era già accaduto all’Egitto e ai re amorrei Sihon e Og, ma saggiamente non menzionarono quanto era accaduto a Gerico e Ai, poiché notizie del genere non potevano essere giunte in “un paese molto lontano” prima della loro presunta partenza. I rappresentanti di Israele esaminarono le prove e le accettarono, per cui fecero il patto di lasciarli in vita. — Gsè 9:3-15.

MOSTRA TUTTE LE INFORMAZIONI NEL FILE PDF


Scarica il file in PDF con informazioni per studio personale

Scarica File in PDF per Laptop, Tablet e Mobile