Passa ai contenuti principali

Le sculture del Partenone | Origine e storia.



Le sculture del Partenone

da Mark Cartwright
La straordinaria qualità e la quantità di marmo scultura che adorna il v secolo A.C. Partenone di Atene ha reso il più riccamente decorato di tutti i templi greci. La scultura, ora per lo più separata nei marmi del Partenone (marmi di Elgin) e collezione Museo dell'Acropoli di Atene, una volta costituita da 92 metope, un unico fregio in giro tutti e quattro i lati dell'edificio, ed entrambi i frontoni riempito con 50 figure monumentali. La scultura presenta scene della mitologia che erano una metafora per il trionfo greco sopra Dario e Serse nelle recenti guerre persiane. L'intero edificio e belle opere d'arte sono stati progettati per wow curiosi e glorificare Atene e la sua dea Athena. Come l'istigatore dell'intero progetto, Pericles vantava giustamente "... We sarà la meraviglia di oggi e di età ancora a venire".
clip_image001
Dionysos dal Partenone.

Il Partenone

Costruito tra il 447 ed il 432 A.C., il Partenone fu dedicato ad Atena, la divinità protettrice di Atene e conteneva un'enorme statua di culto alta dodici metri della dea in legno, avorio e un enorme 1.140 chili d'oro. Costruito nell'età dell'oro di Pericle, le misure del tempio massiccio circa 31 x 70 metri ed era una celebrazione del trionfo greco sopra gli eserciti d'invasione della Persia. È stato progettato dagli architetti Iktinos e Kallikratis per annunciare al mondo la gloria di Atene e per questo motivo il suo esterno è stato impreziosito con alcune delle più belle scultura architettonica mai ad essere prodotto nell'antichità.
Marmo pentelico, 22.000 tonnellate di esso, fu preso dal vicino Monte Pentelicus e utilizzato per la costruzione, come esso è stato apprezzato per il suo aspetto bianco puro e grana fine. Tracce di ferro nel marmo, nel tempo, dato la pietra color miele morbido che è particolarmente evidente all'alba e al tramonto.
Mai prima era stato un tempio greco così riccamente decorate.
La scultura decorativa era sotto la supervisione del maestro scultore Fidia, che era anche responsabile per la gigantesca statua di Atena che sorgeva all'interno del tempio. Che diversi scultori hanno lavorato su diversi pezzi è evidenziato dalle diverse qualità della scultura e il volume di lavoro richiesto. Questo è stato anche, senza dubbio, una necessità a causa del lasso di tempo breve per la costruzione. Mai prima era stato un tempio greco così riccamente decorate. Il tema principale della scultura era la lotta tra ordine e caos, una metafora per le guerre tra greci e persiano nemico che consideravano "barbari". Gran parte della scultura ha subito danni di vario genere nel corso dei secoli, ma con l'aiuto di descrizioni di Pausanius del 2 ° secolo D.C. e disegni realizzati da un artista fiammingo (forse Jacques Carrey) nel 1674 CE, alcuni dei pezzi più seriamente danneggiati può essere identificato.
clip_image002
Frontone occidentale del Partenone (ricostruzione)

Frontoni

Frontoni presentano lo scultore con la sfida di riempire uno spazio triangolare e in questo caso una grande 28,55 metri lunghezza con un'altezza massima di 3,45 metri nel centro. Cinquanta figure straordinariamente rendering decorato frontoni (ma solo undici sopravvivere). Queste furono scolpite nel turno nonostante il fatto che la schiena non sarebbe visto dal livello del suolo, sotto di 16 metri. Inoltre, le estremità dei frontoni erano una testa di leone sima o grondaia (in questo caso falsa), uno dei quali, dall'angolo nord-est, sopravvive.
Per risolvere il problema della diminuzione dello spazio negli angoli, gli scultori avevano figure adagiantesi vicino alle estremità o di dissoluzione in un mare immaginario o avevano anche la scultura sporgenza del bordo inferiore del frontone. Il frontone est raffigurato la nascita di Atena (che si collega bene con raffigurazione di fregio di Panathenaic Festival tenuto il compleanno della dea), mentre il frontone ovest ha mostrato la concorrenza tra Atena e Poseidone per diventare la patrona di Atene, l'ex offrendo gli ateniesi una molla salato, quest'ultimo il primo albero di olivo. Questa era un'altra caratteristica insolita - di avere la divinità del tempio appaiono su entrambi i frontoni.
Il frontone occidentale è stato dominato dalle due divinità Atena e Poseidone (ogni tre metri di altezza) discutere oltre che dovrebbe vincere il favore degli Ateniesi. Ciò che si trovava tra di loro sopravvive solo in frammenti, ma potrebbe essere stato o fulmine di Zeus' o regalo vincente di Athena dell'ulivo, possibilmente in bronzo. Entrambi i lati era un carro con allevamento di cavalli, che più vicino al Poseidon probabilmente trasporta sua guardiano Amphitrite, mentre sulla sinistra il carro di Athena è guidato da Nike. Athena è frequentata anche da Hermes, mentre Iris si leva in piedi vicino al Poseidon. Poi si estende ai bordi sono varie figure in piedi o seduti, probabilmente primi re attico ed eroi; il più certamente identificato è Kekrops, ritratta con le sue bobine convenzionali di serpente. Un'altra figura facilmente identificata è un mostro marino che rappresenta il potere di Poseidone per controllare i mari. La figura adagiantesi sul lato di estrema sinistra, cui gamba scompare nella base del frontone, è stata identificata come il Dio del fiume Ilissos o Eridanos.
clip_image003
Frontone est del Partenone
La composizione centrale del frontone est è più speculativa a causa della scarsità dei pezzi sopravvissuti e la perdita del bronzo identificando gli attributi le figure sarebbe hanno tenuto nelle loro mani. Zeus è il centro della scena con sua figlia Athena, appena nata, in piedi immediatamente a destra completamente armati. Accanto all'Athena sta Efesto che hanno assistito alla nascita di spaccare la testa di Zeus aperto' con la sua ascia. Altri dii Olympian compongono il resto della scultura frontone. Helios e i cavalli del suo carro primavera dall'angolo a sinistra che rappresenta l'oceano Okeanos, che ha circondato il mondo. La prossima è Dioniso disteso sulla sua pelle di pantera (meglio conservata figura ma probabilmente anche identificata come Ercole su una pelle di Leone, anche se la sua presenza precoce sarebbe incongruo alla nascita di Atena), quindi potrebbe essere seduta Demetra e Kore (o Persefone) su legno cassapanche, poi Artemis (o Hebe) che sembra circa un passo fuori del frontone come lei si appoggia in avanti. Hera e Apollo può hanno resistito alla sinistra di Zeus. Sul lato destro, dopo il carro di Poseidone, sono probabilmente Hestia, Dione e Afrodite che si adagia sul grembo di sua madre e può essere identificata dalla sua veste seducente lasciando una spalla nuda. Nell'angolo lontano destro potrebbe essere stato Selene (la luna) o Nyx (notte) con le teste di cavallo del suo team di carro riempiendo l'angolo giusto, quelli di Helios di mirroring sul lato opposto. I cavalli di Helios, però, sono raffigurati in pieno di energia cominciano il loro cammino quotidiano attraverso il cielo, mentre i cavalli di Selene guardare esausti, come sono al fine del loro quotidiano eseguire e affondare nuovamente dentro Okeanos. Questo significa che tutta la scena deve essere all'alba.
clip_image004
Centauro & Lapiti Metope, Partenone

Le metope

Il Partenone è ancora eccezionale in tutte le metope erano pieni. 92 metope furono scolpite in altorilievo (fino a 25 cm di profondità e quasi in tondo), e le misure di ogni lastra circa 1,25 x 1,2 metri. Trenta-due metope, alternate a triglifi, sono stati disposti lungo i lati lunghi dell'edificio, mentre ogni facciata aveva 14. Tutti gli sfondi sono stati originariamente verniciati rosso.
Metope più importanti erano sul lato est, in quanto questa è l'entrata principale del tempio. Qui dell'Olimpo combattere giganti per il controllo dell'universo; quattro scene mostrano i carri, ma alcuni degli dèi rimangono non identificati a causa della loro condizione danneggiati. Metope ovest raffigurano greci in lotta contro le Amazzoni, quest ' ultimo un'altra metafora per gli stranieri e, come tale, che indossano costumi e cappelli orientali. Le figure sono così gravemente danneggiate che è impossibile essere certi che le figure sono di sesso femminile, ma l'alternativa, che sono soldati persiani, sembra improbabile dato il soggetto mitologico del resto della scultura sul Partenone. I greci sono semi-nuda e probabilmente l'eroe che Teseo è inclusa nella narrazione, mentre le Amazzoni cavalcare cavalli o combattono a piedi. Ogni metope ritrae un duello uno contro uno con a volte le Amazzoni vincente, a volte i greci.
Le metope Nord mostrano la caduta di Troia - ancora una volta preso come una metafora per la Persia, una convenzione stabilita in arte attico - con i primi tre (dall'estremità occidentale) mostrando la divinità apparentemente nel giudizio del procedimento, inclusa Athena scende dal suo carro. Altre scene sono guerrieri, lasciando la loro nave, Odisseo alla ricerca di Helen, Menelaos incontro Helen e la fuga di Enea. Metope sud raffigurano greci in lotta contro i Centauri, un'altra metafora per caos e barbarie, possibilmente alle nozze di Perithous, re dei Lapiti, quando i centauri divennero ubriaco e ha tentato di rapire le donne dei Lapiti. Teseo, re di Atene, era uno degli ospiti al matrimonio, quindi il collegamento con la città. Avrebbero dovuto originariamente bronze aggiunte come armi; Tuttavia, queste metope, avvicina i lati scoscesi dell'Acropoli, sono tra i migliori conservati delle sculture del Partenone, e mostrano una lotta vibrante, dinamica, tra i protagonisti.
clip_image005
Lapiti & Centauro, Metope Partenone

Il fregio

Il fregio misure 160 metri di lunghezza, è quasi un metro di alto e include un cifre da capogiro 380 e 220 animali, soprattutto cavalli, tutti scolpiti in basso rilievo (massimo 6 cm) sovrapposti attraverso 115 lastre. Attraverso una combinazione di sopravvivere a pezzi e disegni, il 90% del fregio può essere ricostruito. In giro tutti e quattro i lati dell'edificio tra il colonnato esterno e interna cella, il racconto del fregio inizia nell'angolo sud-ovest e poi corre parallelo lungo i lati lunghi a concludere in fondo, esattamente sopra la porta principale. Tale progetto era una caratteristica ionica e più tipico degli edifici del tesoro. Tuttavia, in realtà il Partenone e il telo d'oro sulla statua di Atena anche servito come tesoro della città e quello della lega Delio-Attica. Il fregio era insolito in quanto esso ha fatto non raffigurano scene tratte dalla mitologia greca e unico perché tutti e quattro i lati raffigurano un unico soggetto - la processione Panatenaica. Questa era una cerimonia religiosa organizzata ogni quattro anni, che ha coinvolto una processione lungo la via Sacra ed infine consegnato una veste nuova, appositamente tessute o peplo, arrhephoros, al culto antico legno di ulivo la statua di Atena ospitato nell'Eretteo accanto al Partenone.
clip_image006
Cavalieri dal fregio del Partenone
Come lo spazio è stretto in cui visualizzare il fregio, sullo sfondo delle scene è stata dipinta di blu, figure erano anche vivacemente dipinte in oro, rosso e blu e il rilievo fatto più profondo nella parte superiore, in modo che le figure sembrano appoggiarsi verso lo spettatore lontano sotto. Alcuni dettagli sono stati dipinti piuttosto che aggiunte scolpite, tridimensionale, come armi cavallo regni sono stati aggiunti in bronzo e gli occhi sono stati resi con vetri colorati.
Una cavalcata riempie il 70% della composizione, e la cerimonia reale veste sembra essere raffigurato nella parte centro-orientale. Ci sono i dignitari, i musicisti suonavano la kithara aulose cavalieri variamente interpretati nudi o indossando tuniche o armatura e che forse rappresenta gli eroi di maratona, ma forse anche gli atleti in sella per lo sport; alcuni vedono anche il mitico fondatore del Panathenaic Festival Teseo come uno dei piloti. Altre figure in processione sono marescialli, anziani o giudici tenendo rami d'ulivo, animali sacrificali (montoni e buoi), campioni (apobates che saltare e spegnere i loro carri mobili mentre indossa l'armatura completa oplita come l'evento sportivo dei giochi festival), donne che trasportano acqua-vasi, ciotole e basamenti del telaio, ragazzi portando vassoi di offerte, eroi e dell'Olimpo, che sembra essere in una conversazione animata come essi attendono l'arrivo della processione.
Atena e Zeus prende il centro della scena, e sono entrambi resi leggermente più grande degli altri dèi nel fregio. I dodici dèi sono seduti su sgabelli con un trono riservato solo per Zeus, ed essi sono assistiti da due divinità minori. Dal lato sinistro è Hermes con il famoso cappello sul suo grembo, successivamente è Dionysos che poggia il suo braccio sulla spalla di Hermes', quindi viene Demeter che detiene la torcia che ha usato per cercare sua figlia rapita Persefone la malavita, allora vieni Ares, Iris e Hera, che è l'aumento il velo da sposa, poi, finalmente, Zeus sul suo trono. Sul lato destro è Athena con la sua egida in grembo, quindi Efesto con il bastone che portava per la sua zoppia. Poi sedersi Poseidon cui tridente è stato aggiunto in vernice, Apollo, che avrebbe indossato una corona dorata, come indicato da piccoli fori nei suoi capelli, Artemide, Afrodite e, infine, Eros tenendo un parasole.
clip_image007
Processione Panatenaica
Al centro, sul lato est, è la scena di cinque figure impegnate nella cerimonia che coinvolgono il peplo. Ci sono tre figli, due dei quali sono certamente le ragazze. Il maschio adulto è forse senior Arconte, che riceve il peplo, e la donna può essere la sacerdotessa di Atena, che prende uno sgabello da una delle ragazze.

Conclusione

Il Partenone è rimasto in uso per oltre 1.000 anni, ma quando fu convertito in chiesa cristiana nel v secolo D.C., gran parte della scultura decorativa è stato deliberatamente danneggiato o rimosso nel tentativo di spazzare via il passato pagano. Inoltre, l'inclusione di un'abside sul lato est necessaria la rimozione di parte del fregio est. Nel 1458 CE occupanti turchi ha trasformato l'edificio in una moschea, e nel 1687 CE fu usata come polveriera. Questo si rivelò disastroso quando una shell da veneziani d'attaccanti partì la polvere e strappato il cuore fuori dall'edificio. Il veneziano Morosini generale poi ha fatto ulteriori danni quando ha cercato di rimuovere le figure da frontone ovest, distruggendo i cavalli quando il suo tackle sartiame crollò. Sembrava che la grande arte di questo monumento una volta grande era destinata a essere persa per sempre.
Sinistra come un glorioso rudere con cacciatori di souvenir liberamente prendendo ricordi dal sito, nel 1801 CE il conte di Elgin e saccheggiatori ottenuto il permesso dalle autorità turche indifferente per il diritto di prendere i calchi della scultura restante e rimuovere eventuali pezzi che ha immaginato. Questa collezione, conosciuta come i marmi di Elgin o i marmi del Partenone, è stata acquistata dal governo britannico nel 1816 CE, infine da visualizzare al British Museum, Londra. Una parte del fregio, una metope e una testa da una figura di frontone risiedono anche nel Museo del Louvre, Parigi e diversi altri pezzi sono sparsi per musei europei. Alcuni di quei pezzi a sinistra sul monumento non sono stati rimossi fino anni ' 80 e ' 90 CE e di conseguenza hanno subito gravi danni da inquinamento atmosferico; sono ora visualizzati nella metri dal Partenone Museo dell'Acropoli, qualche centinaio e disposti esattamente nella sequenza come erano originariamente con calchi per i pezzi mancanti. Il dibattito va avanti per unificare le sculture in uno spazio espositivo unico, ma ovunque si trovino a essere visto, le sculture del Partenone continuano ad affascinare il visitatore e catturare l'ammirazione e l'immaginazione di tutti, senza dubbio, proprio come hanno fatto 2.500 anni fa.

Inserito da Mark Cartwright, pubblicato il 14 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Boardman, J. scultura greca. Thames & Hudson, 1985.
  • Cook, B.F. marmi di Elgin. Pressa dell'Università di Harvard, 1984.
  • Verde, p. il Partenone. Divisione del libro di Newsweek, 1973.
  • Papathanassopoulos, g. l'Acropoli. Krene edizioni, 1991.
  • Servi, K. Acropoli & Museo dell'Acropoli. Ekdotike Athenon, 2011.
  • Vlassopoulou, C.. Acropoli & Museo. Ministero della cultura ellenica, 2004.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…