I Sassoni | Origine e storia.

Definizione: I Sassoni 

di Cristian Violatti
clip_image001
I sassoni furono una tribù germanica che originariamente occupato la regione che oggi è la costa del mare del nord dei Paesi Bassi, Germania e Danimarca. Il loro nome deriva dalla seax, un coltello distinto comunemente usato dalla tribù. Uno dei primi registri storici di questo gruppo che conosciamo proviene da scrittori romani a che fare con i molti problemi che ha colpito la frontiera settentrionale dell'Impero romano durante il secondo e terzo secolo CE. È possibile che sotto l'etichetta "Sassoni", questi primi conti romani inclusi anche altri gruppi vicini germanici nelle regioni come gli angoli, i Frisoni e la juta; tutte queste razze gruppi strettamente lingue germaniche che nel tempo si sarebbe evoluto in antico inglese.
Poiché i Sassoni erano analfabeti, la maggior parte di ciò che sappiamo su di loro proviene da segnalazioni di una manciata di scrittori (per lo più vescovi e monaci) e anche dalla ricerca archeologica. I sassoni furono tra le nazioni "barbare" che si impegnerebbero contro Roma durante la tarda antichità, mettendo fine al morente ordine imperiale nel Regno occidentale di Roma, rimodellando la mappa e rinominare le nazioni d'Europa.

Storia remota

A sud il territorio dove i Sassoni vissuti sul continente erano i franchi, una forte confederazione germanica che aveva una solida presenza occupando un territorio tra i Sassoni e la frontiera romana. Per questo motivo, espandendosi verso sud era un'opzione problematico per i Sassoni, e un'espansione del mare era un'alternativa più adatta. Alla fine del terzo secolo CE, Frankish predoni si unì i Sassoni nella parte meridionale del mare del Nord e il canale della Manica. Essi predati spedizione corsie e perquisito anche la costa della Britannia e della Gallia. Questi attacchi sulla Gran Bretagna romana durante la fine del terzo secolo CE costretto le autorità a costruire una rete di forti con spessi muri in pietra in località costiere a respingere questi attacchi, e la costa meridionale dell'Inghilterra divenne noto come la frontiera della Costa sassone. Generalmente situato accanto a importanti porti e foci, questi forti non solo servì come strategiche difese contro i predatori, ma anche come mezzo per assicurare la raccolta e la distribuzione dello stato fornisce.
Carausio, comandante delle legioni romane sotto il futuro imperatore Massimiano, Menapi venne dato il compito di eliminare i pirati Franchi e Sassoni in 285 CE. La sua missione era molto successo e da 286 CE, aveva rotto il potere del pirata in mare. Egli è stato accusato, tuttavia, di essere in combutta con i pirati e mantenendo il loro saccheggio per se stesso e così è stato condannato a morte per ordine di Massimiano (che allora era imperatore di Roma). Piuttosto che presentano alla ciò che vedeva come ingiuste accuse, egli si dichiarò imperatore di una Bretagna indipendente e regnò fino al 293 D.C., quando fu ucciso in battaglia e fu restaurata la regola da Roma.
clip_image002
Mappa della Costa sassone, ca. 380 D.C.
Sul continente, nel frattempo, la Confederazione sassone ha iniziato a rompere durante l'IV secolo D.C., con un numero crescente di sassoni (insieme ad altri gruppi germanici come gli angoli) entrando in Gran Bretagna, mentre altri sono rimasti in Europa continentale. Intorno a questo tempo, abbiamo record romano ufficiale attestante Saxon più incursioni nella Britannia sud-orientale (Ammianus Marcellinus: 26, 4). sassone soldati erano stati impiegati in precedenza dai romani come Legionari in Gran Bretagna, e il conflitto tra Carausio e Massimiano può aver incoraggiato coloro che avevano servito a lasciare la zona intorno l'Elba e trasferirsi in una Bretagna indipendente sotto il Regno di Carausio. Anche dopo la morte di Carausio, tuttavia, migrazione sassone in Gran Bretagna continuò (spesso caratterizzata da scrittori di quel tempo come un'invasione).
IL MOVIMENTO DEI SASSONI E GLI ANGOLI IN GRAN BRETAGNA ERA UNO STADIO CRITICO NELLO SVILUPPO GLOBALE DELLA LINGUA INGLESE
La costa sud-est della Bretagna non era l'unico posto colpita da incursioni sassoni. Non molto tempo dopo la morte dell'imperatore Constantine (337 CE), le frontiere settentrionali della Roma in Europa continentale soffrivano anche l'incursione di diversi gruppi di "barbaro", tra cui i Sassoni. Lo storico romano Zosimo offre un riepilogo delle sfide che Costanzo, l'imperatore romano che è venuto dopo Costantino, dovette affrontare durante la CE 350s, in cui i sassoni sono menzionati come una delle molte minacce militari appeso su di Roma.
Ma percepire [Costanzo] tutti i territori romani a essere infestate dalle incursioni dei barbari, e che i franchi, gli Alemanni e i Sassoni avevano non solo possedeva stessi della quaranta città vicino a Reno, ma ha avuto similarmente rovinato e li distrusse, portando fuori un numero immenso degli abitanti e una quantità proporzionata di bottino; [...] egli considerava a malapena in grado di gestire gli affari in questo periodo critico (Zosimo: libro 3, 1).

Antichi conti sulle migrazioni sassone

All'inizio del v secolo CE, controllo romano in Gran Bretagna era calante, e la maggior parte delle risorse militari di Roma sono stata assegnata alle lotte in Europa continentale. L'esercito romano si ritirò completamente dalla Gran Bretagna nel 410 CE e il terreno occupato è stato lasciato nelle mani dei Britanni romanizzati. Il territorio era diviso in diversi piccoli gruppi belligeranti, entrambi gli indigeni e gli invasori, in lotta per il controllo politico. In mezzo a questo conflitto sociale e politico, più sassoni migrarono in Gran Bretagna, espandendo il loro territorio e che stabilisce un certo numero di regni che può essere identificato dal fatto che la maggior parte dei loro nomi contiene il suffisso "sesso" (ad esempio, Sussex, Wessex).
Antiche fonti forniscono diverse versioni di come esattamente i Sassoni arrivarono in Gran Bretagna e come hanno ampliato. Tre opere principali interessate con i Sassoni in Britannia sono sopravvissuti fino ai giorni nostri: l' in De Excidio Britanniae, scritti da Gildas; la Historia Ecclesiastica, di Beda e nella Cronaca anglosassone, una narrazione con più autori. Secondo Beda, il famoso Monaco britannico vissuto nel Medio Evo, i Britanni stavano subendo attacchi da Scoti e Pitti, così hanno deciso di assumere alcuni dei Sassoni come mercenari per combattere i loro nemici. Dopo aver completato il loro compito, i sassoni si sono rivoltati contro i Britanni. Gildas, Monaco britannico 6 ° secolo D.C., descrive i Sassoni come selvaggi simili a cani e leoni, e aggiunge che "nulla di più distruttivo, che niente di più amaro è mai toccata la terra". Gildas vide l'avanzata distruttiva dei Sassoni come forma di punizione inflitta da Dio per i peccati dei britannici, cui egli si confronta con gli Israeliti della Bibbia:
Il popolo dei Sassoni o angoli sono stato trasportato in Gran Bretagna in tre lunghe-navi. Quando il loro viaggio si è rivelata un successo, notizie di loro è state portate a casa. Un esercito più forte che enunciati, si unì a quelli precedenti, prima di tutto scacciò il nemico essi cercavano [Picts e Scots]. Poi acceso loro alleati [Britannia] le armi e soggiogò quasi tutta l'isola di fuoco o spada, dalla sponda orientale fino a quello occidentale sulla scusa inventate che i Britanni avevano dato loro un meno di stipendio adeguato per i loro servizi militari (la cronaca maggiore, citata da Higham e Ryan).
Nella Cronaca anglosassone leggiamo i Sassoni entrando in Gran Bretagna come successivi "arrivi" di mare, sotto diversi capi e stabilendo piccoli regni in diverse zone della Gran Bretagna: Hengest nel 449 CE, leader di una forza di tre navi, governando sopra Kent; Aella nel 477 CE, leader di una forza di tre navi, governando nel Sussex; e Cerdic, la figura del fondatore della dinastia sassone occidentale, portando uno squadrone di cinque navi e arrivo in Gran Bretagna nel 495 CE.
Cerdic è il più famoso dei re sassoni, regnante dal CE 519-534. Il Chronicle Anglo-Saxon 'entrata s per 519 CE dichiara: "In questo anno Cerdic e Cynric ottenuto il Regno dei Sassoni occidentali, e nello stesso anno hanno combattuto contro i Britanni in un luogo ora chiamato Cerdices-ford. E' da quel giorno i principi dei Sassoni occidentali hanno regnato. Si dice di aver combattuto "il famoso re Arthur" in 520 CE, ma che data può effettivamente essere fuori da un anno, e la battaglia con Arthur ebbe luogo nel 519 CE. Lo storico Robert J. Sewell osserva che, "Cerdic ha incontrato la resistenza grande dall'ultimo dei Romano-Britanni sotto un ombroso leader che rivendica buono un come un altro per essere stato la 'vera' King Arthur" (3). Cerdic sia ha vinto la battaglia o dichiarato una tregua e fu data la terra dal re britanno identificato con Arthur, ma ad ogni modo, egli fondò il Regno dei Sassoni occidentali, Wessex, in Gran Bretagna. Mentre la data di 519 CE è citato nelle Cronache anglosassoni per l'inizio del suo regno, una data in ritardo quanto 532 CE è suggerito da altre fonti. Nel 530 CE, Cerdic conquistò l'isola di Wight, impiegando la sua già affermata esercito e la Marina; morì due anni dopo, nel 534 CE. La data precedente, quindi, ha più senso di quella successiva nel racconto della vita di Cerdic. La natura caotica del tempo e conti in conflitto da fonti diverse, molto spesso creare narrazioni molto diverse che sono stati seguiti, o combinati, di scrittori successivi.

Interpretazione delle fonti antiche

In passato, questi conti tradizionali sono stati scattati al valore nominale, con scrittori, rifiutando una narrativa in favore di un altro o che unisce due o più. Scrittori vittoriani accettano le storie di "arrivo" riportate nella Cronaca anglosassone come verità storica, che hanno poi modificati per soddisfare i propri fini narrativi. Perché queste narrazioni più anziane spesso contraddicevano vicenda, scrittori successivi tentò di li fondono in storie senza soluzione di continuità che ha fornito loro una storia lineare del loro passato. Questo è come si può oggi leggere due conti molto diversi della storia della Gran Bretagna che entrambi sostengono di essere la verità e che può puntare a narrazioni più anziani per il supporto di tale affermazione. Si deve tenere a mente le diverse versioni e interpretazioni delle cosiddette "invasioni sassoni" durante la lettura di queste varie fonti.
clip_image003
Centrale Europa v secolo CE
Un esempio di questo problema è l'affermazione che i sassoni furono assunti dai Romani per combattere in Gran Bretagna. Da Roma al momento mancava di truppe in Gran Bretagna, il conto dei Sassoni impiegati come mercenari sembra plausibile: i Britanni Romanised deciso di assumere barbari come mercenari per motivi di sicurezza, che era una pratica comune romana. Piuttosto che riflettendo la migrazione di massa, le testimonianze archeologiche della presenza sassone prima 450 CE è molto debole, che è coerente con la conquista militare indicata nei conti antichi: come esercito del campo dei Britanni, il numero dei sassoni non avrebbe potuto essere inizialmente più di qualche migliaio. Cronaca gallica del 452 CE, parla la sentenza sassoni su gran parte della Britannia meridionale, anche coerente con l'aumento del numero di materiale archeologico sassone dopo 450 CE.
Il primo cimitero anglo-sassone in Gran Bretagna è stato datato dagli archeologi a non oltre 425-450 CE. Le pratiche di sepoltura dei Sassoni (e le tribù germaniche in generale) erano nettamente diverse da sepolture indigene in Gran Bretagna. Rituale di cremazione tedesco nord fu introdotta in Inghilterra orientale, ma germanico persone cremazione gradualmente abbandonata a favore di inumazione, seppellire i loro morti con corredi funebri, un'usanza che era a posto fino a circa 700 CE; dal tardo VI secolo CE, arredato inumazione domina lo smaltimento sassone dei morti. Sepolture sassone non hanno sviluppato dal passato pratiche indigene; invece, essi sono collegati alle sepolture trovati da altra parte del mare del Nord. Tardi sepolture romane in Gran-Bretagna erano stata in gran parte non ammobiliati inumazioni ma, dalla fine del IV secolo CE, vediamo l'emergere di inumazioni accompagnato da armi e accessori per cintura, spesso interpretati come le sepolture di soldati mercenari germanici, simile ad altre sepolture trovate in Gallia settentrionale e altre zone occupate dalle tribù germaniche. Queste sepolture si riferiscono allo sviluppo di riti sepolcrali Saxon e angolo rilevato tra i quinto e settimo secoli CE: sepolture ad inumazione, dove gli uomini solitamente sono stati sepolti con le armi, mentre le donne furono sepolti con pettini, spille e collane.
È chiaro, sia da fonti storiche e dati archeologici che entro la fine del v secolo D.C., Britannia sud-orientale era sotto il controllo di vari gruppi sassone. La diffusione delle pratiche di sepoltura sassone sopra luoghi dove solo sepolture indigene sono state precedentemente registrate riflette la diffusione dei Sassoni spostando gruppi indigeni, romana e celtica.

Assorbimento dei franchi, conquista dell'Inghilterra & eredità culturale

Durante il v secolo D.C., ci sono registrate le ostilità tra Franchi e Sassoni in Europa continentale. Sotto la guida di Childerico, franchi sostenuto le forze romane e li ha aiutati a sconfiggere un certo numero di nemici, tra cui un esercito di sassoni ad Angers nel 469 CE. I Franchi iniziarono un graduale processo di assorbimento della continental sassoni e, mentre questo processo era ancora in corso durante l'ottavo secolo CE, quei sassoni che migrarono in Bretagna riuscì a costruire una solida presenza. Dopo diverse generazioni di conquista, alleanze e successioni instabile, hanno stabilito la loro regola sopra la maggior parte dei gruppi indigeni. Dopo le invasioni vichinghe IX secolo D.C., i re del Wessex (Alfred e i suoi discendenti) creato il primo forte sassone occidentale Unito (a sud del Tamigi) che, durante il decimo secolo D.C., riuscì a conquistano il resto dell'Inghilterra creando il tardo Regno anglosassone.
clip_image004
Gran Bretagna, attorno al 600
Gran Bretagna è stato l'unico luogo in Europa che ha visto la formazione di nuovi Stati che avevano poco in comune con i principi romani. Tutti gli Stati nascenti nel continente europeo che è emerso dopo il declino dell'ordine romano sono stati creati su fondamenta romane, a volte con un coinvolgimento chiaro romano o anche fermo gli aspetti chiave della vita romana. Questo non era il caso con i Sassoni, che entrò di Gran Bretagna e che erano meno familiarità con le vie romane.
Il movimento dei Sassoni e gli angoli in Gran Bretagna era uno stadio critico nello sviluppo globale della lingua inglese. Se queste tribù germaniche non si muoveva in Gran Bretagna, la lingua inglese come lo conosciamo non esisterebbe oggi, e i dialetti degli Angli e i Sassoni sarebbe stata gradualmente dissolta nelle lingue germaniche continentali, eventualmente miscelati in dialetti basso tedesco e olandese. Come si espanse in tutta la Gran Bretagna, questi gruppi germanici sfollati le comunità locali di lingua celtiche. Vecchio inglese, la lingua nata gli Angli e i Sassoni che entrato in Gran Bretagna, gradualmente spostato le lingue latina e brittonico in Gran Bretagna di pianura, e da lì alla fine acquisita ascendente su gran parte delle isole britanniche.

Scritto da Cristian Violatti, pubblicato il 14 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Wessex e Inghilterra da Robert J. Sewell con Sewell V. campione
  • Bahn, p. il pinguino nuovo dizionario di archeologia. Pinguino, 2005.
  • Cunliffe, b. Europa tra gli oceani. Yale University Press, 2011.
  • Darvill, T. Concise Oxford Dictionary of Archaeology. Oxford University Press, 2008.
  • Durant, w. età di fede. Bene Communications, 1997.
  • Halsall, g. migrazioni barbariche e l'Occidente romano, 376-568. Cambridge University Press, 2008.
  • Higham, N. e Ryan, M. mondo anglosassone. Pressa dell'Università di Yale, 2013.
  • Hornblower, S. e Spawforth, a. il compagno di Oxford alla civiltà classica. Pressa dell'Università di Oxford, 2014.
  • Hunter, J e Ralston, I. (ed). L'archeologia della Britannia. Routledge, 2010.
  • Mitchell, S. una storia del tardo impero romano, annuncio 284-641. Wiley-Blackwell, 2014.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.