Passa ai contenuti principali

Evoluzione delle stelle | Terra, sistema solare ed universo.


clip_image001
Stelle evolvono in milioni di anni. Sono nato quando si accumula una grande quantità di materia in uno spazio. Il materiale viene compresso e si riscalda fino a si avvia una reazione nucleare, consumando materia, trasformandola in energia. Piccole stelle trascorrono lentamente e durano più di quelle grandi.
Teorie sull'evoluzione delle stelle sono basate su prove da studi degli spettri legati alla luminosità. Le osservazioni mostrano che molte stelle sono classificati come sia una sequenza regolare in cui i più brillanti sono più caldi e più piccolo, il più freddo.
Questa serie di stelle formarono un gruppo conosciuto come il diagramma di sequenza principale conosciuto come una temperatura-luminosidad del diagramma Hertzsprung - Russell. Altri gruppi di stelle che appaiono nel diagramma includono il sopraccennato giganti e nane.

La vita di una stella

clip_image002
Il ciclo di vita di una stella inizia come una grande massa di gas relativamente freddo. La contrazione del gas genera la temperatura all'interno della stella fino a raggiungere 1.000.000 ° C. A questo punto prendere il reazioni di posto nucleari, cui il risultato è che i nuclei degli atomi di idrogeno si combinano con il deuterio a nuclei di elio forma. Questa reazione rilascia grandi quantità di energia e si ferma la contrazione della stella. Per un po' sembra che stabilizza.
Ma quando si finisce il rilascio di energia, contrazione riprende e la temperatura della stella torna ad per aumentare. Momento inizia una reazione tra idrogeno, litio e altri metalli leggeri presenti nel corpo della stella. Nuova energia è rilasciata e la contrazione si arresta.
Quando litio e altri materiali leggeri consumato, contrazione riprende e la stella entra la fase finale di sviluppo in cui l'idrogeno diventa elio a temperature molto elevate, grazie all'azione catalitica del carbonio e dell'azoto. Questa reazione termonucleare è caratteristica di sequenza principale della stella e continua fino a quando ha consumato tutto l'idrogeno non esiste.
La stella diventa una gigante rossa e raggiunge la dimensione più grande quando tutto l'idrogeno centrale è diventato elio. Se brilla ancora, la temperatura di nucleo deve essere sufficiente a produrre la fusione di nuclei di elio. Durante questo processo è probabile che la stella diventa molto più piccolo e, quindi, più denso.
clip_image003
Quando ha indossato tutte le possibili fonti di energia nucleare, si contrae nuovamente e diventa una nana bianca. Quest'ultima fase può essere contrassegnata da esplosioni, noti come "novas". Quando una stella è liberata dalla sua esplosione esterna come nova o supernova, restituisce agli elementi medi interstellari più peso dell'idrogeno che ha sintetizzato all'interno.
Future generazioni di stelle formate da questo materiale inizierà la sua vita con un assortimento di elementi pesanti rispetto alle generazioni precedenti. La stella che versò i suoi strati esterni in modo non esplosiva diventare nebulose planetarie, vecchia stella circondata da sfere di gas che si irradiano in un più lunghezze d'onda.

Stelle al buco nero

Stelle con una massa molto più grande che del sole hanno una più rapida evoluzione, di pochi milioni di anni dalla sua nascita all'esplosione di una supernova. I resti della stella possono essere una stella di neutroni.
clip_image004
Tuttavia, c'è un limite alla dimensione delle stelle di neutroni, oltre che questi corpi sono costretti a contrarsi fino a diventare un buco nero, che non può sfuggire nessuna radiazione.
Tipici stelle come il sole possono persistere per molti miliardi di anni. La destinazione finale dei nani da bassa massa è sconosciuta, tranne che cessano di irradiare sensibilmente. È probabile che diventano cenere o neri nani.

Traduzione per scopi didattici autorizzati da: Astronomía: Tierra, Sistema Solar y Universo

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…