Passa ai contenuti principali

Ciò che è civiltà? | Origine e storia.

Civiltà: definizione

di Cristian Violatti

clip_image001
Il significato della civiltà termine ha cambiato parecchie volte durante la sua storia, e ancora oggi è utilizzato in diversi modi. È comunemente usato per descrivere una società umane "con un alto livello di sviluppo cultura e tecnologico", al contrario di quello che molti considerano essere meno "avanzata" società. Questa definizione, tuttavia, è poco chiaro, soggettiva, e porta con sé ipotesi non più accettati dagli studiosi moderni sulla società umane come sono cambiati durante il loro lungo passato.
Etimologicamente, la civiltà della parola si riferisce al termine latino civitas, o "città", motivo per cui si riferisce talvolta ad urbano-società stato, mettendo da parte il popolo nomade che difettano di un insediamento permanente e coloro che vivono in insediamenti che non sono considerati urbani o non hanno un'organizzazione a livello statale. A volte può essere utilizzato come etichetta per società umane che hanno raggiunto un grado specifico di complessità. In un senso ampio, civiltà spesso significa quasi la stessa cosa di cultura o addirittura regionale tradizioni tra cui uno o più stati separati. In questo senso, a volte si parla della "Civiltà egea", "Civiltà cinese", "Civiltà egizia" o "Civiltà mesoamericane", ma ognuna di queste può includere diverse città o regioni, ad esempio: "Civiltà mesoamericane" comprende gruppi come gli Olmechi, Maya, zapotechi, Aztechi e altri; "Civiltà egea" include la Minoan, micenei e altre società delle isole delle Cicladi e Anatolia occidentale.
Un comportamento ritenuto "civilizzato" di una determinata cultura può essere giudicato insensato o addirittura visto con orrore di un'altra cultura.

Sviluppo del termine "Civiltà"

Durante il tardo XIX e XX secolo CE, e fu opinione diffusa fra gli studiosi europei che tutte le comunità umane sono stati coinvolte in un processo di progressione semplice mediante il quale le condizioni di una società sono state gradualmente migliorando. Come parte di questi cambiamenti, si credeva, esperto fasi diverse società: ferocia, barbarie e, infine, la civiltà. Civiltà, in questo contesto, inteso come l'ultima tappa nel lungo cammino della società umana. I diversi stadi di questa evoluzione sociale erano equiparati a specifiche comunità umane: comunità di cacciatori-raccoglitori Paleolitico e Mesolitico sono state considerate parte della tappa ferocia, gli agricoltori di età Neolithic e Bronze come parte della fase di barbarie, e infine la comunità urbane dell'età del bronzo (in particolare quelli del vicino Oriente) erano considerate una fase in anticipo del mondo civilizzato. Oggi, questo approccio non è più valido poiché è legato ad un atteggiamento di superiorità culturale, di cui le comunità umane che non sono ancora "civilizzati" sono visti come in qualche modo inferiore.
clip_image002
Acquedotto del Pont Du Gard

Etnocentrico visualizzazioni

Nelle conversazioni quotidiane, c'è una tendenza ad usare la parola "civiltà" per riferirsi a un tipo di società che visualizza un set di valori morali, quali il rispetto dei diritti umani o un atteggiamento compassionevole per i malati e gli anziani. Questo può essere problematico, dal momento che i valori morali sono inevitabilmente etnocentrico e unilaterale. Un comportamento ritenuto "civilizzato" di una determinata cultura può essere giudicato insensato o addirittura visto con orrore di un'altra cultura. Storia registra un numero abbondante di esempi di questo problema. Famoso è riportato da Erodoto, che descrive le pratiche funerarie contrastanti di un gruppo di greci, che cremavano i loro morti e gli indiani, conosciuti come il Kallatiai, che mangiavano i loro morti:
Durante il suo regno, Dario convocò Elleni alla sua corte e chiesto loro quanti soldi vuoi accettano per mangiare i corpi dei loro padri morti. Hanno risposto che non farebbero che per qualsiasi somma di denaro. Darius successivamente convocato alcuni indiani chiamati Kallatiai, che mangiano i loro genitori. [...], [Darius] chiese indiani quanti soldi che avrebbero accettato di bruciare i corpi dei loro padri morti. Essi risposero con un clamore, ordinandogli di chiudere la bocca perché non ha offeso i dèi. Beh, allora, che è come la gente pensa, e quindi mi sembra che Pindaro aveva ragione quando ha detto nella sua poesia che custom è re di tutti (Erodoto 3.38.3-4).
clip_image003
Maschera di Xiuhtecuhtli

ATTRIBUTI DI UNA CIVILTÀ

Un influente studioso chiamato Gordon Childe ha identificato una lista di dieci attributi che distinguono una civiltà da altro tipo di società; sua lista è stato rivisto e riscritto più volte. Quello che segue è la versione di Charles Redman, un archeologo americano:

Caratteristiche primarie

1. urbani insediamenti
2. a tempo pieno di specialisti non coinvolti in attività agricole
3. concentrazione di produzione eccedentaria
4. struttura di classe
5. organizzazione di a livello di stato (governo)

Caratteristiche secondarie

6. monumentale edificio pubblico
7. vaste reti commerciali
8. standardizzato monumentale opera d'arte
9. scrittura
10. lo sviluppo delle scienze esatte
Oggi è riconosciuto che questi criteri possono essere problematici per diversi motivi, soprattutto perché i criteri archeologici utilizzati per definire una civiltà non sono sempre chiare: realtà è indifferente alle nostre distinzioni intellettuale. Sappiamo di civiltà complesse, come gli Incas, che non hanno un sistema di scrittura; sappiamo delle società che ha prodotto edifici monumentali, come nelle isole orientali o Stonehenge, dove l'organizzazione a livello statale né scrittura esisteva; e sappiamo anche centri urbani, come la civiltà di Preceramic nelle Ande (c. 3000-1800 A.C.) molto prima del tempo degli Incas, che sono stati stabiliti prima dello sviluppo dell'agricoltura estensiva.
Questo elenco, tuttavia, offre un quadro che possono essere paragonati oggettivamente gli attributi di ogni società. Se una società consente di visualizzare la maggior parte di questi attributi (o anche tutti), ci permetterà a riferirsi ad esso come una civiltà non importa come aliena, sgradevole o arcaico potremmo trovare il modo di vita e di valori.
clip_image004
Stele di Rosetta
Fino al 1970 CE, le spiegazioni di contabilizzazione come civiltà sviluppate curati per essere monocausal e civiltà sono state considerate un prodotto finale inevitabile evoluzione sociale o politico. Oggi è riconosciuto che multi-causale spiegazioni sono propensi a spiegare meglio lo sviluppo della civiltà: sappiamo che molte delle forze sociali che in passato si credevano portano inevitabilmente allo sviluppo di città e Stati (ad esempio il commercio a lunga distanza, sistemi di irrigazione o aumento della popolazione) non conducono sempre a quel risultato. La diversità dell'esperienza umana sembra troppo complessa e vasta per i nostri concetti di realtà si adatta perfettamente. Potrebbe essere più saggio e forse più vicino alla verità, per rendersi conto che ogni società umana è modellato da un insieme unico di circostanze, e che spiegazioni universali o concetti generali non sempre hanno perfettamente senso. Solo se teniamo queste limitazioni in mente, il concetto di civiltà guadagna forza e diventa uno strumento concettuale utile.

Scritto da Cristian Violatti, pubblicato il 4 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Haywood, J., l'atlante storico del Penguin di antiche civiltà. Libri del Penguin, 2005.
  • Moore, K. e Greene, T. archeologia: un'introduzione. Routledge, 2014.
  • Scarre, C. (ed). Il passato umano. Thames & Hudson, 2013.
  • Strassler, R. (ed). Il punto di riferimento Erodoto. Anchor Books, 2009.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…