Che cosa è la coscienza umana?


Coscienza e il suo significato è considerato uno dei grandi enigmi dell'umanità. Inizieremo con la vista piuttosto scientifica, dalla psicologia. Definito attraverso la psicopatologia, è un concetto che trova diverse definizioni, tuttavia, in generale termini, questo è un enorme insieme di percezioni, sentimenti e pensieri che possiedono gli esseri umani intorno l'ambiente che lo circonda, così come il mondo interiore.

Psicopatologia genera consapevolezza ha determinate caratteristiche e dimensioni. Fra loro è la verticalità, che corrisponde al grado di chiarezza della consapevolezza, avviso o sorveglianza. Inoltre, l'orizzontalità è la dimensione che riguarda l'ampiezza del campo di coscienza, ha anche la funzione di riflessività e interiorità, che si riferisce alla capacità di distinguere tra il mondo interno del mondo esterno.

Per essere definito dalla psicopatologia, è possibile intuire che ci sono alcuni disturbi associati alla coscienza, che, dal momento che questa disciplina sono ordinati dal più alto al più basso lucidità. Il primo di questi è la cosiddetta "sindrome obnubilatorio o ottusità", ed è uno stato in cui vi è una diminuzione nella chiarezza della coscienza o avviso, generatrice di lentezza e ostacolo a tutti i processi psichici, così come anche certi disorientamento temporo-spaziale e il fallimento nella memoria a breve termine. In secondo luogo è il chiamante "delirio", che ha perso il contatto con il mondo esterno poiché essi alterano la sensopercepciones, generando fenomeni produttivi come allucinazioni.

Poi è il "confusionale", proprie immagini schizofreniche, dove il soggetto è molto disorientato, senza riuscire a capire cosa succede, presenta anche fenomeni produttivi.

Al quarto posto è la "Sindrome Oneiriforme" o "Delirio onirico," che presenta fenomeni produttivi quali allucinazioni e deliri, a tal grado, che l'esperienza è simile a un sogno. Questa alterazione può provocare con l'uso di certi farmaci come acidi. Quindi, è lo "stato crepuscolare", che consiste di un tubolare di restringimento della coscienza su una piccola area di eventi psichici, e può comprendere solo certe cose, tutto spostati da un affetto che è esaltato. Infine il "Coma", dove c'è una totale assenza di risposta soprattutto tipi di stimoli, anche il doloroso. Sono conservate solo alcune funzioni vegetativi come la pressione sanguigna, la circolazione sanguigna, respirazione, ecc.

Ora dalla psicologia, la coscienza è un concetto centrale per come il Buddismo, induismo e altre discipline di tradizioni-contemplativa. In generale, in termini contemplative, la coscienza è il fondamento stesso dell'esistenza ed è inseparabile dalla realtà. Il modulo presentato nella psiche umana non è altro che un aspetto della loro espressione, mentre nella sua essenza è trascendentale e vuoi comprendere tutti i livelli della realtà, materiale e spirituale sia causale. Uno degli obiettivi nella meditazione, nella classica tradizione indù come filosofia vedanta, infatti realizzare «consapevolezza senza contenuto», o pura consapevolezza, in modo da trovare questo principio universale e trascendentale in mente. Un vero mistero.
Traduzido per scopi educativi
Cultura e scienza