Alboino | Origine e storia.

Chi era: Alboino

di Joshua J. Mark clip_image001
Alboino (560-572 regnò CE) fu un re dei Longobardi che ha guidato il suo popolo in Italia e fondò il Regno dei Longobardi che durò dal 568-774 D.C.. Suo padre era Audoin, re dei Longobardi e sua madre la regina Rodelinda. Egli nacque molto probabilmente CE c. 530 in Pannonia, cresciuto con addestramento militare e combatté contro le tribù Avar e Gepidi prima di guidare il suo popolo in Italia. Dopo la sua prima moglie, Chlothsind, morì, sposò Rosmunda, figlia del Cunimund re Gepidi che Alboin ucciso in battaglia. Nonostante le sue vittorie militari e il Regno di successo, egli è venuto essere conosciuto alle generazioni successive, soprattutto attraverso l'assassinio di sua moglie, che ha costituito la base di dipinti di un certo numero di artisti e opere come l'opera di Rosamunda di Giovanni Rucellai (1525 CE) e il dramma in versi Rosamund di Algernon Charles Swinburne (1860 CE). Entrambi questi artisti ha attirato fortemente dal lavoro primario su Alboin: ottavo CE di secolo di Paul il Deacon storia dei Longobardi. Paul registra che, nel 572 D.C., dopo Alboin aveva governato l'Italia per quasi quattro anni, Rosamund aveva lui assassinato per vendicare l'omicidio di suo padre. La drammaticità dell'assassinio, e trattamento di Alboin di Rosamund nel loro matrimonio, ha appoggiato a fantasiose opere in cui o Alboin o Rosamund è raffigurata come una figura tragica che soffre ingiustamente. Secondo le fonti primarie, tuttavia (soprattutto quella di Paul il Deacon), Alboin era un signore della guerra tribale che stabilito una patria per il suo popolo e trattato la moglie prigioniera come lui farebbe con qualsiasi altro premio di guerra; ha pagato per tale trattamento scortese con la vita.

Vittorie militari & Regno in Pannonia

Nulla si sa dei primi anni di Alboin o educazione. Le sue imprese successive suggeriscono che aveva l'addestramento militare e, come il figlio del re, molto probabilmente fu istruito in politica. Paul il Deacon registra prima che egli succedette a suo padre Audoino, 560, CE. Audoin si era alleato con l'impero bizantino, ma né lui né Alboin ha deciso di ampliare la loro base di potere, anche se stessi alleandosi con i franchi, che erano poi crescendo in potenza. C. 560 CE, pertanto, Alboin ha sposato la figlia del re dei franchi Clotario, Chlothsind, per garantire questa alleanza. Lo storico Francesco Borri scrive:
Alboino deve essere stato un uomo molto potente, anche se fonti contemporanee che descrive la sua attività politica e militare sono scarse...Il fatto che Alboin è stato in grado di sposare una principessa dei franchi, che nessun re longobardo dopo di lui era in grado di fare, conferma la sua importanza nello scenario del tardo romano Europa (223-224).
Longobardi potrebbero sono stati invitati in Pannonia all'impero bizantino per affrontare la minaccia delle tribù della regione Gepidi o siano venuti loro. Ad ogni modo, conflitti tra i Longobardi e i Gepidi erano routine, e i Longobardi si allearono con un'altra tribù, gli Avari, infine schiacciare i Gepidi. Gli Avari erano venuto anche in Pannonia o l'invito dell'imperatore Justin II o di propria iniziativa. Avar re Bayan io (regnò 562/565-602 CE) mediato un accordo con Alboin concordando che, se la loro Alleanza sconfisse i Gepidi, Avari sarebbe dato terre di Gepidi. Secondo Paul il Deacon, in 567 CE i Gepidi, ora sotto il dominio del loro re Cunimund, attaccò i Longobardi (anche se altre fonti sostengono Alboin e Bayan istigato ostilità). Le date precise delle alleanze tra l'impero bizantino, i Longobardi, gli Avari e i Gepidi sono confusi a causa delle contraddizioni costante nelle fonti primarie, ma sembra che, in questo momento, i Longobardi e degli Avari erano alleati contro i Gepidi con il supporto dell'Impero bizantino. L'Alleanza ha schiacciato i Gepidi e Alboin ucciso Cunimund decapitando lui in battaglia. Ha preso la testa del re come un trofeo e successivamente aveva fatto in una Coppa di vino che portava sulla sua cintura. Altre fonti, tuttavia, sostengono che era Bayan ho ucciso Cunimund, lo decapitarono e ha dato il cranio di Alboin per celebrare la loro vittoria congiunta.
Da 572 CE Rosamund non poteva più tollerare essendo sposata con l'uomo che aveva ucciso suo padre e indossava il suo teschio sulla cintura, come una tazza bevente.
Con i Gepidi sconfitti, Alboin ha consolidato la sua regola e segnato i confini del suo territorio. Gli Avari, tuttavia, erano riuscito ad occupare più della regione di Gepidi avevano davanti a loro, a causa dell'affare Alboin aveva deciso prima della battaglia e minacciato i territori longobardi. Alboino poi sposò Rosmunda, figlia di Cunimund, a formare un'alleanza con i Gepidi contro gli Avari, ma era troppo tardo. Gli Avari sotto Bayan erano troppo potenti ora, e le forze di Gepidi erano troppo indebolite dalla guerra precedente a rivelarsi molto utile. Alboino realizzato il corso più prudente di azione era di lasciare la Pannonia, ma era incerto dove condurre il suo popolo a. Un gran numero di truppe lombarde aveva servito nelle forze imperiali sotto Narsete generale bizantino in Italia, esibendosi particolarmente bene in combattimento al Battaglia di Taginae nel 552 CE dove Narsete sconfisse il re degli Ostrogoti Totila e ri-ha affermato Italia per l'impero. Questi soldati ancora ricordato Italia come una terra fertile, e neanche hanno suggerito una migrazione di Alboin o, secondo altre fonti, Narsete stesso li invitò a Italia (questa affermazione successiva è ordinariamente impugnata). Qualunque sia la motivazione, nell'aprile del 568 CE, Alboin ha condotto i Longobardi dalla Pannonia e nel nord Italia.

Migrazione a Italia & Regno

L'impero bizantino erano in guerra contro gli Ostrogoti d'Italia dalla morte di Teodorico il grande nel 526 CE fino alla vittoria Narsete sui Goti presso la battaglia dei Monti Lattari in 555 CE. Nel 568 CE, l'Italia era quindi una parte dell'Impero bizantino ma era scarsamente fortificato o difeso. Tante risorse erano state consumate a vincerlo indietro dai Goti in tanti anni che ora l'impero sembrato sicuro, per qualche motivo, che la regione potrebbe difendersi se necessario. Alboino e il suo popolo entrò l'Italia da nord e prese la città di Forum Iulii, senza combattere. Da qui, Egli marciò su Aquileia e, con quella città sicura, continuò la conquista della regione fino a quando, da 569 CE, aveva preso a Milano e controllata del Nord Italia senza impegnarsi in qualsiasi gravi conflitti militari. Tra il 569-572, Alboin ha conquistato la maggior parte del resto del paese (anche se alcune parti erano ancora controllati dall'Impero bizantino, come Roma), che stabilisce la sua capitale a Verona mentre lui assediare Pavia, l'unica città che resistette all'invasione longobarda a qualsiasi grado significativo. Ci sono voluti tre anni di assedio di prendere la città e, mentre era in corso, Alboin insieme per stabilire il suo regno dal suo palazzo a Verona.
clip_image002
Alboino dalle cronache di Norimberga
Ha diviso il paese in 36 territori conosciuti come "Ducati", presieduti da un duca che era responsabile della segnalazione direttamente al re. Mentre questo fatto per un governo efficiente dal punto di vista burocratico, ha lasciato troppo potere nelle mani dei singoli duchi, e così regioni sia prosperarono o sofferto a seconda della qualità del loro particolare duca. Alboino efficacemente governata da Verona ma, come egli era più interessato a proteggere i suoi confini contro i franchi e respingere gli sforzi dell'impero orientale a sloggiare lui, ha lasciato gli affari del governo a questi subordinati, che ha provocato una mancanza di coesione tra i territori come ogni duca, naturalmente, voleva il meglio per la sua particolare regione. Questi duchi, pertanto, ha agito autonomamente a conquistare le regioni verso il sud dell'Italia che, non sostengono gli studiosi, Alboin ha avuto alcun interesse a prendere dall'Impero bizantino.
Le fonti sul Regno di Alboin sono pochi. Paul il Deacon scrive come, sotto il Regno di Alboin, "c'era questo meraviglioso Regno dei Longobardi. C'è stata nessuna violenza, nessun tracciato insidie e nessun altri ingiustamente oppresso. Nessuno saccheggiato e non c'erano nessun furti, c'è stata nessuna rapina; tutti andavano dove volevano, sicuri e senza paura"(storia, III, 16). Anche se questa descrizione è considerata dagli studiosi come un'esagerazione, sembra che il Regno di quel Alboin ha portato stabilità e prosperità in Italia, soprattutto nel nord, ed era un monarca efficace nonostante le attività dei singoli duchi. Anche se hanno agito nel proprio interesse, gli storici congetturare (basato sulla reazione generale alla morte di Alboin e all'indomani) che sembrano hanno creduto che essi stavano perseguendo un corso Alboin avrebbe approvato.

Assassinio & Aftermath

Matrimonio di Alboin a Rosamund non era mai stato felice. Paul il Deacon sostiene che Alboin ordinariamente abusato di sua moglie e lei deriso. Il matrimonio, come la nobiltà che coinvolge molti attraverso i secoli, era stato semplicemente un dispositivo per garantire un'alleanza. Ulteriormente, Rosamund era già prigioniero di Alboin dopo la sconfitta e la morte di Cunimund, e così ha appena avuto una scelta di sposare il re longobardo. Nel giugno del 572 CE, lei apparentemente raggiunto il punto dove lei non poteva più tollerare essendo sposata con l'uomo che aveva ucciso suo padre e indossava il suo teschio sulla cintura, come una tazza bevente. Paul scrive:
Quando egli [Alboin] era più volato con vino che era adatto a una festa a Verona, ha chiesto che il vino essere dato alla regina a bere nella Coppa che egli aveva fatto dalla testa di suo suocero Cunimundus. Lui la invitò a bere felicemente con suo padre...Pertanto, quando Rosamund ha scoperto sulla questione, ha ideato un profondo dolore nel suo cuore che era incapace di sedare. Ha bruciato per vendicare la morte di suo padre, il marito (storia, III, 18).
Rosamund convinto fratello adottivo di Alboin, Helmechis, per assassinarlo. Altre fonti sull'assassinio di Alboin (ad esempio, Gregorio di Tours o Marius di Aventicum) forniscono dettagli diversi, ma tutti d'accordo che la trama è stato messo in moto da Rosamund che aveva, forse, caduto nell'amore con Helmechis o, almeno, avere una relazione con lui. Rosamund e Helmechis arruolato l'aiuto di una guardia del corpo denominata Peredeo, che è stato ingannato in cospirazione di Rosamund che travestita come un servo, fatto sesso con lui e poi ricattato essenzialmente lui in servizio. Un giorno, quando Alboin si ritirò in camera sua a riposare dopo pranzo, Helmechis e Peredeo ha aggredito. Rosamund aveva ordinato che Peredeo legare di Alboin spada al suo letto così il re sarebbe stato disarmato. Alboino combattuto fuori i suoi aggressori con un poggiapiedi ma fu abbattuto e ucciso.
clip_image003
Alboino e Rosamunde
La coppia, insieme con la figlia di Alboin dal suo primo matrimonio, Peredeo, il tesoro reale e un segmento dell'esercito, poi fuggì da Verona per la città di Ravenna bizantino-controllato. Questa linea di condotta ha suggerito a molti storici che l'assassinio è stato effettivamente istigato dall'Impero bizantino e Rosamund è stato manipolato da loro. Mentre l'impero può avere avuto una mano nella morte di Alboin (e certamente sarebbe stato alleviato da esso), il primario fonti tutte l'assassinio è stato progettato e realizzato da Rosamund per vendicare la morte del padre e punire il marito per il suo abuso di lei. Anche così, il fatto che i cospiratori furono accolti a Ravenna e che, dopo la loro morte, il tesoro reale e figlia di Alboin furono inviati a Costantinopoli, argomentare a favore di bizantina coinvolgimento nell'assassinio di Alboin.
Helmechis e Rosmunda si sono sposati a Ravenna, e si proclamò re. I duchi si rifiutò di riconoscere in lui, tuttavia e proclamato loro re, Clefi, duca di Pavia, che la città era finalmente caduto all'assedio. Rosamund, apparentemente, non ha trovato Helmechis più di suo gradimento che aveva Alboin e avvelenato la sua Coppa di vino. Helmechis, tuttavia, sospettando il suo tradimento, fatto suo bere dalla tazza prima o subito dopo, aveva fatto così, e in questo modo entrambi morto alle mani di altro.
Clefi Regno per 18 mesi prima che fu assassinato da uno dei suoi servi. I singoli duchi poi combatterono per il controllo del Regno dal 572-586 D.C., quando il re Authari fu eletto al fine di combattere le incursioni dai bizantini e franchi. Il Regno longobardo in Italia ha mantenuto il controllo della regione, a volte perdendo e guadagnando a volte sostanzialmente il territorio, fino al 774 D.C., quando furono conquistati da Carlo Magno, dei franchi e assorbiti nel suo impero. Anche se il re longobardo successiva, come Agilulfo (590-616 regnò CE), Rotari (636-652 regnò CE) e, soprattutto, Liutprando (712-744 regnò CE), ha fatto maggiori progressi nella conquista e nel governo di Alboin, il primo re longobardo d'Italia è ancora ricordato per condurre il suo popolo a una patria sicura e stabilire un regno si sentì che potrebbe chiamare il proprio. Sua vita e le realizzazioni sono stati oscurati dalla sua morte e la sua successiva trasformazione in un personaggio letterario tragedia ma, mentre ha vissuto, egli sembra essere stato un uomo di notevole potere e visione per il futuro del suo popolo.

Scritto da Joshua J. Mark, pubblicato il 15 dicembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Francesco Borri - omicidio di morte: Vita di Alboin, 3 e mezzo
    http://www.Academia.edu/1246699/Murder_by_Death_Alboins_life_end_s_and...
  • Paul il Deacon: storia dei Longobardi
  • Collins, r. primo Europa medievale, 300-1000. Palgrave Macmillan, 2010.
  • Foulke, W.D. storia dei Longobardi Paul il Deacon. Pressa dell'Università della Pennsylvania, 1974.
  • Gibbon, declino e caduta dell'Impero romanoE.. Biblioteca moderna, 2003.
  • Halsall, g. migrazioni barbariche e l'Occidente romano, 376-568. Cambridge University Press, 2008.

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.