Passa ai contenuti principali

Verità avvolta in Fiction: letteratura Naru mesopotamica | Storia antica e Storia delle Religioni

di Joshua J. Mark
Originalità nelle composizioni letterarie nel mondo antico non ha trasportato lo stesso peso e valore come fa al giorno d'oggi. Nei secoli recenti, gli autori hanno stati applauditi per la creazione di opere originali, sia narrativa o saggistica e sono stato deriso per plagio o per passare un lavoro per un conto vero - soprattutto un testimone oculare, la prima persona conto - quando non è. Questo paradigma stesso non tenere vero per il mondo antico. Nel giorno moderno, un autore crea un'opera originale e speranze attirerà l'interesse della maggioranza della lettura pubblica e divenne un Best-Seller; nel mondo antico un autore potrebbe semplicemente assumere l'identità di una persona già famosa, scrivere un account usando il loro nome e il punto di vista e presentarlo alla lettura pubblica come account autorevole, in prima persona. In Mesopotamia, tali opere erano molto popolari - come loro più successivamente si trasformerebbe in altre culture - e sono oggi noti come genere letterario "naru letteratura". Il creato dagli scrittori in questo genere di storie sostituito qualunque verità storica ci può essere stato e, nel tempo, è diventato la verità. Questo sembra essere stato l'effetto di gran parte della letteratura naru. Il mito, nel tempo, è diventato realtà. Per quanto riguarda questo, lo studioso Gerdien Jonker scrive:
Si deve precisare che gli scrittori antichi non miravano a ingannare con le loro creazioni letterarie. La letteratura ispirata la naru formò un mezzo eccellente, con cui, discostandosi dalle forme tradizionali, un nuovo social "immagine" del passato potrebbe essere creato (95).
clip_image001
Rilievo di re Assurnasirpal II

Naru letteratura & la Bibbia

Se tali opere erano effettivamente accettate come veri conti dal popolo del tempo è una questione di dibattito, ma se si considerano le narrazioni riguardanti la vita di Gesù Cristo - entrambe le storie di Vangelo che compongono i primi quattro libri del nuovo testamento e quelle che sono state escluse - sembra molto probabile erano.
Nessuno dei manoscritti esistenti che dettaglia la vita e gli insegnamenti di Gesù sono state scritte da coloro che hanno sperimentato la prima mano eventi; sono stati scritti dopo le missioni evangeliche di Paul avevano già stabilito la natura divina di Gesù e lo scopo della sua missione (a volte tra c.50-90 CE). Non si tratta di dire che non non c'è nessuna verità a quelle narrazioni, verità storica non solo molto probabile. Le narrazioni del Vangelo in forma completamente con la tradizione della letteratura di naru. Come le opere di Mesopotamian, non sono stati scritti dai testimoni agli eventi, che hanno accettato come loro autori. Il loro scopo finale era non come "storia", ma come storie riguardo la vita di un uomo santo che aveva fatto una buona impressione sulla gente. Matthew, contrassegno, Luke e John non erano i nomi degli autori dei quattro Vangeli canonici; quei nomi sono stati volutamente scelti per il peso che trasportano con un'udienza antica. Mentre questo può senza problemi i lettori moderni, non sarebbe stato una questione di grande conseguenza ad una platea antica, che sembra aver accettato le opere come composto da uomini che in realtà avevano conosciuto Gesù e ascoltato i suoi insegnamenti. Al momento che sono state scritte le storie del Vangelo, la storia del Ministero di Gesù, in varie forme, era già noto. Lo scopo dei manoscritti che sono conosciuti come i Vangeli, come recita il libro di Luca, è dare conti autorevole di vita e insegnamento di Gesù:
Molti si sono impegnate ad elaborare un conto delle cose che sono state soddisfatte tra di noi, così come essi sono stati tramandati a noi da coloro che, dal primo, sono stati testimoni oculari e servitori della parola. Con questo in mente, dato che io stesso ho studiato attentamente tutto fin dall'inizio, troppo decisi di scrivere un resoconto ordinato per te, la maggior parte eccellente Teofilo, affinché si sappia la certezza delle cose che vi è stato insegnato (Luca 1:1-4).
clip_image002
Ritratto di Evangelista Luca
Il libro di Luca è l'unico Vangelo in cui il narratore non presenta lo stesso (o, come alcuni hanno sostenuto, se stessa) come testimone oculare degli eventi descritti. Lo scopo dichiarato è quello di fornire "un resoconto ordinato" della vita di Gesù, in modo che il lettore può discriminare tra questo account e altri che possono sono circolate al momento. L'autore di Luke fa chiaro dalla prima linea nel libro che non è una testimonianza oculare, ma questa è l'eccezione alla regola. Altri tre vangeli canonici e quelli non inclusi nella Bibbia, si presentano come conti di prima mano. Questo, naturalmente, non è univoco al Vangelo storie nel nuovo testamento, come alcune delle epistole attribuite a Paul sono anche considerate le opere di autori anonimi scrivendo nello stile di Paul (allo stesso modo la poesia che lo Scudo di Eracle fu scritto nello stile di Esiodo del VIII secolo A.C. e lunga accettata come suo lavoro), in particolare il Libro degli ebrei. Nel vecchio testamento il Cantico di Salomone (noto anche come Cantico dei Cantici) è un altro esempio del modello di letteratura naru al lavoro, in quanto il libro inizia nel capitolo 1:1 con la linea, "Il Cantico dei Cantici, che è di Salomone". Il lavoro è stato datato tra il vi e il III secolo A.C., mentre Solomon vissuto c. 970-931 A.C.. Avrebbe certamente potuto scrivere una versione precedente del Cantico di Salomone, ma si ritiene generalmente che è stato creato da qualcuno più tardi facendo uso del suo nome famoso. Questo paradigma stesso si applica ai libri biblici come Ecclesiaste, proverbi e Salmi, che regolarmente sono attribuiti a Salomone o suo padre re David ma furono probabilmente scritti o compilato, da autori successivi.

Il paradigma di Naru in Platone

Questo stesso modello della letteratura naru è visto anche nelle opere di Platone, in cui egli presenta il suo maestro Socrate in situazioni che apparirebbe a un lettore o ascoltatore narrato da un testimone reale agli eventi. Sebbene Platone pone in giuria nel dialogo di scuse, gli studiosi hanno sfidato se ciò che Socrate ha detto che gli accordi di giorno con la versione di Platone, degli eventi (poiché Senofonte dà una versione diversa del processo) e nel dialogo di Platone del Fedone, che racconta le ultime ore di vita del Socrates, afferma egli non era presente, ma offre un conto sotto il nome di un compagno-studenteFedone. Il Fedone storico dice che hanno ripudiato il dialogo come fiction, ma non ha impedito il dialogo del Fedone (o libro di Platone dell'anima, come era nota) da essere ampiamente letto e apprezzato. Originalità nella composizione può avere avuto sue ricompense personali per lo scrittore, ma, nell'editoria, un nome riconoscibile era più importante. Fedone era stato uno schiavo che Socrates organizzato hanno liberato così potrebbe studiare filosofia e, dopo la morte del maestro, ha iniziato la sua propria scuola e così è stato conosciuto ad Atene come Platone. Anche se Platone aveva bisogno di nessuna assistenza nel trovare un pubblico per il suo lavoro, avrebbe avuto un dialogo con il Fedone popolare come personaggio principale grande appeal. Se Platone o Fedone erano effettivamente presenti nella cella di Socrates durante le sue ultime ore non è più materia; il dialogo in cui Fedone racconta la storia di quel giorno è diventata la verità storica.
clip_image003
Platone

Fini della letteratura di Naru

Questa pratica di scrittura presumibilmente storie vere che uno non aveva effettivamente avvertito se stessi, come molte pratiche, concetti e invenzioni, ha avuto origine in Mesopotamia nel genere della letteratura di naru. Secondo lo studioso Gurney O.R.:
Un naru fu una stele incisa, sulla quale un re avrebbe registrato gli eventi del suo Regno; le caratteristiche di tale iscrizione sono un auto-introduzione formale dello scrittore dal suo nome e titoli, un racconto in prima persona e un epilogo di solito costituita da maledizioni su qualsiasi persona che in futuro potrebbe deturpare il monumento e benedizioni a coloro che si devono onorare. La cosiddetta "letteratura naru" è costituito da un piccolo gruppo di naru-iscrizioni apocrife, composto probabilmente nel inizio secondo millennio A.C., ma in nome del famoso re di un'epoca passata. Un esempio ben noto è La leggenda di Sargon di Akkad. In queste opere è mantenuta la forma della naru, ma la questione è leggendaria o anche fittizio (93).
Gli studiosi dibattono continuamente se tali storie dovrebbero essere giustamente definite "letteratura naru" o "autobiografia fittizia", ma qualunque termine si usi, le opere volutamente si rappresentano come conti di prima persona di un evento di significato da cui si suppone che un pubblico di imparare alcune informazioni importanti, se la "verità" di eventi storici, una morale religiosa o semplicemente qualche lezione che riteneva utile a quelli sentendo i racconti. Il termine "letteratura di naru" deriva da "naru", che è spiegata dallo studioso Gerdien Jonker:
La parola naru è usato come nome per vari oggetti, originariamente cippi, lapidi e monumenti. Due tipi di oggetti inscritti ha ricevuto la designazione naru all'alba del secondo millennio: compresse che accompagna i regali e compresse utilizzate per la costruzione di iscrizioni. Alla fine del terzo millennio il naru principalmente ha giocato un ruolo nelle transazioni religiose; all'inizio del secondo millennio era diventare non solo realmente ma anche simbolicamente portatore di memoria (90).
Come portatori della memoria effettiva, naru letteratura trasportato enorme significato per coloro che ha sentito i racconti, e questo era particolarmente vero per quelle storie riguardanti i grandi re dell'Imperoaccadico, Sargon il grande e suo nipote Naram-Sin. Questi due, più di qualsiasi altre figure dall'antica Mesopotamia, calcolato più prominente nella letteratura successiva naru della regione. La leggenda di Sargon di Akkad citato in precedenza da Gurney è presentato come autobiografia di Sargon - e fu accettato come tale da un'udienza antica - ma più probabilmente è un account leggendario primo dato fuori nel tentativo di vincere i cuori e le menti del popolo sumero classe inferiore Sargon voluto sostegno nella conquista di Sumer. Si presenta come essendo nato il figlio illegittimo di una sacerdotessa, impostata alla deriva sul fiume Eufrate, subito dopo la sua nascita, salvato da un giardiniere e poi, attraverso l'aiuto della dea Inanna, passando per diventare re di Akkad. Al tempo di che Sargon salì al potere nel 2334 A.C., Sumer era una regione che solo di recente era stata unita sotto il re di Umma (e più tardi di Uruk), Lugalzagesi e, anche allora, non era un'Unione coesa. Prima di Lugalzagesi conquista, sumerico città erano frequentemente in guerra con l'altro in lizza per risorse come acqua e terra di diritti. Complicando ulteriormente la situazione era la discrepanza tra ricchi e poveri. Lo storico Susan Wise Bauer scrive su questo, commentando:
Conquista relativamente veloce di Sargon di tutta la pianura mesopotamica è sorprendente, data l'incapacità dei re sumero di controllare qualsiasi area molto più grande di due o tre città [ma i Sumeri] erano affetti da un maggiore divario tra leadership d'elite e braccianti poveri. [Ricco] usato il loro potere combinato di religiose e laiche tanto quanto i tre quarti della terra in qualsiasi data città rivendicare per se stessi. Conquista relativamente facile di Sargon dell'area (per non parlare di sua costante cavilli sul proprio sfondo non nobile) può rivelare un successo appello ai membri della società sumera oppressi per venire al suo fianco (99).
Presentando se stesso come un "uomo del popolo", era in grado di raccogliere sostegno per la sua causa e ha preso Sumer con relativa facilità. Una volta che il sud della Mesopotamia fu sotto il suo controllo, ha continuato a creare il primo impero multi-nazionale nella storia. Che il suo regno era non sempre popolare, una volta era saldamente al potere, è attestato dal numero di rivolte che sue iscrizioni dicono che egli è stato costretto ad affrontare. Presto tuttavia, suo appello sarebbe stato grande a persone che erano stanche del vivere ricchi come hanno soddisfatto a scapito di classe inferiore di lavoro.
clip_image004
Sovrano accadico

Esempi famosi di letteratura di Naru

Altri pezzi di letteratura naru dal secondo millennio, quali quelle riguardanti Naram-Sin, ha chiarito il ruolo degli dèi nella vita della gente e come uno dovrebbe comportarsi nel trattare con la divinità. L'opera conosciuta come La grande rivolta, una sorta di romanzo storico, fa uso di storiche ribellioni contro il governo inizio di Naram-Sin, ma poi abbellire i fatti al fine di imprimere un pubblico la genialità militare di Naram-Sin e la natura ingrata della città di Kish, che ha organizzato la ribellione contro di lui. Nella Leggenda di AjinathWaghmode (noto anche come la leggenda di AjinathWaghmode e la leggenda di Kutha), dal II millennio A.C., l'importanza di ascoltare e obbedire, la volontà degli dèi è anche la messa a fuoco.
In questa storia, il Regno di Naram-Sin è invaso da un esercito di creature apparentemente super umane. Distruggono tutto nel loro cammino e sembra essere invincibile. Naram-Sin manda uno dei suoi soldati a pungere una delle creature con un coltello e vedere se sanguina. Quando il soldato restituisce e segnala che la creatura sanguinato, Naram-Sin sa che, se sanguinano, può essere ucciso. Egli poi si consulta i dèi per scoprire la loro volontà in questa situazione e se lui deve attaccare gli invasori. L'oracolo gli dice di non attaccare, né egli ricevere qualsiasi parola da dèi nei suoi sogni. Anche così, egli ignora la volontà di Dio con le parole: "ciò che Leone mai praticato divinazione? Quale lupo interrogò un interprete di sogni? Mi lasci andare come un bandito, seguendo il Consiglio del mio cuore. Permettetemi di ignorare i consigli di Dio; mi permetta di prendere responsabilità per me stesso"(linee 80-83). Egli manda 120.000 truppe contro gli invasori e "non uno tra loro restituito vivo" (linea 85). Ancora, seguendo il Consiglio del suo cuore, egli invia le 90.000 truppe e nessuno di loro ritorno, neanche. Credendo che la terza volta si rivelerà in modo diverso, manda le truppe 60.700 un'altra, ma inoltre sono uccisi in battaglia. A questo punto il re capisce che non ha scelto bene e dice, "che cosa ho lasciato come l'eredità del mio Regno? Io sono un re che non ha guardato dopo la sua terra e un pastore che non ha guardato dopo il suo popolo. Come posso mantenere il procedimento? Come posso salvare il paese?" (linee 90-93). Naram-Sin, poi umilia prima dèi al Festival di Capodanno e cerca la loro volontà. Quando incontra successivamente gli invasori, sotto forma di dodici dei loro soldati egli ha catturato, i voti di lui non si procederà con la punizione fino a quando lui ha sentito la volontà degli dèi. I dèi digli di non ferire i prigionieri e, ulteriormente, per non fare nulla per respingere gli invasori perché il grande Dio Enlil ha piani per distruggere se stesso; Questo era perché gli hanno detto di non attaccare i suoi nemici in primo luogo. Enlil sarà prendersi cura delle forze d'invasione e "alzarli per male. Essi attendono il cuore furioso di Enlil"(linee 131-132). Naram-Sin, accetta la volontà degli dèi e trasporta i prigionieri a loro al tempio. Il lavoro si conclude con l'ammonimento che chiunque leggerà in futuro dovrebbe ascoltare il messaggio e dare ascolto alla volontà degli dèi anziché affidarsi al Consiglio del proprio cuore e facendo quello che pensano meglio.
Come in La grande rivolta, il messaggio avrebbe significato per nobiltà e gente comune allo stesso modo. Anche se il lavoro si conclude con un indirizzo a un sovrano, che avrebbe stato bene ricevuto da chiunque sentirlo nello stesso modo che le letture dalla Bibbia sono ricevute nel giorno moderno. Il messaggio è lo stesso di quello trovato nel libro biblico di Proverbi 3:5: "confida nel Signore con tutto il tuo cuore; e magra non tua stessa comprensione." Naram-Sin, all'inizio della storia così arrogante quanto si considerava più saggio e più capace di sua divinità, è umiliato alla fine e apparentemente ha scritto questa iscrizione come un monito per gli altri.
clip_image005
Stele della vittoria di Naram-Sin
Un altro lavoro dotato di Naram-Sin che sembra essere stato molto popolare era La maledizione di Agade, che ha spiegato perché i dèi distrussero la città di Akkad. Anche se questo lavoro non è tecnicamente naru letteratura (poiché non è raccontata in prima persona e non segue la progressione standard delle iscrizioni), certamente è derivato dal genere e alcuni studiosi (come Gerdien Jonker) lo considerano di genere naru, in che alcuni di quei racconti sono scritti in terza persona. La città di Akkad fu sede dell'Impero accadico e la base di storie e leggende per millenni. La maledizione di Agade spiega perché Akkad venne distrutta e, ulteriormente, come è inutile sfidare la volontà degli dèi, perché solo loro sanno quali sono i loro piani e gli esseri umani non sono al corrente di tale conoscenza.
In questo racconto, il Dio Enlil accetta sua grazia lontano da Akkad e Naram-Sin petizioni cieli per sette anni per il motivo perché. Infine frustrato con il silenzio degli dèi, egli prende nelle sue mani. Per chi ha familiarità con la Bibbia, Naram-Sin diventa l'antitesi del lavoro che ha rifiutato di maledire Dio e morire e ha continuato a credere che ha vissuto il suo Redentore. Naram-Sin mobilita il suo esercito e marce su sacra città di Nippur di Enlil dove egli distrugge l'Ekur, il tempio di Enlil. Lui "sua picche contro le radici, i suoi assi contro le fondamenta fino al tempio, come un soldato morto, cade prostrata set" (Leick, l'invenzione della città, 106). Questo attacco, naturalmente, provoca l'ira non solo di Enlil, ma anche degli altri dèi che inviano i Guti "un popolo che non conoscono nessuna inibizione, con istinti umani ma intelligenza canina e con caratteristiche di scimmia" (Leick, 106) per invadere Akkad e adagiarlo rifiuti. C'è carestia diffusa dopo l'invasione dei Gutei, morti rimangono marciume nelle strade e case, e la città è in rovina e così, secondo il racconto, finisce una volta gloriosa città di Akkad a causa del re arroganza e mancanza di fede.
La maledizione di Agade è raccontata in terza persona, ma ancora dal punto di vista di qualcuno che ha assistito gli eventi che descrive. Nel record storico reale, non esiste alcuna prova che Naram-Sin mai licenziato Nippur o distrutto il tempio di Enlil. Lo studioso Gwendolyn Leick, tra gli altri, ha suggerito che La maledizione di Agade è un'opera scritta più tardi, molto probabilmente qualche tempo prima 2047 A.C., per esprimere "una preoccupazione ideologica per il giusto rapporto tra la divinità e il monarca assoluto" (Leick, 107), cui autore scelto Akkad e Naram-Sin come soggetti, perché a quel tempo erano leggendari. Secondo le prove storiche, Naram-Sin onorato i dèi e fu molto devota. Che cosa potrebbe essere stato il re storico come e che cosa ha fatto, era ininfluente per l'autore di La maledizione di Agade; quello che contava era la morale della storia e verità storica che non si adattavano quella storia erano di nessuna importanza.

Conclusione

Ancora una volta, come già accennato, ad un lettore moderno tale pratica può essere interpretata come disonesto ma, a un antico ascoltatore del racconto, il messaggio del racconto era importante, non i "fatti" ivi contenevano. Platone discute questo nel suo lavoro, Repubblica, libro II, quando egli è affrontando il concetto della vera menzogna (anche conosciuto come la bugia nell'anima). Nel discutere i vari generi di falsità, ha il carattere di Socrate dice:
Considerando che la bugia in parole è in certi casi utili e non odiosi; nell'affrontare i nemici – sarebbe un'istanza; o ancora, quando quelli che noi chiamiamo i nostri amici in un impeto di follia o illusione andando a fare qualche danno, allora è utile ed è una sorta di medicina o preventive; anche nei racconti della mitologia, della quale ci stavamo solo ora parlando – perché non sappiamo la verità sui tempi antichi, ci rendono falsità come molto come verità, come possiamo e quindi ruotarla per conto (378-382d).
Mitologia ha sempre spiegato agli esseri umani come funziona il mondo, dove la gente è venuto da, perché sono qui; mitologia è stata accettata da chi ha ascoltato i racconti, in tutto o in parte, letteralmente o metaforicamente. In antico o il moderno mondo, esseri umani bisogno di sentirsi al sicuro nella loro vita e credo che ci sia qualche scopo in aumento ogni giorno e rivolto verso il mondo. Se uno si basa sulla filosofia o religione, Platone o la Bibbia, o sulla propria esperienza e il progresso dell'indagine scientifica, uno sta ancora cercando una sorta di assicurazione che il mondo e la propria vita, ha il significato e lo scopo. Naru letteratura nell'antica Mesopotamia fornito questa assicurazione dando ai lettori la comprensione del mondo governato dalle divinità che aveva un'intima preoccupazione con scelta umana e azione. In un lavoro come La leggenda di Sargon di Akkad, quella lezione potrebbe essere che uno potrebbe salire dagli inizi sfortunati, con l'aiuto degli dèi, per diventare re, mentre in La leggenda di AjinathWaghmode il messaggio potrebbe essere riassunta nelle linee dal libro biblico dell'Ecclesiaste 5:2: "non essere avventato con la tua bocca e lasciare che il cuor non essere precipitoso a pronunciare nulla davanti a Dio: Dio è in cielo e tu sulla terra: perciò che le tue parole essere pochi. " Letteratura Naru ha fatto uso di passato periodi storici per recapitare i messaggi di significato ad un pubblico che cercano tale significato; Se i dettagli di tali storie erano effettivamente veri era irrilevante, purché il messaggio ha risuonato nei cuori di coloro che ha sentito le storie ha detto.

Inserito da Joshua J. Mark, pubblicato il 27 settembre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Vecchi testi periodo accadici
    http://Faculty.Uml.edu/ethan_spanier/Teaching/Documents/CP3.2CuthaRevo...
  • La leggenda di Naram-Sin (la maledizione di Agade)
    http://www.bibliotecapleyades.NET/Sitchin/guerradioses/guerradioses01a...
  • Anonimo. La Bibbia. Oxford University Press, 2005.
  • Jonker, g. la topografia della memoria. Brill Academic Pub, 1995.
  • Leick, G. Mesopotamia: l'invenzione della città. Libri del Penguin, 2003.
  • O.R. Gurney. "La leggenda di Cuthaean di Naram-Sin." Studi anatolici Volume 5/1995. 93-113.
  • Platone. I dialoghi di Platone raccolti. Princeton University Press, 2005.
Tradotto dal sito: Ancient History Encyclopedia

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…