Passa ai contenuti principali

Palenque > La sua storia e l'origine

Definizione di Palenque

da Mark Cartwright
pubblicato il 7 ottobre 2014
clip_image001
Situato ai piedi dell'altopiano del Messico moderno Chiapas, Palenque fu un'importante città Maya, che fiorì tra il c. 600 e 750. Il nome di che Palenque deriva da Spagnolo, significa 'luogo fortificato', ma il nome originale di Maya, ora sappiamo, era Lakamha. Situato dove si uniscono le pianure costiere e degli altipiani, il sito prosperò come centro commerciale dell'entroterra che ha permesso a Palenque controllare un ampio territorio e benefico alleanze con altre potenti città come Tikal, Pomoná e Tortuguero.
L'elenco dei re di Palenque inizia con K'uk' Bahlam I, che regnò dal 431 al 435 CE, ma il monarca più famoso è Kinich Janaab Pacal io (scudo girasole grande significato), noto anche come Pakal il grande, che regnò dal 615 CE fino alla sua morte nel 683 D.C., all'età di 80 anni. Pakal creato una dinastia che, nel corso di quattro generazioni, ha visto la città raggiunge la sua più grande periodo di prosperità. Figli di Pakal, K'an Bahlam II (r. 684-702 CE e altrimenti noto come Chan Bahlum) e K'an an Joy Chitam II (r. 702 - CE c. 720) e nipote K'inich Ahkal Mo' Nahb III (r. 721 - c. 736 CE) continuò il lavoro di Pakal e trasformato Palenque in uno dei più grandi di tutte le città Maya. Tuttavia, a volte a metà del secolo ottavo CE ostilità scoppiarono con Toniná e Palenque, come altre città Maya classico contemporaneo, fu abbandonato attorno al 800.
L'indagine all'interno della grande piramide di Palenque ha condotto ad una delle più grandi scoperte archeologiche della Mesoamerica.

Layout & architettura

La città può essere divisa in tre periodi distinti: precoce, medio e tardo classico. Maggior parte degli edifici più grandi alla data al medio periodo, mentre il tardo classico, ha visto la costruzione di fortificazioni a schiera per la difesa contro popoli di costa del Golfo centrale di Palenque. Costruito su tre diversi livelli, la città segue i contorni del terreno locale, e molte delle strutture del tempio di calcare sono costruite sulle colline naturali. Palenque, con oltre 1.000 strutture differenti, era uno della più densamente popolata di tutte le città Maya. Otto piccoli fiumi che scende dalle montagne circostanti vento il loro senso attraverso la città. Il più importante di tale flusso è stato chiamato Otulum che è stato re-indirizzato a portare l'acqua direttamente al Palazzo reale e, in luoghi, ha fatto seguire un acquedotto sotterraneo che supportate piattaforme e passerelle.
Architettura a Palenque è stato innovativo. Per la prima volta in Mesoamerica, arco a mensola tetti vennero costruiti, spesso in parallelo, che ha portato maggiore spazio interno e, attraverso il muro di sostegno centrale, migliorata stabilità strutturale. Sopra la parte superiore inclinata di molti edifici, fu aggiunto un tetto latticed-pettine. Architettura di Palenque è anche distinta grazie all'uso di pareti sottili e ampie porte. Edifici utilizzati la morbida pietra calcarea locale con architravi in legno e colori vivaci di rosso, blu, verde, giallo e bianco sono stati usati per decorarle sull'esterno e murales all'interno. Palenque è anche famosa per le sue sculture di stucchi decorativi scultura e basso-rilievo che presentano alcuni dei ritratti più naturalistici dell'arte Maya. Di nota sono anche i molti palazzi con ampie cortili, fontane ornamentali e pozze sparse per la città.
clip_image002
Palazzo, Palenque

Il Palazzo di Palenque

Unicamente per le città Maya, a Palenque residenza reale e non un tempio è il fulcro della città. Il Palazzo, primo cominciato c. 721 CE, è una delle più complesse strutture architettoniche a qualsiasi sito Maya. L'edificio, impostato su una piattaforma alta 10 metri, è in gran parte composto da camere disposte intorno a cortili interni e gallerie con soffitti a volta, l'intera misura 91 x 73 metri. Forse la caratteristica più evidente del palazzo è la torre quadrata a quattro piani, un'altra caratteristica unica in siti mesoamericani. La torre di 25 metri è stata scalata tramite una scalinata di avvolgimento intorno le pareti interne. L'edificio fu utilizzato come residenza reale e Corte, ma anche come alloggio per il personale militare, servitori e nobili. Altre caratteristiche di nota sono un bagno di vapore, due gabinetti costruiti sopra un torrente sotterraneo e vari rilievi raffiguranti prigionieri. Il palazzo fu anche riccamente decorato con stucchi dipinte in colori vivaci, che raffigurano scene del re Maya e nobiltà.

Il tempio delle iscrizioni

Situato in una collina e c. completato 682 CE, la piramide ha nove diversi livelli, corrispondenti, senza dubbio, a nove livelli degli inferi Maya. Svolgimento di un'indagine archeologica presso la cima della piramide nel 1952 CE, l'archeologo messicano Alberto Ruz notoriamente scoperto che una singola lastra forata curiosamente nella pavimentazione di una camera potrebbe essere rimosso, e sotto di esso ha rivelato una scala che discende nel cuore dell'edificio. Alla base della scala 65-passo torcimento, dopo compensazione via le macerie deliberatamente sinistra e ora profondo all'interno della piramide, Ruz ha raggiunto un singolo con il tetto di complementi di arredo camera, all'esterno del quale erano cinque o sei scheletri umani, vittime sacrificali quasi certamente. Chiaramente qualcuno di importante era stato sepolto qui. All'interno della cripta riccamente decorata sono stati nove assistenti di stucco sulle pareti inclinate e due più in giada in piedi di manufatto più notevole della stanza. Questo era un sarcofago sormontato da una lastra di lunga 3,8 metri magnificamente scolpita raffigurante un sovrano Maya cadere nelle fauci della malavita Maya Xibalba. Infine all'apertura del sarcofago, Ruz scoperto che giada e coperta di cinabro rimane di quella più grande di tutti i governanti di Palenque, re Pakal il grande. Il re era stata data una maschera di morte come vita giada mosaico e una grande quantità di gioielli corrispondenti ad accompagnarlo nella prossima vita. Era una delle più grandi scoperte in archeologia mesoamericana, e infine si è dimostrato che le grandi piramidi Maya erano non semplicemente state costruite come templi, ma anche come tombe per grandi governanti, proprio come l'antico Egitto.
clip_image003
Giada maschera funeraria di Pacal di Kinich Janaab
Altre caratteristiche interessanti della tomba includono iscrizioni sui muri che riguardano episodi dal Regno di Pakal (da qui il tempio di moderno nome), una stretta pietra delle vie aeree (psychoduct) che passa proprio attraverso la piramide per collegare la tomba del mondo esterno ed esattamente 13 sezioni di tetto mensolone collegando la tomba a camera superiore, corrispondente ai Maya 13 livelli dei cieli. E allora, proprio come raffigurato sulla lastra sarcofago, l'intera piramide era una metafora per la discesa di Pakal attraverso nove livelli di malavita e successiva salita l'albero del mondo e i 13 livelli del cielo infine raggiungere lo stato divino. La tomba è anche interessante architettonicamente come ha traverse pietre uniche, senza dubbio, perché l'architetto sentito le solite travi in legno non sarebbe sufficientemente forte per sostenere la grande massa della muratura sopra. Infine, il tempio è anche notevole come l'unico esempio conosciuto di una piramide Maya in costruzione prima della morte dell'occupante.
clip_image004
Tempio del sole, Palenque

Il gruppo della Croce

Questa è una raccolta di tre templi, il tempio del sole, la croce e permettessero Cross - costruito nel tardo VII secolo CE e disposti su tre lati di una piazza. Ogni tempio è costruito su una piattaforma rialzata, accessibile da una scalinata monumentale frontale, e ognuno contiene gallerie parallele con un arco a mensola passaggio situato ad angolo retto, creando così una grande camera. Tutti e tre hanno anche strutture di tetto-pettine grande. Iscrizioni entro i santuari di ciascuna delle strutture rivelano che furono costruite in onore delle tre divinità di Palenque (conosciuto solo come GI, GII e GIII) di re K'an Bahlam, (serpente Jaguar) e dedicati nel 692 CE. Adesione del re è registrato nelle tavolette in tutti e tre i templi, e lui è lo stesso raffigurato sei anni e ancora quando il re fatto, invecchiato 49.
I tre templi sono ricchi di immagini di Maya e simbolismo. Il santuario interno del tempio del sole era una maschera del sole nel suo aspetto di notte, la Jaguar Dio degli inferi. I santuari nel tempio della Croce e permettessero croce contenevano un albero di mondo sopra il quale era un uccello quetzal. I Maya chiamati questi edifici sudore bagni o pibnal, luoghi di importanza cerimonia, soprattutto prima e dopo il parto. Forse, quindi, sono simbolici della nascita della degli dèi, e presi come gruppo possono rappresentare la creazione di Maya. Le sculture e bassorilievi intera sottolineano il ruolo del re come guardiano della fertilità, mais e pioggia, e che presentano anche un chiaro ancestrale legame tra la dinastia di Pakal e i dèi.

Scritto da Mark Cartwright, pubblicato il 7 ottobre 2014 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Lettura di Almere, K. mitologia mesoamericana. Oxford University Press, 2002.
  • Phillips, c. l'enciclopedia illustrata di Aztechi, Maya & America centrale - tra cui gli Aztechi.... Lorenz Books, 2007.
  • COE, M.D. Maya. Thames & Hudson, 2011.
  • Kubler, g. l'arte e l'architettura dell'antica America, terza edizione. Yale University Press, 1984.
  • Miller, M.E. arte della Mesoamerica. Thames & Hudson, 2012.
  • Nichols et al., il manuale Oxford di archeologia mesoamericana. Pressa dell'Università di Oxford, 2012.
Tradotto dal sito: Ancient History Encyclopedia

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…