Passa ai contenuti principali

Jezebel: Principessa di Sidone, regina di Israele | Origine e storia

di Joshua J. Mark Jezebel era la principessa fenicia di Sidone (IX secolo A.C.) la cui storia è raccontata nel Tanakh Ebraico (antico testamento cristiano) nei e II re dove ha interpretato sfavorevole come una prostituta connivente che corrompe Israele e ostenta i comandamenti di Dio. Borsa di studio recente, che ha portato ad una migliore comprensione della civiltà fenicia, il ruolo delle donne e la lotta dei seguaci del dio ebraico Yahweh per dominanza sopra il culto delle divinità cananea Astarte e Baal, suggeriscono una diversa e più favorevole, foto di Jezebel come una donna davanti a sua volta sposato in una cultura in cui classe religiosa la vide come una minaccia formidabile (phoenicia.org). Lo storico e biblista Janet Howe Gaines osserva questa nuova interpretazione in borsa, scrivendo:
Per più di due mila anni, Jezebel ha stato sellato con una reputazione di cattiva ragazza della Bibbia, il più malvagio di donne. Questa antica regina è stata denunciata come un assassino, prostituta e nemico di Dio, e il suo nome è stato adottato per linee di lingerie e missili di seconda guerra mondiale allo stesso modo. Ma appena come depravato era Jezebel? Negli ultimi anni, gli studiosi hanno provato a reclamare l'ombrose figure femminili cui racconti sono spesso solo parzialmente detto nella Bibbia.
Anche se è stata associata con la seduzione, depravazione e prostituzione per secoli, una più accurata comprensione di Jezebel emerge come si considera la possibilità che lei era semplicemente una donna che si rifiutata di sottomettersi alle credenze religiose e pratiche di suo marito e la sua cultura. Il suo nome è stato chiesto di dire, 'Dov'è Dio?' o, alternativamente, 'Dov'è il principe' e anche 'Non eccelso'. Tutte queste affermazioni provengono da fonti antagonistici a Jezebel, tuttavia e hanno poco senso se si considera il che suo padre era re Ethbaal di Sidone, un sommo sacerdote di fenicia, che avrebbe difficilmente dato sua figlia un nome che significa letteralmente che non era esaltato, né uno che ha fatto una domanda che sapeva già la risposta ("Dov'è Dio?" o "Dov'è il principe?"). È molto più probabile che il suo nome significa 'Figlia di Baal' o, come si direbbe oggi, 'Figlia di Dio'. Il fatto che il suo nome è stato interpretato in una luce negativa è sintomatico del modo in cui che lei è stata considerata poiché la narrazione dei e II re fu scritta prima, ma, come suggerisce Gaines:
Non c'è più di questo sovrano complesso quanto consentirebbe l'interpretazione standard. Per ottenere una valutazione più positiva del regno travagliato di Jezebel e una più profonda comprensione del suo ruolo, noi dobbiamo valutare le motivazioni degli autori biblici che condannano la regina. Inoltre, noi dobbiamo rileggere la narrazione dal punto di vista della regina. Come abbiamo pezzo insieme al mondo in cui visse Jezebel, un'immagine più completa di questa affascinante donna comincia ad emergere. La storia non è un piuttosto uno e alcuni — forse più — lettori rimarrà turbati dalle azioni di Jezebel. Ma il suo personaggio potrebbe non essere scuro come siamo abituati a pensare. Sua malvagità non è sempre così ovvio, indiscusso e senza rivali come lo scrittore biblico che vuole apparire.
Donne fenicie goduto di enorme libertà e sono state considerate al pari dei maschi. Uomini e donne presieduto da raduni religiosi come sacerdoti e sacerdotesse e, come figlia di un alto sacerdote, Jezebel sarebbe naturalmente avviato nel sacerdozio. Suo conflitto in corso con il profeta Elijah raccontata nei Kings è stato interpretato da alcuni come semplicemente un Impossibile scontro di comprensione culturale come gli Israeliti non erano abituati a un righello femmina forte e Jezebel non è stato utilizzato allo status di cittadini di seconda classe (phoenicia.org). Le sue azioni potrebbero non sempre sono stati il più prudente e, talvolta, erano semplicemente molto sbagliati (come nel caso di Naboth) ma può essere visto come il modo in cui una principessa fenicia sarebbe gestire una situazione senza riguardo per le norme culturali della cultura del marito.
Jezebel era sposato, per contratto, a Re Ahab del Regno settentrionale di Israele come un mezzo per cementare un'alleanza tra quella città e il suo stato di origine di Sidone. Come osserva Gaines, c'è modo di sapere che se era soddisfatto di questa disposizione, ma, molto probabilmente, lei era semplicemente una pedina politica in gioco di suo padre. All'arrivo nella sua nuova casa, lei quasi subito entrò in conflitto con la classe religiosa importando i suoi sacerdoti e sacerdotesse e creazione di santuari e templi agli dèi della sua comprensione e credenze. Il suo atteggiamento apparentemente ribelle verso la religione del marito sconvolge il profeta Elia, che si oppone a lei dal primo. Il loro conflitto si intensifica al punto dove Elijah sfida sacerdoti di Jezebel di Baal ad un duello sul Monte Carmelo. Egli chiamerà Yahweh alla luce un toro sacrificale il fuoco su un altare e sacerdoti di Jezebel chiamerà su Baal; qualunque divinità è in grado di accendere il toro vincerà la sfida ed essere riconosciuto come il vero Dio.
Al fine di richiamare l'attenzione del loro Dio, 850 sacerdoti di baal "una danza saltellante sull'altare" (I re 18.26). Hanno chiamato anche il suo nome per ascoltare le loro petizioni e inviare il fuoco sull'altare. Tutto il giorno hanno danzato e pregato e ancora nessuna risposta è arrivata. Elia, seduto vicino a guardare loro, deride i sacerdoti e chiede dove è il loro Dio. Forse, egli suggerisce, Baal è troppo occupato fuori da qualche parte mangiare o fare sesso o impegnarsi in qualche altro piacere che gli impedisce di rispondere alle loro preghiere.
Una volta che hanno rinunciato, ed Elijah si alza per il suo turno, lo scrittore de I re rende chiaro a quale divinità è quella vera avendo Yahweh rispondere immediatamente preghiera di Elia: "fuoco del Signore scese e consumato l'Olocausto, la legna, le pietre e la terra;...Quando videro questo, tutto il popolo si scagliava sui loro volti e gridò: 'solo il Signore è Dio, solo il Signore è Dio!' " (I re 18.38 – 39). Elijah ha vinto la sua sfida e il suo Dio è dimostrato di essere l'unico vero Dio, sovrano del cielo e terra. Come campione di questo Dio, sembra che spetta a Elijah ora imporre la sua volontà divina sul popolo d'Israele. Gennari scrive:
Ironicamente, a conclusione dell'episodio Carmel, Elijah dimostra capace delle stesse inclinazioni omicide che hanno in precedenza caratterizzato Jezebel, anche se è solo lei che critica il Deuteronomist. Dopo aver vinto il concorso di Carmel, Elijah ordini immediatamente l'Assemblea per catturare tutti profeti di Jezebel. Elia dichiara enfaticamente: "Cogliere i profeti di Baal, lasciate che non un singolo uno di loro farla franca" (1 Re 18.40). Elia conduce sua 450 prigionieri per il Wadi Kishon, dove egli macella li (1 Re 18.40). Se mai si incontreranno in persona, Elia e Jezebel sono impegnati in una dura lotta per la supremazia religiosa. Qui Elia rivela che lui e Jezebel possiedono un simile fervore religioso, anche se loro lealtà differiscono notevolmente. Essi sono anche altrettanto determinati a eliminare i seguaci di altra, anche se questo significa assassinandoli. La differenza è che il Deuteronomist denigra uccisione di Jezebel di servi di Dio (a 1 Re 18:4) ma ora sancisce la decisione di Elijah al massacro di centinaia di profeti di Jezebel. Infatti, una volta Elijah uccide i profeti di Jezebel, Dio lo ricompensa inviando una pioggia tanto necessaria, terminando una siccità di tre anni in Israele. C'è un doppio standard definito qui. Omicidio sembra essere accettato, anche venerata, finchè è fatto in nome della divinità giusta.
Quando Jezebel sente di quello Elijah ha fatto, lei rischia la sua vita e fugge la terra. Questo è quasi alla fine della loro lotta per il potere, tuttavia. In re lo scrittore del libro relazioni come Jezebel orchestra l'omicidio del latifondista Naboth (furbescamente usando dell'anello di signet Ahab illegalmente per sigillare i messaggi inviato) in ordino di dare Ahab suoi vigneti. Achab aveva richiesto che Naboth vendergli i vigneti poiché, Ahab, era re e vigneti vicino al suo palazzo. Quando rifiutò di Nabot, Jezebel lo aveva incastrato per tradimento e giustiziati. Tutto questo è riportato come se Jezebel era doppiezza nei suoi rapporti con anello di Achab a firmare la condanna a morte di Naboth. Recenti ritrovamenti archeologici, tuttavia, rivelano che aveva il suo anello e, di conseguenza, autorità come monarca di prendere le azioni che ha ritenuto necessario (Science Daily). Mentre non c'è dubbio che l'assassinio di Nabot era ingiusta, una regina, abituati ad avere il suo modo, può avere sembrava semplice politica di rimuovere un oggetto che ha rifiutato la volontà della monarchia.
La sua storia si conclude come Elia torna dall'esilio e coglie la morte illegale di Naboth come prova della malvagità di Jezebel. Achab muore il loro secondo figlio, Joram, prende il trono e, a questo punto, successore di Elia, Eliseo, si muove l'Israelita generale Jehu alla rivolta. Joram è assassinato da Jehu e Jezebel viene assassinato da due eunuchi (al comando di Jehu) di essere generata dalla sua finestra per la strada sottostante. La famosa scena da II re 09.30-33 in cui Jezebel si applica il make-up prima della sua morte, che tradizionalmente è stato interpretato come il suo tentativo di sedurre Jehu di risparmiare la sua vita e in gran parte ha portato alla sua reputazione come una 'puttana', ora si crede da alcuni eruditi per essere l'azione appropriata di una principessa di Sidone e Regina di Israele, sta preparando per la sua fine con dignità come un monarca e vera sacerdotessa della sua divinità.
Se Jezebel è da considerarsi lungo le linee della sua immagine tradizionale, o alla luce delle nuove interpretazioni della Bibbia e della storia antica, è naturalmente la scelta di ogni individuo. Un attento esame del testo, tuttavia, tenendo presente il fuoco narrativo e lo scopo dello scrittore di I e II re, può destare un lettore a ri-pensare l'immagine popolare del 'malvagia' regina Gezabele e suoi vari programmi.

Inserito da Joshua J. Mark, pubblicato il 18 gennaio 2012 con la seguente licenza: Creative Commons: attribuzione-non commerciale-Condividi allo stesso modo. Questa licenza consente di altri remix, tweak e costruire su questo contenuto non commerciale, purché essi autore di credito e loro nuove creazioni sotto le identiche condizioni di licenza.

Bibliografia

  • Antico sigillo apparteneva alla regina Gezabele
  • Quanto male è stato Jezebel? da Janet Howe Gaines
    http://www.biblicalarchaeology.org/Daily/People-Cultures-in-the-Bible/...
  • Jezebel, regina fenicia di Israele
  • Traduzione del re James. La Bibbia. , 1611.
Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…