Esplorando Aelia Capitolina | La sua storia e l'origine


Esplorando Aelia Capitolina, Jerusalem Adriana

di Carole Raddato
Con migliaia di siti archeologici, Gerusalemme è una delle città più scavata sul pianeta e per percorrere le sue strade è di camminare attraverso mille anni di storia. Questa antica città è stata combattuta sopra più di qualsiasi altro luogo. Essa è stata conquistata, distrutta e ricostruita molte volte e Hadrian ha svolto un ruolo significativo nello sviluppo fisico di Gerusalemme.
Nel 130 D.C., il suo grand tour della parte orientale dell'Impero romano, Hadrian ha visitato la città devastata di Jerusalem , accompagnato dal suo giovane amante Antinoo. Fondò una nuova città sul sito del vecchio che è stato lasciato in rovina dopo la prima guerra romano-ebraica del 66-73.
La nuova città doveva essere denominata Colonia Aelia Capitolina.
Aelia è derivato dal nome di famiglia dell'imperatore (Aelius, da gens Aelia) e Capitolina si riferisce al culto della triade capitolina (Giove, Giunone e Minerva).
clip_image001
Disegno del rovescio di una moneta da Colonia Aelia Capitoliana, raffigurante Adriano come fondatore della colonia
Esattamente quando iniziò la costruzione della Colonia Aelia Capitolina è ancora materia di dibattito. Alcuni studiosi, basandosi sugli scritti di Cassius Dio, sostengono che il cambiamento del nome e l'inizio della costruzione di Aelia Capitolina si è verificato in occasione della visita di Adriano nel 130, forse anche mettersi la seconda rivolta ebraica. Altri, basandosi sugli scritti del IV secolo chiesa padre Eusebio, proponiamo che il cambiamento del nome si è verificato solo dopo la seconda rivolta ebraica fu soppresso nel 135. Tuttavia, reperti provenienti da scavi recenti del Cardo orientali suggeriscono che non solo la Fondazione della città romana fu la seconda rivolta ebraica, ma che l'istituzione della città preceduto la rivolta da circa un decennio.
L'assetto urbanistico di Aelia Capitolina fu quella di una tipica città romana; un piano ortogonale con una griglia quadrata di strade impostato ad angolo retto. Era una colonia militare, un insediamento tradizionale e ufficiale dei veterani della decima legione Fretensis che era a Gerusalemme dalla prima rivolta ebraica e probabilmente altre truppe romane.
La Colonia è stata fondata a nord del campo della decima legione. Suoi edifici principali sono stati la Porta Neapolitana nel nord (ora la porta di Damasco), un tempio di Afrodite, due forum e, secondo storico romano Cassio Dione, un tempio di Giove costruito sul sito dell'ex tempio ebraico, il Monte del tempio.
"A Gerusalemme Adriano fondò una città al posto di quella che era stata rasa al suolo, chiamandola Aelia Capitolina, e sul sito del tempio del Dio ha generato un nuovo tempio a Giove. Questo ha portato su una guerra di nessuna importanza leggera né di breve durata, per gli ebrei ha ritenuto intollerabile che razze straniere devono essere risolta nelle loro città e i riti religiosi stranieri piantati lì."
– Cassio Dione, Storia romana, 69.12.
clip_image002
Ricostruzione di disegno di Aelia Capitolina
VII secolo Christian Chronicum Paschale elenca diversi altri edifici in Aelia Capitolina; due bagni pubblici, un teatro, un ninfeo di quattro portici (forse la piscina di Siloe), un edificio monocellulare triplo (il Capitolium?), una porta monumentale di dodici ingressi (un circo?) e una spianata quadrangolare. Tuttavia nessuno di questi edifici sono stati archeologicamente trova.

Il Cardos

Sulla base della rappresentazione di Gerusalemme sulla mappa di Madaba (mosaico raffigurante il layout di Gerusalemme, scoperto in una chiesa bizantina di Madaba, Jordan) di vi secolo D.C., è solito presupposto che dalla porta di Damasco nel nord della città (Porta Neapolitana) corse due strade larghe colonne, il cardos orientali e occidentali (Cardo Maximus & Cardo inferiore). Il Cardo Maximus è mostrato al centro del mosaico con un colonnato di colonne su entrambi i lati in esecuzione sud all'accampamento. Un'altra più piccola strada orientale era collegando il cancello nord alla parte sud della città, passando tra il Monte del tempio e la città alta e raggiungere il Gate di sterco. È indicata con una sola linea di colonne attraversando il lato superiore di Gerusalemme.
clip_image003
Riproduzione della mappa sesto annuncio di secolo di Aelia Capitolina (Gerusalemme)
Lastricata e fiancheggiata da colonne, il Cardo Maximus era la strada principale che attraversava la città romana e bizantina e serviva anche come centro per l'economia locale.
clip_image004
Sezioni principali di questa strada 1900-anno-vecchio sono stati scavati e vengono riutilizzati nel quartiere odierno ebraico nella città vecchia di Gerusalemme. L'intera carreggiata era originariamente largo 22 metri (40 piedi) mentre la strada stessa era largo 5 metri (16 piedi) con passaggi di Colonnata e coperti su entrambi i lati per proteggere i pedoni dal traffico e il calore del sole. Negozi allineati i colonnati nella relativa sezione del sud-ovest.
clip_image005
Sezione ricostruita del Cardo Maximus di Aelia Capitolina © Carole Raddato
clip_image006
Sezione ricostruita del Cardo Maximus di Aelia Capitolina © Carole Raddato
Lo scavo del Cardo occidentale dal Professor Nahman Avigad dell'Università ebraica iniziò nel 1975 e durato due anni. Una sezione lunga 200 m del cardo è stato esposto a 4 metri sotto il livello stradale attuale. Oggi i visitatori possono ottenere una buona idea di come il cardo sembrava appena oltre l'ingresso al quartiere ebraico, dove sono stati ricostruiti due sezioni della strada principale. Mentre alcune delle basi delle colonne sono stati trovati in situ, la maggior parte delle caratteristiche architettoniche furono riutilizzata in successive strutture che fiancheggiavano il cardo.
clip_image007
Ricostruita la sezione meridionale del Cardo Maximus di Aelia Capitolina © Carole Raddato
Tuttavia il Cardo adrianea Western, non tratto questo estremo sud secoli più tardi. Questa porzione risale al tempo dell'imperatore Justinian. Durante il vi secolo D.C., la città divenne un importante centro cristiano con una popolazione crescente velocemente. La sezione meridionale fu costruita per collegare il cardo a due chiese principali di Gerusalemme bizantina, il Santo Sepolcro e la Chiesa di Nea.
clip_image008
Ricostruzione di disegno del Cardo orientale della Colonia Aelia Capitolina
Recenti scavi archeologici nel cuore della città vecchia di Gerusalemme hanno esposto diverse sezioni di Cardo orientale. Sotto il livello del muro occidentale Plaza, a una profondità di 5 – 6 metri, gli archeologi hanno scoperto i resti di una strada asfaltata e larga Colonnata, completa con negozi su entrambi i lati (tanto come il Cardo occidentale). Una data adrianea per la costruzione di cardo è stata determinata in base i reperti rinvenuti sotto le pietre del selciato. Sulla base di questi ritrovamenti, gli archeologi suggeriscono ora che la città romana fu pianificata e sue principali arterie pavimentati nei primi anni del Regno di Adriano, circa dieci anni prima della sua visita a est. (Fonte)
clip_image009
"Cotell2″ di Zivya – opera propria. Con licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 tramite Wikimedia Commons – http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Cotell2.JPG#mediaviewer/File:Cotell2.JPG

La porta settentrionale, Porta Neapolitana

Sotto la porta di Damasco (costruita nel XVI secolo D.C. sotto il dominio del sultano ottomano Solimano il magnifico), resti di un cancello risalenti al tempo dell'imperatore Adriano sono stato scoperti e scavati. Questa dispone di cancello la mappa di Madaba, che mostra una piazza aperta con una colonna all'interno della porta.
clip_image010
Riproduzione della mappa di Madaba mostrando la porta di Damasco
Questo impressionante gateway adrianea, costruito con pietre di Erodiano, è composta da un grande corridoio ad arco – situato sotto l'apertura del porta odierna di Damasco – affiancato da due archi più piccoli, più bassi. Era protetta su entrambi i lati da due torri di guardia. Tuttavia, per il momento che è stata fatta la mappa di Madaba, corridoi laterali sono stati bloccati e solo quella centrale era ancora in uso. Davanti al cancello era una vasta piazza, al centro del quale sorgeva una colonna sostenendo una statua dell'imperatore Adriano al top. Solo l'ingresso orientale del cancello con la sua torre di fiancheggiamento sopravvissuto che può essere visto sotto la passerella rialzata moderna entrando la porta di Damasco. La porta romana di Aelia Capitolina è stata restaurata e aperta al pubblico; dopo scendendo sotto il ponte che conduce alla porta di Damasco ottomano, uno può entrare ancora una volta attraverso questa precoce porta in città.
clip_image011
La porta settentrionale di Aelia Capitolina sotto la porta di Damasco, costruito nel 135 D.C., Gerusalemme © Carole Raddato
Una pietra, appena sopra l'architrave dell'arco, reca un'iscrizione latina malconcia con il nome della città sotto il dominio romano, Aelia Capitolina. Alla fine dell'iscrizione recita, "... con il decreto della decurions di Aelia Capitolina". Il corridoio oltre l'arco superstita conduce all'interno della torre di porta orientale. La torre è stata conservata nella sua piena altezza (12 metri) e solo il suo soffitto è un'aggiunta successiva.
All'interno della porta di Adriano, uno spazio aperto pavimentato corrispondente alla piazza ovale che vediamo la mappa di Madaba è ancora conservato, da cui le due strade principali ha portato giù a due forum. Uno spazio circolare simile è conservato a Gerasa (Jerash moderno in Jordan), una delle città che, come Gerusalemme, fu ricostruito da Adriano Decapoli.
clip_image012
Spazio aperto pavimentato conservato sotto la porta di Damasco, Aelia Capitolina © Carole Raddato
clip_image013
Gioco soldati romani intagliato nel marciapiede sotto la porta di Damasco, Aelia Capitolina © Carole Raddato
L'originale scalinata che porta alla cima della torre è conservata nella sua forma originale e porta oggi il muro di camminare.
clip_image014
La porta di Damasco (costruita nel XVI secolo D.C. sotto il dominio del sultano ottomano Solimano il magnifico © Carole Raddato

L'arco di trionfo

Costruito nello stile di un arco trionfale, il cosiddetto Arco Ecce Homo, situato vicino all'estremità orientale della Via Dolorosa, è la campata centrale di quello che era originariamente un gateway a tre arcate. Era simile a scopo per l'arco di Tito a Roma, che commemora la vittoria 70 D.C. contro gli ebrei.
clip_image015
L'arco di Ecce Homo, un gateway a tre arcate, costruito da Adriano, come un'entrata per il Forum orientale di Aelia Capitolina, Gerusalemme © Carole Raddato
L'arco centrale è stato affiancato da due archi più piccoli, uno dei quali sono ancora visibili all'interno della Chiesa dell'Ecce Homo. Il secondo arco piccolo fu incorporata nel XVI secolo un monastero di dervisci Uzbeco sul lato opposto della strada Via Dolorosa, ma questo fu successivamente demolito, prendendo l'arco con esso.
clip_image016
Arco del cosiddetto Ecce Homo, un gateway a tre arcate, costruito da Adriano, come un'entrata per il Forum orientale di Aelia Capitolina, Chiesa di Ecce Homo, Gerusalemme © Carole Raddato
Tradizionalmente, l'arco è stato detto di aver fatto parte del cancello del Fortress di Antonia di Erode, che a sua volta è stato dichiarato per essere il luogo della prova Gesù di Pontius Pilate. Tuttavia, poiché la fine degli anni settanta, gli archeologi hanno stabilito che l'arco era un gateway tre arcate, costruito da Adriano. Ha servito come all'ingresso orientale del Forum di Aelia Capitolina si trova a ovest di cardo principale nord-sud.
clip_image017
L'arco di Ecce Homo, un gateway a tre arcate, costruito da Adriano, come un'entrata per l'orientale Forum di Aelia Capitolina © Carole Raddato

Il Forum

Adriano ha stabilito due forum in Aelia Capitolina, uno a nord del Monte del tempio e l'altro sul lato occidentale della città. Entrambi erano spazi grandi, aperti, asfaltati circondati da templi ed edifici pubblici. Solo il forum del Nord è stato localizzato con certezza. All'inizio del XX secolo, il religioso-archeologo francese padre Louis-Hugues Vincent ha scoperto una grande distesa di antica pavimentazione immediatamente sotto il convento delle suore di Sion. Egli ha dichiarato che era il "lithostrotos" del Vangelo di Giovanni (la posizione della sentenza Pontius Pilate di Gesù). Archeologia ha dimostrato conclusivamente che la pavimentazione è stata associata all'arco e faceva parte del forum adrianea.
clip_image018
La pavimentazione del forum di Hadrian, pensa che sia stato il "lithostrotos" del Vangelo di Giovanni, Aelia Capitolina © Carole Raddato
Il sito del forum hanno avuto in precedenza una grande piscina all'aperto di acqua chiamato piscina Struthion. Fu costruito nei secolo A.C. accanto il Antonia Fortress, una caserma militare costruita intorno AC 19 da Erode il grande. La piscina di Erodiano era posa nel percorso del decumano nord, così Adriano aggiunto arco volteggio per abilitare il marciapiede da collocarsi sopra esso. Sotto la pavimentazione è una grande cisterna Cuboide che raccolte le acque piovane dalle grondaie sugli edifici Forum.
clip_image019
La pavimentazione del forum di Hadrian, pensa che sia stato il "lithostrotos" del Vangelo di Giovanni, Aelia Capitolina © Carole Raddato
Il tempio di Giove Capitolino sul Monte del tempio
Presso il sito di scavo nel muro occidentale di piazza, piccole strade gli archeologi hanno anche scoperto due che correva perpendicolarmente e condotto est dal cardo verso la parete occidentale del Monte del tempio. Questa scoperta potrebbe indicare che, durante l'inizio del II secolo D.C., la zona del Monte del tempio aveva qualcosa di importante in piedi nel luogo dove sorgeva il secondo tempio distrutto. Alcuni studiosi hanno proposto che c'era una volta un tempio – Giove Capitolino o alcune altre divinità romane o una combinazione di divinità – che è stato costruito presso il sito del secondo tempio dopo Jerusalem era stato trasformato in una città pagana. Oltre a Dio Cassius, altre fonti scritte sottinteso che tale era il caso, ma poco archeologiche mai era stati recuperati per confermare o sostenere questa affermazione fino a quando le scoperte di queste due piccole strade.
Nel 333 D.C., il "pellegrino di Bordeaux" ha detto che ha visto due statue dell'imperatore Adriano, nei pressi del Monte del tempio e che c'era un edificio sopra il luogo del tempio ebraico.
"Ci sono due statue di Adriano, e non lontano dalle statue c'è una pietra forata, a cui gli ebrei vengono ogni anno esso ungono, si lamentano con gemiti, stracciarsi le vesti e così partono".
– Il pellegrino di Bordeaux, itinerario 7a
Tuttavia è stato pensato che il pellegrino può hanno scambiato la statua di Antoninus Pius con quella dell'imperatore Adriano. Ciò può essere rivelato da un'iscrizione che oggi appare capovolta sulla parete sopra il doppio cancello situato sulla parete sud Monte Temple. Questa iscrizione, riutilizzata da più tardi islamici costruttori potrebbe avere inciso sul piedistallo della statua equestre di Antoninus Pius'.
clip_image020
Sottosopra l'iscrizione è da statua romana dell'imperatore Antoninus Pius che il pellegrino di Bordeaux registrato vedendo quando era sul Monte del tempio, nel 333 D.C., Aelia Capitolina © Carole Raddato
Mostrato rightside up, legge l'iscrizione:
clip_image021
Il inscripion Antoninus Pius mostrato rightside up © Carole Raddato
"A Titus Aelius Hadrianus
Pius Antoninus Augustus
Il padre della patria, pontifex, augure
Decretato dal Decurions"
clip_image022
Doppio cancello situato sul sud tempio Monte muro © Carole Raddato
Nel 398 D.C., commentario su San Girolamo Matthew accennato che una statua equestre dell'imperatore Hadrian era ancora in piedi direttamente sopra il luogo del Santo del Santi, poi consacrato a Giove Capitolino.
"Così quando vedete in piedi nel luogo santo l'abominio che causa la desolazione: o alla statua di Adriano montato, che sorge a questo giorno sul sito del Santo dei Santi."
– Girolamo, commentari su Isaia 2.8: Matthew 24.15
Pertanto è ragionevole supporre che c'era una statua equestre sul Monte del tempio. Queste statue furono probabilmente distrutti dai cristiani bizantini dopo 333 D.C., nel 614 D.C. gli ebrei o i musulmani nel 638 D.C.. Questo blocco riutilizzato (spolia) è l'unica parte delle due statue trovato finora.
Se esisteva già un tempio di Giove Capitolino sul Monte del tempio, è probabile che il nuovo recinto sacro aveva recinzioni simile a quello del tempio di Giove che Adriano costruito a Heliopolis (Baalbek). È una teoria avanzata da Tel Aviv architetto Tuvia Sagiv, che ha notato la somiglianza notevole nel disegno e la scala tra il complesso del tempio di Giove a Baalbek e la disposizione attuale degli edifici islamici sul Monte del tempio.
clip_image023
Tempio di Giove, Baalbek
Il modello standard per tali templi, come visto nell'immagine sopra, era una voce attraverso un propileo e un portico ottagonale, una piazza con un altare e il tempio vero e proprio. Sagiv sostiene che quando l'architettura del complesso tempio di Giove in Baalbek è sovrapposto sul Monte del tempio, corrisponde Al Aqsa Mosque e la cupola della roccia esattamente (vedere l'immagine sovrapposta qui).
Se Tuvia Sagiv è corretta, allora la cupola della roccia non è il luogo reale del tempio ebraico. Egli suggerisce che la cupola della roccia costruita sopra i resti del tempio costruito da Adriano (leggere di più qui).

Il tempio di Esculapio & Serapide

In scavi condotti nel 1964 vicino la Chiesa di Sant'Anna, gli archeologi scoprirono i resti del tempio di Asclepio, il Dio della guarigione – di Adriano e Serapis. Tra il 150 A.C. e il 70 D.C., un popolare centro di cura sviluppato sul sito della piscina di Bethesda, i serbatoi di acqua che riforniva di acqua a monte del tempio nel III secolo. Una cisterna d'acqua, bagni e grotte sono state organizzate per scopi medicinali o religiosi. Nel verso la metà dei secolo D.C., Herod Agrippa costruì un popolare centro di cura, l'asclepeion.
clip_image024
Scavi presso la piscina di Bethesda mostrando le rovine del tempio di Serapide, con una colonna da un precoce cristiano chiesa, Aelia Capitolina © Carole Raddato
Quando Adriano ricostruita Gerusalemme come Aelia Capitolina, ha ampliato l'asclepeion in un grande tempio di Esculapio e Serapis. Presso il sito del tempio compresa una piccola edicola con serpente – il simbolo di Esculapio – e orecchie di grano, una statuetta che rappresenta una donna che sta preparando per la balneazione, nonché una moneta romana coniata in Aelia Capitolina per capire il Dio Serapis sono state scoperte diverse offerte votive.
clip_image025
Antoninus Pius forma Aelia Capitolina, busto di CAP COAE drappeggiato 138-161 D.C. di Serapis giusto, indossando modius di menta
clip_image026
Marcus Aurelius, con Commodo. ANNUNCI 161-180. Busti di Marcus e Commodo, ogni busto laureato, drappeggiato e corazzata / drappeggiato di Serapis proprio, indossando modius di fronte.
In epoca bizantina, l'asclepeion fu convertito in una chiesa.
clip_image027
Rovine del tempio di Serapide, con una colonna da un cristiano in anticipo Chiesa © Carole Raddato

Il tempio di Afrodite

All'incrocio tra il Cardo Maximus con il decumano di Aelia, architetti di Hadrian disposto un vasto forum (che ora è la posizione del Muristan). Un recinto sacro fu costruito adiacente a questo forum nell'area ora occupata dalla chiesa del Santo Sepolcro, la presunta tomba di Gesù e Calvario stesso. Secondo Eusebio, Hadrian ha costruito un tempio dedicato alla dea romana Venere per seppellire la grotta in cui Gesù era stato sepolto.
clip_image028
La chiesa del Santo Sepolcro, il luogo dove Jorge Láscar ©
Le fonti forniscono notizie contrastanti, ma sembra che il Dio onorato del santuario pagano era divinità familiari di Hadrian Afrodite, una dea anche sacra alla Legione decima occupante: l'emblema sul suo standard Vexillum era il Toro, il segno zodiacale per aprile, il tempo dell'anno, quando fu fondata la leggenda e buon auspicio ad Afrodite. Il tempio adrianeo fu completamente distrutta per l'imperatore Costantino il grande 180 anni dopo. Egli ordinò che il tempio sia sostituita da una chiesa.
Il tempio adrianeo era circondato da un temenos (una zona santificata, segnata da un muro protettivo) con un ingresso principale sul Cardo Maximus. Nel 1970, nella cappella di San Vartan profondo sotto la chiesa del Santo Sepolcro, gli archeologhi hanno scoperto parte del livello del suolo originale e le mura protettive del recinto del tempio di Adriano (vedi immagine qui). Uno di questi muri ha una pietra incisa con una nave mercantile e l'iscrizione "DOMINE IVIMVS" che significa "Signore, noi torneremo" (vedi immagine qui). Si stima che questa pietra risale prima del completamento della chiesa bizantina. Sembra indicare che il sito della Chiesa del Santo Sepolcro era considerato il Golgota autentico anche quando un tempio pagano stava lì.

Monete coniate in Aelia Capitolina

Città monete furono emesse dal tempo dell'imperatore Adriano a quella di Valeriano (260), ma sono particolarmente abbondanti dai tempi di Antoninus Pius, Marcus Aurelius, Eleagabalus e Decio. I tipi di moneta di 206 raffigurano i molti dèi adorati in Aelia Capitolina: Serapis, Tyche, Dioniso, i Dioscuri, Roma, Ares, nemesi sono tutti si trovano oltre la triade capitolina.
clip_image029
Antonino Pio. ANNUNCIO 138-161. Laureato, drappeggiato e corazzate busto a destra / in piedi i Dioscuri di fronte, ciascuno in possesso di lancia.
Aelia era una tranquilla città di provincia, ma grandi eventi tali imperiale visita di Septimius Severus in 201 inoltre hanno avvenuto. Esso è stato commemorato da un'iscrizione scoperta vicino al muro occidentale. In questa occasione la Colonia ha ricevuto il titolo onorario di "Commodiana Pia Felix", che appare per la prima volta sulle monete di Geta.
clip_image030

Prova epigrafica

Recentemente, due settimane fa, mercoledì 22 ottobre (il giorno che sono arrivato a Gerusalemme), un raro trovare di significato storico è stato svelato e visualizzare al pubblico tramite la Israel Antiquities Authority: grande lastra di calcare incisa con un funzionario iscrizione latina dedicato Adriano.
clip_image031
Foto dell'iscrizione latina insieme contro il Museo Rockefeller, sede dell'autorità di antichità di Israele in Gerusalemme © Carole Raddato
Il frammentato pietra, circa un metro di larghezza, con testo latino inscritto in sei linee, potrebbe essere stato parte di un arco monumentale dedicato visitare Hadrian in 130 in onore del suo imperiale. I ricercatori ritengono questa è tra le più importanti iscrizioni latine mai scoperte a Gerusalemme e potrebbe gettare luce sulla timeline della ricostruzione di Gerusalemme.
clip_image032
Iscrizione latina dedicato Adriano trovato a Gerusalemme, è stato incorporato in uso secondario attorno all'apertura di una cisterna profonda © Carole Raddato
La loro analisi ha rivelato che questa iscrizione è la metà giusta di un'iscrizione scoperta nelle vicinanze nel tardo XIX secolo dall'archeologo francese Charles Clermont-Ganneau. Le due lastre sono attualmente esposte nel cortile del Museo di Studium Biblicum Franciscanum.
clip_image033
Due frammenti di un'iscrizione imperiale in latino da Aelia Capitolina dedicato a Adriano, esposti nel cortile del Museo di Studium Biblicum Franciscanum, Jerusalem © Carole Raddato
Mettendo insieme le lastre, l'iscrizione completa recita:
"A Hadrianus Augustus Imperator Caesar Traiani, figlio del deificato Traianus Parthicus, nipote del Nerva divinizzato, sommo sacerdote, investito con il potere tribunizio per la quattordicesima volta, console per la terza volta, padre della patria [dedicato] la decima legione Fretensis (seconda mano) Antoniniana"
La nuova parte dell'iscrizione fornisce la conferma che la decima legione era a Gerusalemme durante il periodo tra le due rivolte, la distruzione del secondo tempio nel 70 D.C. e la rivolta di Bar Kokhba.
clip_image034
Tegola frammento con un timbro della decima legione, "LG X F." e il suo simbolo, un cinghiale e una corazzata, trovato a Gerusalemme, i-II secolo D.C., Israel Museum © Carole Raddato
L'iscrizione può anche aiutare i ricercatori a capire i fattori storici che hanno portato alla rivolta di Bar Kokhba. Ha fatto la costruzione di Aelia Capitolina e la costruzione di un tempio pagano sul sito del tempio ebraico Monte portano alla rivolta? O ha fatto questi due eventi furono misure putativi che Hadrian ha preso contro Gerusalemme nel guaime della sommossa?
Durante il Regno di Costantino il grande, nel quarto secolo D.C., Jerusalem divenne un'importante città cristiana. La chiesa del Santo Sepolcro fu costruita sul sito del tempio di Afrodite e la Basilica di Santa Sion a sud della collina occidentale.
Due un secolo e mezzo più tardi, Giustiniano costruita l'imponente chiesa di Nea ed estendeva il Cardo romano ulteriormente a sud. Il Monte del tempio è stato lasciato in rovina.
clip_image035
Ricostruzione di disegno di Aelia Capitolina – disegno archeologico Ritmeyer

Fonti:

    • L'archeologia della Terra Santa: dalla distruzione del tempio di Salomone di Jodi Magness (Cambridge University Press, 2012)
    • Chiavi a Gerusalemme: raccolte di saggi di Jerome Murphy-o ' Connor (Oxford Univ Pr. 2012)
    • La Fondazione di Aelia Capitolina, alla luce dei nuovi scavi lungo il Cardo orientale di Degu Wekshler-Bdolah, Israel Antiquities Authority (2014 Israel Exploration Society)
    • La posizione del Tempio tempio montare basata sull'Acquedotto e rock livelli al Monte Moriah a Gerusalemme da Tuvia Sagiv (2008) (lettura on-line)
    • Un Rare 2.000 anno vecchio Commemorative iscrizione dedicata all'imperatore Hadrian è stato scoperto a Gerusalemme (ottobre 2014) pubblicata da l'Israel Antiquities Authority
    • La monetazione di Aelia Capitolina, mitologia antica numismatica
    • Ricerche archeologiche in Palestina durante gli anni 1873-1874 da Charles Clermont-Ganneau vol. 1 (1896 pubblicato dal comitato di il Palestine Exploration Fund di Londra) (leggere online)
clip_image036
Qui io sto davanti l'iscrizione latina dedicato Adriano reveiled in Gerusalemme su lunedì 20 ottobre 2014 © Carole Raddato

Fonte: Seguendo Adriano

Tradotto dal sito web: Ancient History Encyclopedia sotto Licenza Creative Commons.