Passa ai contenuti principali

Definizione e significato di L'arte | Concetto e Che cos'è L'arte

L'arte è l'uso di abilità e fantasia, per creare oggetti, esperienze, melodie o ambienti al fine di raggiungere il piacere estetico nell'osservatore. Tradizionalmente si dice che arte nutre l'anima, e chi fa questa affermazione non sbaglia. Per vedere un'opera d'arte, uno si sente toccato da esso e si può ritenere che egli sta trasportando per altri luoghi e tempi, reale o immaginari; arte provoca stupore. Si dice che la capacità di distinguere il bello dal brutto è un'innata capacità umana, ma la verità è che cambiano i valori estetici della cultura nella cultura, e alcuni pensatori hanno fatto riferimento alla definizione di arte come uno dei più grandi problemi della filosofia; la stessa arte e la loro percezione sarà sempre soggettiva.
Dall'età classica e prima, l'arte viene praticando nelle sue varie forme ed espressioni. Già i primi esseri umani con intelligenza, ha disegnato il Caverns sua interpretazione della realtà sia esternamente (come presentato per i sensi) come interno (loro percezione soggettive della realtà, utilizzando i simboli e le rappresentazioni astratte); anche le moderne ricerche pretesa che l'origine dell'arte è entopico, cioè derivata dall'esperienza interna o soggettiva degli sciamani del tempo che ha capovolto graficamente percezioni. Da quegli inizi ad oggi, l'arte è riflettere chi siamo e quello che stiamo vivendo.
All'inizio della storia dell'arte, cioè dai conteggi pubblicato su dove si trova questo concetto, si conviene di arte a una certa abilità, solitamente manuale o musica, ben sviluppato in una persona. Il concetto poi si è evoluta notevolmente nel periodo romantico, dove viene data una "metafisica" qualità all'attività artistica e pertanto è complicato dalla sua definizione, lasciandola nelle mani di filosofia, religione e scienza. Un buon ragionevolmente bilanciato contemporanea definizione in termini storici circa il concetto, potrebbe essere che un prodotto dell'attività umana in grado di stimolare i sensi e la mente, emozioni e idee. Comunque l'argomento è altamente soggettivo e dà infinite conclusioni.
Ogni epoca della storia, per lo stesso motivo, coltivata un tipo di arte. I classici, era severo con forme umane. L'uomo era al centro. Quindi noi stavamo sviluppando romana, bizantina, rinascimentale, barocco, realismo, surrealismo, ecc. Ci sono molti stili d'arte che sono stati sviluppati, ma ognuno di loro, ha stupito e toccato ai suoi contemporanei, proprio perché l'arte da un punto di vista ha un duplice valore: da un lato rappresenta e identifica uno stato temporaneo o specifico della società e persone che vivono accanto l'arte ha un valore universale salvataggio immutabile natura umanaloro sogni, speranze, gioie e dolori.
Con il passare dei secoli, il concetto di arte è stato il debug. Soprattutto la visione che fu, in termini della sua esposizione al valore commerciale che potrebbe essere sfruttato e già alla fine del XVII secolo, cominciò a concettualizzare l'idea di esporre le massicce opere d'arte, con un obiettivo da diporto e, allo stesso tempo, commerciale. Allo stesso tempo, emersero le prime scuole sovraffollate e gravi così che le parti interessate e, soprattutto, dotato, potrebbe imparare le tecniche necessarie per diventare veri maestri del loro mestiere.
Tra le discipline attualmente considerate arte, sono: architettura, artigianato, danza, decorazione, disegno, disegno, pittura, moda, cinema, letteratura, musica (con tutti i suoi generi e le espressioni), fotografia, poesia, scultura e teatro. La classificazione di tutte le modalità di questa attività umana ai nostri giorni è una questione di dibattito costante, ma ci potrebbero essere meno per un soggetto come accattivante e sfuggente come l'arte.
Traduzido per scopi educativi
Significati, definizioni, concetti di uso quotidiano

I messaggi più visti

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale

Tutte le favole di Esopo con lezioni e morale - 393 favole Autore: Esopo


INDICE DI TUTTE LE FAVOLE:
01. Aquila, Raven e il pastore.
02. L'Aquila, la lepre e lo scarabeo.
03. taglio ala dell'Aquila e la volpe.
04. L'Aquila e la volpe.
05. L'Aquila e la freccia.
06. L'Aquila e i Galli.
07. le volpi sulle rive del fiume Meandro.
08. la volpe che è stata riempita il suo grembo.
09. la volpe e il biancospino
10. la volpe e il taglialegna.
11. la volpe e il serpente.
12. la volpe e i grappoli di uva.
13. la volpe e il coccodrillo.
14. la volpe e la Pantera.
15. la volpe e la scimmia incoronato re
16. la volpe e il cane.
17. la volpe e la scimmia discusso circa la sua nobiltà.
18. la volpe e il caprone nel pozzo.
19. la volpe con la coda tagliata.
20. la volpe che non aveva mai visto un leone.
21. la volpe e la maschera vuota.
22. la volpe e il labrador maschio.
23. la volpe e il granchio di mare.
24. la volpe e il corvo affamato.
25. la volpe e il corvo grida.
26. le vol…

10 più famosi templi greci

La più importante e diffusa costruzione tipo nell'antica Grecia era il tempio. I primi templi di pietra è apparso qualche volta durante l'inizio del VI secolo A.C. e cominciarono ad apparire in gran numero nel prossimo secolo. Lo scopo di un tempio greco era solito per ospitare una statua di culto o emblema. Religione non ha bisogno di persone raccogliere all'interno del tempio al culto, e loro templi furono principalmente monumenti agli dèi. La caratteristica più riconoscibile del tempio greco sono le colonne massicce. I greci usati tre tipi di colonne: il dorico, ionico e corinzio ordine.
Una panoramica dei più famosi templi greci trovati intorno al Mediterraneo.
10. tempio di Olympian Zeus
Flickr /caribb
Anche se solo alcune colonne rimangono del tempio di Zeus di Olimpia ad Atene non ci vuole molta immaginazione per capire che questo era un gigantesco tempio. La costruzione iniziò nel VI secolo A.C. durante il dominio dei tiranni ateniesi, che prevedeva la…

Chi erano gli Unni | Origine e storia.

Definizione: Chi eranogli Unni di Joshua J. Mark

Gli Unni erano una tribù nomade di cui l'origine è sconosciuta, ma, molto probabilmente, sono venuti da "da qualche parte tra il bordo orientale dei monti Altai" e il Mar Caspio, all'incirca moderno Kazakhstan (Kelly, 45). In primo luogo sono menzionati nelle fonti romane dallo storico Tacito nel 91 D.C. come vivente nella regione intorno al Mar Caspio e, in questo momento, non vengono citati come più di una minaccia a Roma rispetto a qualsiasi altra tribù barbariche. Nel tempo, questo avrebbe cambiato come Unni divennero uno dei principali contributori alla caduta dell'Impero romano, come loro invasioni delle regioni dell'Impero, che erano particolarmente brutale, incoraggiarono quello che è conosciuto come la grande migrazione (noto anche come il "vagare delle Nazioni) tra circa 376-476 CE. Questa migrazione di popoli, come l'Alani, Goti e Vandali, interrotto lo status quo della societ…